Home
Un Sogno Italiano martedì, 22 novembre 2016 ultimo aggiornamento

Menu principale

Home

Presentazione del Direttore

Il Taccuino del Direttore

Archivio articoli pubblicati

Download

Image Gallery

Scrivi   in Redazione

 

 

SITI DI INTERESSE

 

 

Segnala ad un amico  

 

UnSognoItaliano.it

Il giornale degli italiani liberi

 

 


Non è la libertà che manca,
mancano gli uomini liberi

(Leo Longanesi, 1956)

 

I ladri di beni privati

passano la vita in carcere

e in catene, quelli di beni pubblici

nelle ricchezze e negli onori

(Marco Porcio Catone)

 

Un nuovo libro di Domenico Fisichella

Il modello USA per l’unità d’Europa?

di Domenico Giglio

 

Domenico Fisichella, dopo il fondamentale trittico dedicato al Risorgimento ed al Regno d’Italia, costituito da “Il Miracolo del Risorgimento”, “Dal Risorgimento al fascismo” e “Dittatura e Monarchia” (editi rispettivamente nel 2010, 2012 e 2014 da Carocci Editore), che costituiscono la più recente, documentata, completa analisi della storia d’Italia dal 1800 al 1946, è tornato, sempre nel campo storico, al quadro più generale delle realtà europee e mondiali ed ai temi a Lui cari della Dottrina dello Stato e Scienza della Politica di cui è stato per lunghi anni docente.

Il nuovo libro, testè uscito, facente parte della “Biblioteca di Storia e Politica” dal titolo “Il modello USA per l’unità di Europa?” (edizione “Pagine s.r.l.” del 2016 – euro 18,00), tratta appunto questo problema) che come precisato dal Fisichella, non vuole essere una storia degli Stati Uniti d’America, anche se logicamente ha dovuto precisare alcune tappe fondamentali della nascita e dello sviluppo di questa Unione, partendo dalla riunione del 1774, a Filadelfia, delle tredici originarie colonie, che nel 1776, con la “Dichiarazione d’Indipendenza”, si costituiranno appunto in Unione e da Colonie in Stati. E necessariamente ricorrono i nomi di Washington, Hamiltonn, Madison e poi Monroe, con la sua dottrina e le tappe, anche sanguinose e dolorose, della guerra civile, detta “Guerra di Secessione “, dopo la quale ritrovata l’unità e la preminenza dello stato nazionale, nascerà, come scrive Fisichella, “La Grande Potenza”, i cui sviluppi “imperiali”, ben conosciamo e che portarono nel 1917 i primi soldati americani in Europa, in appoggio e sostegno delle truppe franco-inglesi, impegnate nel mortale duello con l’Impero Germanico.

Quanta differenza con gli stati europei di cui ricorda, per sommi capi, le linee di sviluppo, i dibattiti teorici e le implicazioni politiche, con le lotte per l’egemonia, soffermandosi sulla nascita di nuovi stati, con belle pagine dedicate all’unità dell’Italia, costituitasi in Regno, e poi ancora gli sviluppi della attuale Unione europea, anche soffermandosi sul “Manifesto di Ventotene”. Importanti infine le considerazioni, svolte anche in precedenza da Fisichella, sui dati numerici della popolazione europea, che nel giro di un secolo, dal 1900 ad oggi, l’ha vista scendere dal 25% della popolazione mondiale, a molto meno del 10%, con tendenza inarrestabile alla ulteriore diminuzione, a vantaggio dell’Africa, ancora più che dell’Asia, dove già esistono l’India e la Cina, superiori al miliardo di abitanti! Dati impressionanti che dovrebbero far riflettere gli sprovveduti che rilanciano i nazionalismi europei o auspicano, in vari casi la disintegrazione degli stati nazionali, a favore di più piccole patrie.

Testo perciò da leggere e meditare, invece di romanzi e di saghe fuori del tempo e della storia.

22 novembre 2016

 

 

 

L’Europa dall’Atlantico agli Urali

di Domenico Giglio

 

Questa frase di De Gaulle va oggi ricordata, perché le incomprensioni tra l’Unione Europea e gli USA di Obama e la Russia di Putin hanno raggiunto un livello pericoloso. Con questa affermazione fatta da un uomo, profondamente legato alla sua patria, la Francia, si voleva ricordare che la Russia, oggi non più URSS, faceva storicamente e geograficamente parte dell’Europa. De Gaulle, come tutti gli ufficiali usciti dalle grandi accademie militari, non aveva solo una vasta cultura militare, con una moderna visione della guerra, che non avevano i grandi generali francesi, e lo si vide nel 1940, ma anche una altrettanto vasta cultura storica, come del resto avveniva per chi, nel Regno d’Italia, usciva dalle regie accademie di Torino e di Modena. A tale proposito, a titolo indicativo, ho anche un ricordo familiare, in quanto mio Nonno, entrato all’Accademia di Modena nel lontano 1875, studiò la storia d’Europa su un importante testo del Senatore del Regno, professore di storia nella Università di Torino, Ercole Ricotti (volume di 736 pagine, che fa parte della biblioteca di famiglia), che nulla taceva su quanto avvenuto in Europa dal 476 d.C. al 1861, ed anche la storia mondiale su di un altro testo (volume di 634 pagine ), opera di un brillante ufficiale di Stato Maggiore, Tancredi Fogliani, testo specifico per la Scuola Militare.

Quindi la Russia, nella visione di De Gaulle, faceva parte dell’ Europa, ed in effetti questa appartenenza risale almeno a Pietro il Grande, che da giovane, aveva girato per l’Europa per studiarne costumi ed istituzioni e per conoscere le conquiste di carattere tecnico, e ad ingegneri ed artisti europei, specie italiani, affidò l’incarico di progettare e costruire la nuova grande capitale che da lui prese nome . E così i russi combatterono contro la Svezia, di Carlo XII, famoso generale, per fermarne l’espansione, e poi contro Napoleone, determinando l’inizio delle sue sconfitte, e dopo la sua caduta, presero parte quasi da protagonisti nel Congresso di Vienna, del 1814 e nella costituzione della “Santa Alleanza”.

In nome di questa, truppe russe, intervennero in, Ungheria, nel 1849, ribellatasi all’Impero Asburgico, per riconsegnarla a Francesco Giuseppe, e poi le guerre contro l’Impero Ottomano, che portarono alla nascita di Romania e Bulgaria, malgrado l’intermezzo della guerra di Crimea, e poi ancora l’intesa dei “tre imperatori”, con l’Impero Germanico ed Austro-Ungarico. Venne poi l’alleanza con la Francia e l’intervento nel 1914 a favore della piccola Serbia, slava ed ortodossa, stupidamente aggredita dall’Austria, e l’inizio della prima Guerra Mondiale.

In sostanza fino al 1917, la Russia Imperiale fece parte del “concerto” delle potenze europee, dove pure era entrato, non dimentichiamolo, anche il giovane Regno d’Italia. La frattura avvenne con la rivoluzione bolscevica, e con la nuova URSS, che voleva espandere l’idea comunista nel mondo per cui solo lo sciagurato attacco di Hitler, nel 1941, dopo l’effimero accordo Ribbentrop- Molotov, creò nuovamente una alleanza con la Gran Bretagna e gli USA, che consentirono all’Unione Sovietica di insediarsi nel mezzo dell’Europa con i suoi stati satelliti, fino alla caduta del “muro”, all’avvento di Gorbaciov e poi di Eltsin.

Che oggi la Russia, restituite alla indipendenza, magari malvolentieri, i tre piccoli stati baltici, Estonia, Lettonia e Lituania, e la grande Ucraina, non sia una democrazia perfetta, ma quale è anche negli altri paesi perfetta, è abbastanza noto, ma il compito storico dell’Europa è di riportarla nel “concerto”, sia per il numero degli abitanti, sia per le sue potenzialità economiche (non dimentichiamo la Siberia), sia, infine, per essere un paese ancora abbastanza cristiano, anche se ortodosso, rispetto ad una Europa Occidentale, piuttosto scristianizzata, malgrado le sue indiscusse origini cristiane, e l’attività ecumenica e quasi missionaria dei più recenti Pontefici.

19 novembre 2016

 

 

 

Errori e pregiudizi di stampa e televisione alle prese con la campagna elettorale Clinton - Trump

di Salvatore Sfrecola

 

I giornali e le televisioni di casa nostra hanno dimostrato ancora una volta, nelle previsioni del voto riguardanti la campagna elettorale americana e nei commenti sui programmi dei due candidati, di essere guidati dall’ideologia alla quale si ispirano come uomini di cultura, avendo spesso dimenticato una regola fondamentale dell’informazione, quella di distinguere i fatti dalle opinioni. È accaduto più volte in passato. Clamoroso il caso dell’immagine che giornali e televisioni davano in Italia del personaggio Ronald Reagan, candidato alla presidenza degli Stati Uniti, presentato come un attore di Hollywood di quarta fila, specializzato in polpettoni western, trascurando il fatto che lo stesso era stato, per due mandati, governatore dello Stato della California, uno dei più importanti di quel grande paese.

Confondendo la realtà con i loro desideri quei giornalisti persero un’occasione per dare una informazione corretta, liberi ovviamente di criticare la linea politica prospettata nella campagna elettorale, allora da Reagan, nei mesi scorsi da Trump. Invece hanno dato corpo alle aspettative della parte politica alla quale aderiscono o della linea dettata dal proprietario della testata.

Per la verità anche i sondaggisti hanno sbagliato, un po’ perché è obiettivamente difficile individuare in una fase nella quale le intenzioni di voto non sono sempre esattamente delineate, l’andamento del corpo elettorale, soprattutto in una realtà variegata come quella degli Stati Uniti d’America dove da stato a stato cambia profondamente la realtà sociale ed economica, il substrato antropologico condizionato dalla storia, dalle esperienze maturate nel lavoro, nel rapporto con le istituzioni, in particolare con il fisco. Così basandosi su campioni evidentemente non rappresentativi dell’universo da indagare, i sondaggi hanno dimostrato i loro limiti forse anche condizionati dagli interessi delle lobbyes contrapposte che pure erano evidenti nella campagna elettorale.

Ricordo che qualche settimana fa, trovandomi a parlare con un amico che conosce gli Stati Uniti ed ha molte amicizie in quel paese mi sentii dire, ad alcune mie osservazioni riguardanti l’andamento del confronto elettorale, che per avere una migliore rappresentazione della situazione effettiva avrei dovuto soffermarmi su alcune trasmissioni televisive di canali di Sky, da lui ritenuti più obiettivi. E in effetti, seguendo interviste televisive, rilevazioni degli umori dell’elettorato ed i commenti di vri opinionisti mi sono fatto presto la convinzione che questo maggiore appeal della Clinton, sulla quale in parte concordavo avendo assistito ad alcuni confronti dei due candidati che avevano mostrato un Trump troppo condizionato dalla impostazione polemica della Clinton, avrebbe portato la candidata democratica al successo.

Evidentemente, però, sfuggiva a me, e questo è poco importante, quello che, invece, colposamente è stato trascurato dai media, che il disagio sociale di larghi strati della popolazione è stato bene interpretato e capito dal candidato repubblicano il quale se ne è fatto portavoce con successo. Ed evidentemente la gente ha capito che quella presa di posizione, in un contesto più ampio di una proposta elettorale, era affidabile e meritevole di essere condivisa.

D’altra parte queste errate valutazioni degli orientamenti del corpo elettorale sono anche un’esperienza italiana, non solo dei giornalisti, ma anche dei politici, dacché si sentono spesso in televisione ripetere, da parte di esponenti del Partito Democratico, riferimenti al risultato delle elezioni europee che hanno dato a quella parte politica oltre il 40% dei voti, ritenuto realmente un indice dell’apprezzamento stabile degli italiani nei confronti della linea politica di Renzi, senza considerare che nelle elezioni europee gli italiani si sentono più liberi perché ritengono, sbagliando, che, tutto sommato, le scelte che si fanno in quella sede sono poco rilevanti per gli interessi della gente. E comunque che ha avuto il suo peso la probabile aspettativa del nuovo di fronte ad un leader appena insediatosi a Palazzo Chigi, tra l’altro presentatosi con una cospicua erogazione di denaro, gli € 80 erogati alla vigilia ad una ampia categoria di cittadini. Tutto questo ha prodotto quel risultato che non è stato possibile reiterare in occasione delle elezioni amministrative dove tradizionalmente il cittadino è più attento alle scelte che è chiamato a fare, perché consapevole degli effetti che personalmente si attende dagli amministratori locali nelle grandi come, soprattutto, nelle medie e piccole realtà che caratterizzano il tessuto urbano del nostro Paese.

Appare dunque evidente che sondaggisti ed opinionisti si trovano e ancor più si troveranno nei prossimi giorni in difficoltà per interpretare gli orientamenti dell’elettorato sia sulla riforma costituzionale che sul governo perché è inevitabile che nel segnare un SI o NO sulla scheda referendaria gli italiani giudicheranno se gli slogan che il Presidente del consiglio e il suo ministro delle riforme diffondono a piene mani ci prospettano effettivamente risparmi e semplificazione, avendo presente quel che il governo ha fatto in questi due anni e mezzo di vita e quello che sta facendo in vista dell’approvazione parlamentare della legge di bilancio. Quindi un giudizio complessivo sul governo e sulla persona del Presidente del consiglio che, sbagliando, con arroganza, si è intestato una riforma costituzionale che tradizionalmente è materia del Parlamento. Quindi anche la marcia indietro rispetto alla iniziale impostazione della riforma costituzionale come scelta pro o contro il presidente che, in caso di sconfitta, aveva preannunciato non solo l’abbandono del governo ma della politica, non servirà a modificare gli orientamenti del corpo elettorale in vista della data fatidica del 4 dicembre. E non è da escludere che l’esito delle elezioni americane, che hanno sovvertito i falsi pronostici portando al vertice degli Stati Uniti il miliardario eccentrico Donald Trump, che ha saputo interpretare meglio le esigenze della gente, possa guidare le scelte degli italiani che, come gli abitanti di oltre oceano, sentono forte il peso di una burocrazia oppressiva, di un fisco ingiusto che non favorisce i consumi e lo sviluppo del Paese, di una sanità che varia da regione a regione. Da ultimo mostrare a Bruxelles più i minuscoli che le ragioni della nostra economia non porta lontano, soprattutto perché nell’Unione europea come in Italia molti ricordano che il presidente Renzi, nel semestre nel quale ha esercitato le funzioni di presidente del Consiglio dei Ministri europeo è passato assolutamente inosservato per mancanza di idee e di capacità di attuare un dialogo costruttivo con gli altri partner europei.

12 novembre 2016

 

 

 

Riflessioni a margine delle elezioni USA

Nelle monarchie regine ed imperatrici

di Domenico Giglio

 

Le difficoltà incontrate dalla Clinton per l’elezione, poi mancata, a Presidente degli USA, invitano, ad una riflessione sui due grandi sistemi istituzionali esistenti, monarchico e repubblicano, e sul ruolo delle donne negli stessi particolarmente dove le monarchie erano più diffuse e cioè in Europa e nei paesi intorno al Mediterraneo a dimostrazione che le frasi stantie e pur diffuse sul progressismo delle repubbliche, sono semplicemente frasi atte a colpire gli uditori, senza valore storico.

Tralasciamo le regine mitiche, la cartaginese Didone e l’assira Semiramide, e passiamo alle già storiche Sofonisba, numida, Cleopatra, regina d’ Egitto e Zenobia, regina di Palmira, per poi andare alla bizantina imperatrice Teodora ed alla longobarda Teodolinda, tutte figure particolarmente importanti nella storia dei loro paesi e non semplici comparse.

Passiamo ad epoche più vicine troviamo la grande Elisabetta, regina d’Inghilterra, che ha dato il nome ad un’epoca “elisabettiana”, la contemporanea sfortunata Maria Stuarda, e sempre in Inghilterra, Anna Stuart, determinante nell’atto di unione con la Scozia del 1707, due regine di Francia, di origine italiana, Caterina e Maria dei Medici, anch’esse dotate di forte personalità e protagoniste della vita politiche del Regno, per poi andare in Russia dalle due imperatrici Caterina, la seconda detta “la Grande”, fra le quali si inserisce l’imperatrice Anna Ivanovna, tutte tese ad un’opera riformatrice dell’impero, come in Austria si adoperava Maria Teresa, con esiti che hanno contrassegnato e contraddistinto la successiva vita dell’impero austriaco. Arriviamo all’ottocento e sempre in Inghilterra, oramai Regno Unito, abbiamo Vittoria, anche imperatrice delle Indie, da cui l’epoca “vittoriana”, vera e propria “nonna d’Europa”, i cui nipoti sparsi in tutto il continente, non sono stati purtroppo alla sua altezza.

Dobbiamo aggiungere altro ? Le tre regine d’ Olanda, succedute l’una all’altra, per 123 anni, Guglielmina, Giuliana, Beatrice, ed alla attuale Elisabetta II, la cui durata del regno, non conosce limiti, e la regina di Danimarca, Margherita II, mentre la Svezia dopo la famosa regina Cristina, figlia di Gustavo Adolfo, donna colta e sovrana illuminata, convertitasi al cattolicesimo e venuta a stabilirsi a Roma, avrà nuovamente una regina dopo l’attuale sovrano, di cui è figlia. Questo in paesi sulla cui importanza nella storia d’Europa non credo ci sia bisogno di soffermarci, ma anche dove vigeva la “legge salica”, le regine pur non avendo responsabilità dirette di governo hanno contrassegnato la loro epoca, come è stato con Margherita di Savoia, prima regina del giovane Regno, “icona dell’Italia Unita”, splendida definizione dello storico Galasso.

11 novembre 2016

 

 

 

Quando negli USA una donna Presidente ?

di Domenico Giglio

 

Sembrava non esserci in queste elezioni dell’8 novembre 2016, occasione migliore perché una donna, la Hyllary Rhodam in Clinton, raggiungesse la Casa Bianca, dopo un cattolico, Kennedy, nel 1960 e un afro-americano, Obama, nel 2008. L’imponente schieramento a suo favore di tutta la stampa, degli “opinion leader”, di importanti reti televisive ed infine la strana figura del suo competitore, esponente di un grande e storico partito, il GOP, che, incredibile a dirsi, non si riconosceva in parte proprio nel suo candidato davano l’esito della partita più facile del previsto per la candidata democratica. Il tocco finale lo avevano dato le previsioni degli istituti specializzati ed a proposito di queste indagini, quando in una elezione vi è un partito od un candidato “demonizzato”, come nel caso Trump, non considerano che diversi intervistati non osano dichiararsi a favore di questi “indesiderabili” e preferiscono o l’astensione (ancora non ho deciso) o addirittura dichiarano di votare per i loro avversari. Così abbiamo avuto la sorpresa della sconfitta della Hillary ed a questo punto ci si pone la domanda iniziale: quando negli USA una donna presidente ?

L’attuale candidata sconfitta, tra quattro anni, avrà ancora i mezzi materiali ingentissimi di cui disponeva oggi e soprattutto le condizioni fisiche, di cui già adesso, vi erano stati segnali non favorevoli? Allora la candidata più probabile non potrà essere l’attuale consorte del presidente uscente, la Michelle Obama? Non dimentichiamo l’impegno messo dalla stessa, quest’anno, a favore della Clinton. Fossero le prove generali, l’apprendistato, l’allenamento per una propria futura candidatura? Se effettivamente lo fosse, il problema dei mezzi finanziari di cui la Clinton era dotata, potrebbe essere uno svantaggio iniziale, ma i mezzi finanziari si troverebbero, come già si trovarono per il marito nel 2008 e nel 2012 per cui in un partito democratico disastrato nel parlamento, minoritario nei Governatori degli Stati che costituiscono l’Unione, fermatasi la dinastia Bush, naufragata la dinastia Clinton non potrebbe iniziare una dinastia Obama? L’ età, della Michelle, anche tra quattro o più anni, sarà sempre inferiore a quella che oggi aveva la Clinton e questa possibile candidatura potrebbe rivelarsi l’ancora di salvezza.

Manzonianamente “ ..ai posteri l’ardua sentenza….”

10 novembre 2016

 

 

 

OBAMA : un finale poco dignitoso

di Domenico Giglio

 

Essersi sbracciato, in maniche di camicia, per appoggiare, lui Presidente degli Stati Uniti, una candidata alle elezioni presidenziali, sia pure del suo partito democratico, non ha giovato alla stessa candidata battuta dal candidato repubblicano, sia pure un po’ anomalo rispetto alle tradizioni del suo partito. La popolarità ed il giudizio favorevole su Obama, per il 50% degli americani, come dicono le rilevazioni statistiche, sulle quali dopo il clamoroso errore nelle previsioni per queste elezioni presidenziali, dovremmo avere notevoli riserve, non hanno minimamente influito anche sulle elezioni per il Congresso ed il Senato che rimangono a maggioranza repubblicana, per cui si è trattato di un fattore personale e familiare non trasmissibile al partito democratico di cui era espressione. Quello che però va rilevato da noi europei, dove ancora esistono le monarchie, o dove il loro ricordo è ancora vivo, è l’atteggiamento di un Capo dello Stato, quindi rappresentante di tutti i cittadini di quello stato, quali fossero le loro opinioni, che si schiera senza alcuno scrupolo costituzionale a favore di un candidato,, senza pensare che, anche quando fu eletto, la maggioranza avuta nel voto popolare era stata esigua, e che, all’indomani della elezione, aveva solennemente dichiarato che sarebbe stato il presidente di tutti.

Con questo atteggiamento invece parziale e fazioso, spesso con termini ed espressioni da comiziante, Obama, è venuto meno alla sua solenne promessa, scendendo nella considerazione di quanti ancora credono in valori di equanimità di un Capo dello Stato, al di sopra delle parti.

10 novembre 2016

 

 

 

4 novembre l’eclissi dell’identità nazionale

di Salvatore Sfrecola

 

Ho appena finito di leggere i giornali, non tutti ovviamente, ma quelli ai quali mi riferisco quotidianamente per conoscere le vicende della politica, dell’economia e della finanza e per ritrovare riflessioni sulla cultura, dalla storia alla letteratura, al cinema, al teatro. Su nessuno ho trovato riferimenti al 4 novembre 1918, data della conclusione delle operazioni militari della prima guerra mondiale. Ho letto, invece, molto dell’alluvione di Firenze di cinquant’anni fa. Un evento drammatico della storia civile che ricordo benissimo.

Quel giorno avevo programmato una visita a Firenze per incontrare degli amici. Mi stavo preparando tenendo, come di consueto, la radiolina sintonizzata sul giornale radio. Alle 6 le prime, drammatiche notizie. Ricordo ancora una frase: il Generale Centofanti, Comandante della Piazza di Firenze, ha disposto l’impiego dell’esercito per far fronte ai gravi problemi della Città allagata. Successivamente avrei partecipato, insieme ad altri studenti universitari, al recupero dei libri e dei fascicoli dell’archivio criminale di Firenze lavorando nella sede dell’Archivio centrale dello Stato all’Eur per contribuire ad asciugarli inserendo fra una pagina e l’altra fogli di carta vergatina in vista del successivo inoltro all’essiccatoio dove queste opere venivano trattate. Fu un’esperienza molto bella, e conservo ancora con orgoglio l’attestato, un impegno civile di giovani e meno giovani che dedicavano del tempo per questa opera di salvezza di beni del patrimonio storico il librario di Firenze ed Italia.

Il ricordo dell’alluvione è doveroso e fa onore ai giornali che gli ha dedicato pagine e pagine. Ma quel che ho notato è che l’occasione e la contestuale ricorrenza della data nella quale possiamo dire l’Italia si è effettivamente unita nei confini naturali che Dio le ha dato avrebbe dovuto suggerire un collegamento fra i due avvenimenti, unità politica e identità data dal patrimonio storico artistico del quale Firenze è una delle massime testimonianze.

Infatti, se il 4 novembre 1918 si è concluso con l’unità d’Italia il percorso del Risorgimento, un percorso assai più lungo di quello iniziato con la prima guerra di indipendenza (1848) avviato secoli addietro con il concorso di uomini d’ingegno, di cultura, politici e filosofi i quali avevano evocato l’esigenza di quella unità che già si rinveniva nelle parole del sommo poeta, nell’invettiva per le condizioni in cui versa l’Italia, “serva”, “di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di provincie, ma bordello”. Un’invettiva diretta a tutti coloro, uomini di Chiesa e signori d’Italia, che ostacolavano l’autorità imperiale e non lasciavano “seder Cesare in la sella” (vd. Conv. IV ix 10 e Mon. III xv 9). Quell’idea di Italia che aveva affascinato il giovane imperatore Federico II, tedesco di stirpe ma immerso nella cultura mediterranea.

Questa disattenzione per le date della storia dimostrano la mancanza di consapevolezza della identità nazionale cioè di quel complesso di valori che la storia ci ha consegnato e che lungo i secoli hanno distinto e distinguono gli italiani da tutti gli altri popoli anche da quelli con i quali abbiamo fatto percorsi comuni. Una storia trimillenaria che nasce dalle colonie greche dell’Italia meridionale, si sviluppa sulle rive del Tevere per innervare tutta l’Italia e l’Europa con le istituzioni del diritto, con la cultura storica, filosofica, artistica per cui l’Italia si riconosce nelle sagome delle cattedrali, dei castelli, del declivio delle sue colline e dei suoi monti e vive nelle biblioteche e nei musei.

Firenze è una tappa di questa storia, così come le chiese della Valnerina, la cattedrale di Norcia, intestata a San Benedetto, patrono d’Europa. E se da una piccola città dell’Umbria Benedetto raggiunge l’Italia e l’Europa per divenirne il santo protettore, ebbene questi profili della storia civile e religiosa sono parti della identità nazionale e dovrebbero sviluppare un culto della Patria che solo gli sciocchi possono ritenere essere coltivato ad escludendum alios, per negare l’accoglienza e l’integrazione. Che era stato un valore nell’antica Roma, che accoglieva tutti, singoli e comunità, con l’obbligo della condivisione di due regole, il rispetto delle leggi di Roma e la consapevolezza della missione storica dell’Urbe.

Oggi spesso trascuriamo le nostre radici. A volte le rinneghiamo, come quando fu tolto dalla preghiera degli Alpini il riferimento alla civiltà cristiana o come oggi che è stata impedita una celebrazione religiosa a ricordo dei caduti della Grande Guerra in segno di rispetto, si dice, di soggetti provenienti da altri paesi che professano altre religioni. Non è una scelta felice. Chi viene in Italia deve rispettare le leggi e le tradizioni che non sono contro nessuno ma sono per noi. Questi comportamenti rifiutano la nostra storia agli occhi degli immigrati dei quali noi dobbiamo rispettare la cultura e la religione senza che per questo debba occultarsi la nostra identità. Per questo gli immigrati spesso si sentono a noi superiori, ci disprezzano, ritengono la loro cultura pura, incontaminata. È in questi sentimenti spesso la ragione della ribellione nei confronti dell’Occidente corrotto.

Si è scritto che c’è un risveglio del culto della Patria, identificato nelle bandiere tricolori che sventolano sui monumenti e sugli edifici pubblici. Lo si è dedotto dal suono e dal canto dell’inno di Mameli riportato in auge negli anni scorsi. Forse quel risveglio è stato percepito in occasione delle celebrazioni del 150º dell’unità d’Italia, attraverso i libri, le manifestazioni, le iniziative “miranti alla costruzione di una storia comune cementata da gioie e dolori, nostalgie e rimorsi, delusioni e speranze”. Sicché, a conclusione di queste parole, Emilio Gentile scrive che “l’Italia s’è desta”. Scriveva nel 2009  (La Grande Italia, Editori Laterza), ma a quell’entusiasmo sincero non è seguito un conseguente atteggiamento delle autorità e dei cittadini. Sicché il grido di allarme che Gian Enrico Rusconi aveva lanciato nel 1993, “se cessiamo di essere una nazione”, è ancora valido perché attraverso le contrade d’Italia giunga a muovere gli animi, per ricordare a tutti che un popolo che non è consapevole della propria identità non ha futuro. D’altra parte il governo, che pure vanta un premier che ha passeggiato nelle strade di Firenze, non appare consapevole della necessità di questo impegno, di galvanizzare gli animi perché la scuola e il lavoro offrano possibilità di una vita ricca di soddisfazione spirituali e materiali. Invece questo governo mette mano con una estrema improntitudine, dimostrando una non comune incapacità tecnica, alla Carta fondamentale dello Stato nella quale si identificano i valori della civiltà nazionale e le caratteristiche proprie del suo ordinamento e propone di sostituire una legge equilibrata, certamente meritevole di ritocchi anche significativi, con una sguaiata enunciazione di regole scopiazzate da altri ordinamenti e trasferite nel nostro in modo assolutamente inconsulto.

L’Italia ha una caratteristica che tutti i politici dovrebbero considerare. L’unità ha reso possibile la confluenza nell’unico corpo della Nazione di esperienze politiche, storiche e culturali diverse ma tutte preziose, dal Piemonte alla Puglia, dal Veneto alla Sicilia. Tutte sono gioielli inimitabili, ricchezza dell’intera Nazione. Se la politica non comprende questo, se la politica abbandona delle aree del Paese all’incuria, alla regressione economica e alla prepotenza criminale ebbene questa politica non è degna di un grande Paese e questi politici devono andare a casa definitivamente. Confondere la Costituzione con le esigenze della vita di tutti i giorni con i problemi che riguardano la giustizia lenta, l’amministrazione pubblica pesante e di impaccio per le persone e le imprese, il sistema tributario rapace, mentre dovrebbe essere lo strumento di elezione della politica economica e dello sviluppo, significa non avere capacità di governo. Se la scuola non riesce ad essere, come un tempo era, la fucina dei migliori cervelli italiani, come dimostra il fatto che i nostri studenti, i nostri laureati, i nostri tecnici ovunque all’estero hanno avuto grande successo, se la politica non capisce tutto questo è cattiva politica e va rimossa. Cominciando dall’occasione del 4 dicembre, dicendo NO ad una riforma che è un complimento definire pasticciata.

4 novembre 2016

 

 

La riforma “meglio di niente”

di Salvatore Sfrecola

 

Impegnati a far digerire agli italiani la riforma della Costituzione che, per loro stessa ammissione, “non è, né potrebbe essere, priva di difetti e discrasie”, anche se “non ci sono scelte gravemente sbagliate … o antidemocratiche”, come si legge nel documento del SI, fra i renziani si fa strada un concetto che viene ripetuto ossessivamente sui giornali e nelle trasmissioni televisive: “meglio questo che niente”. Con l’aggiunta che è “per iniziare”. Evidentemente ritengono che questo sia un argomento forte. Non lo è, solo a considerare che ci troviamo di fronte alla Costituzione, la legge fondamentale dello Stato che si scrive, si corregge e si integra quando, come ha scritto Enzo Cheli, costituzionalista, quando si è in presenza di una “necessità storica in grado di imporre e giustificare agli occhi dell’opinione pubblica le ragioni del mutamento. Né tale necessità può essere surrogata dalla presenza di motivi di opportunità, sia pure forti e pressanti, legati alle vicende della politica contingente”.

Non lo ha scritto in questi giorni ma in un libro del 2000 (“La riforma mancata”, Il Mulino editore) secondo il quale “è sempre mancata una seria riflessione sui fattori strutturali che hanno condotto alla Carta del 1948; sulle ragioni del suo (prevalente) successo e del suo (parziale) insuccesso… una lacuna che ha finito per rendere inadeguati e astratti i vari disegni di ingegneria istituzionale via via proposti”. Per Cheli la strada è quella della revisione costituzionale (e non dell’Assemblea costituente), il completamento della scelta maggioritaria, l’allineamento del quadro costituzionale interno al nuovo assetto europeo.

Non è, dunque, la strada della riforma Renzi-Boschi-Verdini, nella quale i motivi esposti attengono a materie sulle quali che spetta al legislatore ordinario intervenire, la giustizia, la pubblica amministrazione, il fisco, tutti nell’ottica di una politica economica che favorisca la crescita. Si è, così, scelta la strada di gettare fumo negli occhi degli italiani esasperati dall’incapacità di questo governo, come dimostra la crescita zero che persiste ad ogni rilevazione statistica nonostante ogni tentativo di ricercare nei dati qualche spiraglio di luce, quei più zero virgola che infiammano di tanto in tanto l’eloquio del Presidente del Consiglio. E così, in assenza di una “necessità storica”, da buon emulo di Berlusconi che alcuni anni fa si era inventato per qualche ora l’ostacolo dell’articolo 41 della Costituzione allo sviluppo dell’economia, Renzi attribuisce alla Costituzione ostacoli alla sua azione di governo che, invece, dovrebbe ricercare nella insufficienza delle idee e degli strumenti messi in campo fin da quando, spavaldo, enumerava in Senato le riforme che avrebbe fatto di mese in mese, facendo sorridere i più per la evidente impreparazione al ruolo, ma preoccupando quanti, proprio da queste improvvisazioni, hanno dedotto, vedendo poi conferma nei fatti, che alla testa del Partito Democratico e del Governo si è insediato un soggetto evidentemente eterodiretto. Che propone riforme volute e disegnate da organismi economici internazionali, quelli che vorrebbero avere in tutti i paesi un solo interlocutore malleabile al massimo.

E così si è arrivati, per bocca del Ministro delle riforme, Maria Elena Boschi, ad affermare che la riforma costituzionale cambierà l’Europa, cosa evidentemente al di fuori del possibile effetto della normativa proposta e della stessa capacità di azione del premier del quale non si ricorda una qualsiasi iniziativa meritevole di considerazione nel semestre nel quale ha ricoperto il ruolo di Presidente del Consiglio dei ministri dell’Unione Europea.

1° novembre 2016

 

 

Pontificia Università Lateranense

Fondazione Etica ed Economia

 

24 ottobre 2016 ore 16,00

TAVOLA ROTONDA

 

LA CORRUZIONE IN ITALIA

 

PREVENZIONE E CONTRASTO

 

Aula Paolo VI – Pontificia Università Lateranense

Piazza San Giovanni in Laterano, 4 – Roma

 

Ore 16,00 Arrivo e registrazione

Ore 16,30 Saluto e introduzione,

S.E. Mons. Enrico Dal Covolo, Rettore Magnifico Pontificia Università Lateranense

Prof.  Arnaldo Acquarelli, Presidente Fondazione Etica ed Economia

 

Intervengono

 

On. Rosy Bindi, Presidente della Commissione parlamentare Antimafia

Prof.ssa Nicoletta Parisi, Consigliere dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

Dott. Piercamillo Davigo, Presidente di Sezione della Corte Cassazione e Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati

Dott. Salvatore Sfrecola, Presidente dell’Associazione Italiana giuristi di Amministrazione, già Presidente di Sezione Corte dei conti

 

Conclusioni

Prof. Gianni Manzone, Pontificia Università Lateranense – Dottrina Sociale della Chiesa

 

Coordina

 

Prof. Gianpiero Gamaleri, Preside della Facoltà Scienze della Comunicazioni – Università Uninettuno

 

 

 

CIRCOLO DI CULTURA E DI EDUCAZIONE POLITICA “REX”

LXIX Ciclo di Conferenze 2016-2017

PRIMA PARTE

 

 

30 ottobre 2016

Sen. Prof. Dott. Domenico FISICHELLA

Il modello USA per l’unità d’Europa?

 

13 novembre 2016

Prof. Avv. Salvatore SFRECOLA

La Costituzione va riformata SI/ NO?

 

20 novembre 2016

Conte Vincenzo CAPASSO TORRE delle PASTENE

1914- 1918: Gli anni della Grande Guerra

 

27 novembre 2016

Prof. Pier Franco QUAGLIENI

Benedetto Croce: figlio del Risorgimento

 

Sala UNO nel cortile della Casa Salesiana San Giovanni Bosco

Via Marsala 42 (vicino Stazione Termini

N. B. Ingresso ore 10,15, inizio conferenza ore 10,30.

 

 

 

 

L’Albania ci insegna qualcosa

di Domenico Giglio

 

Se le antichità ellenistiche e romane, da Butrinto a Bylis ed Apollonia, i ricordi veneziani, le basiliche bizantine, ed anche alcune moschee sono motivo di attrazione per un turismo culturalmente qualificato, la visita a Tirana, del grande articolato Museo Storico Nazionale, situato nella grande piazza dedicata all’eroe nazionale della resistenza all’invasione ottomana, Giorgio Castriota, “Skanderberg”, museo che documenta la storia degli albanesi da periodi risalenti a diverse migliaia di anni avanti Cristo, fino ai nostri giorni merita una attenta visita. Ed in questa visita nella parte finale dalla proclamazione dell’indipendenza, nel 1912 ad oggi, una ampia sala è dedicata alla figura di Ahmet Zogu, prima capo del governo, poi presidente dal 1925 e poi Re dal 1928 al 1939, partendo dall’albero genealogico della famiglia Zogu fino ad Ahmet ed anche di quello iniziato da Zogu, come sovrano, con tutti i suoi discendenti, il che è particolarmente importante e significativo. Il tutto corredato da ampio materiale fotografico e da didascalie esplicative che spieghino ai giovani che numerosissimi visitano il Museo, la figura di questo capo dello stato.

E di questa rivalutazione della figura del Re è ulteriore testimonianza l’intitolazione di un importante arteria della capitale, il “Boulevard Zogu I” nonché l’edificazione di una statua del Re, al termine della strada, inaugurata recentemente

Piccola grande giovane Albania che cura ed onora la propria storia, lezione di civiltà per nazioni vecchie e stanche che invece dimenticano o peggio rinnegano la propria.

14 ottobre 2016

 

 

 

A proposito del torinese Dario Gallina

Gli industriali e il potere

di Salvatore Sfrecola

 

Dario Gallina, neo Presidente dell’Unione Industriale di Torino, appena insediatosi, si schiera. Con il potere, naturalmente, come il Presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, che non ha mancato di far sapere di essere favorevole alla riforma costituzionale, anche se quel che chiede a nome degli imprenditori, meno burocrazia, una giustizia più veloce, un fisco meno oppressivo, sono obiettivi da definire e perseguire attraverso leggi, regolamenti e direttive ministeriali.

Ma tant’è, non si può pretendere da persone impegnate negli affari di essere ostili al governo neppure quando, venendo meno ad una regola antica della democrazia costituzionale si intesta una riforma della Carta fondamentale dello Stato, la Costituzione di tutti che, in quanto tale, si richiede sia approvata a larga maggioranza se non all’unanimità, com’è avvenuto per la Costituzione vigente. Per non dire che questa riforma l’ha approvata un Parlamento eletto sulla base di una legge, il Porcellum, dichiarato incostituzionale con sentenza dalla Consulta n. 1 del 2014.

Gallina enuncia il giusto obiettivo dell’Unione “non lasciare indietro nessuno”, avendo come programma quello di “aumentare il numero dei soggetti attivi nei circuiti di produzione della ricchezza”.

Venendo, poi, a parlare del “passaggio delicato della riforma costituzionale sul quale Confindustria ha avuto il coraggio di assumere una posizione netta a sostegno del Sì, che noi condividiamo” auspica che tale riforma “possa consegnarci istituzioni più snelle ed efficienti, con migliori processi decisionali, che consentano un’effettiva governabilità”. Poi scende sulla terra delle cose concrete ed aggiunge che “la campagna e l’esito del referendum non devono però bloccare lo slancio riformatore del governo. L’esecutivo in carica è partito bene, ci attendiamo che la nuova Legge di Stabilità (che adesso si chiama “di bilancio”, essendo stata inglobata nel preventivo) non tradisca questo spirito riformatore e liberi nuove risorse economiche per lo sviluppo”. In questo modo il neopresidente degli industriali torinesi dimostra la validità delle tesi sostenute dai Comitati del NO già richiamate; le riforme non derivano dalla Costituzione ma dalle scelte che il Governo è capace di fare con leggi e decreti. Capacità sulla quale è lecito nutrire dubbi, conti alla mano, certificati dalla crescita zero, che relega l’Italia in fondo ai paesi industriali d’Europa.

In queste condizioni è certamente un azzardo quel che Gallina si attende dal Governo Renzi. Più prudente l’apertura di credito nei confronti del Sindaco Chiara Appendino ed alla sua proposta di “ridiscutere a livello comunitario le norme relative alla free tax area”. Gallina si rivolge anche al Presidente della Regione, Sergio Chiamparino, al quale ricorda che “la situazione debitoria non può essere utilizzata per giustificare inerzie e ritardi”.

10 ottobre 2016

 

 

 

Il Prof. Viroli e la Dinastia Savoia

di Salvatore Sfrecola

 

Sono da sempre un estimatore di Maurizio Viroli, Professor Emeritus of Politics della Princeton University, Professore di Comunicazione politica dell’Università della Svizzera Italiana e Professor of Government della University of Texas at Austin. Ho letto molti dei suoi libri e dei suoi interventi giornalistici nei quali richiama quei valori che nell’Italia repubblicana si sono, negli ultimi decenni, molto appannati. In molti miei interventi, da ultimo nel libro “La Costituzione va riformata? SI/NO”, richiamo sue riflessioni su temi morali e di etica pubblica. Per condividerli, come quelli espressi nell’aureo libretto sul quale spesso torno “L’Italia dei doveri”, edito da Rizzoli nel 2008.

Ieri, a Milano, alla Stazione Centrale, sbirciando tra le scansie de La Feltrinelli ho scorso un libro dal titolo che è difficile non ritenere tristemente appropriato all’attuale situazione politico-istituzionale “L’autunno della Repubblica”, edito da Laterza, appena giunto in libreria (prima edizione settembre 2016). Si articola in vari capitoli contenenti riflessioni varie, il più delle volte consegnate in articoli giornalistici, in particolare de La Stampa. Come mi accade spesso scorro l’indice e apro alla pagina con un titolo che immediatamente mi attira, a pagina 80, un articolo scritto per La Stampa il 23 luglio 2002 dal titolo “Savoia, rinunciate al trono”. L’ho letto velocemente rimanendo profondamente deluso, come mi capita quando nella mischia della politica compaiono argomentazioni “di pancia”, come si usa dire che mai immagineresti di leggere nella prosa di un politologo alle prese con la storia.

L’incipit è l’opinione del Professore Giuliano Amato, noto costituzionalista, all’epoca (siamo nel 2002) Presidente del Consiglio il quale si era detto favorevole “a dichiarare non più valida la XIII norma transitoria finale della Costituzione”, così riassume Viroli, “quella che impedisce agli ex re di casa Savoia, alle loro consorti e ai loro discendenti maschi l’ingresso e il soggiorno nel territorio nazionale – previa una “dichiarazione di lealtà” dei Savoia nei confronti della Costituzione”.

Per il Professore non sufficiente, “perché sarebbero del tutto irrilevanti in merito al vero problema giuridico. La norma XIII, infatti, non colpisce i Savoia in quanto individui, come spesso si dice, ma come dinastia”. Il ragionamento giuridico che Viroli ci propone è quello che i Savoia “sono sanzionati in quanto si considerano ancora i legittimi eredi al trono d’Italia e i rappresentanti della dinastia Savoia”. Per cui suggerisce che “rinuncino con atto formale al loro diritto (o pretesa) di essere i legittimi eredi al trono d’Italia (come fece Otto d’Asburgo per il trono d’Austria) e diventeranno immediatamente dei semplici individui, e dunque la norma XIII non si applicherebbe più al loro caso”.

Seguono alcune considerazioni giuridiche anche con riferimento a pronunce del Parlamento Europeo che non hanno accolto petizioni della famiglia Savoia. Poi, spiega Viroli, “la ragion d’essere di quella norma non sta solo nel prevenire un pericolo (per la Repubblica, N.D.A.), ma nel sanzionare la dinastia (ripeto, non gli individui) Savoia per gli enormi mali che ha arrecato all’Italia (e infatti la medesima norma stabilisce anche il sequestro dei beni della famiglia reale)”.

Tra diritto e storia il professore si è incartato perso da sacro furore repubblicano, perché sollecita la rinuncia ad un diritto (o pretesa) al trono che all’evidenza potrebbe essere rivendicato solo ove fosse disponibile e non lo è in ragione dell’art. 139 secondo il quale la “forma repubblicana non può essere oggetto di riforma costituzionale”. Occorrerebbe, pertanto, una previa abrogazione di quell’articolo. A quel punto non ci sarebbe nessun problema, altro che quello della individuazione da parte del Parlamento di chi dovesse salire al trono.

Da ultimo non posso fare a meno di soffermarmi sulla sanzione della quale Viroli ritiene sia destinataria la dinastia “per gli enormi mali che ha arrecato all’Italia”. Nulla da dire dei suoi meriti? A questo proposito nei giorni scorsi è stato pubblicato un volumetto, edito dal Corriere della Sera nella Collana Grandangolo Le guerre nella storia, dedicato alle Guerre d’indipendenza in Italia, sulla cui copertina campeggia l’immagine di Vittorio Emanuele II. Nel risvolto una frase di Daniele Manin: “dico alla casa di Savoia fate l’Italia e sono con voi”. Anche con un po’ di conoscenze degli eventi di quello straordinario periodo storico che è stato il Risorgimento (il “miracolo del Risorgimento”, come ha scritto Domenico Fisichella nel titolo di un suo fortunato libro), è facile giungere alla conclusione che se non ci fosse stato la Casa Savoia e i suoi re l’Italia non si sarebbe fatta probabilmente per molti anni.

Vorrei dire al Professore Viroli che la polemica politica è sempre espressione delle idee che appassionano le menti. Si può essere repubblicani e ferocemente antimonarchici, ma l’obiettività è espressione d’intelligenza, come quella dimostrata da Piero Calamandrei, repubblicanissimo, che in piena Assemblea Costituente non si è peritato di fare i complimenti allo Statuito Albertino cui riconosceva chiarezza e sobrietà.

2 ottobre 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti - 11

La riduzione dei costi della politica? Non ci sono.

di Salvatore Sfrecola

 

Il risparmio è un altro pezzo forte della legge di revisione costituzionale, ampiamente propagandato fin dall’inizio della procedura legislativa ed oggi, in sede di campagna referendaria, quello dal quale ci si attende il più ampio consenso degli italiani da sempre ostili alla “casta che costa”. Per i fautori del SÌ “lo sforzo per ridurre o contenere alcuni costi della politica è significativo: 220 parlamentari in meno (i senatori sono anche consiglieri regionali o sindaci, per cui la loro indennità resta quella dell’ente che rappresentano); un tetto all’indennità dei consiglieri regionali, parametrata a quello dei sindaci delle città grandi; il divieto per i consigli regionali di finanziare senza controlli i gruppi consiliari; e, senza che si debba aspettare la prossima legislatura, parimenti alle novità precedenti, la fusione degli uffici delle due Camere e il ruolo unico del loro personale. Il testo non è, né potrebbe essere, privo di difetti e discrasie, ma non ci sono scelte gravemente sbagliate (per esempio in materia di forma di governo: l’Italia rimane una repubblica parlamentare!) o antidemocratiche. A quanti, come noi, sono giustamente affezionati alla Carta del 1948, esprimiamo invece la convinzione che - intervenendo solo sulla parte organizzativa della Costituzione e rispettando ogni virgola della parte prima - la riforma potrà perseguire meglio quei principi che sono oramai patrimonio comune di tutti gli italiani. Si tratta ora però di raccogliere le sfide di una competizione europea e globale che richiede istituzioni più efficaci, più semplici, più stabili”.

Da parte governativa e del Partito Democratico si aggiunge che “il principale taglio dei costi non è tanto quello diretto, con la chiusura dell’inutile Cnel e la trasformazione Senato. Quello vero è indiretto, con la riduzione del conflitto Stato-regioni”. Negli ultimi 15 anni è stato incerto se una determinata materia fosse di competenza della legge statale o regionale. Tale confusione ha comportato costi molto rilevanti soprattutto dal punto di vista degli investimenti esteri, che così finivano con l’essere dissuasi. La vera risorsa allo sviluppo del Paese è rappresentata proprio dalla riduzione del conflitto tra lo Stato e le regioni.

Risparmi veri e consistenti? Vedremo che non è così, considerato anche che il testo della riforma “non è, né potrebbe essere, privo di difetti e discrasie”. In ogni caso quando si parla di istituzioni pubbliche ci si deve chiedere, in primo luogo, non quanto costano ma quanto rendono alla comunità in termini di utilità e di efficienza. È chiaro che i “riformatori” sostengono che un vantaggio c’è, che ad esempio la trasformazione del Senato (in origine si era parlato della sua abolizione) nell’ottica di chi l’ha proposta dovrebbe e assicurare al procedimento di formazione delle leggi maggiore celerità. In realtà, come abbiamo visto in un precedente articolo (18 agosto), non è vero. L’iter legislativo risulta farraginoso e non esclude la doppia lettura, quella alla quale è stata sempre addebitata ingiustamente (i numeri dicono il contrario) la lentezza nella produzione normativa (che risiede essenzialmente nella incertezza della politica).

In particolare la tesi della deflazione dei conflitti tra Stato e Regioni e tra Regioni in ragione del ritorno allo Stato di molte delle competenze già attribuite alle regioni ha una limitata consistenza, in considerazione dell’indirizzo dato dalla Consulta alla giurisprudenza in materia. Poi c’è da chiedersi se è un passo indietro rispetto alla riforma del 2001 quando l’Italia sembrava essersi incamminata verso il federalismo che avrebbe dovuto responsabilizzare gli amministratori nei confronti del cittadino-contribuente.

Nel 2001 ci furono indubbiamente aspettative esagerate sull’autonomia legislativa regionale, con elenchi un po’ troppo generosi. Questo eccesso di generosità era stato già ridimensionato dalla Corte Costituzionale. Ad esempio, la clausola di supremazia era stata creata dalla Consulta con la sentenza 303 del 2003. Contemporaneamente si dice che le regioni verrebbero responsabilizzate a livello nazionale “con il controllo del Senato”. Non è così.

Osserva Giuseppe Valditara, che ne la scritto su Logos (www.logos-rivista.it), nel suo impegno per il NO, a proposito dei presunti risparmi (il Presidente del Consiglio cominciò con indicarli ben in un miliardo) che, in primo luogo, la riforma mantiene 630 deputati contr i 435 degli Stati Uniti d’America, che hanno oltre 381 milioni di abitanti, a differenza della cosiddetta devolution respinta dal referendum confermativo nel 2006. Ma, soprattutto, la riforma, lasciando intatta la struttura del Senato, incide pochissimo sui costi, dal momento che, contrariamente a quanto si pensa, il vero costo del Senato è dato dal personale e dai servizi che non vengono minimamente ridotti. Tutto questo senza contare che i nuovi compiti di studio, controllo e valutazione, attribuiti al Senato necessiteranno da soli un incremento del personale.

Si dice poi che la riforma abolisce le province. Come ente previsto dalla Costituzione, va chiarito. Quegli enti, dei quali con legge ordinaria sono stati aboliti gli organi elettivi, come sanno i cittadini, avevano competenze importanti, dall’ambiente alla scuola, alla manutenzione delle strade. Ma soprattutto sono la storia culturale, politica, economica ambientale dei territori, una realtà autentica (Marco Minghetti, un politico illuminato ottimo conoscitore dell’Amministrazione, Ministro dell’interno nel 1862 propose di costituire consorzi di province per situazioni omogenee). Sarebbe stato meglio abolire le regioni, enti pressoché inutili, costosi e dannosi il cui bilancio è per la gran parte afferente alle spese del servizio sanitario, trasferite dallo Stato e di cui lo Stato riprende il controllo come si è appena visto. Ci si è chiesti, infatti, più volte che senso abbia un ente che gestisce in proprio poco più del 10 per cento del bilancio? Infatti non a caso Angelo Panebianco, un eminente politologo, schierato per il SÌ, scrive sul massimo quotidiano italiano che “La Riforma non è perfetta, ma i suoi nemici hanno torto” (Corriere della Sera del 10 maggio 2016), evocando quelli che, a suo giudizio, sarebbero i “molti interessi che alimentano la coalizione del no”, in primo luogo delle Regioni che perdono attribuzioni, vuol dire comunque che qualcosa di importante non va in una legge che modifica più di un terzo della Costituzione e della quale fin d’ora si ammette la necessità di successive modifiche, considerato che “la riforma presenta anche punti che avrebbero potuto essere meglio precisati o previsti”, come ha scritto Padre Occhetta, gesuita, su La Civiltà Cattolica.

Sempre a proposito di costi della politica non è vero che la riforma “mandi a casa un terzo dei politici”, essendo stati reintrodotti con legge ordinaria ben 24.000 fra consiglieri e assessori comunali, aboliti nella precedente legislatura: le giunte nei comuni fino a 5.000 abitanti; allargato quelle tra i 3001 e i 5.000 abitanti; ha aumentato i consiglieri comunali nei comuni fino a 10.000 abitanti. Come ha commentato l’Espresso del 27 marzo 2014: “Sui costi del sistema riformato il presidente Renzi ha promesso risparmi eclatanti. La Corte dei conti, che non tifa per nessuno, ipotizza invece che questi costi possano addirittura essere superiori agli attuali”.

Si è detto inizialmente, come già abbiamo fatto cenno, che la revisione costituzionale avrebbe comportato una riduzione della spesa (compresa la soppressione delle province) di circa un miliardo. In realtà risparmieremo più o meno 48 milioni di euro l’8,8% dei 540 milioni che, stando all’ultimo bilancio di previsione, il Senato spenderà nel 2016 per assicurare il suo funzionamento.

Le attuali indennità parlamentari che oggi pesano sul bilancio del Senato per 42 milioni 135 mila euro”.

Sottraendo i circa 14 milioni che rientrano nelle casse dello Stato sotto forma di Irpef  il risparmio netto ammonterà a circa 28 milioni di euro.

Poi ci sono altri 37 milioni 266 mila euro che Palazzo Madama attualmente sborsa per le spese sostenute dai senatori per lo svolgimento del mandato:

Diaria (13 milioni 600mila euro);  spese generali (6 milioni 400mila); dotazione di strumenti informatici (600mila);  l’esercizio del mandato (16 milioni 150mila);  ragioni di servizio (516mila).

Con la riduzione da 315 a 100 del numero dei senatori, il risparmio si assesterà intorno ai due terzi del totale.

In pratica si risparmieranno circa 25 milioni, ma anche in questo caso lordi dal momento che circa 5 rientrano attualmente all’erario attraverso il prelievo fiscale.

Un taglio netto di altri 20 milioni che sommati ai 28 milioni  delle indennità, portano il totale a 48 milioni di euro.

Chiudo con una riflessione sui costi del Prof. Valditara che ne ha scritto di recente su FaceBook: “Clamoroso: la riforma Renzi Boschi aumenta i costi della politica: il combinato disposto fra riforma costituzionale e legge elettorale porta un saldo netto negativo per il bilancio dello Stato. La legge elettorale prevede un inedito doppio turno. Il costo di un turno elettorale è di ben 300 milioni di euro. Il taglio dei senatori non arriva a 50 milioni di euro. Le province son state già eliminate dalla legge Del Rio. L’eliminazione del CNEL porterà un risparmio di circa 2 milioni di euro. Morale: se passa la riforma ci sarà rispetto ad oggi un aggravio sostanziale di almeno 50 milioni di euro”.

14 settembre 2016

 

 

Barak Obama il “medico”

di Domenico Giglio

 

In questo ultimo scorcio di presidenza Obama non si comporta più da Presidente di tutti gli statunitensi, ma da uomo di punta del Partito Democratico, impegnato a conservare al suo partito la presidenza degli USA affermando che farà tutto e di tutto per fare eleggere Hillary. Proprio in occasione del collasso che ha colpito la Clinton l’11 settembre, in occasione della cerimonia in ricordo dell’attacco terroristico alle “torri gemelle”, collasso pare dovuto ad una polmonite, Obama è uscito con la frase: “Hillary ha la forza per farcela”, dimostrando doti taumaturgiche in merito alla malattia che ha colpito la candidata democratica.

Essere a fianco di persona amica nelle avversità è bello e nobile, come è auspicabile, sempre come amico ad amico, augurare una pronta e completa guarigione, ma decidere in merito alle condizioni di salute, se non si ha una competenza specifica è solo una forma di propaganda elettorale, dal momento che negli Stati Uniti, da qualche decennio, da Reagan in poi, si presta, giustamente, molta attenzione alle condizioni di salute dei candidati alla presidenza.

Siamo dunque alla ormai consueta partigianeria dei presidenti, nelle repubbliche dove vige il criterio della elezione diretta del capo dello stato, e dove spesso l’elettorato si divide quasi a metà ,anche se negli USA si può obiettare che l’elezione del presidente avviene con i voti dei rappresentanti degli stati, questi sì eletti con voto popolare, per cui però può addirittura verificarsi che la maggioranza del voto degli elettori sia difforme dalla maggioranza del voto dei delegati, e l’eletto dovrebbe sentirsi ancora di più rappresentante di tutto il popolo. Ma di queste storture dei regimi repubblicani difficilmente si parla!

14 settembre 2016

 

 

Grave interferenza dell’Ambasciatore USA

John Phillips si schiera a favore della riforma costituzionale

di Salvatore Sfrecola

 

Sul fronte del SÌ, sempre più in difficoltà nei sondaggi, si schiera l’Ambasciatore americano in Italia, John Phillips, secondo il quale la vittoria del No “sarebbe un passo indietro per gli investimenti stranieri in Italia”.

Intervenuto a un incontro sulle relazioni transatlantiche, organizzato a Roma dall’Istituto di studi americani, per l’Ambasciatore “quello che serve all’Italia è la stabilità e le riforme assicurano stabilità, per questo il referendum apre una speranza. Molti Ceo di grandi imprese Usa guardano con grande interesse al referendum. La vittoria del Sì sarebbe una speranza per l’Italia, mentre se vincesse il No sarebbe un passo indietro”.

Gravissima interferenza negli affari interni di uno Stato sovrano, è stato fatto notare immediatamente, che certamente assicurerà nuove frecce all’arco di quanti sono contrari alla riforma targata Renzi-Boschi. Gli italiani sono allergici ad indicazioni che limitino la loro libertà ed a quanti dicono loro quel che devono o non devono fare, come ha dimostrato la reazione alla famosa indicazione di Craxi “andate al mare” nel giorno del referendum sulla legge elettorale e sul finanziamento dei partiti.

L’iniziativa, poco diplomatica, di un Ambasciatore al termine del suo mandato e probabilmente in uscita al cambio del Presidente USA, costituisce indubbiamente una gravissima interferenza nella vita politica interna di un paese amico, ma rivela anche una straordinaria ingenuità perché destinata a danneggiare chi all’evidenza intendeva supportare, il Presidente del Consiglio che andrà negli Stati Uniti il 18 ottobre, in occasione della cena di Stato offerta alla Casa Bianca dal Presidente Usa Barack Obama, e la sua maggioranza. La sua, infatti, è una tesi che facilmente si smonta.

Nessun fatto positivo per l’economia deriva o può derivare dalla riforma costituzionale. Gli investitori esteri – e l’Ambasciatore lo sa bene – hanno bisogno di certezza del diritto, di una amministrazione meno pesante e più trasparente (nella quale oggi le procedure lente e farraginose agevolano comportamenti corruttivi), di una giustizia civile e amministrativa più veloce che assicuri il rispetto delle regole fondamentali della concorrenza, di una lotta vera all’evasione fiscale, che altera le condizioni del mercato. Altro che di riforme costituzionali, uno strumento di distrazione di massa che serve a nascondere l’incapacità della classe politica di governo di risolvere i problemi del Paese. Come quando Berlusconi sostenne, per alcuni giorni, che l’art. 41 della Costituzione doveva essere modificato per favorire il rilancio dell’economia. Come questo fosse impedito da una norma che afferma che “l’iniziativa economica privata è libera” (comma 1), ma che “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana” (comma 2) nessuno, né allora né dopo ce lo ha spiegato.

L’intervento dell’Ambasciatore americano nella campagna referendaria si rivelerà presto un boomerang per chi lo ha sollecitato. Se non è stata una iniziativa personale diretta ad ingraziarsi il potere per dimostrare a Washington di essere gradito a Palazzo Chigi, ha scatenato le critiche tra i sostenitori del NO, in particolare del centrodestra. “Ricordiamo all’Ambasciatore americano Phillips l’art. 1 della nostra Costituzione: `la sovranità appartiene al popolo´... italiano”, ha scritto Renato Brunetta, capogruppo ForzaItalia alla Camera, intervenendo su Twitter. Ed ha sollecitato “una parola in merito da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e da parte del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che fino a prova contraria è il premier di tutti gli italiani e che quindi ha il dovere di garantire, a livello internazionale, l'onorabilità e la libertà del Paese e dei loro cittadini”. Anche per Altero Matteoli, Senatore di FI, “Quella dell’ambasciatore Usa in Italia, più che un auspicio, è un’entrata a gamba tesa ingiustificata negli affari interni dell’Italia, eseguita su delega di un presidente alla fine del suo mandato. Peraltro è fondata su una valutazione errata della riforma costituzionale, che in realtà non produrrebbe, se approvata, gli effetti sperati dal diplomatico. Il bicameralismo, infatti, non si supera e i tempi legislativi rischiano addirittura di allungarsi, mentre si privilegia una presunta stabilità offendendo uno dei principi basilari della democrazia: la rappresentanza”.

Il Vice Presidente della Camera Di Maio, del Movimento 5 Stelle ha rincarato la dose definendo il premier Matteo Renzi “il più grande provocatore del popolo italiano, un presidente non eletto, senza alcuna legittimazione popolare, che sorride mentre le persone soffrono”. Ed ha aggiunto “Il referendum di ottobre, novembre o dicembre (ci faccia sapere la data, quando gli farà comodo) lui stesso lo sta facendo diventare un voto sul suo personaggio che ha occupato con arroganza la cosa pubblica, come ai tempi di Pinochet in Cile. E sappiamo come è finita. Noi continueremo a raccontare i pericoli della riforma costituzionale, il nostro obiettivo è salvare la Carta fondamentale del Paese dalle sue oscene modifiche. Questa non è una riforma, è un attentato alla democrazia”, ha concluso Di Maio.

Per la Presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, il rappresentante in Italia di un governo straniero, soprattutto se amico, “non può in alcun modo permettersi intromissioni di questo tipo nella politica interna. Renzi dimostri di non essere un inutile fantoccio e pretenda le scuse immediate e formali da parte degli Usa. Renzi viene pagato dagli italiani per difendere la sovranità nazionale, non per fare il lacchè di lobby e grande aziende”.

13 settembre 2016

 

 

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 10

Quali garanzie per gli organi di garanzia?

di Salvatore Sfrecola

 

“Il sistema delle garanzie – sostengono i fautori del SÌ - viene significativamente potenziato: il rilancio degli istituti di democrazia diretta, con l’iniziativa popolare delle leggi e il referendum abrogativo rafforzati, con l’introduzione di quello propositivo e d’indirizzo per la prima volta in Costituzione; il ricorso diretto alla Corte sulla legge elettorale, strumento che potrà essere utilizzato anche sulla nuova legge elettorale appena approvata; un quorum più alto per eleggere il Presidente della Repubblica. Del resto i contrappesi al binomio maggioranza-governo sono forti e solidi nel nostro paese: dal ruolo della magistratura, a quelli parimenti incisivi della Corte costituzionale e del capo dello Stato, a un mondo associativo attivo e dinamico, a un’informazione pluralista”.

È un passaggio delicato della legge di revisione costituzionale, oggetto di critiche perché, in uno alla riforma della legge elettorale, l’Italicum, i contrappesi, cioè quel sistema di check and balances come si usa dire che devono garantire l’equilibrio dei poteri, elemento essenziale del costituzionalismo, perdono certamente quella autorevolezza che deriva dall’essere necessariamente eletti con il più ampio concorso di forze politiche.

Osserva, al riguardo, Gustavo Zagrebelsky, Presidente emerito della Corte costituzionale e autorevole studioso del diritto pubblico, che “il costituzionalismo nasce, in opposizione all’assolutismo, per sostenere la necessità di dotarsi di uno strumento – la Costituzione, appunto – che funga da limite al potere. Il costituzionalismo ritiene che il potere illimitato sia un male, perché potrebbe fare dei governati quel che vuole. Per questo si pone l’obiettivo di separare – attraverso norme sulla forma di governo – e di limitare . attraverso le norme sui diritti – il potere.

Ne Lo spirito delle leggi, Montesquieu scriveva:

chiunque abbia potere è portato ad abusarne; egli arriva fin dove non trova limiti [    ]. Perché non si possa abusare del potere occorre che […] il potere arresti il potere.

Come si sa, il titolare del massimo potere nel nostro ordinamento è il governo. Si capisce, allora, che è totalmente incompatibile con i principi del costituzionalismo che il titolare del potere assuma l’iniziativa di cambiare, secondo i suoi desideri, lo strumento che finge da limite al potere. In una caso del genere, si può dubitare che la Costituzione sia ancora un limite. Un limite è tale se è imposto dall’esterno, se è eteronomo. Se un soggetto si pone da sé i limiti alla propria azione, tali limiti non sono eteronomi, ma autonomi, cioè nella sua disponibilità. Il che vale a dire che non sono dei veri limiti.

Il governo che assume l’iniziativa di promuovere un ddl di revisione costituzionale si pone, dunque, al di fuori della logica del costituzionalismo” (G. Zagrebelsky, Loro diranno, noi diciamo, Laterza, Bari, 2016, 52).

Invece, in una Camera dominata dal partito di maggioranza che ha assicurati 340 seggi su 630 deputati (perché Renzi, che ha diminuito i senatori da 315 a 100 non ha ridotto anche i deputati? Si dice perché la riforma non sarebbe stata approvata), forte sarà la tentazione di decidere in solitario quando sarà di eleggere il Presidente della Repubblica, i Giudici costituzionali, i membri laici del Consiglio Superiore della Magistratura. L’effetto è quello di una trasformazione della Repubblica da parlamentare in altra cosa non ben definita. Perché se diminuisce il ruolo del Parlamento che risulta di fatto subordinato al Governo, come ha spiegato Alfredo Grandi, Vice Presidente del Comitato per il NO, su Il Fatto Quotidiano del 20 agosto, a pagina 13) è evidente che le elezioni nelle quali non è richiesta più ampia maggioranza di quella del partito risultato vincitore alle elezioni daranno luogo a scelte mirate in direzione di personalità “di area” e fedeli. L’esempio dei giudici costituzionali, la più importante garanzia di una verifica della legittimità delle leggi a fronte dei principi e delle regole della Carta fondamentale, deve preoccupare. I Giudici sono 15. La maggioranza di essi (10) è scelta con criteri politici, i 5 eletti dalle Camere ed i 5 nominati dal Presidente della Repubblica che è eletto dalla maggioranza di governo.

Abbiamo perduto una certa consapevolezza dei valori dell’indipendenza dei giudici delle leggi. Indipendenza che è certamente, e in primo luogo, della persona ma che deriva anche dall’immagine che risulta dall’esperienza dell’eletto o del nominato. Un esempio. Giuliano Amato è senza dubbio un giurista di altissimo profilo, docente di diritto costituzionale, autore di pregevoli studi, ma è anche un politico a tutto tondo. È stato Presidente del Consiglio ed ha avuto altri importanti incarichi governativi, Ministro del tesoro, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. È un uomo di parte, illustre, ma uomo di parte. Se ne dimenticherà quando sarà chiamato a riferire nella Camera di consiglio della Corte costituzionale? Non dubito che giudichi con il massimo della serenità senza farsi influenzare da sue pregresse esperienze governative e partitiche. Ma agli occhi della gente è un uomo di parte. Infatti, intervistato sul tema della riforma costituzionale ha manifestato apprezzamento per la scelta del disegno Renzi – Boschi. Di più, a suo giudizio “rafforzerà l’esecutivo ma non indebolirà necessariamente il Parlamento. Infatti, la previsione di una Camera “verso la quale il Governo non può porre la questione di fiducia, non è detto che non costituisca un limite per il governo stesso”. Riesce difficile comprendere come.

Ha detto anche della modifica dei rapporti tra Stato e regioni. Le autonomie saranno rappresentate nel nuovo Senato in cui troveranno posto i consiglieri regionali e i sindaci delle principali città italiane. “Sono sempre stato favorevole ad avere nella legislazione nazionale il punto di vista delle regioni”, ha commentato Amato. Sulla nuova ripartizione di competenze – con molte materie che torneranno ad essere di potestà legislativa esclusiva dello Stato – l’ex premier ha fatto chiaramente intendere tutti i limiti del sistema attuale. Il problema principale – come si osserva da più parti – è l’elevatissimo contenzioso cui l’attuale distribuzione delle competenze ha dato luogo.

Insomma si è pronunciato su temi che potrebbero, ove la riforma costituzionale passasse al vaglio del referendum, entrare nel novero delle questioni rimesse all’esame della Consulta, magari perché riguardanti l’Italicum o la legge “elettorale” del nuovo Senato.

Un giudice costituzionale con rilevante esperienza o una forte connotazione politica urta contro la mia sensibilità democratica.

Tra le cose che i fautori del SÌ sottolineano a sostegno dell’apertura sui temi delle garanzie è l’aumento a 150.000 del numero di firme necessario alla presentazione di un progetto di iniziativa popolare con introduzione di “garanzie procedurali per assicurarne il successivo esame e l’effettiva decisione parlamentare”. Mi pare obiettivamente poco.

È stato abbassato il quorum per la validità del referendum abrogativo: se richiesto da almeno 800.000 firmatari il quorum è fissato alla maggioranza dei votanti alle elezioni politiche precedenti. Introdotto l’istituto del referendum propositivo e di indirizzo.

Gli strumenti di democrazia diretta non vengono favoriti: da un lato si prevede l’innalzamento del numero delle firme necessarie per poter presentare disegni di legge d’iniziativa popolare (e per promuovere un referendum, seppur compensato con un abbassamento del quorum per la validità del voto referendario), dall’altro si rinvia ai regolamenti parlamentari di stabilire le regole per la presa in esame  disegni di legge d’iniziativa popolare da parte delle Camere.

Viene enfatizzata la norma che riconosce ad un terzo dei senatori o ad un quarto dei deputati la possibilità di sottoporre alla Corte Costituzionale le leggi elettorali prima della loro promulgazione. Ancora un pasticcio, perché è da chiedersi se la decisione della Corte costituzionale in questo esame preventivo esclude o meno un eventuale giudizio di costituzionalità sollevato incidenter tantum da un giudice nel corso di un processo. Probabilmente l’intento è quello di escludere un giudizio di costituzionalità, come quello, per intenderci, che ha messo fuori legge il Porcellum e ha all’esame l’Italicum.

13 settembre 2016

 

 

 

Terremoto: i danni della natura e quelli dell’uomo

di Salvatore Sfrecola

 

“Il sisma non uccide, uccidono le opere dell’uomo”. Le parole del Vescovo di Rieti, Monsignor Domenico Pompili, pronunciate ad Amatrice, nel corso dell’omelia per i funerali delle vittime del terremoto, scolpiscono, senza mezzi termini, quel che pensa la gente alla quale i giornali forniscono quotidianamente nuovi elementi di indignazione e di preoccupazione. Articoli e commenti, interventi di esperti dimostrano che ad Amatrice, come ad Accumuli ed ad Arquata del Tronto la furia della natura ha avuto buon gioco su abitazioni e immobili pubblici non a norma, restaurati o ristrutturati senza l’integrale rispetto delle norme antisismiche, mentre si va delineando un vasto ventaglio di responsabilità pubbliche e private per assenza di controlli sulle opere realizzate, per mancata utilizzazione di fondi disponibili, compresi quelli per la mappatura dei territori, che avrebbero consentito di conoscere dove è necessario intervenire. Anche il Presidente del Senato, Pietro Grasso, è andato giù duro: “se cadono i palazzi pubblici è perché ignoriamo le regole”, che sono quelle dettate dal potere pubblico. Ma a cadere sono stati anche immobili privati, oggetto di interventi di risanamento e di consolidamento evidentemente inadeguati, non conformi alle regole che l’autorità pubblica avrebbe dovuto far rispettare. Insomma un panorama che non si discosta da quelli che erano stati constatati in altre realtà dove la natura, fosse il terremoto, come all’Aquila, o la furia delle acque, come a Genova o in Sardegna, non ha trovato ostacoli nell’azione dell’uomo, a tutela del territorio e degli immobili, nell’esercizio delle funzioni pubbliche commesse, in vario modo, allo Stato alle regioni e agli enti locali.

E c’è stato chi diligentemente, come Gian Antonio Stella, da sempre puntuale nella analisi di inefficienze, disfunzioni e sprechi di risorse pubbliche (Corriere della Sera del 27 agosto) è tornato indietro nel tempo, per dimostrare che l’autorità pubblica anche in tempi precedenti all’unità d’Italia, si era data carico di indicazioni con la prescrizione di norme tecniche obbligatorie per prevenire o riparare o ricostruire immobili pubblici e privati nei luoghi colpiti da calamità naturali. Se ne occuparono i regnanti delle due Sicilie e se ne è occupato lo Stato nazionale con il regio decreto 18 aprile 1909, n. 193, “portante norme tecniche ed igieniche obbligatorie per le riparazioni ricostruzioni e nuove costruzioni degli edifici pubblici e privati nei luoghi colpiti dal terremoto del 28 dicembre 1908 e da altri precedenti elencati nel regio decreto 15 aprile 1909 e ne designa i comuni”. Su proposta del Presidente del Consiglio, Giovanni Giolitti, e del ministro dei lavori pubblici, Pietro Bertolini, il provvedimento prende lo spunto dagli eventi tragici del dicembre del 1908, quando Reggio Calabria e Messina furono devastate da un terremoto di magnitudo 7.10, associato ad un maremoto, quello che oggi siamo abituati a chiamare di tsunami, che causò oltre 100 mila vittime e danni ingentissimi al tessuto urbano, specialmente della città siciliana, completamente distrutto. Anche in quel caso, straordinario fu l’impegno del governo e degli italiani intervenuti ad alleviare le sofferenze di quelle popolazioni con in testa il Re Vittorio Emanuele e la Regina Elena, che a lungo hanno seguito sul posto le opere di soccorso. Pronto anche l’aiuto di alcune potenze straniere, in particolare dello Zar di Russia, Nicola II, alla cui Corte era cresciuta Elena del Montenegro, che fece intervenire unità della flotta, rimaste a lungo alla fonda, accanto alle navi della nostra marina militare, per assistere i feriti e far fronte alle persone che avevano perduto tutti i loro averi.

Come si evince dalle premesse al decreto, il governo aveva prontamente istituito, nel gennaio del 1909, una Commissione consultiva con l’incarico di studiare le norme tecniche ed igieniche obbligatorie per le riparazioni, ricostruzioni e nuove costruzioni degli edifici pubblici e privati dei comuni colpiti dal terremoto o da altri precedenti. Appare evidente l’intento del governo di dettare una disciplina adeguata, non solo a far fronte all’emergenza di quel momento ed alle altre precedenti, ma anche per le nuove costruzioni, oltre che per le riparazioni e la messa in sicurezza di quelle danneggiate. È una corretta impostazione che, sulla base dell’esperienza di una grande tragedia, ha inteso affrontare il problema del rischio sismico diffuso nel nostro Paese un po’ lungo tutta la dorsale appenninica. Cioè è immaginata una normativa diretta a prevenire nuovi disastri, perché, come ha detto Monsignor Pompili in un altro passo della sua omelia, “l’uomo è più colpevole del terremoto”.

La lettura del decreto è estremamente istruttiva perché all’art. 1 vieta la costruzione di edifici su terreni paludosi, franosi, o atti a scoscendere, e sul confine tra terreni di natura od andamento diverso, o sopra un suolo a forte pendio, salvo quando si tratti di roccia compatta. Nei successivi articoli il decreto stabilisce regole sull’altezza dei nuovi edifici, prevedendo che un numero superiore di piani sia consentito solo a seguito del parere favorevole del Consiglio superiore dei lavori pubblici con relativo progetto tecnico, quando gli edifici siano isolati e abbiano all’intorno un’area libera di larghezza non inferiore a quella prescritta. Infatti abbiamo visto dalle immagini del terremoto del 24 agosto strade urbane completamente occluse dalle macerie delle case crollate, con difficoltà per i soccorritori che non riescono facilmente a raggiungere le persone intrappolate sotto i muri crollati. Ugualmente sono date prescrizioni in ordine alle fondazioni, con richiamo alle “migliori regole d’arte, con buoni materiali e con accurata mano d’opera”. Si prescrive anche che, al di sopra del piano di gronda, non si possono eseguire opere murarie di alcuna specie salvo i muri di timpano eseguiti con materiale di riempimento assai leggero, mentre i parapetti dei terrazzi superiori al piano di gronda debbono essere di legno, di ferro o di cemento armato. Si richiede un’ossatura di nervature di legno, di ferro, di cemento armato o di muratura armata capaci di resistere contemporaneamente a sollecitazione in compressione, trazione e taglio.

Qualche frase delle disposizioni del decreto per dire come non si sia trascurato nulla. Quel che riceviamo dal decreto è, dunque, un complesso di regole ben prima che, in questi giorni, esperti vari, ingegneri, architetti, geologi ne suggerissero l’adozione sui giornali e in televisione, quasi si debbano ricercare nuove disposizioni che, invece, ci sono, dettagliate, molto precise e molto chiare, come un tempo si facevano le leggi, senza quel guazzabuglio di rinvii alle leggi e regolamenti e decreti vari, deroghe nelle quali si inserisce il malaffare perché, come insegna l’esperienza, il ricorso a semplificazioni forzate, astrattamente giustificate dalla astrusità di molte norme, è sempre occasione di comportamenti illeciti nella gestione e nei controlli. Questi, in particolare, dovrebbero rappresentare la cartina di tornasole di una amministrazione efficiente dove i collaudi costituiscono una attestazione professionalmente qualificata della corrispondenza di un’opera alle prescrizioni contrattuali e alle regole dell’arte. Va aggiunto che non si tratta di ruberie sulle rifiniture sulle piastrelle del pavimento o su materiali utilizzati per rivestire scale o androni. Emergono gravi errori progettuali, l’uso di materiali scadenti o inadatti, interventi sulle strutture portanti delle opere che non hanno resistito all’onda sismica, provocando un numero notevole di vittime tra morti e feriti, alcuni dei quali gravi.

Non è accettabile. In un Paese nel quale le regole come scrive ancora Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera del 31 agosto sono tante, in una “palude di regole e regolette”, quel che è accaduto non sembra riguardare complessi problemi interpretativi perché emergono dai racconti e dalle evidenze gravi, ripetuti inadempimenti. Valga per tutti il caso della chiesetta inaugurata lunedì 22 agosto, a seguito di interventi di ristrutturazione e di adeguamento antisismico, e sbriciolatasi letteralmente nella notte di mercoledì 24, alle 3,36, alla prima scossa. Anche per la scuola di Amatrice si sente dire che il Comune avrebbe dato via libera all’utilizzazione dell’immobile in carenza di un intervento di adeguamento nei termini dovuti, eppure pubblicizzato all’atto della sua inaugurazione.

Naturalmente sono tutte circostanze da verificare. Ciò che sta facendo la magistratura. Le Procure di Rieti e di Ascoli Piceno hanno affidato alla polizia giudiziaria gli occorrenti accertamenti e le necessarie acquisizioni documentali.

Quel che compare, come in altri settori del nostro Stato, è una assoluta incapacità di dettare regole chiare, come quelle del 1909 che probabilmente sono state abrogate, magari implicitamente, per far posto a nuova regolamentazione confusa e inadeguata, come dimostra la vicenda del Codice degli appalti che, appena pubblicato, ha richiesto decine di correzioni, pietosamente definite “errata corrige”. A questo si aggiunge la incapacità di far rispettare le regole, di svolgere adeguati controlli amministrativi e tecnici sia in fase di programmazione degli interventi che in quella successiva della realizzazione delle opere. Controlli e responsabilità ben delineati dal decreto del 1909 che, oltre a prevedere sanzioni pecuniarie, compreso l’arresto, pena alla quale “soggiace, oltre il committente, anche il direttore, l’appaltatore o assuntore dei lavori, ai quali può inoltre essere inflitta la sospensione dell’esercizio della professione o dell’arte” (art. 39), stabilisce che (art. 44) “ogni elettore amministrativo ha diritto di richiedere, anche in giudizio, limitatamente al territorio del Comune nelle cui liste trovasi inscritto, che vengano eseguite le disposizioni contenute nelle presenti norme”. Infine è certamente importante che quella normativa abbia previsto (art. 46) che “i sindaci, gli ufficiali del genio civile, gl’ingegneri degli uffici tecnici provinciali e comunali, gli agenti della forza pubblica, le guardie doganali e forestali, e in genere tutti gli agenti giurati a servizio dello Stato, delle Provincie e dei Comuni, sono incaricati di vigilare per la esecuzione delle disposizioni contenute nelle presenti norme”.

Di fronte a questa endemica incapacità di gestire l’ordinaria amministrazione, perché di questo si tratta, ha un tragico spazio l’emergenza che dovrebbe per definizione essere un fatto eccezionale ma che diventa ordinario perché solo nell’emergenza si riescono a utilizzare i fondi ed ad accelerare le pratiche burocratiche con l’effetto, che si è verificato più volte, che questa situazione dia spazio agli illeciti, alle speculazioni ed a tutte quelle attività che vengono realizzate in deroga alle leggi sugli appalti e sui controlli, con costi che lievitano enormemente, come insegna l’esperienza delle precedenti catastrofi naturali nelle quali, la necessità di provvedere ha spesso indotto l’autorità pubblica ad acquisti a prezzi esorbitanti perché il privato imprenditore denunciava mancanza di beni, difficoltà di reperirli, con inevitabile aumento dei costi. È accaduto sempre e sembra difficile che si possa, non dico eliminare, ma contenere questa situazione nella quale, come vampiri e sciacalli si gettano imprenditori e amministratori alla ricerca di vantaggi palesemente illeciti e indebiti. Non a caso, ha detto il Procuratore Antimafia, Franco Roberti, “il rischio è nella massima urgenza” quando la guardia si abbassa ed è più facile che la criminalità organizzata si infiltri nelle procedure.

È possibile nutrire fiducia oggi, di fronte all’emergenza del terremoto della 24 agosto? Vorremmo fosse possibile, desideriamo fortemente che sia possibile ma è evidente che un cambio di passo, tanto per usare un’espressione in voga a Palazzo Chigi e dintorni, non è facilmente immaginabile. E soprattutto appare arduo ritenere che il progetto, delineato con una felice espressione “casa Italia”, di una presa di coscienza della grave situazione dell’intero patrimonio immobiliare italiano possa, in relazione alle rilevanti occorrenze finanziarie, decollare veramente e proseguire nel tempo dando luogo ad una attività di prevenzione e di messa in sicurezza delle costruzioni esistenti e di quelle da realizzare, attività che costituirebbe un grande investimento nazionale, capace di creare ricchezza e posti di lavoro secondo quelle regole che sono state indicate dagli economisti della scuola inglese di Keynes che individuano in un grande impegno finanziario che coinvolga il pubblico e il privato, un elemento indispensabile per il rilancio dell’economia.

E torna in mente, a venti anni dalla sua scomparsa, la lezione (inascoltata) di Antonio Cederna che denunciava “il cronico rifiuto di ogni programmazione e interventi preventivi” per limitare i danni dei terremoti e per evitare gli effetti delle alluvioni a seguito dello sconvolgimento del regime dei fiumi e “contro l’agguerrito schieramento di coloro che considerano il territorio nazionale (e i suoi comprensori illustri) come semplice area fabbricabile da lottizzare, cementificare, asfaltare e privatizzare”.

1 settembre 2016

 

 

 

Rottamo, non rottamo, rottamo ma non troppo

I magistrati e la margherita di Renzi

di Salvatore Sfrecola

 

Tutto inizia con il decreto-legge numero 90 del 2014 nel quale il Presidente del consiglio, sotto una rubrica accattivante che parla di “ricambio generazionale”, ha previsto la soppressione delle norme che consentivano il trattenimento in servizio di coloro che avessero superato il limite di età. Si tratta di una norma antica che, in relazione al limite di età previsto per i magistrati, prima ha previsto il trattenimento in servizio fino a 72 anni e successivamente al compimento del 75º anno di età. Per i funzionari dello Stato il trattenimento era previsto per due anni, quindi da 65 a 67.

È stato fatto osservare in quei giorni al Presidente del consiglio ed al Ministro della giustizia che questa norma avrebbe falcidiato immediatamente i vertici dei Tribunali delle Corti d’appello e delle Procure generali e posizioni similari al Consiglio di Stato ed alla Corte dei conti. Naturalmente la norma era ben vista da coloro che seguivano in ruolo le persone che avrebbero perduto il posto di funzione. Abilissimo, dunque, Matteo Renzi a giocare su questa rivalità per dividere diversamente interessati anche all’interno dell’Associazione Nazionale Magistrati.

Poi si è reso conto o gli hanno fatto capire, considerata la sua scarsa esperienza, che l’abolizione immediata dell’istituto del trattenimento in servizio avrebbe causato danni agli uffici giudiziari. Così, dopo aver in un primo tempo fissato al 31 ottobre 2014 l’applicazione della norma l’ha rinviata al 31 dicembre 2015. Successivamente, soltanto per la Corte dei conti, ha previsto una ulteriore proroga al 30 giugno 2016 sulla quale molti hanno malignato, considerato che il presidente al momento in carica sarebbe stato in ogni caso collocato in pensione ai primi di luglio.

Adesso si parla con insistenza di una ulteriore proroga e della determinazione al 72º anno di età, a regime, del termine del pensionamento.

Renzi, dunque, sfoglia i petali della margherita, rottamo, non rottamo, rottamo forse, dimostrando ancora scarsa conoscenza della situazione degli uffici giudiziari nei quali il carico di lavoro è spesso determinato da fattori estranei all’impegno professionale dei magistrati, che tra l’altro denunciano la più alta produttività accertata dall’osservatorio europeo sulla giustizia, quali le norme processuali della mancanza di personale di cancelleria e gli archivio.

Questa vicenda, dunque, in qualche modo si conclude. Rimane l’immagine di un Presidente del consiglio avventato, che si impegna in una vicenda che all’evidenza non conosce e che molto probabilmente gli è stata suggerita, sulla quale si intestardisce e che propone all’opinione pubblica come una soluzione diretta al ricambio generazionale, scelta anche condivisibile purché fosse stata disciplinata in modo adeguato all’esigenza, graduando le uscite e gli ingressi. Perché, se è evidente che il ricambio generazionale non si può fare contestualmente, uno esce e l’altro entra, considerati anche i tempi necessariamente non brevi delle procedure concorsuali, va sempre ricordato che l’operazione presta il fianco a critiche e in particolare al sospetto che essa sia stata immaginata per alcune persone scomode da togliere da alcuni uffici.

Concludendo, vorrei ricordare ai nostri attenti lettori che il tema della giustizia è troppo serio e complesso per essere affidato ad iniziative estemporanee ed avventate. E non sia considerata una presa di posizione preconcetta, perché il Presidente del consiglio ha dimostrato di non conoscere la materia quando ha insistito nel voler modificare la disciplina delle ferie dei magistrati facendo intendere ai cittadini che fossero superiori a quelle degli altri dipendenti pubblici e che giudici e pubblici ministeri fossero imputabili di scarso rendimento. Invece era chiaro che, per i magistrati addetti agli uffici giudiziari, erano di 15 giorni superiori a quelle riservate ai colleghi del ministero della giustizia (30 giorni) allo scopo di consentire ai giudici di redigere le sentenze e le ordinanze relative alle ultime udienze tenute prima delle ferie. Essendo evidentemente illogico e ingiusto pretendere che un giudice debba scrivere sentenze mentre è in vacanza.

Un’improvvisazione inaccettabile ovunque nel mondo.

26 agosto 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 9

Il neocentralismo e la mortificazione delle regioni

di Salvatore Sfrecola

 

Premetto che sono fortemente ostile all’istituto regionale in quanto considero quegli enti inutili e costosi. Avrei, dunque, abolito le regioni e seguito una indicazione del 1862 del Ministero dell’interno Marco Minghetti che propose la costituzione di “consorzi di province”, enti più vicini alla gente, espressione della cultura, dell’economia e dell’ambiente delle comunità dislocate su territori omogenei quanto meno sotto il profilo storico. Invece sono state soppresse le province.

Rimaste le regioni nondimeno va convenuto con il Comitato per il NO al referendum costituzionale che la riforma sostituisce nei rapporti Stato-regioni al pluralismo e alla sussidiarietà un esasperato centralismo destinato inevitabilmente a conflitti e, quindi, inefficienze. La stessa riforma del Titolo V della Costituzione, così come riscritta, tornando ad accentrare materie che, nel riordino effettuato nel 2001, erano state assegnate alle Regioni, matura l’eccesso opposto, ovvero un centralismo che non è funzionale all’efficienza complessiva del sistema (Ritorno al centralismo, La Repubblica, 16 maggio 2016, 9). Aumenterà la spesa statale, e quella regionale e locale, specie per il personale, non diminuirà. Colpiti, dunque, il pluralismo istituzionale e la sussidiarietà espressione della partecipazione dei cittadini all’attività pubblica, un retaggio della dottrina sociale della Chiesa, recepita nei Trattati dell’Unione europea e trasfusi nella Costituzione vigente all’art. 118.

Non basta, infatti, l’argomento del taglio dei costi, che più e meglio poteva perseguirsi con scelte diverse. Né basta l’intento dichiarato di costruire una più efficiente Repubblica delle autonomie, che è clamorosamente smentito dal farraginoso procedimento legislativo e da un rapporto Stato-Regioni che non valorizza per nulla il principio di responsabilità e determina solo un inefficiente e costoso neo-centralismo.

Intanto, come ha ricordato Roberta Calvano, ricercatore di Diritto costituzionale nell’Università di Roma, il fitto contenzioso nato all’indomani della riforma del 2001 a causa della previsione di competenze concorrenti fra stato e regioni è stato in gran parte superato dalla giurisprudenza della Corte costituzionale che, cito alla lettera, ha determinato un “assestamento che rendeva il sistema dei rapporti tra centro e periferia abbastanza stabile”. Semmai sono proprio le equivoche formulazioni utilizzate nella Renzi-Boschi che genereranno nuovo contenzioso. È d’altro canto ora di fare chiarezza: non tutte le regioni hanno governato male e per quanto riguarda molte regioni del Nord, ma anche del Centro, l’efficienza dei loro governi è senz’altro superiore a quella dello stato centrale. G. Valditara, Le ragioni del NO, cit.. Merita particolare attenzione in ordine alla gestione delle risorse da parte degli apparati regionali le ricerche citate nel testo, in particolare quella di Unimpresa, che ha rilevato come negli ultimi due anni il debito di comuni e regioni italiani sia calato di 15 miliardi, mentre quello delle amministrazioni centrali è salito di quasi 100 miliardi, a seguito dell’aumento delle spese, cresciute del 4%: il rosso degli enti locali è dunque diminuito del 14% mentre il debito delle amministrazioni centrali è salito del 5%, e quella di Scenari Economici oltre alle relazioni della Corte dei conti in tema di costi del personale.

Non è dunque un riaccentramento di competenze la strada corretta per una riduzione della spesa pubblica, ma l’attuazione di un sistema che responsabilizzi i territori premiando quelli virtuosi. Si favoleggiava anni addietro di federalismo fiscale perché i cittadini fossero vicini al decisore politico e ne controllassero le scelte in regime di risorse disponibili che, essendo sempre meno, esigono comportamenti virtuosi. Questo è il punto vero della questione italiana: ognuno deve essere responsabile di come usa le risorse pubbliche e i trasferimenti per esigenze di solidarietà e coesione nazionale devono essere finalizzati e vincolati per esigenze reali, concrete, trasparenti e quindi verificabili e verificate nella massima trasparenza.

La riforma, invece, trasforma le regioni in super province. Si mantengono intatti i loro costi e le loro burocrazie, ma si riducono grandemente le loro competenze, centralizzando anche materie di dettaglio come mai si è fatto in 70 anni di storia repubblicana. Tutto ripasserà dunque dai ministeri, creando peraltro alcune potenziali sovrapposizioni di ruoli fra stato e regioni. La riforma dà inoltre al governo e alla sua maggioranza parlamentare il potere di intervenire anche nelle residue competenze delle regioni laddove lo richiedano la “tutela dell’unità giuridica ed economica della repubblica” e “l’interesse nazionale”. Ciò non solo rischia di realizzare un centralismo mai visto prima, ma, siccome la definizione di “interesse nazionale” e di tutela delle esigenze unitarie non può essere discrezionalmente stabilita una volta per tutte dal governo (ché altrimenti sarebbe un grave vulnus alla democrazia), trattandosi di un concetto talmente fumoso “da autorizzare qualunque governo a immischiarsi in qualsiasi materia che anche la legge di revisione lascia ancora in mano alle Regioni” (M. Travaglio – S. Truzzi, Perché votare NO), è certo che si scatenerà un nuovo contenzioso dinanzi alla Corte costituzionale. Come, del resto ha scritto Valerio Onida constatando come l’autonomia legislativa delle Regioni venga praticamente ridotta a zero, senza nemmeno il beneficio di una maggiore chiarezza nel riparto di competenze. Si pensi, a questo riguardo, all’oscurità insita in norme come quelle che riservano alla competenza “esclusiva” dello Stato materie tipicamente regionali, quali il governo del territorio, ma limitandola al compito di dettare “disposizioni generali e comuni”. Che vuol dire “disposizioni generali e comuni”, al di là dell’ovvietà per cui le norme legislative sono “generali e astratte”, non contengono provvedimenti concreti e “valgono in tutto il territorio nazionale”, si è chiesto Valditara?

Senza contare i problemi che potranno determinarsi nel settore della sanità. Alle regioni spetteranno solo compiti di organizzazione dei servizi sanitari entro le norme generali e comuni fissate dallo Stato, che esse dovranno rispettare ed attuare. Se tutto questo si accompagna alla riforma Madia, che attribuisce al ministro la nomina dei vertici della sanità delle singole regioni, il loro ruolo è praticamente azzerato. Naturalmente un giudizio di merito è legato alla concezione centralista o articolata (più o meno federalista) dello Stato.

Prendiamo poi l’istruzione e la formazione professionale. Persino la Costituzione del 1948 le attribuivano alla competenza regionale, pur nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle leggi dello Stato. La riforma del 2001 ha assegnato formazione e istruzione professionale alla competenza esclusiva delle regioni. Adesso persino la formazione professionale passa alla competenza dello Stato centrale. Carlo Cattaneo, che nel 1838 definiva l’istruzione professionale pilastro dello sviluppo di un territorio, si rigirerà nella tomba. Tutto questo è compatibile con il principio fondamentale dell’autonomia scolpito nell’art. 5 della Costituzione? È lecito dubitarne. Torniamo allo stato ottocentesco, risorgimentale. Ma dov’è un Cavour?

Intanto, mentre gli italiani chiedevano la riduzione dei privilegi delle regioni a statuto speciale, si aumenta invece in modo del tutto sproporzionato e ingiustificato lo squilibrio fra regioni a statuto speciale a cui sono mantenute tutte le attuali prerogative e le regioni a statuto ordinario (S. Calzolaio, Quella ingiustificata e inutile asimmetria delle Regioni speciali, in Guida al Diritto, 34-35, 13 agosto 2016, 52).

Se, poi, le modifiche al Titolo V della Costituzione sono state immaginate per arginare una cattiva gestione dei fondi aumentando le competenze dello Stato centrale, Zagrebelsky si dice contrario perché servirebbe, piuttosto, limitare la potestà legislativa esclusiva dello Stato alle sole materie necessarie a tutelare e garantire l’omogenea applicazione delle fondamentali funzioni dello Stato nazionale, delegando alle Regioni l’autonomia legislativa su tutte le altre materie. Soltanto le amministrazioni più vicine ai cittadini possono comprendere appieno specifici bisogni e necessità della popolazione ed indirizzarvi in maniera razionale le risorse. Soltanto questa soluzione permette un vero risparmio sulla spesa pubblica. La Lega lo aveva già proposto nella devolution, in cui si prevedeva un vero federalismo fiscale basato su un modello di rifermento virtuoso di fabbisogni e costi applicato in tutto il territorio nazionale, senza dimenticare le specificità di ogni regione. Purtroppo i governi che ci hanno succeduto non hanno ancora compreso appieno le potenzialità di quella riforma, rimasta in parte inattuata, motivo per cui non ha potuto  dispiegare appieno i suoi effetti.

Quanto al superamento del bicameralismo perfetto in funzione del Senato delle autonomia un gruppo di costituzionalisti, tra i quali Antonio Baldassarre, Francesco Paolo Casavola, Enzo Cheli, Ugo De Siervo, Valerio Onida, in un documento “Sulla riforma costituzionale” (si può leggere integralmente in L. Mazzella nel suo Riflessioni varie sul referendum costituzionale, in La riforma costituzionale ai raggi X, 27-32), ritengono che l’obiettivo “sia stato perseguito in modo incoerente e sbagliato”. Infatti, “invece di dare a una seconda Camera che sia reale espressione delle istituzioni regionali, dotata dei poteri necessari per realizzare un vero dialogo e confronto fra rappresentanza nazionale e rappresentanze regionali sui temi che le coinvolgono, si è configurato un Senato estremamente indebolito, privo delle funzioni essenziali per realizzare un vero regionalismo cooperativo: esso non avrebbe infatti poteri effettivi nell’approvazione di molte delle leggi più rilevanti per l’assetto regionalistico, né funzioni che ne facciano un valido strumento di concertazione fra Stato e Regioni”. L’effetto che si ritiene ne derivi è quello di un “assetto regionale… fortemente indebolito attraverso un riparto di competenze che alle Regioni toglierebbe quasi ogni spazio di competenza legislativa, facendone organismi privi di reale autonomia, senza garantire adeguatamente i loro poteri e le loro responsabilità anche sul piano finanziario e fiscale (mentre si lascia intatto l’ordinamento delle sole Regioni speciali). Il dichiarato intento di ridurre il contenzioso tra Stato e Regioni  viene contraddetto perché non si è preso atto che le radici del contenzioso medesimo non si trovano nei criteri di ripartizione delle competenze per materia – che non possono no mai essere separate con un taglio netto – ma piuttosto nella mancanza di una coerente legislazione statale di attuazione: senza dire che il progetto da un lato pretende di eliminare le competenze concorrenti, dall’altro definisce in molte materie una competenza “esclusiva” dello Stati riferita però, ambiguamente, alle sole “disposizioni generali e comuni”

20 agosto 2016

 

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 8

Il pasticcio della nuova disciplina della legislazione

di Salvatore Sfrecola

 

Tanto per “semplificare”, parola chiave della narrazione renziana sulla legge di revisione costituzionale, l’articolo 70, che riguarda la legislazione, a leggerlo, anche a non essere raffinati giuristi, è un pasticcio difficilmente immaginabile. Una complicazione verbale e concettuale evidente: intanto il nuovo testo passa dalle 9 parole dell’attuale formulazione a ben 451 parole, mentre il nuovo procedimento legislativo, che oggi ha 4 variabili, prevede una serie di percorsi sui quali i costituzionalisti si interrogano, incerti se siano 8 o più, in relazione a possibili variabili non necessariamente d’obbligo. Infatti c’è chi ne conta 9 avvertendo che siamo di fronte “ad un numero di procedimenti non ben definito” per cui “ogni classificazione ha margini di discrezionalità elevati” (Emanuele Rossi, “Una Costituzione migliore? Contenuti e limiti della riforma costituzionale”, PISA University press, 2016, 83).

Procedimenti comunque da ripartire in due grandi classi: le leggi che seguono un procedimento bicamerale paritario, quelle che seguono un tipo monocamerale, con la competenza generale e finale della Camera dei deputati e la possibilità per il Senato di esaminare il testo approvato dalla Camera e deliberare proposte di modifica. Non finisce qui perché, come vedremo, vi sono altre variabili, anche solo eventuali, quelle numericamente incerte cui si è fatto cenno.

I fautori del SÌ spiegano che “i procedimenti legislativi vengono articolati in due modelli principali, a seconda che si tratti di revisione costituzionale o di leggi di attuazione dei congegni di raccordo fra Stato e autonomie, dove Camera e Senato approvano i testi su basi paritarie, mentre si prevede in generale una prevalenza della Camera politica, permettendo al Senato la possibilità di richiamare tutte le leggi, impedendo eventuali colpi di mano della maggioranza, ma lasciando comunque alla Camera l’ultima parola. La questione della complicazione del procedimento legislativo non va sopravvalutata, poiché non appare diversa la situazione di tutti gli Stati composti: in ogni caso, e di nuovo in continuità con le esperienze comparate, la riforma prevede la prevalenza della Camera politica”.

Non è una buona riforma. Innanzitutto è scritta malissimo, ridondante e in molti passaggi è di equivoca interpretazione. Ci sono incongruenze non solo lessicali e autentiche perle di cattiva legislazione, ma anche contraddizioni grossolane, con un risultato che “non appare del tutto convincente”, in particolare in relazione alla “proliferazioni di variazioni procedimentali”, anche se “potrebbe crearsi un meccanismo virtuoso nella prassi applicativa capace di migliorare il procedimento stesso” (Malaschini). Quel che si è sempre detto: la strada maestra era quella di operare sui regolamenti parlamentari. Senza bisogno di scomodare la Costituzione.

Insomma un pasticcio. Mutato profondamente il procedimento legislativo: la partecipazione paritaria delle due Camere (ma non si doveva abolire il Senato per tagliare i costi?) sarà circoscritta ad un numero limitato ma non irrilevante di leggi bicamerali (leggi costituzionali e leggi in materia di elezione del Senato, referendum popolare e ordinamento degli enti territoriali, “le forme e i termini della partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea”). E scusate se è poco, considerato che in materia amministrativa già oggi la normazione europea è fortemente invasiva. Per tutte le altre il Senato potrà solo proporre modifiche sulle quali la Camera si pronuncia in via definitiva. Ma se il Senato, con deliberazione, adottata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, richiede alla Camera di esamiare un disegno di legge, “la Camera dei deputati procede all’esame e si pronuncia entro il termine di sei mesi dalla data della deliberazione del Senato” (art. 71, comma 2). È introdotto il giudizio preventivo di costituzionalità sulle leggi elettorali delle Camere: è riconosciuta ad un terzo dei senatori o ad un quarto dei deputati la possibilità di sottoporre alla Corte Costituzionale le leggi elettorali prima della loro promulgazione. Un evidente pasticcio perché è da chiedersi se la decisione della Corte costituzionale in questo esame preventivo esclude o meno un eventuale giudizio di costituzionalità sollevato incidenter tantum da un giudice nel corso di un processo. Probabilmente l’intento è quello di escludere un giudizio di costituzionalità, quello, per intenderci, che ha messo fuori legge il Porcellum e ha all’esame l’Italicum.

L’iter di formazione delle leggi, come abbiam accennato, si complica: dall’unico oggi previsto saranno una decina le diverse modalità previste dalla riforma per  approvare una legge. È consistente il rischio di aumentare il contenzioso davanti alla Corte costituzionale. Saranno i Presidenti di Camera e Senato a risolvere i (prevedibilmente numerosi) casi controversi, ovvero se seguire l’uno o l’altro iter di formazione.

L’esame dei disegni di legge è avviato dalla Camera che, dopo l’approvazione, trasmette immediatamente il testo al Senato che, se decide di esaminarlo, può proporre modifiche al testo e la Camera può scegliere se accoglierle o meno. Le proposte di modifica riferite a progetti di legge in cui è prevista la “clausola di supremazia” (in ragione dell’interesse nazionale), adottate dal Senato a maggioranza assoluta, sono superabili dalla Camera solo con maggioranza assoluta. L’esame da parte del Senato dei disegni di legge in materia di bilancio e di quelli con cui è prevista la “clausola di supremazia” è necessario, ma i tempi del procedimento sono ridotti. Nel procedimento legislativo sono introdotti specifici termini per singole fasi: nella (spesso) eventuale o (raramente) necessaria fase senatoria i termini si riferiscono alla deliberazione se discutere o meno sul testo inviato dalla Camera e (in caso affermativo) a quello di approvazione delle modifiche (che possono non essere prese in considerazione dalla Camera). Anche per il procedimento di conversione dei decreti –legge se il Presidente della Repubblica chiede una nuova deliberazione alle Camere di un disegno di legge  di conversione di un decreto - legge, il termine per la conversione in legge è differito di ulteriori 30 giorni (60 + 30).

Introdotti alcuni vincoli alla decretazione d’urgenza - peraltro oggi già fissati dalle leggi ordinarie e dai principi elaborati dalla giurisprudenza costituzionale - la possibilità di ricorso al decreto-legge è espressamente esclusa per le leggi in materia costituzionale ed elettorale, le deleghe al Governo, l’autorizzazione alla ratifica di trattati internazionali, l’approvazione di bilanci e il ripristino di norme che la Corte costituzionale ha dichiarato illegittime. Una elencazione non necessaria. È già così, ma forse nessuno l’aveva detto alla Boschi.

Una perla è la possibilità data al Governo di chiedere il “voto a data certa” per assicurare una corsia preferenziale (votazione entro 70 giorni) ai disegni di legge essenziali per l’attuazione del suo programma, con l’esclusione di alcune tipologie di leggi (leggi ad approvazione paritaria di Camera e Senato, leggi in materia elettorale, leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali, leggi di concessione dell’amnistia e dell’indulto e legge che reca il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri per l’equilibrio di bilancio). Questo comporta che il Governo può chiedere alla Camera dei deputati di deliberare, entro 5 giorni dalla richiesta, che un disegno di legge sia iscritto con priorità all’ordine del giorno; il disegno di legge dovrà essere sottoposto alla pronuncia in via definitiva della Camera dei deputati entro il termine di 70 giorni; sono ridotti della metà i termini già esigui per la deliberazione di proposte di modificazione da parte del Senato. Ma poiché il termine finale può essere differito fino a 15 giorni, in relazione ai tempi di esame da parte della Commissione nonché alle complessità del disegno di legge”, l’approvazione da parte della sola Camera può arrivare a 90 giorni (tre mesi).

C’è da rimanere senza parole.

18 agosto 2016

 

 

 

Allarme in USA ed Europa per l’economia italiana.

Ma non c’entra l’ipotesi della vittoria del NO

di Salvatore Sfrecola

 

Molto risalto sui giornali italiani e sulle televisioni per alcuni articoli comparsi a Ferragosto su Wall Street Journal, New York Times, Financial Times e El Pais a commento dei dati ISTAT sulla crescita zero del secondo trimestre. La Repubblica, per la firma di Federico Rampini, dedica un paginone ai commenti formulati al di qua e al di là dell’Oceano, sui pericoli per l’Italia e per l’Europa se Renzi dovesse perdere, come si profila in molti sondaggi, la sfida del referendum sulla legge di revisione costituzionale e lasciare la guida del Governo. Dovizia di ipotesi su quanto sarebbe necessario per rimettere in moto la crescita e dubbi che ciò possa avvenire in caso di crisi politica e mancando gli strumenti di una accelerazione rimessa alle nuove procedure legislative previste dalla riforma costituzionale, incuranti tutti che i migliori costituzionalisti le abbiano bollate come confuse e pasticciate e niente affatto acceleratrici dell’iter delle leggi, in teoria e in pratica, avendo il premier portato a casa tutte le norme che voleva facendo violenza sulle Camere con reiterati ricorsi al voto di fiducia.

Venendo al pratico, a questi giornalisti della migliore stampa economica internazionale e della sinistra spagnola dovremmo fare alcune osservazioni. In primo luogo che il dottor Matteo Renzi governa indisturbato da oltre due anni e mezzo, avendo “rottamato”, secondo il suo eloquio elegante alti dirigenti dello Stato, magistrati e grand commis. Di più, ha presieduto, anche se praticamente nessuno ne ha potuto valutare le conseguenze, l’Unione europea, compito sul quale aveva, alla vigilia, manifestato intenzioni guerresche, prefigurando una serie di iniziative dirette a restituire smalto alle istituzioni europee e vantaggi per le economie, come la nostra, che hanno patito i rigori di Bruxelles. Non è accaduto niente di tutto questo ed oggi, ricordando che il Financial Times ha sostenuto che Renzi “deve ottenere libertà di manovra dall’Unione europea”, Rampini scrive che “molti osservatori ricordano che Bruxelles ha già dimostrato tolleranza verso la Francia, la Spagna e il Portogallo quando non hanno rispettato i vincoli di bilancio”. In queste parole sta la condanna, senza appello, del giovane premier di Rignano sull’Arno, sbarcato a Roma senza altra esperienza che quella di aver svolto funzioni di sindaco di una meravigliosa Città d’Arte con una popolazione inferiore al più piccolo dei municipi della Capitale, con molta spocchia, circondato di avventurosi uomini d’affari variamente vestiti e modestissimi compagni di governo.

Sta qui il problema italiano. Nella incapacità di un leader, che pure inizialmente è stato visto con qualche simpatia, di guardare lontano al di là degli slogan a volte gustosi, tipici del popolino toscano, per puntare alla crescita che non poteva, come forse immaginava, essere promossa dagli 80 euro erogati a pioggia e poi a carico di molti recuperati. L’Italia ha bisogno di altro, soprattutto ad iniziativa dell’autorità pubblica, in presenza di una classe imprenditoriale modesta, che oggi tramite Confindustria si schiera opportunisticamente con il SÌ, non rischia quasi mai in proprio, che ha una visione provinciale dell’economia che soffrirebbe ancora di più se non vi fossero alcuni imprenditori del settore manifatturiero e di quello che rappresenta l’eccellenza italiana a tirare la carretta e a battere i mercati esteri con grande determinazione.

Non temano per l’economia italiana Wall Street Journal, New York Times, Financial Times, El Pais e La Repubblica, ipotizzando una sconfitta di Renzi in Italia e in Europa. Non è questo il governo che serve al Paese, come ha dimostrato in due anni e mezzo ed oltre di permanenza a Palazzo Chigi, un periodo suggellato da una crescita zero prevista e prevedibile da tutti, tranne dai funzionari di via XX Settembre, indottrinati ed allineati.

17 agosto 2016

 

 

Italia crescita ZERO.

Renzi chiede flessibilità in Europa. E c’è da essere certi che cercherà di convincere Bruxelles e gli italiani che la merita per le riforme costituzionali che con la crescita non c’entrano

di Salvatore Sfrecola

 

Il piano è chiaro. Di fronte alla crisi economica, che secondo i dati ISTAT relativi al secondo trimestre del 2016, registra una crescita zero, il peggiore risultato in Europa, Renzi si appresta a chiedere maggiore flessibilità a Bruxelles sostendendo questa sua perorazione dicendo che sta facendo le riforme. Ma quali? Non quelle che ci chiedono da tempo realmente i nostri partners europei, della pubblica amministrazione, che strozza cittadini e imprese, della giustizia, che dissuade italiani e stranieri ad investire, del fisco, predatorio, che disincentiva i consumi. Per Renzi “le riforme” sono essenzialmente quella della Costituzione che con la crescita non ha niente a che fare, che non darà nessuna ulteriore opportunità all’Italia se non più potere al premier ed al suo partito. Che non c’è scritto ovviamente nella Carta fondamentale. Ma se vincesse alle prossime elezioni, avrebbe, in virtù del premio di maggioranza assicurato dall’Italicum (340 seggi alla Camera su 630 deputati), un potere senza precedenti, distorsivo delle regole democratiche che prevedono che gli istituti di garanzia, il Presidente della Repubblica, la Corte costituzionale ed il Consiglio Superiore della Magistratura siano eletti con il più ampio concorso parlamentare, cioè d’intesa con le minoranze, come è accaduto finora. Con quella maggioranza potrebbe nominarli da solo.

Renzi oggi fa di tutto, dopo aver sostenuto per mesi che il referendum era in realtà un plebiscito sulla sua politica (“se perdo me ne vado, lascio la politica”), per tenere distinto il governo e lui stesso dalla scelta sul referendum ed insiste che la legge elettorale non c’entra. Invece, come si è visto, “il sistema di voto è parte integrante dell’assetto istituzionale”, come ha osservato Gaetano Quagliariello, aggiungendo: “è difficile immaginare il sistema inglese o francese senza la rispettiva legge elettorale” (“Perché è saggio dire NO”, Rubettino, a pagina 31).

Un nuovo inganno, dunque, materia nella quale il premier è espertissimo da quando propina agli italiani ogni giorno, 24 ore su 24, considerati i notiziari notturni, una narrazione della sua azione politica che non corrisponde alla realtà di quello che il Paese può constatare facilmente. Un Paese bloccato, inondato di leggi inutili, tutte o quasi approvate con ricorso al voto di fiducia che mortifica il Parlamento, leggi che non fanno fare un passo avanti all’Italia che pure avrebbe bisogno di più flessibilità, non in Europa, ma qui, per intraprendere e, quindi, accrescere la produzione e l’occupazione e, quindi, i consumi.

Invece il Paese è ingessato a le scelte attuate sono deleterie. Un esempio per tutti? Proprio in questa stagione di vacanze viene da pensare alla tassazione delle seconde case, di cui si è anche parlato stamattina ad Omnibus, la trasmissione di approfondimento de La7, una tassazione che impoverisce quel patrimonio immobiliare, come dimostra la stasi delle transazioni, e confonde un bene, spesso modesto, lasciato in eredità da genitori e nonni, in un indice di ricchezza. Ho anche scritto altra volta che il deperimento del valore delle seconde case, molte delle quali abbandonate e trascurate anche nelle opere di manutenzione, danneggia l’economia locale. La danneggia, anche in conseguenza della volontà predatoria dei sindaci che si accaniscono su quel patrimonio immobiliare, perché disincentiva l’acquisto e la costruzione di nuovi immobili e le opere di manutenzione che impegnano mano d’opera locale, una delle poche occasioni di lavoro nelle piccole realtà al mare o ai monti nelle comunità che poco altro hanno da offrire. Ed anche dove ristorazione e artigianato reggono l’economia locale, la riduzione del numero dei vacanzieri interni danneggia certamente quelle comunità.

Un esempio tra i tanti che si potrebbero fare con riferimento ad una azione di governo della quale il premier si riempie la bocca mentre si vuotano le tasche degli italiani. I quali spesso, anche in passato, si invaghiscono di leader dalla parola dagli slogan facili fino a quando non ne pesano le concrete capacità di soddisfare le esigenze della comunità. Intanto gli unici che sono soddisfatti dell’azione governativa di Matteo Renzi sono i suoi amici e gli amici dei suoi amici, tutti accuratamente sistemati in posti di potere laddove il potere del premier consente di allocarli.

16 agosto 2016

 

 

 

Riflessioni a margine di un nuovo anglicismo

Job Posting,

il lavoro a portata di mouse

ovvero una selezione trasparente

di Salvatore Sfrecola

 

Leggo sul Il Fatto Quotidiano di ieri un trafiletto che parla del Job Posting, cioè del lavoro a portata di mouse, come spiega internet, che permette ai dipendenti di candidarsi direttamente per le posizioni lavorative vacanti interne ad una amministrazione, ad una azienda. “Un sistema di selezione trasparente”, richiamato dal giornale a proposito della vicenda della RAI tenuta, prima di procedere ad assunzioni esterne, a pubblicizzare tramite il suo circuito internet le cariche da occupare, in modo che coloro i quali ritengono di avere i requisiti richiesti possano farsi avanti e partecipare al bando. Un modo che permette di velocizzare i processi di selezione di nuovo personale e ai dipendenti di cogliere nuove opportunità di crescita.

Per la verità alcune amministrazioni già operano attraverso avvisi che segnalano i posti da coprire e i requisiti di professionalità richiesti. Si chiamano “interpelli”, pubblicizzati nei siti internet, modalità da estendere perché la pratica della previa indicazione dei posti da affidare non è così diffusa e non è così trasparente come dovrebbe essere, nonostante efficienza e rispetto delle persone e delle professionalità interne dovrebbe sempre consigliarla. Perché è assurdo e ingiusto, oltre che fonte di danno e di malessere interno, andare a ricercare una personalità esterna per ricoprire un posto in un ministero, in un ente o in una azienda ove quella professionalità esista all’interno della forza lavoro. Con effetti positivi, in quanto la scelta verrebbe a premiare le eccellenze interne (che sarebbero così stimolate) con l’effetto di mettere in campo immediatamente chi vanta un’esperienza specifica che non ha certo un esterno anche se dotato di un curriculum universitario e post universitario ed esperienze importanti.

Purtroppo la politica ha bisogno di sistemare i “suoi” uomini, incurante del fatto che i pubblici dipendenti e tutti coloro che operano all’interno delle pubbliche amministrazioni, sono “al servizio esclusivo della Nazione” (art. 98 Cost.) e non del partito al governo, del sindaco o assessore di turno. Per cui accade che l’interpello vada deserto nel senso che nessuno dei candidati viene ritenuto idoneo, così aprendo la strada a chiamate dirette, di interni o di esterni.

In sostanza troppo speso non c‘è trasparenza, parolina magica tanto evocata in Italia quanto poco praticata come regola dell’agire nelle amministrazioni e nelle aziende pubbliche. E qui mi piace ricordare un recente intervento di Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), in occasione di un convegno alla Corte dei conti proprio sugli illeciti, quando ha ricordato la risposta che gli aveva dato il Ministro della funzione pubblica del Regno di Svezia il quale, alla domanda di come contrastassero la corruzione in quel paese, gli aveva risposto “trasparenza totale”. Quando riusciremo in Italia a raggiungere un tale standard di comportamento?

Non posso chiudere, tuttavia, senza dire ai miei lettori che se la trasparenza è ovviamente importante e il job posting prezioso, l’espressione inglese è fastidiosa, come, in genere, l’uso delle parole straniere diffuso oltre ogni ragionevolezza, in particolare dai politici che dovrebbero dare il buon esempio e parlare italiano. Lo ha sottolineato anche l’Accademia della Crusca nel tentativo di frenare un po' l'anglomania italica frutto di un antico eccesso di provincialismo che per molti costituisce una esibizione stucchevole, a volte per confondere le idee, come fanno alcuni politici che ci inondano, in particolare dalla televisione, di Job act, spending review, et similia (è latino, e va bene) quasi che contratto di lavoro o revisione della spesa non siano idonei ad individuare il contenuto di leggi o di iniziative governative, che invece gli italiani capiscono benissimo. Anglicismi troppo numerosi che rischiano di mortificare una lingua, l’italiano, straordinariamente ricca di sostantivi ed aggettivi che tutto riescono a descrivere ed a valorizzare. Senza aggiungere che un uomo pubblico dovrebbe sentire il dovere di parlare un buon italiano mentre molti indulgono nell’uso del dialetto che con gli anglicismi realizza un misto perverso fastidiosissimo. Quando dovrebbero riservare il dialetto, che ha un suo valore, una sua storia ed una sua letteratura spesso pregevolissima, ai conversari privati. Un romano come me riconosce in Trilussa e Belli lo spirito dei quiriti, ironici e sbruffoni, quando si ricordano della propria grandiosa storia fatta di cultura politica e di straordinaria capacità di organizzare la vita civile attraverso infrastrutture ancora oggi ineguagliate, strade, acquedotti, fognature, dove si misura la civiltà di una società, un po’ meno quando trascurano o non s’indignano per un presente fatto di inefficienza, sprechi e sporcizia.

15 agosto 2016

 

 

Intollerabile malagestione che mortifica lo Stato

Il dovere del governo: restituire prestigio ai suoi funzionari

di Salvatore Sfrecola

 

Pressoché all’unanimità i giornali di ieri, a proposito del decreto legislativo sulla dirigenza pubblica esaminato dal Consiglio dei ministri hanno parlato di norme sulla valutazione e la licenziabilità degli alti funzionari dello Stato. Ed hanno attribuito il rinvio dell’approvazione al dissenso che sarebbe stato manifestato in varie ambienti, ministeriali e sindacali, in sostanza “alle resistenze dell’alta burocrazia ministeriale rispetto agli incarichi a termine ed al ruolo unico”. Così riassume le “voci” che si ricorrono Nuova Etica Pubblica che, al riguardo, “ribadisce le preoccupazioni già manifestate in occasione del varo della legge delega e torna ad affermare la necessità che il decreto contenga la previsione del diritto all’incarico. Ovvero, che ogni dirigente pubblico, alla cessazione dell’incarico rivestito, in assenza di una valutazione negativa sul suo operato ha diritto ad un nuovo incarico di importanza equivalente a quella del precedente, come previsto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro tuttora vigente”. Il presupposto è che vanno realizzate “valutazioni indipendenti, serie e perciò credibili” (Sergio Rizzo, Corriere della sera ). “Senza le quali, non può accadere che, nel gioco dell’assegnazione dei nuovi incarichi, un dirigente possa restare fuori e finire nel ruolo unico anche se il suo operato precedente non ha dato luogo a censure”.

La polemica sconta mali antichi che si trascinano, tra riforme e controriforme, lungo una strada inclinata che porta l’Italia lontano dalle democrazie nelle quali l’efficienza del settore pubblico è la regola, nel rispetto della legalità e della trasparenza. Stentano, infatti, i partiti ed i governi a comprendere che il perseguimento degli obiettivi contenuti nell’indirizzo politico, parlamentare e di governo, sono inevitabilmente affidati all’efficienza degli apparati pubblici i quali, per funzionarie secondo le aspettative, hanno bisogno di norme precise e facilmente percepibili, procedure che le rendano applicabili, e funzionari che “al servizio esclusivo della Nazione”, secondo l’articolo 98 della Costituzione siano dotati della occorrente professionalità.

Se analizziamo queste affermazioni alla luce della realtà lo scoramento è assicurato. Le leggi che disciplinano le materie attinenti all’esercizio delle funzioni pubbliche sono spesso inadeguate rispetto all’effettivo perseguimento degli obiettivi, in particolare per quanto concerne i tempi che sono un valore generalmente trascurato. Un valore per il sistema amministrativo, per i cittadini e le imprese che operano nelle professioni e nella produzione di beni e servizi, con inevitabili aggravi che incidono sull’economia e sui consumi. Queste situazioni di incertezza determinano spesso un contenzioso pesante e lungo in sede civile e amministrativa che costituisce esso stesso un costo e dissuade dall’intraprendere italiani e stranieri. La giustizia lenta, infatti, non è solamente quella civile. Spesso si ha la sensazione che si provochino i ritardi per evitare il soddisfacimento dei diritti.

In questa incertezza, che è essa stessa malamministrazione, si inseriscono comportamenti criminali nella gestione degli appalti, dalla fase di deliberazione a contrattare con la individuazione dei bandi di gara “non di rado” (è notoriamente un eufemismo) costruiti a misura delle caratteristiche dell’impresa che dovrà vincere l’appalto, in assenza di adeguati controlli in corso d’opera e finali, sulle opere e sulle forniture.

Tutto questo avviene molto spesso alla luce del sole perché funzionari ed amministratori sono in combutta tra loro, come dimostrano le cronache giudiziarie, che hanno messo in risalto decisioni amministrative anomale rese possibili dalla assenza di un potere politico capace di dare direttive e di controllarne la attuazione. A volte i funzionari operano di loro iniziativa, a volte sono sollecitati e costretti ad agire dai politici ai quali (l’aspetto negativo dello spoil system) devono la nomina, la conferma e la determinazione dell’ammontare del trattamento economico accessorio. In più gli incarichi di rappresentanza dell’amministrazione presso enti e aziende, posizioni di potere non indifferenti che, al di là di spesso lauti appannaggi, consentono di sistemare parenti e affini propri o del politico che, poi, mostrerà riconoscenza.

A questo punto è evidente che il punto nodale è l’indipendenza della dirigenza pubblica, perché sia effettivamente “al servizio esclusivo della Nazione” e non del politico di turno. Perché si realizzi questa elementare regola è necessario che i dirigenti, come tutti i pubblici dipendenti del resto, siano reclutati mediante concorso pubblico (e serio), come prescrive l’articolo 97, comma 3, della Costituzione, non con “riconoscimento” di mansioni svolte o selezioni addomesticate, per inserire nelle amministrazioni amici degli amici e clientes vari il cui unico merito è quello di aver operato da portaborse o da consulenti, nella migliore delle ipotesi, nelle segreterie di partito e di ministri e sottosegretari, sindaci e assessori, presidenti di regioni e via discorrendo. Questa gente non va inserita nelle pubbliche amministrazioni. Se utile alle esigenze dell’attività politica rimane a lato, per il tempo della durata dell’incarico politico cui accedono, con un trattamento economico predeterminato dalla legge in relazione alle professionalità ed ai titoli di studio. L’inserimento di queste persone nella pubblica amministrazione, molto spesso incompetenti, privi di esperienza quanto arroganti, è stata causa di gravi disfunzioni, a cominciare dalla mortificazione del personale di carriera che, ovviamente, si defila quando non rema contro. Questa prassi deve assolutamente finire per restituire al pubblico dipendente quel prestigio del quale deve essere circondato in uno stato di diritto.

Da ultimo deve essere chiaro che il pubblico dipendente il quale è un professionista che spesso ha scelto di operare in una pubblica amministrazione, civile o militare, per il desiderio di prestare servizio allo Stato per tradizioni familiari od altro deve essere remunerato secondo quanto richiede la sua professionalità ed il suo impegno. Vale per tutti, dal più piccolo al più grande. A cominciare dai docenti di ogni ordine e grado, perché nella scuola si formano i cittadini ed i professionisti di domani. La scuola è un investimento per uno stato serio, un investimento che deve consentire la selezione dei migliori ed il loro continuo aggiornamento. Un docente che, di fronte ad un libro del costo di trenta o quaranta euro che consentirebbe un importante aggiornamento della sua cultura, da riversare ai suoi studenti, rinuncia perché non può permetterselo è un delitto contro la società.

I lettori troveranno in queste mie riflessioni un impegno ed una passione che è tratta dall’esperienza, da quel che ho visto nelle amministrazioni dove ho svolto funzioni di consulente ministeriale, in quelle che ho controllato o sulle quali ho indagato per accertare la responsabilità di danni erariali spesso assai rilevanti. È anche la ribellione di un cittadino di fronte all’inconsistenza di una classe politica che da troppo tempo trascura i veri problemi di un Paese che, infatti, non cresce, anche per la pesantezza assurda e inutile dei suoi apparati, per la mancanza di prospettive offerte ai suoi giovani che devono andare all’estero per ottenere il giusto apprezzamento di una professionalità raggiunta sui banchi di una scuola che mantiene, grazie al sacrificio di molti docenti, una sua dignità, nonostante le ripetute “riforme” ne abbiano alterato i caratteri e la capacità di approfondimento in una rincorsa assurda a togliere o ridurre insegnamenti, a volte per sembrare più “moderni” per inseguire esperienze, o presunte tali, di paesi che, invece, apprezzano la nostra cultura di base e specialistica, come dimostra il successo dei nostri “cervelli in fuga” ovunque nel mondo.

13 agosto 2016

 

 

Capi dello stato o capi di un partito?

di Domenico Giglio

 

Barak Obama è stato eletto Presidente degli Stati Uniti quale candidato del Partito Democratico, ed è logico che speri che anche il prossimo presidente provenga dal suo partito, ma è in ogni caso rappresentante di tutti i cittadini statunitensi siano essi democratici o repubblicani o di qualsiasi altra ideologia o che non ne abbiano nessuna. E infatti dopo ogni elezione il candidato vincente dichiara che vuole essere il presidente di “tutti”, specie perché in tutte queste elezioni le maggioranze sono sempre minime ed in questi stati, non solo gli USA, ma anche la Francia e recentissimamente l’Austria, l’elettorato appare diviso a metà, specie dopo campagne elettorali sempre più costose, come negli USA, e sempre più violente e volgari nel linguaggio e nei metodi. Ora nelle recente Convention del partito democratico che ha visto la nomina a candidato ufficiale del partito della signora Hillary Rhodam, maritata Clinton, il presidente Obama non si è limitato ad inviare un messaggio di saluto, ma ha prima mandato come oratrice e sostenitrice della Hillary, la propria consorte, che non ha nessuna carica, ma solo il merito di essere la moglie del presidente, e poi è pesantemente intervenuto personalmente a favore della candidata senza che questo intervento di parte, cioè “partigiano”, suscitasse sdegno o scandalo. A questo punto mi sembra necessario ed opportuno un riscontro: sono veramente capi e rappresentanti di tutti i cittadini questi eletti? Anche nel caso che invece di repubblica presidenziale si tratti di repubblica dove l’elezione avvenga indirettamente con il voto dei deputati o altri delegati non è sempre eletto l’esponente di un partito o di uno schieramento politico più o meno ampio, che non dimentica né la sua origine né chi lo ha proposto e sorretto?. E tutto questo in entrambi casi porta poi a nomine negli organismi statali da parte degli eletti non certo per meriti obiettivi, ma di parte, e dove, specie negli USA importanti incarichi, ad esempio, di ambasciatori vengono assegnati come compenso per l’appoggio dato al candidato, risultato vincente, quando invece sarebbe necessario personale appositamente istruito e competente, come è stato, ad esempio, senza falsi orgogli nella ultracentenaria storia d’Italia. Ben diversa infatti è la figura, il ruolo ed il significato degli ultimi, purtroppo non numerosi Sovrani, che invece rappresentano l’unità del popolo e dello stato, nella sua storia e nelle sue tradizioni, e che esercitano questo ruolo “super partes”, in virtù del principio ereditario che fa dire “è morto il Re, o la Regina, viva il Re o la Regina”, perché se negli USA l’eventuale successo della signora Clinton, significherebbe essere la stessa prima donna, dal 1789 e dopo 44 presidenti, ad assurgere al ruolo presidenziale, nelle monarchie le donne “regine”, esistono da migliaia di anni dalla mitica Didone, alla storica Zenobia, per non parlare di Elisabetta I e della Elisabetta II, che nel suo lungo regno ha visto l’alternarsi di decine di primi ministri conservatori e laburisti!

Quando abbiamo scritto “purtroppo”, al numero ridotto di monarchie oggi esistenti, pensavamo a tutti gli stati in Europa ed in altre parti del mondo, dove la caduta di questa istituzione millenaria non ha visto seguire nessun miglioramento nella vita dei popoli, cominciando dall’impero russo che si stava aprendo alle istituzioni parlamentari ed è stato sostituito sanguinosamente dal regime comunista, ai regni balcanici, Jugoslavia, Bulgaria e Romania, che nel 1945 subirono la stessa sorte, ed ora restituiti alla libertà, pur rimanendo repubbliche, hanno accolto con tutti gli onori gli esponenti delle dinastie, regnanti a suo tempo, restituendo alle stesse i beni confiscati, ed onorando i loro rappresentanti, sia vivi che morti, e, caso Bulgaria e Romania, rimettendo la corona nello stemma statale, e se non è avvenuta una restaurazione, la stessa non è escluso possa avvenire in futuro, perché in questi paesi non esiste nella loro costituzione l’articolo 139! Non parliamo poi delle monarchie extra europee, dalla Libia del Senusso, cui seguì Gheddafi e l’attuale caos, l’Egitto di Farouk, cui seguirono la dittatura nasseriana e l’attuale di Al Sissi, l’Iran che dallo Scià passò a Komeini, poi Kamenei, all’Irak dove la dinastia fu massacrata, per poi avere i Kassem, Saddam Hussein e l’attuale caos, come infine accaduto nello Yemen! L’unico paese, l’impero ottomano, dove il regime susseguito, la repubblica laica turca di Kemal Pascià, Ataturk, aveva costituito un indubbio progresso civile, economico e sociale, dopo la morte del suo fondatore, non ha certo visto ulteriori miglioramenti!

Considerazioni tutte che non trovano spazio nella pubblicistica e nella stampa attuale, mentre invece andrebbero approfondite, perché se la storia è maestra di vita, cancellarla impedisce la vera crescita culturale e politica dei popoli, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

12 agosto 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 7

I rischi di un premierato assoluto

di Salvatore Sfrecola

 

Revisione costituzionale e riforma elettorale spianano la strada a quello che per i contestatori della riforma è un autentico “mostro giuridico” che travolge i principi supremi della Costituzione e della democrazia parlamentare. “In effetti l’impostazione di fondo che c’è dietro questo progetto di grande riforma (comprensivo della riforma elettorale) – ha detto il Professore Domenico Gallo nella sua introduzione all’atto della presentazione del Comitato per il NO -, non è quello della revisione della Costituzione, ma del suo superamento, cioè dell’abbandono del progetto di democrazia costituzionale prefigurato dai padri costituenti per entrare in un nuovo territorio, dove le decisioni sono più “semplici”, perché, per legge, il governo è attribuito ad un unico partito, sciolto dagli impacci di dover mediare con partiti e partitini di una coalizione; dove il Parlamento è ridotto ad un’unica Camera (che legifera e dà la fiducia, mentre l’altra Camera, il Senato, ha un ruolo sostanzialmente decorativo), sottoposta ad un ferreo controllo da parte del Governo del partito unico, al quale la legge elettorale garantisce una maggioranza assicurata e la riforma costituzionale garantisce il controllo dell’agenda dei lavori parlamentari, dove le istituzioni di garanzia (Presidente della Repubblica, Corte costituzionale) sono deboli e non possono interferire con l’esercizio dei poteri di governo che, invece, sono “forti””.

Aggiungendo di ritenere “sempre valide le considerazioni di Raniero La Valle in occasione della riforma Berlusconi del 2005: “Cadute le linee di difesa del patto costituzionale, venuti meno i pastori posti a presidio dei cittadini, il popolo rimane ora l’ultimo depositario della legittimità costituzionale e l’ultima risorsa, l’ultima istanza in grado di salvare la democrazia rappresentativa nel nostro paese. Esso non dovrà semplicemente “difendere” la Costituzione del 48, ma dovrà instaurarla di nuovo. Non dovrà solo sottrarla all’oscuramento cui oggi è condannata, ma riscoprirla ed illuminarla come mai ha fatto finora”.

Le considerazioni ulteriori sono molto dure: “solamente la cancellazione della memoria può consentire di far passare come innovazione delle riforme istituzionali che tendono a restaurare forme di potere autocratico superate dalla storia. Soltanto attraverso la cancellazione della memoria si può far passare per innovativa una legge elettorale che restaura gli stessi meccanismi manipolatori della legge Acerbo”. Per chi ha studiato poco la storia o ha scarsa memoria il riferimento è alla legge che consentì a Mussolini di dilagare nelle elezioni alla Camera dei deputati nel 1924.

È la preoccupazione di Gustavo Zagrebelsky. Per il presidente emerito della Corte costituzionale, uno dei massimi giuristi del diritto pubblico, la riforma del Senato sommata all’Italicum (legge elettorale della Camera) “realizza il sogno di ogni oligarchia: umiliare la politica a favore delle tecnocrazie” (Il mio No per evitare una democrazia svuotata, La Repubblica, 19 gennaio 2016).

L’Italicum, infatti, aggiunge all’azzeramento della rappresentatività del Senato e al centralismo che depotenzia il pluralismo istituzionale, l’indebolimento radicale della rappresentatività della Camera dei deputati. In particolare, il premio di maggioranza alla singola lista consegna la Camera nelle mani del leader del partito vincente — anche con pochi voti (minoranza dell’elettorato e ancor più minoranza in relazione agli aventi diritto al voto) — nella competizione elettorale, secondo il modello dell’“uomo solo al comando”, come indicato nel dibattito politico giornalistico. Ne derivano effetti collaterali negativi anche per il sistema di checks and balances. Ne risente infatti l’elezione del Capo dello Stato, dei componenti della Corte costituzionale, del Consiglio Superiore della Magistratura. E ne esce indebolita la stessa Costituzione. Il sistema complessivo dei bilanciamenti, ovvero di quei pesi e contrappesi necessari per garantire l’equilibrio politico istituzionale tra poteri, e tra le diverse forze politiche in campo, è ordinato a piena garanzia del popolo sovrano. In sostanza un rischio evidente per la democrazia, un cambiamento surrettizio della forma di governo che rapidamente porterebbe ad una sorta di “Premierato assoluto” denunciato senza mezzi termini di Michele Ainis (Nella riforma di Renzi c’è un pericolo nascosto, L’Espresso, 5 ottobre 2015). Un modello che, come sottolineato da molti osservatori, potrebbe avere effetti preoccupanti. In proposito vale la pena di sottolineare che, nella sentenza che ha giudicato illegittima la legge elettorale, la Corte costituzionale ha chiaramente sottolineato che le ragioni della governabilità non devono comunque prevalere su quelle della rappresentatività. In particolare, il fatto che il nuovo sistema conceda il premio di maggioranza ad una sola lista, e che la Camera, con i suoi 630 deputati, possa senza difficoltà decidere, a maggioranza, in merito a tutte o quasi tutte le cariche istituzionali. Per questo motivo, si sostiene, il Premier ha ridotto i senatori ma lasciato un numero abnorme di deputati, superiore a quelli di ogni altra democrazia occidentale, compresi gli Stati Uniti d’America che, con una popolazione di oltre 381 milioni di abitanti, hanno 435 deputati. Lì, secondo i critici, sta la prova della strumentalità della scelta “riformatrice”.

La nuova legge elettorale, inoltre, mantiene un numero rilevante di nominati dai partiti (i “capilista” almeno 100 deputati, ma potenzialmente di più) e garantisce un notevole premio in seggi ad una lista che al primo turno potrebbe aver ottenuto solamente il 30% (o meno) dei voti. Con il 30% al primo turno, una lista che si affermi al ballottaggio, può dunque avere ben 340 seggi, vale a dire il 54% del plenum dell’Assemblea di Montecitorio.

11 agosto 2016

 

 

Col referendum il Premier non si può sottrarre ad un voto sulla sua persona: la riforma costituzionale e l’Italicum se li è intestati lui e sono intimamente connessi (e già che ci sono gli italiani giudicheranno anche l’azione del governo)

di Salvatore Sfrecola

 

Va riconosciuto a Renzi, almeno all’inizio della campagna referendaria, un tratto di onestà intellettuale quando ha invitato a votare SÌ perché il prevalere del NO avrebbe significato la bocciatura della sua iniziativa politica per cui si sarebbe ritirato dalla vita politica. Così riconoscendo, avendo proposto la riforma costituzionale e quella della legge elettorale (l’Italicum), che l’insuccesso nel referendum avrebbe bocciato più che le leggi la sua politica. Infatti revisione della Carta fondamentale e nuova legge elettorale, intimamente connesse, costituiscono elementi di un piano complessivo diretto all’occupazione solitaria del potere.

Il Segretario del Partito Democratico voleva la revisione della Costituzione e la nuova legge elettorale. Certamente legittima aspirazione di un politico. Sennonché è antica tradizione che il Governo non assuma quelle iniziative che, come si dice, “appartengono al Parlamento”. Piero Calamandrei, che il Premier cita frequentemente, era stato esplicito: quando si discute di Costituzione i banchi del governo devono rimanere vuoti. Avrebbe potuto affidare l’iniziativa legislativa in entrambi i casi a parlamentari del suo partito, solitamente i Presidenti dei Gruppi parlamentari. Invece ha voluto intestarsi queste iniziative e, pertanto, deve essere pronto a subirne le conseguenze. Anzi il giudizio, che sarà inevitabilmente su di lui, riguarderà anche la sua politica, essendo evidente che, essendo fortemente criticato sulla politica complessiva del governo, come si deduce da alcuni sondaggi, per la mancata riduzione delle imposte, l’inadeguatezza della azione governativa per la crescita e l’occupazione, la politica dell’immigrazione, l’inesistenza dell’Italia negli scenari dell’Unione Europea, tanto per fare qualche esempio, gli italiani lo riterranno anche inadeguato a modificare la Carta fondamentale dello Stato, tra l’altro portata avanti con forzature che attestano la sua propensione a prevaricare gli oppositori interni ed esterni senza mai accettare confronti. E si amplierà la platea di quanti ritengono che, in realtà, il Presidente-comunicatore sia un missus di poteri che non stanno nei partiti né in Parlamento.

Renzi si è accorto del pericolo e, già da alcune settimane ed ancora ieri in occasione di una Festa dell’Unità, ha voluto separare il giudizio sul governo da quello sul referendum e e sull’Italicum ribadendo che la riforma costituzionale e la legge elettorale non sono collegate. E qui sbaglia perché è evidente che gli effetti del voto, così come sarebbero determinati dalle regole dell’Italicum, avrebbero conseguenze pesanti sulla stessa forma di governo quale conseguenza del potere incontrollato che una minoranza avrebbe in ragione del premio “di maggioranza” che assicurerebbe al partito che risultasse vincitore, per aver ottenuto il 40% dei voti o se prevalesse nel ballottaggio, di eleggere il Presidente della Repubblica, i Giudici costituzionali e i componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura. Va detto, al riguardo, che il quoziente attribuito in sede di ballottaggio, è rapportato agli elettori che potrebbero diminuire rispetto al primo turno in ragione dell’assenteismo spesso determinato dall’assenza di partiti che erano stati votati nel primo confronto.

Renzi dice che non cambia nulla nella forma di governo. Non è vero. Questa capacità di scegliere legittimamente, in forza della sua maggioranza, il Capo dello Stato e i giudici Costituzionali altera l’equilibrio dei poteri. Lo si è visto con l’impegno profuso da Napolitano, molto al di là del ruolo che tradizionalmente hanno rivestito i capi dello Stato che ha indicato a Renzi la riforma nei sui dettagli, l’ha difesa e la difende strenuamente definendola la sua “eredità”. Contemporaneamente il Presidente del Consiglio, ricorrendo in continuazione alle mozioni di fiducia nel corso della discussione di importanti provvedimento legislativi (compresa la legge elettorale) ha mortificato il ruolo delle Camere costrette a votare senza la possibilità di vedere discussi emendamenti parlamentari, di fatto incidendo su una delle caratteristiche del nostro Stato, la natura parlamentare, nel senso che la sovranità che, ai sensi dell’art. 1, “appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione” viene di fatto trasferita all’Esecutivo. Quella sovranità il popolo la esercita in maniera diretta, con le elezioni ed il referendum, e indiretta, attraverso i suoi rappresentanti. Ed è evidente che se i Rappresentanti del popolo subiscono gravi limitazioni nell’esercizio delle loro funzioni parlamentari, quello di votare le leggi, si incide su uno dei requisiti fondamentali della Repubblica parlamentare. Aggiungo, in un clima di intolleranza come dimostrato dalla iniziativa del Ministro Boschi che ha criticato pesantemente chi fa propaganda per il NO perché in tal modo “non rispetta il lavoro fatto dal Parlamento”. In nessun paese democratico un ministro avrebbe osato tanto. E se lo avesse fatto sarebbe stato garbatamente invitato a dimettersi.

Gli italiani, dunque, giudicheranno Renzi e la sua politica. Anche sotto un altro aspetto. Ritenere che i limiti della politica vadano ricercati nella Costituzione è un abuso della credulità dei nostri concittadini i quali sanno bene che vantaggi e svantaggi li subiscono per leggi inadeguate, per una burocrazia che applica regole superate, per una classe politica e di governo estremamente modesta. E qui un ruolo lo ha la televisione che porta alla ribalta personaggi della politica che meglio potrebbero svolgere altre funzioni. Un tempo si diceva “braccia sottratte all’agricoltura”. Un po’ offensivo per la nobilissima professione dell’agricoltore. Ma rende bene l’idea. È gente che dovrebbe fare un altro mestiere.

10 agosto 2016

 

 

 

Segnali preoccupanti di intolleranza

Il Ministro Boschi disprezza l’elettorato che vota NO

di Salvatore Sfrecola

 

“Chi propone di votare no al referendum e buttare via due anni di lavoro in Parlamento, vuol dire che non rispetta il lavoro fatto dal Parlamento”. Lo ha detto il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, alla presentazione della rivista 'Strade' dedicata alle ragioni del Sì per il referendum costituzionale. Il Ministro, infatti, ha sottolineato che in Parlamento “c'è stato un dibattito vero” e che la riforma è stata “votata democraticamente. Noi - ha sottolineato - abbiamo scelto di rispettare l'art. 138 della Costituzione e non abbiamo scelto strade alternative, gruppi ristretti o assemblee costituenti”, mettendo anche in evidenza che “i parlamentari hanno votato 120 modifiche rispetto al testo portato dal governo. Ora con i referendum - ha ricordato - questa scelta del Parlamento può essere votata dai cittadini. Siamo tutti noi a dire Sì o No al cambiamento che stiamo proponendo al Paese”.

“Stavolta credo che potremo riuscire a cambiare passo con il Sì al referendum. L'appello fatto dal governo è per un voto che riguarda il futuro del Paese. Non per i prossimi sei mesi ma per i prossimi trent'anni”, ha proseguito il ministro. “A prescindere dalla simpatia o dall'antipatia che si può avere per questo governo - ha aggiunto - si tratta di un voto per la democrazia e per le prossime generazioni del nostro Paese. Mi auguro che nel 2026 non si debba ancora discutere dell'ennesimo tentativo non andato a buon fine”.

“Non è la riforma ideale ma per i suoi pregi è positiva e fa fare passi avanti al Paese”, ha ammesso. “Inoltre - ha spiegato - incide anche economicamente, può essere la base per lo sviluppo del Paese e per il miglioramento dei nostri conti. E non solo per i risparmi che oggettivamente ci sono, 500 milioni di risparmio ogni anno come dice la Ragioneria dello Stato”.

Ho voluto riportare integralmente il passo di huffingtonpost.it con la sola eccezione del termine “ministra”, che a me non piace, per dar conto di una impostazione che, sulla bocca di un membro del governo, dimostra ignoranza ed intolleranza gravissime per le regole della democrazia. Ignoranza perché una persona laureata in giurisprudenza dovrebbe sapere che il referendum in tutte le sue forme è espressione di democrazia diretta con la quale le costituzioni attuano una forma di controllo, affidata al popolo, delle decisioni assunte in Parlamento dai rappresentanti di quello stesso popolo. In sostanza il referendum è teso a verificare l’esistenza dell’assonanza tra popolo e parlamentari. È, pertanto, uno strumento di democrazia nei confronti del quale occorre rispetto, il massimo rispetto.

È, dunque, il Ministro Boschi a mancare di rispetto nei confronti degli italiani chiamati dalla Costituzione a votare. Una mancanza di rispetto intollerabile.

Ma vi è di più, come dicono gli avvocati quando in una memoria di costituzione in giudizio vogliono insistere su un concetto che ritengono dimostri la validità della loro tesi. Quella legge di revisione costituzionale è stata votata non “con larga maggioranza”, come sostengono i documenti del comitato per il SÌ, perché si può definire “larga” solamente “se la legge è approvata nella seconda votazione di ciascuna delle Camere a maggioranza dei due terzi dei suoi componenti”, come si legge nell’art. 138, comma 3, della Costituzione. Quindi non solamente una questione di diritto, perché è evidente che un’uscita come quella del Ministro Boschi, incompatibile con un ruolo istituzionale, è anche la dimostrazione che la tensione sale e salgono le preoccupazioni per le previsioni non proprio favorevoli alla scelta del SÌ raccolte dagli istituti di rilevazioni demoscopiche.

In ogni caso sarebbe auspicabile un intervento del Presidente della Repubblica perché la campagna referendaria, pur nella naturale vivacità del dibattito e delle polemiche che lo accompagneranno, mantenga comunque rispetto per le persone e per le istituzioni.

9 agosto 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 6

Quel bicameralismo presunta fonte di tutti i mali. Non è così ma pare vero

di Salvatore Sfrecola

 

Il superamento del bicameralismo paritario (o perfetto o più-che-perfetto per dirla con Giovanni Pitruzzella) è il pezzo forte della riforma costituzionale targata Renzi-Boschi. È sulla bocca di tutti. A giudizio dei fautori del SÌ “viene superato l’anacronistico bicameralismo paritario indifferenziato, con la previsione di un rapporto fiduciario esclusivo fra Camera dei deputati e Governo. Pregio principale della riforma, il nuovo Senato delinea un modello di rappresentanza al centro delle istituzioni locali. È l’unica ragione che oggi possa giustificare la presenza di due Camere. Ed è una soluzione coerente col ridisegno dei rapporti fra Stato-Regioni. Ne trarrà vantaggio sia il rapporto fiduciario fra Governo e Parlamento, che rimane in capo alla sola Camera dei deputati, superando così i problemi derivanti da sistemi elettorali diversi, sia l’iter di approvazione delle leggi”. Sarebbe così, favorita la governabilità  attraverso lo snellimento delle procedure legislative. Inoltre si avrebbero significativi risparmi nei costi della politica.

Molte parole che, come vedremo più avanti, non corrispondono alle aspettative.

Tra i fautori del SÌ il Professore Ceccanti, che ha lavorato al testo della riforma, richiama Costantino Mortati che considerava il Senato un inutile doppione della Camera e sottolinea come la nuova legge costituzionale lo valorizzi, visto che gli sono attribuite funzioni differenziate. “Ci sono due Camere con un ruolo diverso. In questi anni – considerate le difficoltà decisionali del Parlamento – sono stati trovati dei bypass cardiaci che hanno spostato una serie di poteri sul Governo, a cominciare dall’uso della decretazione d’urgenza. La riforma della Costituzione mira a risolvere le cause che hanno determinato questo bypass cardiaco e cerca di far funzionare la circolazione sanguigna in modo normale. Per un verso, dunque, pone alcuni limiti ai decreti per ricondurli a una dimensione fisiologica mentre, dall’altro lato, garantisce tempi certi alle iniziative legislative del governo, in modo tale che non sia costretto a fare i decreti ma faccia i disegni di legge”. Per la verità la letteratura scientifica è ricca di esempi quanto all’uso improprio, più esattamente all’abuso, dei decreti legge, reiterati più volte ancora agli inizi degli anni Novanta, prima che la Corte costituzionale fermasse questo scempio dell’art. 77 della Costituzione.

Tra chi è sceso in campo per il SÌ, l’ex Presidente del Consiglio e attuale giudice della Corte Costituzionale, Giuliano Amato, intervenuto in un dibattito promosso da Formiche.it. L’esigenza, per così dire storica, di riformare la seconda parte della Costituzione è da lui pienamente condivisa: “Personalmente, ne scrissi la prima volta 40 anni fa”, ha esordito, considerando comunque positivo il semplice fatto che in Italia “ci sia una riforma costituzionale approvata e da discutere nel merito”. Da parte dei cittadini? Un azzardo logico, considerata la difficoltà di interpretare le norme e di comprenderne gli effetti. Naturalmente le opinioni di Amato hanno tutta l’autorevolezza del personaggio ma la considerazione che si viva in un sistema in cui “il governo non è così forte e il Parlamento, invece, troppo debole” va certamente corretta, restituendo alla politica, non alle istituzioni, la responsabilità della attuale, insufficiente conduzione della cosa pubblica. È la politica ad essere debole sul piano professionale ed, assai spesso, etico. L’esperienza ci presenta, infatti, partiti assai poco coesi anche sui temi di maggiore rilevanza, ideologicamente modesti, rissosi al loro interno, con un personale dotato di scarsa esperienza e qualificazione professionale facilmente guidato da lobby e interessi vari, come dimostra la cronaca, anche giudiziaria che i nostri lettori conoscono bene. Per cui se è certo utile, come si dice da anni nelle sedi più qualificate, della politica e della cultura costituzionalista, superare il bicameralismo perfetto, nel quale Camera e Senato svolgono esattamente le stesse funzioni, attribuire all’attuale legge di revisione la soluzione di tutti i problemi appare indubbiamente eccessivo. A meno che non ci si riferisca agli effetti, contestati, della nuova legge elettorale.

La decisione che solo Montecitorio voti la fiducia al governo secondo Amato “rafforzerà l’esecutivo ma non indebolirà necessariamente il Parlamento. Infatti, la previsione di una Camera “verso la quale il Governo non può porre la questione di fiducia, non è detto che non costituisca un limite per il governo stesso”. Riesce difficile comprendere come.

Altra novità fondamentale, introdotta dalla riforma, è la modifica dei rapporti tra Stato e regioni. Le autonomie saranno rappresentate nel nuovo Senato in cui troveranno posto i consiglieri regionali e i sindaci delle principali città italiane. “Sono sempre stato favorevole ad avere nella legislazione nazionale il punto di vista delle regioni”, ha commentato Amato. Sulla nuova ripartizione di competenze – con molte materie che torneranno ad essere di potestà legislativa esclusiva dello Stato – l’ex premier ha fatto chiaramente intendere tutti i limiti del sistema attuale. Il problema principale – come si osserva da più parti – è l’elevatissimo contenzioso cui l’attuale distribuzione delle competenze ha dato luogo.

Vista da Sabino Cassese, amministrativista, la riforma del bicameralismo è attuata in forma di un “monocameralismo temperato”. L’ex giudice della Corte Costituzionale – per sottolinearne i pregi – parte dai primissimi esempi di democrazia in Inghilterra, passa attraverso Montesequieu e De Tocqueville e giunge fino ai giorni nostri. Un affresco storico-giuridico che Cassese delinea per arrivare al suo commento sulla riforma voluta dal Governo. “Le vere funzioni del bicameralismo si sono esaurite”, ma non ha spiegato. L’unica esigenza che permane – un po’ sul modello americano – è quella di dare voce a livello nazionale alle regioni, che altrimenti manterrebbero una “rappresentanza amministrativa e non costituzionale”. Non è poco, ma è dubbio che i consiglieri regionali, messo il cappello del senatore, possano parlare in rappresentanza dell’ente di provenienza. Né del relativo corpo elettorale non essendo eletti.

L’obiettivo della riforma del bicameralismo è “condivisibile” dai fautori del NO e sarebbe anche condiviso sennonché, come attuato, “si rischia di creare disfunzioni istituzionali”. Le critiche si concentrano sulle competenze del Senato. In quanto il superamento del bicameralismo è stato perseguito “in modo incoerente e sbagliato” e si è configurata “una pluralità di procedimenti legislativi differenziati”, “con rischi di incertezze e di conflitti”.

Per Zagrebelsky “il Senato è un dettaglio, o un’esca. Meglio se lo avessero abolito del tutto. È all’insieme che bisogna guardare. Rispetto ai mali che tutti denunciamo (rappresentanti che non rappresentano, partiti asfittici e verticistici e, dall’altro lato, cittadini esclusi e impotenti) che significa la riforma costituzionale unita a quella elettorale? A me pare di vedere il sogno di ogni oligarchia: l’umiliazione della politica a favore di un misto di interessi che trovano i loro equilibri non nei Parlamenti, ma nelle tecnocrazie burocratiche. La conseguenza è che viviamo in un continuo presente. Il motto è “non ci sono alternative”, e così il pensiero è messo fuori gioco” (Renzi e il referendum, il mio No per una democrazia svuotata, 26 maggio 2016, 10-11).

Si è detto che la riforma del bicameralismo sarebbe richiesta in primo luogo dalla necessità di accelerare la produzione legislativa. In realtà secondo uno studio di Valerio Di Porto l’Italia ha la più abbondante produzione legislativa d’Europa: il Parlamento approva oltre 3 volte le leggi di Spagna e Regno Unito, oltre due volte quelle della Francia e complessivamente più leggi della Germania e della Svezia. Secondo Openpolis, al 10 ottobre 2014 la media di approvazione di un disegno di legge presentato dal governo era di 77 giorni, al 13 febbraio 2015 era di 109 giorni. Nella precedente legislatura il tempo medio è stato di 116 giorni. Su molti temi, infatti, il nostro Parlamento è velocissimo. Sempre secondo Openpolis, dati ripresi anche da L’Espresso, quando si parla di imprese e giustizia i tempi medi di approvazione di un disegno di legge sono di 46 giorni, un record europeo. Interventi sul territorio, economia, cultura e finanza impiegano rispettivamente 52 e 53 giorni. Il decreto cosiddetto Svuotacarceri è stato approvato in 38 giorni, il decreto lavoro in 40 giorni, il decreto competitività in 44 giorni, velocissima la riforma costituzionale relativa all’art. 81, una norma chiave in materia di bilancio e di copertura delle leggi di spesa, che, tra l’altro, ha introdotto l’obbligo del pareggio di bilancio. Le leggi finanziarie (oggi di stabilità), che introducono norme complesse con centinaia di commi in materie che attengono alla gestione delle risorse pubbliche, impiegano mediamente 50 giorni.

Decisiva è, in ogni caso, la volontà politica di approvare un provvedimento, non il sistema parlamentare. E, come ricorda Stefano Passigli, quando ci sono stati ritardi, gli intoppi sono venuti sempre dalla Camera, la più “politica” delle due assemblee, non dal Senato. Volontà politica che significa coesione della maggioranza: nella legislatura 2001/2006, la XIV (governo Berlusconi) ben i 3/4 dei disegni di legge di iniziativa governativa vennero approvati contro neanche la metà della XIII legislatura (governi Prodi, D’Alema, Amato) e addirittura contro un terzo della XV legislatura (governo Prodi).

C’è poi da dire del ruolo dei “voti di fiducia”, con i quali il governo ha condizionato la propria maggioranza e l’intero Parlamento costretto a votare, senza un adeguato approfondimento, il testo governativo. Con l’attuale governo i voti di fiducia sono aumentati, tanto che il 34% delle leggi è stato approvato in questo modo. È evidente la crisi del ruolo del Parlamento, massima espressione della volontà dell’elettorato. Le leggi di iniziativa parlamentare sono appena due su dieci. L’80% delle leggi, dunque, le fa il governo. Degli emendamenti presentati, quelli parlamentari hanno un tasso di approvazione che non raggiunge l’1%, ben il 47% invece, quelli governativi, spesso accolti in un maxiemendamento sul quale il governo pone la fiducia. I decreti legge sono in media due al mese. È aumentato in modo significativo il numero delle leggi delega con cui le Camere attribuiscono al governo il potere legislativo, spesso con deleghe giudicate “in bianco” o, comunque, generiche, mentre la Costituzione, all’art. 76, prevede che la delega sia concessa “con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti”. I decreti legislativi di attuazione delle deleghe sono soggetti ad un voto parlamentare in funzione consultiva, tra l’approvazione preliminare e quella definitiva del Consiglio dei ministri. È l’immagine di un Parlamento subordinato all’iniziativa del governo.

Osserva Zagrebelsky, intervistato per La Repubblica da Ezio Mauro (Renzi e il referendum, cit.), che “in realtà il Senato è stato pensato dai nostri costituenti come la camera di riflessione, non come un Senato federale vero e proprio. La rappresentanza su base regionale serviva infatti a dare voce alle diversità territoriali del nostro Paese, ma l’istituzione delle regioni ordinarie arrivò soltanto nel 1970. Tanto è vero che il solo riferimento al carattere regionale del Senato è nell’articolo 57 della Costituzione che prevede l’elezione a suffragio universale su base regionale. Il vero Senato federale non si realizza soltanto con la presenza dei delegati regionali e territoriali, ma con l’attribuzione di funzioni e competenze specifiche relative alle decisioni nazionali di interesse regionale, cosa che questa riforma non fa. Cosa del resto già prevista nella riforma costituzionale approvata dal parlamento grazie soprattutto alla Lega Nord (Devolution) che istituiva il Senato Federale e che è stata affossata”. Inoltre la trasformazione del Senato avviene in un contesto di decisa centralizzazione del potere, trasferito per molte materie dalle regioni allo Stato.

Premesso che ampio è da anni il consenso sul superamento del bicameralismo così come com’è oggi, con proposte alternative tratte da importanti esperienze straniere, i fautori del NO denunciano un depotenziamento della rappresentanza popolare in uno squilibrio, anche nei rapporti Parlamento-Governo che concorre ad alterare l’intero quadro istituzionale.

Vogliono, quindi, sfatare un mito: tutti i Paesi del G8 sono bicamerali: Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Russia e Stati Uniti. 15 Paesi del G20 sono bicamerali: gli stessi Paesi del G8 più Argentina, Australia, Brasile, India, Messico e Sud Africa. La stessa Unione Europea suddivide il potere legislativo tra Parlamento e Consiglio Europeo. Sono, invece, monocamerali, per esempio: Arabia Saudita, Cina, Corea, Indonesia e Turchia, non proprio dei modelli di democrazia. Sono monocamerali anche i Paesi scandinavi, ma non potrebbero essere diversamente considerata la scarsa popolazione, la forte omogeneità sociale e politica, la forma di stato accentrata. Hanno un bicameralismo perfetto grandi democrazie come gli Usa e la Svizzera. Quattro miliardi di persone su cinque miliardi e mezzo (Cina esclusa) sono rappresentati da Parlamenti bicamerali. È vero, molti fra questi Paesi hanno un bicameralismo imperfetto, ma pressoché tutti sono autenticamente federali e il Senato rappresenta effettivamente il luogo di compensazione fra le istanze regionali e quelle centrali, il contrario di quello che fa questa riforma (Le ragioni del NO, cit., in Logos, www.logos-rivista.it, giugno 2016). Anche per il fatto che i “senatori” non sono eletti dal popolo. Sembra che i partiti abbiano una certa allergia per il voto di preferenza. A volte sostenendo che favorisce il “voto di scambio”, soprattutto in alcune aree del Paese. E propendono per elezioni “primarie” nelle quali il voto di scambio, sempre in quelle aree del Paese, è stato ripetutamente accertato dalla magistratura.

Per i fautori del NO il nuovo Senato è un pasticcio. Le funzioni attribuite sono ambigue e il modo di elezione dei nuovi senatori confuso, prevedendo peraltro che siano rappresentati enti territoriali (regioni e comuni) i quali svolgono funzioni molto diverse. Il Senato diventa organo ad elezione indiretta composto da 95 senatori (74 Consiglieri regionali, 21 Sindaci e 5 Senatori nominati dal Presidente della Repubblica), non vota la fiducia al Governo ed ha funzioni legislative limitate, ma non irrilevanti (basti pensare ai trattati internazionali ed alla normativa di derivazione dell’Unione Europea) e comunque interferenti, come vedremo, con quelle della Camera. La durata del mandato dei senatori coincide con quella dell’organo dell’istituzione territoriale da cui sono eletti, ossia con la durata dei consigli regionali (art. 57, comma 5). È, dunque, un organo a rinnovo parziale anche nel corso della legislatura della Camera, non soggetto a scioglimento. Non è chiaro se i senatori rappresentano le Regioni, i gruppi consiliari o le popolazioni. Probabilmente rappresentano solamente il partito al quale sono iscritti.

Il superamento del bicameralismo perfetto, tuttavia, lascia inalterato il peso istituzionale della seconda Camera che non solo non è stata abolita, come era stato inizialmente propagandato, ma non è affatto vero che eviterà la seconda lettura delle leggi, tanto criminalizzata, additata come causa principale dei ritardi (molto si è favoleggiato sulla cosiddetta navetta, cioè il passaggio dei disegni di legge da una Camera all’altra). Infatti, su richiesta di appena un terzo dei senatori, si potranno sempre proporre modifiche ai testi approvati dalla Camera, così obbligandola ad una seconda lettura. Verosimilmente non si tratterà di una eccezione, dal momento che, a differenza di oggi, Camera e Senato saranno diversamente composti e spesso in competizione. Il Senato sarà infatti composto da consiglieri regionali e sindaci eletti in tempi diversi, con leggi diverse e per contingenze politiche diverse da quelle che caratterizzano la elezione dei deputati. Nessuno si sofferma sul fatto che questi senatori dovranno dividersi tra la Capitale e il capoluogo regionale, con il rischio di fare male in entrambe le sedi (a proposito non si parla neppure di diaria, spese di viaggio, vitto e alloggio e oneri per la segreteria, ausilio indispensabile per un legislatore). Non solo, se rapportato agli attuali tempi medi di approvazione di alcuni disegni di legge, l’art. 70 prevede già che si raggiungano quei tempi solo per il passaggio in Senato:  il progetto approvato dalla Camera, dopo una discussione che non sarà necessariamente breve, deve essere trasmesso al Senato che entro 10 giorni può decidere di esaminarlo. Nei 30 giorni successivi il Senato può proporre modifiche. A quel punto il testo ritorna alla Camera per la discussione e il voto definitivo. I 40/50 giorni ricordati da Openpolis, necessari per approvare molte delle leggi votate da un Parlamento che nella vigente Costituzione ha spesso avuto una maggioranza simile fra Camera e Senato, sono già abbondantemente superati in una realtà che vedrà due maggioranze non necessariamente collaborative. Anche per sempre possibili interferenze estere (le lobby).

Il Senato dovrà obbligatoriamente approvare tutte le leggi costituzionali, le leggi ordinarie che riguardano comuni e regioni, ma soprattutto le leggi di ratifica dei trattati negoziati nel quadro UE e la cosiddetta “legge comunitaria” che disciplina le modalità di partecipazione dell’Italia alla formazione e attuazione delle norme comunitarie. Un bel po’ di questioni di rilevante interesse. Basti pensare che il diritto amministrativo interno è oggi, e già da tempo, quasi esclusivamente di derivazione europea. E che il 36% delle leggi riguarda la ratifica di trattati, buona parte dei quali deriva dalla appartenenza dell’Italia alla UE, dunque di competenza anche del Senato. Sono fra l’altro proprio queste leggi di ratifica quelle che impiegano più tempo e che fanno alzare la media dei tempi di approvazione.

“Questa riforma, che non appare per nulla urgente, né rilevante – scrive Giuseppe Valditara, ordinario di Diritto romano a Torino, direttore scientifico della rivista Logos, nel cui Comitato scientifico siedono i massimi esperti della Lega Nord e di NoiConSalvini -, rischia dunque di impedire un vero processo costituente che riveda per esempio il funzionamento del CSM, la composizione della Corte costituzionale, le modalità di applicazione di alcuni trattati Ue, che chiarifichi i rapporti fra il nostro ordinamento e quello europeo fissando i confini di quest’ultimo, che riveda i limiti oggi previsti nella Carta ad una tutela più efficace della proprietà privata che introduca un avanzato modello di federalismo fiscale, e un accorpamento di alcune regioni, che farebbe risparmiare, questo sì, miliardi di euro, che ripensi il ruolo del Presidente della repubblica, che attribuisca al Presidente del consiglio il potere di nominare e sostituire direttamente i ministri - di essere un premier e non un primus inter pares, condizionato dal Presidente della repubblica - l’unico, vero potere decisionale di cui si sentiva il bisogno, riforma tanto attesa e curiosamente dimenticata”. Nei giorni scorsi le cronache da Londra ci hanno dimostrato l’efficienza del sistema parlamentare e di governo del Regno Unito. Il Primo Ministro si è dimesso, il suo partito ha designato il successore, la Regina lo ha incaricato e si è subito insediato al n. 10 di Downing Street. Il tutto nel giro di pochi giorni.

Siamo su un altro pianeta.

La cosa più rilevante per il cittadino è senza dubbio la decisione di configurare un Senato che, pur mantiene compiti molto importanti, non è eletto dai cittadini, ma è nominato dai consigli regionali. Un Senato che, oltre alle competenze legislative ricordate, concorre ad eleggere il Presidente della Repubblica, alcuni giudici della Corte costituzionale, ed i componenti del Consiglio Superiore della Magistratura, non sarà scelto dagli italiani ma dai gruppi regionali nei quali finora la molto ha attecchito la malapianta degli sprechi di denaro pubblico e della corruzione, come leggiamo, quasi quotidianamente, nelle cronache.

Inoltre, non solo la riforma non abolisce i senatori nominati dal Presidente della Repubblica, ma li aumenta proporzionalmente perché addirittura diventano il 5% del totale (100), mentre prima erano 5 sui 315.

Per i fautori del NO in primo luogo non si comprende poi quale sia la funzione di raccordo di questo nuovo Senato in ragione, nei procedimenti legislativi, del ruolo della Conferenza Stato-regioni sempre più determinante. Ma soprattutto, come ha sottolineato il Professore Enzo Cheli, la “non chiara definizione dei rapporti fra le due Camere e tra lo Stato e le regioni” rischia di generare una forte conflittualità destinata a compromettere l’operatività del nuovo modello”. C’è una ipotesi concreta del moltiplicarsi delle liti e delle controversie, il contrario di ciò che una buona riforma della Costituzione dovrebbe fare.

La cancellazione dell’elezione diretta dei senatori, la drastica riduzione dei componenti — lasciando immutato il numero dei deputati — la composizione fondata su persone selezionate per la titolarità di un diverso mandato politico, collegato al ruolo di consiglieri regionali o di sindaci, colpiscono irrimediabilmente il principio della rappresentanza politica e gli equilibri del sistema istituzionale. È la tesi del NO. Non basta l’argomento del taglio dei costi, che più e meglio si poteva perseguire con scelte diverse e che, come vedremo in un successivo capitolo, riguarda spiccioli. Né l’intento dichiarato di costruire una più efficiente Repubblica delle autonomie, smentito dal complesso e farraginoso procedimento legislativo e da un rapporto Stato-Regioni che solo in piccola parte realizza quegli obiettivi di razionalizzazione e semplificazione che pure erano necessari, determinando, senza valorizzare per nulla il principio di responsabilità, fortissimi rischi di inefficiente e costoso neo-centralismo. È possibile accogliere una riforma che assicuri più efficienza e miglior funzionamento dell’istituzione, che non significa necessariamente “maggiore velocità”, ma razionalità, responsabilità e tutela della rappresentanza delle istituzioni democratiche. La riforma del Governo, invece, stravolge l’impianto della Costituzione del 1948, ed affronta un momento storico difficile e una pesante crisi economica concentrando il potere sull’esecutivo, producendo un impatto indiscutibile e decisivo sulla partecipazione democratica, sul pluralismo istituzionale, sulla sovranità popolare, sulla rappresentanza.

In proposito, alla domanda se, con la nuova riforma, l’approvazione delle leggi sarà più rapida e renderà i governi più stabili. Zagrebelsky ha affermato che “se è vero che viene garantita la stabilità governativa, ci si riuscirà solo in ragione di un accentramento del potere che l’Italia non conosce più da tempo. Non era infatti necessario abrogare il bicameralismo, ma correggerlo soltanto in alcuni suoi vizi, come il continuo rinvio tra le due Camere, e prevedere un Senato federale con propria iniziativa e competenza legislativa sulle materie di interesse regionale, in modo che ci fosse veramente una Camera dedicata ai territori come in tutti i modelli federali democratici che questa riforma invece di emulare, ignora completamente”.

9 agosto 2016

 

 

Arturo Martucci di Scarfizzi e Claudio Galtieri nominati Presidente e Procuratore Generale della Corte dei conti

di Salvatore Sfrecola

 

Dal 1°agosto sono stati rinnovati i vertici della Corte dei conti, Presidente e Procuratore Generale.

Nel rispetto delle indicazioni del Consiglio di Presidenza, il CSM della Magistratura contabile, il Consiglio dei ministri ha proceduto alla nomina dei magistrati che sostituiranno, rispettivamente, Raffaele Squitieri e Martino Colella, collocati a riposo con decorrenza 1° luglio.

Arturo Martucci di Scarfizzi, nuovo Presidente della Corte dei conti è un magistrato con grande e variegata esperienza nei settori del controllo e della giurisdizione contabile, le attribuzioni costituzionali della Corte previste dagli articoli 100, comma 2, e 103, comma 2, Cost..

Nato a Napoli il 19 agosto 1947, già funzionario del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica, Martucci di Scarfizzi è entrato a far parte della Magistratura della Corte dei conti nel 1979, a seguito di pubblico concorso.

Nel corso della carriera ha svolto numerosi e prestigiosi incarichi fornendo importanti contributi anche in ambito scientifico. Presidente Aggiunto della Corte dei conti dal 1° febbraio 2015, e pertanto componente di diritto del Consiglio di Presidenza, è stato Presidente coordinatore delle Sezioni riunite in sede giurisdizionale e componente delle Sezioni riunite in Sede consultiva e deliberante.

Martucci di Scarfizzi ha iniziato la carriera di magistrato contabile presso l’allora Delegazione regionale di controllo per la Puglia (oggi Sezione regionale di controllo), la Delegazione regionale per il Lazio e presso la Commissione amministrativa regionale di controllo per il Lazio. Successivamente ha prestato servizio presso la Procura Generale ed il Servizio Massimario e Rivista (Rivista della Corte dei conti, la pubblicazione bimestrale di servizio, diretta dal Presidente di Sezione Gaetano D’Auria, un tempo edita dall’Istituto Poligrafico dello Stato, poi da Maggioli, oggi da Rubettino). Successivamente ha ricoperto l’incarico di Procuratore Regionale per la Campania.

È autore di numerosi scritti in materia amministrativa e contabile. Nelle stesse materie ha tenuto relazioni in importanti convegni di studio.

La Famiglia Martucci di Scarfizzi è originaria del cosentino. Il titolo di Marchesi di Scarfizzi è stato concesso da Re Ferdinando IV il 31 maggio 1788.

Anche Claudio Galtieri, romano, nuovo Procuratore Generale, vanta una lunga esperienza nella magistratura della Corte dei conti nella quale è entrato a far parte a seguito di concorso nel novembre 1976. Dopo una prima esperienza nell’ambito delle attività di controllo su Amministrazioni periferiche e centrali dello Stato (1976-1980), poi Direttore dell'Ufficio di coordinamento del controllo preventivo (1980-1989), dal 1987 al luglio 1996 Galtieri è stato componente della Prima Sezione giurisdizionale per le materie di contabilità pubblica, prima giudice di primo grado e poi d’appello. Dal luglio 1996 al dicembre 2001 ha svolto funzioni di Vice Procuratore Generale presso la Procura generale in Roma, con incarico di responsabile del coordinamento delle Procure regionali. Dal 1° gennaio 2002 ha svolto le funzioni di Procuratore regionale presso la Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Toscana. Successivamente, dal 21 febbraio 2011, ha assunto le funzioni di Presidente della Sezione giurisdizionale per la Regione Lombardia per poi tornare a Roma a presiedere la Prima Sezione d’Appello.

Dal 1981 al 1994 ha fatto parte del Servizio Massimario e Rivista e dal 1991 al 1994 è stato responsabile dell’Ufficio studi del Consiglio di Presidenza.

Ha svolto anche prestigiosi incarichi di consulenza: presso l’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici dall’ottobre 2000 al settembre 2008; la Presidenza del Consiglio dei Ministri dall’ottobre 2001 al dicembre 2005 per le questioni concernenti l’attività contrattuale di Palazzo Chigi; in tale veste ha collaborato alla revisione del Regolamento di contabilità.

Del dottor Galtieri si conoscono anche rilevanti attività scientifiche, di studio e di insegnamento. Ha collaborato a numerose riviste giuridiche, di alcune delle quali è stato redattore capo per molti anni (Rassegna del Consiglio di Stato, Rassegna dei Tribunali amministrativi regionali, La Settimana giuridica, Rassegna giuridica della sanità, Archivio giuridico delle opere pubbliche). Ha pubblicato numerosi articoli in materia di diritto amministrativo, finanza locale, informatizzazione giuridica, danno ambientale, controlli di gestione e responsabilità, attività contrattuale della P.A..

È coautore di numerose opere in materie amministrative, con particolare riguardo all’attività contrattuale (da ultimo: Appalti pubblici di servizi - Il Sole 24 ore 1996-1998; Appalti pubblici di forniture, Il Sole 24 ore 2001; Il leasing e la Pubblica amministrazione, Il Sole 24 ore 2001; La realizzazione dei lavori pubblici, CEL 2004).

Galtieri ha anche svolto una intensa attività didattica collaborando per molti anni alla cattedra di Diritto amministrativo presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ed ha svolto, come professore a contratto, l’insegnamento integrativo di “Attività contrattuale della P.A.” presso la cattedra di Diritto amministrativo della Facoltà di Economia dell’Università di Perugia.

È docente nell’ambito dell’annuale Corso sui contratti pubblici presso la Scuola di perfezionamento in diritto amministrativo dell’Università di Bologna – SPISA, presso la quale ha tenuto anche il corso di “Contabilità di Stato”.

Ha tenuto anche lezioni sugli appalti pubblici e il danno nell’ambito dei Corsi per Ufficiali superiori presso la Scuola di Polizia tributaria della Guardia di finanza.

Al Presidente ed al Procuratore Generale le congratulazioni e gli auguri di www.unsognoitaliano.it che spesso si occupa di tematiche concernenti le attribuzioni di controllo e giurisdizionali della Corte dei conti.

7 agosto 2016

 

 

 

Il caso del PM dell’incidente ferroviario di Andria che ha rinunciato all’inchiesta dopo le foto che la ritraggono con l’avvocato difensore di uno degli imputati

L’indipendenza dei giudici tra l’essere e l’apparire

di Salvatore Sfrecola

 

Infine il Sostituto Procuratore della Repubblica di Trani, titolare dell’inchiesta sull’incidente ferroviario di Andria con morti e feriti, ha rinunciato all’incarico. Dopo che su Facebook erano state pubblicate, postate come si dice, foto che dimostravano una notevole familiarità con un avvocato, difensore di uno dei capostazione indagati. Il magistrato ha lasciato l’inchiesta ma non potrà evitare che del suo caso si occupi il Consiglio Superiore della Magistratura. La procedura, infatti, è stata avviata.

La vicenda porta nuovamente all’attenzione dell’opinione pubblica una questione antica, oggi enfatizzata dalla possibilità di diffusione delle notizie anche personali sui mezzi di comunicazione di massa, quella della indipendenza dei magistrati, giudici e pubblici ministeri, un requisito minimo, essenziale per chi amministra la giustizia. Un requisito che la Magistratura stessa è da sempre impegnata a tutelare, considerato che il comportamento e, quindi, l’immagine di ognuno ricade sull’immagine di tutti.

Un’indipendenza che deve essere osservata non solamente nel concreto esercizio delle funzioni, giudicanti o requirenti, ma che occorre sia evidente, secondo la regola antica che non basta essere indipendente, è necessario anche apparire tali agli occhi della gente. E non c’è dubbio che il PM che oggi ha rinunciato all’inchiesta è stata imprudente avendo consentito ad un avvocato confidenze che neppure in un luogo privato, in presenza di altre persone, dovevano essere permesse, tra l’altro testimoniate da più foto pubblicate sempre sui social network.

Allo stesso tempo l’avvocato ha dimostrato gravissima scorrettezza, in particolare se fosse effettivamente legato da un rapporto di amicizia al magistrato, mettendola in una condizione di gravissimo imbarazzo, a meno che non si sia comportato in tal modo per ottenere il risultato di eliminare quel Pubblico Ministero dalla sua strada. Ipotesi che, allo stato, non è sorretta da alcun indizio.

Ingenuità o malafede non conta. Il danno all’immagine della Giustizia è fatto, perché resta nell’immaginario di chi ha visto quelle foto la possibilità di rapporti non limpidi, e si sente legittimato a generalizzazioni  ed illazioni ingiuste.

6 agosto 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti - 5

Una riforma approvata da un Parlamento delegittimato

di Salvatore Sfrecola

 

  Per i fautori del SÌ la legge di revisione della Costituzione è stata approvata “con una larga maggioranza” peraltro non sufficiente ad evitare il referendum (non sarebbe stato necessario, ai sensi dell’art 138, comma 2, Cost. se la legge fosse stata “approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti”). Per il Comitato del NO, e per quanti condividono questa posizione, è stata una “finta maggioranza”. Anzi, “una minoranza che, grazie alla sovrarappresentazione parlamentare (il premio di maggioranza, n.d.A.) fornita da una legge elettorale dichiarata (anche per questo motivo) illegittima dalla Corte costituzionale, è divenuta maggioranza solo sulla carta, non può spingersi fino a cambiare, con un violento colpo di mano, i connotati della Costituzione”. Infatti la sentenza della Corte costituzionale n. 1 del 13 gennaio 2014 (Presidente Silvestri, relatore Tesauro), che ha dichiarato illegittimo il Porcellum, la legge con la quale le attuali Camere sono state elette (e che ha assicurato il “premio”), pur non delegittimando il Parlamento, in ragione del “principio della continuità dello Stato” largamente contestato in sede scientifica, avrebbe tuttavia richiesto una limitata sopravvivenza di quelle Camere, giusto il tempo di varare una nuova legge elettorale per poi essere sciolte ed andare a nuove elezioni.

Una soluzione “diplomatica”, si direbbe, ma chiara. Le Camere non possono venir meno immediatamente ma hanno una limitata legittimazione. Possono solo occuparsi dell’emergenza. Invece sono ancora in carica, ad oltre due anni e mezzo dalla sentenza che si è pronunciata sul Porcellum. Tra l’altro il rinvio al principio di continuità dello Stato, criticatissimo come si è detto, è motivato in modo assai fragile, con riferimento a due articoli della Costituzione (gli artt. 61, comma 2, e 77, comma 2) che riguardano, rispettivamente, la proroga dei poteri delle Camere sciolte (ma regolarmente elette), in attesa della prima riunione delle “nuove”, e la convocazione delle Camere “anche se sciolte” ai fini della conversione dei decreti legge. È chiaro che si tratta di due situazioni giuridiche molto diverse. Non ci azzeccano, direbbe Di Pietro.

Questo Parlamento, dunque, legittimato a funzionare solo in ragione dell’emergenza, non poteva spingersi fino a cambiare la Costituzione. Il Comitato per il NO parla di “un violento colpo di mano di una minoranza che artificiosamente è divenuta maggioranza”.

Su questa realtà il Capo dello Stato avrebbe dovuto vigilare perché fosse rispettata la sentenza della Consulta. Invece il 22 aprile 2013, di fronte al Parlamento in seduta comune, il giorno del suo secondo insediamento, Napolitano ha sostenuto, come ricorda Francesco Clementi, docente di Diritto pubblico comparato all’Università di Perugia, fautore del SÌ, che la prosecuzione della legislatura si giustificava proprio in funzione di riforme necessarie e non più eludibili.

Senza dubbio una forzatura. Neppure particolarmente elegante.

Tra i fautori del SÌ c’è anche il Prof. Stefano Ceccanti, costituzionalista, il quale ritiene che “la legittimità è un argomento che non si può usare. O si è legittimi o non si è legittimi. O bisognava andare a votare subito e il Parlamento non poteva fare più niente. Oppure non era necessario andare a votare e il Parlamento può fare tutto. Come può votare la fiducia al governo ed eleggere il Presidente della Repubblica e i giudici costituzionali, così allo stesso modo il Parlamento può riformare la Costituzione. Dopodiché, se esiste un dubbio di rappresentatività, sarà sciolto dal voto referendario”.

Non è così. Le Camere dovevano essere sciolte. Avrebbe dovuto provvedere in tal senso il Presidente della Repubblica. Non l’ha fatto e questo non si risolve come dice il Prof. Ceccanti con il voto referendario. Perché quel voto non può legittimare ciò che legittimo non è, perché il referendum non costituisce verifica della legittimità del procedimento legislativo. In diritto la forma spesso è sostanza, soprattutto quando si tratta delle regole della democrazia rappresentativa e della legalità costituzionale. Ma non c’è modo di far fronte alla prepotenza. Né è immaginabile un intervento della Corte costituzionale.

È un problema di sensibilità politica. L’idea che un Parlamento, eletto sulla base di una legge dichiarata incostituzionale, possa non solo sopravvivere oltre un ragionevole lasso di tempo ma addirittura si metta a riformare la Costituzione sarebbe inimmaginabile in qualunque democrazia liberale.

Anzi, interpellato da Formiche, Ceccanti va al contrattacco e risponde alle critiche mosse sul Fatto Quotidiano dal Presidente emerito della Corte costituzionale Gustavo Zagrebelsky che in 15 punti ha manifestato la propria contrarietà alla riforma. In uno di questi il Presidente aveva affermato come la riforma della Costituzione non debba garantire la governabilità bensì un governo. Precisando di ritenere che “governo, in democrazia, presupponga idee e progetti politici capaci di suscitare consenso, partecipazione, sostegno. In assenza, la democrazia degenera in linguaggio demagogico, rassicurazioni vuote, altra faccia della rassegnazione e dell’abulia”. Per Ceccanti quella di Zagrebelsky è una “opzione di tipo culturale” e sposta l’accento sull’esperienza delle democrazie europee di pari importanza, le quali, “seppur con regole diverse – hanno tutte sempre assicurato un governo di legislatura. Ciò invece in Italia non è accaduto. Basta pensare alla cancelliera tedesca Angela Merkel che nei vertici europei ha visto alternarsi Prodi, Berlusconi, Monti, Letta e Renzi. Mi pare difficile sostenere che in Italia non ci sia un problema di governabilità e che le soluzioni adottate con la riforma non lo riducano”.

Queste considerazioni rivelano un altro aspetto del dibattito, spesso evocato ma non inquadrato nei suoi esatti termini. La questione della governabilità è evidentemente rimessa ad una saggia legge elettorale non alla revisione delle istituzioni. L’Italia, infatti, con questa Costituzione, ha avuto governi di legislatura proprio in ragione di una legge elettorale, il cosiddetto Mattarellum, che aveva sperimentato collegi uninominali, sostituita da quella dichiara incostituzionale, approvata in fretta e furia sul crepuscolo della legislatura 2001-2006, quando la maggioranza di Centrodestra, comprendendo di avere scarse possibilità di tornare a vincere nelle elezioni del giugno 2006, aveva cercato di parare il colpo, “riuscendo” a perdere per soli 24 mila voti. Insomma, come è accaduto altre volte, una legge fatta a misura degli interessi di chi la propone. Ed, infatti, la modifica della legge elettorale è avvenuta ripetutamente negli ultimi trenta anni.

Sono riforme dal fiato corto, che rivelano la cura di interessi particolari, quelli del partito egemone o che pensa di diventarlo.

Questo, comunque, attesta della stretta connessione tra Costituzione e legge elettorale. Infatti la governabilità non è assicurata dalla riforma costituzionale ma dalla maggioranza conquistata in sede elettorale, maggioranza che, a sua volta, assicura al partito egemone la possibilità di eleggere in solitario il Presidente della Repubblica, i giudici costituzionali ed i componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura. È evidente che c’è un pericolo per la democrazia.

In difficoltà nel difendere la decisione di Napolitano di far sopravvivere le Camere, Clementi afferma che questa riforma è comunque valida perché “migliorerà la qualità della democrazia” spiegando che ciò è possibile “perché affronta i principali problemi che da decenni vengono sottolineati da ogni partito o schieramento politico rispetto all’inadeguatezza delle nostre istituzioni di fronte al tempo che cambia”.

Una risposta apodittica che fa il paio con l’affermazione che, grazie a questa riforma “ci sarà un miglioramento della qualità della legislazione, tanto nel suo procedimento, quanto nelle sue fonti: dalla decretazione d’urgenza ai referendum propositivi e di indirizzo che entrano per la prima volta nel nostro ordinamento”. Apodittica perché la qualità della legislazione è dato dalla professionalità del legislatore, come sanno bene coloro che, giudici, avvocati, funzionari pubblici, s’interrogano quotidianamente sul significato delle parole della legge per cercare di comprendere quale sia l’obiettivo che si è voluto perseguire, sovente senza riuscirci. Un impegno arduo, perché frustrato dalla oscurità dei testi, dalla loro inutile ridondanza, dal lessico approssimativo. Come nella legge di revisione che non pochi hanno osservato essere scritta in un italiano scadente e ricordato nell’occasione come Meuccio Ruini, Presidente della Commissione dei Settantacinque, che ha redatto la bozza di Costituzione, avesse incaricato Concetto Marchesi, famoso storico della letteratura latina, Costituente, di farsi coadiuvare da alcuni illustri linguisti per una revisione del testo, si direbbe, “risciacquandolo” nel Tevere, come Manzoni aveva risciacquato “i panni in Arno”, insoddisfatto della prima stesura de I promessi sposi. “La Costituzione – precisò Ruini – si rivolge direttamente al popolo e deve essere capita”. Anche questa esigenza è connotato fondamentale della democrazia. L’aveva richiamata Piero Calamandrei in Assemblea Costituente il 4 marzo 1947, lodando esempi di “equilibrio e di armonia stilistica”, riconosciuti proprio in un documento di Ruini. Un po’ come dello Statuto Albertino, del quale aveva sentito dire da un altro Costituente “guardate come era semplice e sobrio; ed ha servito a governare l’Italia per quasi un secolo”

            4 agosto 2016

 

 

La revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 4

Per i fautori del SÌ quella che siamo chiamati ad approvare o respingere con il referendum è una riforma necessaria, attesa da anni, che ci chiede l’Europa, che il Presidente Napolitano ha posto al vertice dell’agenda del governo. Ma non è così

di Salvatore Sfrecola

 

Una riforma necessaria, attesa da anni, che ci chiede l’Europa, che il Presidente Napolitano ha posto al vertice dell’agenda del governo. Così i fautori del SÌ. Di queste affermazioni, tuttavia, è vera solamente l’ultima, quella del presidente Napolitano impegnato in prima persona. E che adesso, terminato il suo mandato, anche da “emerito” continua a premere affermando che con il NO sarebbe a rischio la sua eredità !). Qualcuno direbbe che basta questa affermazione per votare NO. Ma sarebbe una battuta e noi vogliamo ragionare sulle cose.

Cominciamo, dunque, daccapo, inquadrando il messaggio nell’esperienza degli ultimi decenni. Una riforma urgente per la governabilità è tesi ricorrente, da Craxi a Berlusconi a Renzi. Secondo questa lettura delle questioni politiche tutte le insufficienze dell’azione governativa, nell’amministrazione e nell’economia, non sono conseguenza dell’inadeguatezza della classe politica di governo e di maggioranza che lo sostiene, ma dell’assetto istituzionale, in sostanza della Costituzione che, per definizione, è legge solo di principi, spesso composta di un limitato numero di norme destinate a durare nel tempo. Mentre le politiche pubbliche si perseguono con leggi ordinarie, regolamenti e decreti vari.

Le costituzioni, naturalmente, non sono immodificabili. Per cui ove emergesse per la nostra Carta fondamentale l’esigenza di intervenire, le modifiche dovranno comunque essere approvate con l’ampio consenso con il quale a suo tempo, a fine 1947, è stata approvata. Questa riforma, invece, non è stata approvata “nella seconda votazione da ciascuna Camera a maggioranza di due terzi dei suoi componenti” (art. 138, comma 3) circostanza che avrebbe evitato il referendum. Altro che “larga maggioranza”.

Quel che sfugge al partito della riforma, che pure non è nuovo a colpi di mano, come quando nel 2001 approvò con soli tre voti, la riforma del Titolo Quinto oggi disconosciuta, è che approvare una riforma con un solo voto di maggioranza non è nello spirito dei Costituenti. Infatti la Carta fondamentale vive nel consenso più ampio delle Camere. Conseguentemente con il voto dei due terzi del Parlamento non si fa luogo a referendum. Questa regola, una procedura definita “aggravata” per la necessità del più ampio consenso delle Camere, è conseguenza della natura “rigida” della Costituzione, voluta dai Costituenti a seguito dell’esperienza delle sventure conseguenti all’alterazione delle regole statutarie dovute, nel periodo fascista, alla natura “flessibile” dello Statuto Albertino che ne consentiva la modifica con legge ordinaria. Dal 1948 la Carta fondamentale è, dunque, parametro di riferimento della legislazione ordinaria presidiata dalla Corte costituzionale, quale giudice delle leggi. Uno dei “contrappesi” che rischiano di venir meno al loro ruolo in ragione dell’ampio potere di nomina dei giudici costituzionali che è assicurata dalla legge elettorale, il cosiddetto Italicum, alla maggioranza di governo che, avendo il potere incontrastato di fare le leggi (in ragione dei numeri di cui dispone alla Camera a seguito del premio di maggioranza), influirebbe in misura determinante anche sulla compagine del collegio che ne giudica la legittimità costituzionale. Infatti, oltre ai giudici eletti dalla maggioranza parlamentare, che è anche maggioranza governativa, ve ne sono altri cinque nominati dal Presidente della Repubblica che con la nuova legge elettorale è eletto in solitario dalla medesima maggioranza. Uguale cosa può dirsi della elezione del Presidente della Repubblica, dei Giudici costituzionali e dei componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura.

Sul sistema dei pesi e dei contrappesi nell’assetto costituzionale, che, come detto, con questa riforma sarebbero condizionati dal “premio” di maggioranza di 340 seggi alla Camera, che porterebbe il partito vincitore ad essere autosufficiente in ogni votazione, sbaglia, dunque, il Ministro per le riforme, Maria Elena Boschi, quando afferma che “non corrisponde alla realtà” un pericolo per la tenuta delle istituzioni di garanzia. A suo giudizio, infatti, la Repubblica rimane parlamentare, il Presidente della Repubblica mantiene il ruolo di garante della correttezza istituzionale, le funzioni attribuite alla Corte Costituzionale e l’autonomia della magistratura non vengono intaccate. “Nulla di quello che è stato modificato con la riforma, incide sui pesi e sui contrappesi“, sostiene.

I dubbi, invece, ci sono e fondati, in quanto la maggioranza ha i numeri per prendere tutto, una preoccupazione già manifestata da Bersani in via di principio al momento della votazione sulla legge elettorale (Corriere della Sera, 9 aprile 2014). Dubbio che è espressione di onestà intellettuale e non di un calcolo politico, quello che aveva indotto Renzi a prevedere un tetto del 40% per il vincitore (anche meno, ovviamente, in caso di ballottaggio) nella convinzione che il livello di consensi ottenuto dal Partito Democratico nelle elezioni europee (superiore al 40%) sarebbe stato mantenuto nel tempo.

Di qui le ragioni del NO nel prossimo referendum, istituto che nella storia delle democrazie occidentali e nel nostro ordinamento, è espressione della cosiddetta “democrazia diretta”, le cui ragioni storiche e politiche vanno essenzialmente individuate nella necessità di attribuire al popolo, cioè al corpo elettorale, la verifica di alcune delle decisioni assunte dagli organi della rappresentanza popolare, i Parlamenti.

Chi ha manifestato nel tempo contrarietà al referendum ha individuato nell’istituto “difetti e svantaggi, come, ad esempio, l’inidoneità e l’incompetenza dei comuni cittadini nel deliberare in ordine agli affari di governo spesso tecnicamente complessi; l’impossibilità di giungere ad un compromesso tra le due opposte posizioni, così che il referendum obbliga ad adottare una delle due soluzioni necessariamente antagoniste, e non favorisce la ricerca del consenso su decisioni intermedie, il pericolo che, mediante la rigorosa e forzata utilizzazione del criterio maggioritario, le minoranze risultino ancor più oppresse” (G. M. Salerno). Ha osservato, in proposito, Michele Ainis come “questo referendum ci confisca il diritto di scegliere fra i suoi diversi petali, ma non è colpa dei costituenti: l’art. 138 venne concepito per interventi singoli, chirurgici, puntuali” (L’Espresso del 4 febbraio 2016). È questo il motivo per il quale, forse nel timore che possa prevalere il NO, si vanno facendo strada proposte di “spacchettamento” del quesito referendario (nel senso di prevedere quesiti distinti su singoli punti della riforma) che dovrebbero, nell’intenzione di chi lo propone, acquisire consensi su alcuni degli aspetti più condivisi. Soluzione non praticabile in ragione della connessione esistente tra le norme. Il Presidente del Consiglio si dice contrario a spacchettare: “no a quesiti à la carte”, ha detto in un’intervista a Il Sole 24 Ore il 12 luglio. È la tesi anche di Stefano Ceccanti, docente di Diritto pubblico comparato all’Università di Roma “La Sapienza”, secondo il quale “la riforma costituzionale è una sorta di patto, dal punto di vista tecnico e politico. Questi interventi prevedono delle compensazioni interne: si cede su un articolo, si bilancia con un altro. Tutto si tiene, è inimmaginabile cancellarne solo una parte”. Unico dubbio è: il “patto” con chi è stato fatto se la maggioranza si è tenuta stretta intorno alla sua base escludendo pressoché tutti gli emendamenti dell’opposizione?

Quesito onnicomprensivo, dunque, a fronte del quale l’immagine, offerta dal Presidente del Consiglio attraverso i media, dell’elettore che legge, capisce, valuta e decide non corrisponde alla realtà di un testo che anche gli esperti giudicano di difficile interpretazione, probabilmente perché non privo “di difetti e discrasie”. A mio giudizio un quesito referendario pressoché indecifrabile è una autentica “truffa” ai danni dei cittadini elettori. Una questione che i fautori del SÌ tentano di aggirare affermando, come ha fatto il gesuita Padre Occhetta (su Civiltà Cattolica), che “va anzitutto compresa la logica referendaria”, ricordando che “l’elettore è chiamato a dare un giudizio sintetico e globale, avendo presente il testo vigente (quello che sarebbe confermato in caso di successo del No) e quello approvato dalla riforma Boschi (…)”.

Quindi SÌ o NO all’intero pacchetto, indipendentemente dalle norme, e questo riduce obiettivamente – come ha scritto Michele Ainis - gli spazi di libertà dell’elettore cui la decisione finale è affidata.

Insomma si vota “la logica” e si fa finta di niente quanto alle singole norme.

Abbiamo detto iniziando che i fautori del SÌ sostengono che la riforma fosse necessaria, attesa da anni, che ci chiede l’Europa, che il Presidente Napolitano ha posto al vertice dell’agenda del governo. Secondo i firmatari del manifesto del SÌ e quanti si sono impegnati nel sostenere le ragioni della legge di revisione costituzionale, esponenti dei partiti, dei sindacati, delle associazioni di categoria (dalla Confindustria alla Confartigianato) e del mondo accademico, la riforma, varata in Parlamento “con una larga maggioranza” affronta “efficacemente alcune fra le maggiori emergenze istituzionali del nostro Paese”. “Nel progetto - scrivono - non c’è forse tutto, ma c’è molto di quel che serve, e non da oggi”. È la tesi della riforma attesa “da tempo”, senza che venga in mente a chi la sostiene che se non è stata proposta e approvata vuol dire che non c’era consenso, che in un ordinamento costituzionale è la misura della democrazia.

Le “emergenze istituzionali” sono in vario modo individuate nella necessità di superare il “bicameralismo paritario” ed assicurare la “governabilità”, in tandem con la nuova legge elettorale entrata in vigore il 1° luglio 2016. Si afferma, in particolare, che la Governabilità va individuata nel fatto che, superato “l’anacronistico bicameralismo paritario indifferenziato” si prevede “un rapporto fiduciario esclusivo fra Camera dei deputati e Governo”. Il Senato, infatti, non vota la fiducia. Argomento forte nel dibattito politico e come tale ricorrente nei confronti televisivi come nei conversari della gente, anche se non poteva che essere così. Una Camera i cui componenti non sono eletti dal popolo non può votare la fiducia. Anche il Senato del Regno, di nomina regia, non votava la fiducia. Nessuno lo ha mai dubitato, nonostante quell’assemblea fosse composta dalle maggiori personalità della cultura e delle istituzioni (da Manzoni a Verdi, a Carducci, Einaudi, Croce, Pacinotti, Righi, per fare qualche nome tra quelli più noti al grosso pubblico, se non altro perché ad essi sono intestate scuole e vie).

Una riforma, si sostiene, che “ci chiede l’Europa”. In realtà l’Unione Europea chiede quel che si può realizzare prevalentemente con leggi ordinarie: una giustizia più celere, per favorire gli investimenti e la circolazione dei capitali, procedure amministrative più snelle e più veloci e, soprattutto, più trasparenti, il contrasto all’evasione fiscale e alla corruzione che incidono sulla libertà di concorrenza, uno dei cardini dell’Unione, ai sensi dell’art. 81 del Trattato.

In una visione più ampia dei rapporti tra l’Italia e l’Unione Europea Gustavo Zagrebelsky, Presidente emerito della Corte costituzionale, scrive: “Diteci che cosa rappresenta l’Europa di oggi se non principalmente il tentativo di garantire equilibri economico-finanziari del Continente per venire incontro alla “fiducia degli investitori” e a proteggerli dalle scosse che vengono dal mercato mondiale. A questo fine, l’Europa ha bisogno d’istituzioni statali che eseguano con disciplina i Diktat ch’essa emana, come quello indirizzato il 5 agosto 2011 al “caro primo ministro”, contenente un vero e proprio programma di governo ultra-liberista, in materia economico-sociale, associato all’invito di darsi istituzioni decidenti per eseguirlo in conformità. Continua Zagrebelsky: dite: “Ce lo chiede l’Europa” e tacete della famosa lettera Draghi-Trichet, parallela ad analoghi documenti provenienti da “analisti” di banche d’affari internazionali, che chiede riforme istituzionali limitative degli spazi di partecipazione democratica, esecutivi forti e parlamenti deboli, in perfetta consonanza con ciò che significano le “riforme” in corso nel nostro Paese. (…) A chi dice: ce lo chiede l’Europa, poniamo a nostra volta la domanda: qual è l’Europa alla quale volete dare risposte?. “L’Europa – aveva detto a La Repubblica - è una scelta, non un guinzaglio. L’articolo 11 della Costituzione prevede la possibilità che l’Italia limiti la sua sovranità a favore di organismi internazionali, ma a condizione che ciò serva alla pace e alla giustizia tra le Nazioni. Che cosa vuol dire? Che non è un’abdicazione incondizionata alla finanza, entità immateriale con conseguenze molto concrete, ma una partecipazione consapevole e paritaria a istituzioni democratiche sovranazionali. L’Europa dovrebbe significare più, non meno democrazia”.

Una riforma, infine, che il Presidente della Repubblica ha posto ad obiettivo dell’agenda del Governo, come ripetutamente affermato dal Ministro per le riforme Maria Elena Boschi, che se l’è intestata, insieme al Presidente del Consiglio. L’impegno di Giorgio Napolitano, in effetti, è stato rilevante e continuo, tanto da rivendicare apertamente la paternità della riforma, con interventi ripetuti e pressanti non consueti ad un Capo dello Stato in una Repubblica parlamentare, affermando che, se prevalesse il NO, considererebbe il risultato una sua personale sconfitta, un disconoscimento della sua iniziativa (“col referendum, a rischio la mia eredità”), aggiungendo che in tal caso “per le riforme è finita: l’Italia apparirà come una democrazia incapace di riformare il proprio ordinamento e mettersi al passo con i tempi” (Corriere della Sera del 3 maggio 2016). Una indicazione che il Presidente, sappiamo, non poteva dare. L’indirizzo politico è nelle scelte dell’elettorato (che non ne ha date al riguardo) e nel voto delle Camere che approvano le dichiarazioni programmatiche del Governo. Per cui la lettura “presidenzialista”, di cui si è molto parlato (riassunta giornalisticamente nell’espressione “Re Giorgio”), è fuori della Costituzione.

Un comportamento entrato ancora nel mirino di Zagrebelsky che, nell’accusare il Governo  di “arroganza”, ha sottolineato come “queste riforme sono state avviate dall’esecutivo con l’impulso di chi, per debolezza e compiacenza, è potuto essere per diversi anni il vero capo dell’esecutivo, il presidente della Repubblica; sono state recepite nel programma di governo e tradotte in disegni di legge imposti all’approvazione del Parlamento con ogni genere di pressione” (in Loro diranno, noi diciamo, Laterza).

Per chi ha sensibilità democratica e crede nel ruolo del Parlamento, riflesso delle speranze dell’elettorato, ci sono troppe forzature delle regole lungo il percorso riformatore perché non si possa che votare NO.

1° agosto 2016

 

 

 

La revisione della Costituzione:

le parole e i fatti – 3

Per D’Alimonte serve una “conoscenza basata sui fatti”. Che poi ignora

di Salvatore Sfrecola

 

La premessa è pienamente accettabile: “per far vincere paura e strumentalizzazioni serve conoscenza basata sui fatti”. È il titolo della pagina che il Sole 24 Ore oggi dedica al dibattito sul referendum nella quale le ragioni del SÌ sono affidate a Francesco Clementi, quelle del NO a Valerio Onida. L’apertura è di Roberto D’Alimonte, politologo, che imposta il tema del dibattito “meno umori, più contenuti”. Come non si potrebbe essere d’accordo? Sennonché i veri contenuti, secondo D’Alimonte, sembrano essere riferiti più che altro a quello che la legge di revisione costituzionale non cambia “di una virgola”, i poteri del presidente del Consiglio, quelli del presidente della Repubblica, della Corte costituzionale. Perché “quello che la riforma fa è importante ma limitato. Cambia la composizione e il ruolo del Senato. Ridisegna i rapporti tra le regioni e lo Stato. Introduce nuovi meccanismi di democrazia diretta. Modifica la procedura per la scelta del presidente della repubblica”.

Poco importa se “poteva essere fatta meglio”, votata da “una maggioranza più ampia”. Insomma, “pur con tutti i suoi limiti” è “un passo avanti”, “dopo trenta anni e passa di immobilismo istituzionale”. Gli elettori “non dovranno decidere se questa è una riforma perfetta Non lo è”. Infine, “non è il metodo che conta”. “Meglio una riforma approvata a maggioranza che nessuna riforma”, tanto per rispondere a coloro che ritengono che, come nel 1947, la Costituzione – come ovunque nelle democrazie occidentali - debba essere approvata a larghissima maggioranza perché è la legge fondamentale dello Stato, quella nella quale gli italiani si devono poter riconoscere per anni, per decenni, come ovunque nel mondo dura una Costituzione.

Insomma D’Alimonte ripete oggi la tesi che porta avanti da tempo, “meglio questa che niente”, tradotto nel linguaggio comune. Di fronte all’immobilismo di oltre un trentennio (Renzi aveva provato a sostenere che la sua riforma era attesa da settant’anni, poi gli hanno spiegato che la Costituzione non aveva quella anzianità, per cui ha ripiegato su un minore lasso di tempo) qualcosa si doveva fare e quel qualcosa è la legge di revisione costituzionale che gli italiani dovranno leggere e capire per poi votare nel referendum. Che ho chiamato una “truffa”, perché il testo è complesso e non chiaro, tanto da non trovare concordi nella interpretazione neppure illustri giuristi. Pretendere che gli elettori possano decidere SÌ o NO con piena consapevolezza è una autentica presa in giro.

Non sconvolge il professore D’Alimonte che questa riforma “con tutti i suoi limiti” non è una leggina qualunque che è possibile modificare con un semplice emendamento in occasione del primo provvedimento normativo all’ordine del giorno di Camera e Senato. Questa è la Costituzione della Repubblica Italiana, la legge fondamentale degli italiani. Quella e questi meritano rispetto, il massimo rispetto. La Carta non si deve modificare nella consapevolezza della sua insufficienza e non si deve raccontare agli italiani che votarla non è “un attentato alla democrazia” perché nessuno l’ha detto. L’attentato, infatti, non è nella legge costituzionale ma nell’effetto che sul funzionamento delle istituzioni e sull’equilibrio dei poteri e sugli istituti di garanzia avrà la legge elettorale, quella giornalisticamente definita Italicum. E mi sono chiesto spesso perché mai si usi la lingua che a tutti ha insegnato il diritto per designare una legge a misura dell’interesse del partito oggi di maggioranza perché la mantenga, la consolidi e l’ampli per poter nominare ad libitum il Presidente della Repubblica, i giudici della Corte costituzionale, i componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura.

Nella mancanza di contrappesi sta il pericolo per la democrazia, in Italia come ovunque negli stati costituzionali. Un pericolo che senza mezzi termini è evidente già oggi nell’impegno che in prima persona ha assunto Giorgio Napolitano (chiamato dai giornali “Re Giorgio”, senza pensare che quella espressione certifica la lesione della democrazia parlamentare) intestandosi la riforma e sostenendo financo che il prevalere del NO avrebbe sconfessato la sua eredità. Ma ci rendiamo conto di quel che significa questa intrusione del Capo dello Stato in iniziative che neppure il Presidente del consiglio avrebbe dovuto intestarsi, come insegnano da Calamandrei in poi coloro che distinguono tra le funzioni dei Governi e le attribuzioni del Parlamento.

Altro che umori, caro Professore D’alimonte, e non è vero che “non è il metodo che conta”. Perché quel metodo “ancor m’offende”. A cominciare dalla circostanza, non evocata nel Suo articolo, che a votare questa riforma della Costituzione è stato un Parlamento eletto sulla base di una legge dichiarata incostituzionale per l’abnorme premio di maggioranza. Camere che avrebbero dovuto rimanere in carica il tempo minimo solamente per garantire la “continuità dello Stato”. E che, invece, resistono da due anni e mezzo e si permettono addirittura di riformare la Costituzione.

In qualunque altro paese democratico i cittadini sarebbero inorriditi. Altro che umori!

Dimenticavo, il Professore D’Alimonte è esperto di sistemi elettorali. Difende l’Italicum incurante dei sui effetti sulle istituzioni.

31 luglio 2016

 

 

 

Le ferie dei deputati e quelle dei magistrati: 40 a 30

di Salvatore Sfrecola

 

“Stremati dal lavoro”, come scrive Il Fatto Quotidiano oggi, i nostri parlamentari si prendono 40 giorni di ferie. In pratica torneranno al lavoro a metà settembre. Il giornale dà conto della produttività di alcuni deputati e senatori, delle loro assenze e della assiduità con la quale alcuni seguono i lavori parlamentari, si impegnano nelle discussioni e nella presentazione di iniziative legislative, mentre altri denunciano assenze superiori al 99%. E viene spontaneo richiamare quella vicenda, che ha occupato le cronache dei giornali due anni fa, sulle ferie dei magistrati che il Presidente del consiglio si era impegnato a ridurre, ed ha ridotto, secondo la sua tecnica di colpire in anticipo i suoi avversari o presunti tali.

In pratica, con questa vicenda delle ferie, che spiegheremo subito, il Presidente del consiglio ha voluto additare ai cittadini italiani i magistrati quali fruitori di un congedo feriale più lungo di quello degli altri lavoratori del pubblico impiego, in questo modo cercando di danneggiarne l’immagine agli occhi della gente che li avrebbe dovuto ritenere poco assidui. E probabilmente c’è riuscito, perché i giornali e le televisioni non hanno spiegato come stavano le cose.

In realtà i magistrati italiani hanno sempre avuto un periodo di ferie di 30 giorni, come tutti gli altri dipendenti pubblici. La legge precisava che i magistrati che sono addetti agli uffici giudiziari, cioè quelli che tengono udienza nei Tribunali, nelle Corti d’appello e in Cassazione, a differenza dei loro colleghi che prestano servizio al Ministero della Giustizia, usufruiscono di altri 15 giorni, periodo destinato alla redazione delle sentenze e degli altri atti giudiziari di competenza del magistrato.

Avviene, infatti, ma la gente non lo sa, che le udienze nei tribunali negli altri luoghi dove si amministra la giustizia si tengano fino alla fine di luglio, cioè immediatamente prima dell’inizio del periodo feriale che corrispondeva ai 45 giorni di sospensione dei termini, che non serviva soltanto ai magistrati ma anche agli avvocati. Oggi la “sospensione feriale” è ridotta a 30 giorni, coincidenti con il mese di agosto, cosa non gradita al Foro che si trova a dover riprendere subito dopo la conclusione delle ferie misurandosi con le relative scadenze processuali.

La disciplina di questi 15 giorni non è illogica perché se un magistrato, avendo tenuto udienza a fine luglio, fosse partito per le ferie il giorno successivo, non essendo possibile pretendere che impegnasse parte delle ferie per lavorare, avrebbe dovuto redigere la sentenza al ritorno, con evidente aggravio, dovendo procedere alla completa rilettura di atti che avrebbe avuto ancora freschi in mente all’indomani dell’udienza e della Camera di consiglio nella quale sono state decise le motivazioni che hanno indotto il collegio a decidere in un certo modo. Tutto questo poi si inserisce in un dibattito ampio, del quale si è avuta contezza anche alcuni giorni fa a In Onda, la trasmissione serale di approfondimento de La7, con l’intervento di Piercamillo Davigo, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati (ANM), sulla tipicità dell’attività giudiziaria, cioè della preparazione e la gestione in udienza e nella successiva redazione di atti giudiziari, ordinanze o sentenze, non paragonabile a quella di qualunque altro ufficio pubblico. Gli uffici amministrativi, infatti, adottano provvedimenti di vario genere, anche complessi, ma che sono per la maggior parte dei casi standardizzati, spesso ancorati a precedenti.

Nella trasmissione televisiva, nella quale si è confrontato con Parenzo e Labbate, Davigo ha ricordato che i magistrati, a meno che siano titolari di uffici direttivi (presidenti di Tribunali o Corti d’Appello, presidenti di sezione della Cassazione) non dispongono di un ufficio personale, nel quale mantenere le carte e lavorare alla stesura degli atti. Questa attività essi svolgono da sempre a casa. Infatti negli uffici giudiziari esistono delle sale arredate con armadietti dedicati ad ogni magistrato nei quali vengono conservate la toga, i documenti e i fascicoli. E dove normalmente c’è un tavolone sul quale i giudici si appoggiano per scrivere. È evidente che in queste condizioni è possibile lavorare bene esclusivamente a casa, in un locale destinato allo scopo, dove nel silenzio (i giovani magistrati hanno figli piccoli e spesso, ovviamente, rumorosi), con i loro codici ed i testi di dottrina (regolarmente pagati in proprio dal magistrato e non detraibili dal reddito, come accade per gli avvocati), in collegamento via internet con le banche dati che da alcuni anni assistono i magistrati a cura dell’amministrazione della giustizia. Lì scrivono i loro atti. Che non sono mai semplici. La ricostruzione del fatto, necessaria per ristabilire le responsabilità e motivare la sentenza richiede sempre alcune ore. E se i cittadini sapessero che i nostri magistrati, i quali, per dato fornito dall’Unione europea, risultano i più produttivi, sono chiamati a redigere annualmente molte centinaia di atti, si renderebbero conto delle difficoltà della giustizia per la quantità di cause che non ha nessun paese al mondo e per la scarsità di personale addetto. Pensate che mancano oltre a molti magistrati circa 10.000 cancellieri e senza un cancelliere non si può tenere udienza. In queste condizioni, che conosce chiunque in qualche modo è stato interessato ai problemi della giustizia, è chiaro quali sono i veri problemi da risolvere. Matteo Renzi, specialista nel giocare di anticipo aggredendo spesso gratuitamente, ha fatto intendere agli italiani che i problemi della giustizia fossero in quei 15 giorni nei quali magistrati, attaccandoli alle ferie, scrivono le sentenze relativi ai giudizi discussi nelle udienze tenute nei giorni precedenti. Questo approccio al tema giustizia non solo è scorretto, perché cerca di danneggiare l’immagine di una categoria essenziale per il buon funzionamento della vita civile, che se ha difetti non sono certo quelli della produttività, ma confonde le idee agli italiani, cosa che nessun politico dovrebbe fare e mai il Presidente del consiglio dei ministri che non è un quisque de populo ma è il Capo del governo, con precise responsabilità nei confronti del Parlamento e dell’opinione pubblica che deve correttamente informare. Mi auguro che queste considerazioni nate da un titolo “sparato” in prima pagina sulle “onorevoli ferie” di deputati e senatori serva a restituire agli italiani il senso delle cose in un settore molto delicato perché la giustizia civile è gravata da una quantità enorme di procedimenti che la rendono lenta, per cui gli imprenditori cercano di evitare di entrare nei conflitti e gli stranieri si guardano bene dall’investire in Italia. Questi sono i problemi che Presidente del consiglio avrebbe dovuto affrontare, non con la barzelletta delle ferie dei magistrati, che ha difeso a spada tratta ancora di recente con quel suo tono spavaldo ed arrogante che ormai gli italiani conoscono bene, che è un suo limite e probabilmente la causa del costante calo della popolarità che segnalano gli istituti demoscopici i quali monitorizzano la opinioni dei cittadini.

31 luglio 2016

 

 

Revisione della Costituzione: le parole e i fatti – 2

Un testo “non privo di difetti e discrasie” (lo confessano i fautori del SÌ)

di Salvatore Sfrecola

 

“Il testo non è, né potrebbe essere, privo di difetti e discrasie, ma non ci sono scelte gravemente sbagliate (per esempio in materia di forma di governo: l’Italia rimane una repubblica parlamentare!) o antidemocratiche”. Questa frase, in chiusura del documento dei fautori del SÌ al referendum sulla legge di revisione costituzionale (Unità.tv@unitaonline 24 maggio 2016, in http://www.unita.tv/focus/il-manifesto-dei-costituzionalisti-che-spiega-le-ragioni-del-si/) che interessa ben 47 (su 139) articoli della Costituzione vigente, è la prima cosa che mi ha colpito e, devo dire, non poco turbato, nel mettere in ordine documenti, articoli di giornale, interviste televisive e più austeri scritti scientifici raccolti nel corso del dibattito parlamentare e, poi, in vista del referendum. E se Angelo Panebianco, un eminente politologo liberale, uno di quelli che tiene bene a mente i principi dello stato di diritto, scrive sul Corriere della Sera del 10 maggio che “la Riforma non è perfetta, ma i suoi nemici hanno torto”, evocando i “molti interessi che alimentano la coalizione del no”, in primo luogo delle Regioni che perdono attribuzioni, vuol dire comunque che qualcosa di importante non va in una legge che modifica più di un terzo della Costituzione e della quale fin d’ora si ammette la necessità di successive modifiche, considerato che “la riforma presenta anche punti che avrebbero potuto essere meglio precisati o previsti”, come scrive su Civiltà Cattolica il gesuita padre Francesco Occhetta che, preannuncia, voterà SÌ. Non una legge qualsiasi, badate, per la quale ad eventuali “difetti e discrasie” si può porre rimedio con un semplice emendamento al primo decreto-legge in conversione, ma la legge fondamentale dello Stato, punto di incontro tra le generazioni passate, presenti e future, ad un tempo il frutto di una volontà di convivere e di continuare ad esistere. Per questo essa vive di legittimazione: giuridica, politica e culturale. Così è stato per la Costituzione del 1948, approvata quasi all’unanimità e che per questo è stata la Costituzione di tutti.

Educato, dunque, a considerare, da cittadino e da giurista, la Carta fondamentale un punto di riferimento dotato della massima autorevolezza, anche se certamente non immodificabile, ove emergesse l’esigenza di farlo, mi sono avvicinato con estrema serenità alla legge di revisione (“disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”), per capire prima di giudicare. Quello che per Luigi Einaudi è stato il “conoscere per deliberare”. E mi sono immediatamente chiesto come si possa approvare una revisione della Costituzione nella consapevolezza dell’esistenza di “difetti e discrasie”. Una legge portata avanti volutamente ignorando studi autorevoli, messi a punto solo pochi mesi prima a livello di Presidenza del Consiglio (come ricorda Luca Antonini, costituzionalista, tra i professori a suo tempo incaricati da Enrico Letta), approvata a colpi di maggioranza, con “l’utilizzo di svariati strumenti (“canguro” “tagliola”, per citarne due), tesi a ridurre, o tout court escludere, gli emendamenti presentati dalle opposizioni e i tempi degli interventi di ciascun gruppo parlamentare” (come scrive Alessandra Algostino, Un progetto contro la democrazia, in “Io voto NO”), compresa la sostituzione nelle commissioni parlamentari di chi era contrario (nel luglio 2014 furono rimossi dalla Commissione affari costituzionali del Senato Mauro e Mineo), aggregando gruppi politici disomogenei, conseguenza di cambi di partito che nel corso dell’esame parlamentare ha riguardato oltre 150 tra deputati e senatori. Ciò che non costituisce ovviamente un giudizio di valore sull’operato dei singoli nel Paese in cui il “trasformismo” ha attraversato periodi significativi della storia politica, ma una constatazione obiettiva, non smentita ma giustificata dalla finalità perseguita i cui effetti, come vedremo, sono essenzialmente condizionati dalla nuova legge elettorale contestualmente approvata.

Insomma, una sorta di “fine che giustifica i mezzi” di machiavelliana memoria, anche se quella frase il Segretario fiorentino non l’ha mai scritta. Ma proprio per questo siamo di fronte ad una riforma che divide, il contrario di come nascono e vivono le costituzioni.

È la conseguenza di un orientamento politico secondo il quale alla revisione si doveva comunque pervenire, altrimenti non si sarebbe modificata la Costituzione chissà per quanti anni. Ma modificarla perché e come? Naturalmente autorevoli giuristi ne tessono le lodi, in ragione di riforme ritenute necessarie e non più eludibili, come Giuliano Amato, Francesco Clementi, Sabino Cassese e Stefano Ceccanti, tra i più attivi sul fronte del SÌ. E c’è chi non manca di evocare opinioni di personalità della politica e del diritto non più in vita (da Togliatti a Dossetti), espresse anni addietro, spesso molti, e che, pertanto, non sappiamo se le hanno confermate successivamente sulla base dell’esperienza della Costituzione repubblicana, che dal 1948 durante gli anni, ha consentito importanti riforme ed assicurato agli italiani democrazia e libertà. Né poteva mancare chi è andato a rileggere discorsi e scritti di chi aveva criticato la legge costituzionale sulla devolution, voluta da Berlusconi, al grido di “salvare la Carta” con l’accusa, che oggi viene mossa all’attuale maggioranza: “ancora una volta emerge la concezione, che è propria di questa maggioranza, secondo la quale chi vince le elezioni possiede le istituzioni e ne è proprietario” (Sergio Mattarella richiamato da T G. Roselli, Il Fatto Quotidiano, 18 maggio 2016, a pagina 6). Le preoccupazioni di oggi, con riferimento alla nuova legge elettorale, il cosiddetto Italicum come sbrigativamente è stata battezzata nel dibattito politico-giornalistico. Del resto erano i dubbi di Bersani, riferiti dal Corriere della Sera del 9 aprile 2014, secondo il quale quella legge va cambiata o chi vince prende tutto.

Né va trascurato che se molte delle aspettative di efficienza e semplificazione che hanno mosso l’iniziativa riformatrice sono ampiamente condivise esse si potevano perseguire attraverso la modifica dei regolamenti parlamentari, leggi ordinarie adeguate, con i relativi provvedimenti di attuazione, nonché con le direttive amministrative agli uffici che costituiscono spesso l’unico ed il più efficace strumento per perseguire le politiche pubbliche. Forse è mancata l’esperienza o, come sostengono alcuni, l’obiettivo autentico della legge è la sostanziale, anche se surrettizia, modifica della forma di governo “introducendo il presidenzialismo senza dichiaralo”, come ha scritto Michele Ainis (Nella riforma di Renzi c’è un pericolo nascosto, L’Espresso, 5 ottobre 2015), assegnando a questo, in ragione degli effetti della nuova legge elettorale sulla formazione della maggioranza, un potere molto più vasto dell’attuale, una sorta di “premierato forte” il quale, nelle costituzioni che lo prevedono, è limitato da contrappesi significativi. È questo un punto certamente dirimente sul quale il dibattito è sollecitato anche da una anomalia segnalata particolarmente dai fautori del NO, l’essere la riforma iniziativa del Governo in una materia propria del Parlamento, come dimostra l’esperienza dell’Assemblea costituente nella quale il Presidente del consiglio, De Gasperi, mai è stato presente al banco del Governo. Lo andava ripetendo Calamandrei, uno dei padri costituenti più spesso citati in questo periodo: “quando si scrive la Costituzione, i banchi del governo devono restare vuoti”. Travaglio e Truzzi (Perché NO) hanno richiamato un intervento in aula del Senatore Walter Tocci, storico esponente della Sinistra romana: “mai il governo aveva imposto una revisione costituzionale, mai il relatore era stato costretto a presentare un testo che non condivideva quasi nessuno, mai i senatori erano stati destituiti per motivi di opinione”.

Poi c’è il capitolo della incostituzionalità della legge elettorale sulla base della quale sono entrati in Parlamento gli attuali “costituenti”. Alla prossima puntata.

30 luglio 2016

 

 

ASSOCIAZIONE MAGISTRATI

DELLA CORTE DEI CONTI

COMUNICATO STAMPA

 

Il Presidente e una delegazione della Giunta dell’Associazione Magistrati della Corte dei conti sono stati sentiti in data odierna dalle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera dei Deputati, relativamente allo schema di decreto legislativo recante il codice della giustizia contabile (Atto del Governo n. 313).

Nel corso dell’audizione l’Associazione Magistrati della Corte dei conti, pur prendendo atto del necessario intervento di riordino normativo del processo contabile attuato dal Governo, ha espresso forti preoccupazioni in ordine all’abnorme incremento delle cause di nullità degli atti del pubblico ministero e alla riduzione del termine prescrizionale per l’azione di risarcimento. Le disposizioni in questione indeboliscono le funzioni del pubblico ministero e rendono più arduo il recupero delle risorse pubbliche a seguito di danno erariale.

L’Associazione ha, peraltro, sottolineato la doverosità e l’irrinunciabilità dell’azione risarcitoria in quanto posta a tutela delle pubbliche risorse, nell’interesse del contribuente.

Ha chiesto anche misure più efficaci per l’esecuzione delle sentenze di condanna e per il potenziamento delle misure cautelari, fra le quali l’accesso all’anagrafe dei conti, per i danni procurati da funzionari o amministratori infedeli, con dolo o colpa grave.

In un momento in cui emergono fatti gravi di spreco del pubblico denaro e di corruzione, secondo l’Associazione, occorre dare alla magistratura contabile adeguati strumenti affinché, nel rispetto delle garanzie del giusto processo, sia comunque assicurato il ristoro integrale dei danni prodotti all’erario.

Roma, 27 luglio 2016

 

 

 

A In onda

i ragionamenti di Ciriaco De Mita

e gli slogan di Alessia Morani

di Salvatore Sfrecola

 

Istruttivo, ieri sera a In Onda, la trasmissione serale di approfondimento de La7 condotta da David Parenzo e Tommaso Labate, il dibattito tra Ciriaco De Mita e Alessia Morani. La storia ed i ragionamenti dell’anziano ma lucidissimo leader democristiano e gli slogan inconsistenti della giovane esponente del Partito Democratico, un confronto inframmezzato da richiami ad un precedente intervento, nella stessa trasmissione il giorno precedente, di Massimo D’Alema, impietoso nei confronti del Presidente del Consiglio, Renzi, e della revisione della Costituzione. D’Alema con in mano il libretto che riproduce la legge di revisione costituzionale ne sottolinea la complessità e la farraginosità e, pertanto, la difficoltà per il cittadino di decidere. Quello che noi abbiamo riassunto in una parola “truffa”, perché si chiama a votare chi non è in condizione di comprendere a fondo il testo e le sue conseguenze sul funzionamento delle istituzioni e sulla vita democratica del nostro Paese.

Ma torniamo al dibattito De Mita – Morani. Di fronte alla parlamentare del PD che continuava ossessivamente a ripetere gli slogan di Renzi sulla semplificazione e la governabilità, che sarebbe assicurata dalla revisione della Costituzione senza spiegare perché e come, un De Mita a tutto campo dimostra il contrario, la vitalità della vita democratica negli anni passati e la capacità di quei governi e di quei parlamenti di innovare coraggiosamente, anche in tempi brevissimi. Ed ha ricordato il caso della “riforma agraria” varata dalle Camere un paio di mesi dopo la presentazione del relativo disegno di legge da parte di De Gasperi. E, poi, il metodo del confronto, costantemente praticato da Aldo Moro con tutti coloro dei quali desiderava la convergenza, come al tempo della previsione di un’apertura a sinistra. Palese confronto con Matteo Renzi che, invece, non dialoga, soprattutto con i sindacati e le altre parti sociali se non è scontata, in anticipo, l’adesione alle sue iniziative che impone senza adeguata riflessione, sicché il malessere è vasto e la popolarità del giovane leader del Governo e del Partito Democratico in costante discesa.

Istruttivo il confronto tra due modi di concepire la democrazia, quello del confronto e della riflessione e quello dell’imposizione, che assume la novità come un bene per definizione indipendentemente dal contenuto del nuovo. E così, a furia di mozioni di fiducia, il premier ci inonda di norme a suo giudizio dagli effetti taumaturgici quando, invece, denunciano la estrema modestia delle nuove disposizioni, spesso confuse e inconcludenti, come in materia di pubblica amministrazione dove i nodi cruciali sono ancora irrisolti, come i tempi dell’azione amministrativa, un fardello che grava su cittadini ed imprese. Mentre mancano iniziative dirette alla crescita del Paese che annaspa in una crisi economica che avrebbe richiesto un colpo d’ala, una strategia di impiego di grandi risorse pubbliche e private per invertire il tratto negativo della crisi economica per perseguire obiettivi di sviluppo, il che vuol dire nuova occupazione ed incremento dei consumi. Due elementi dell’economia che si condizionano vicendevolmente, nel senso che l’aumento dei consumi facilita l’incremento della produzione che, se stabile, determina nuovi posti di lavoro dai quali discende naturalmente una ulteriore sollecitazione ai consumi. Ma anche al risparmio

20 luglio 2016

 

Integrazione: un pericoloso confronto tra comunità

di Salvatore Sfrecola

 

Siamo alla “guerra civile”. In Francia, naturalmente, come si legge sui giornali, anche italiani, da La Repubblica a Il sole 24 ore, dopo la strage orribile di Nizza, una ferita profonda, difficile da rimarginare, non soltanto nel cuore dei francesi. E non  perché fra i morti molti sono dei bambini, morti in un modo crudele mentre il terrore s’impadroniva di genitori, nonni ed amici convenuti sul famoso lungomare nizzardo, la Promenade des anglais, per assistere ad uno spettacolo che prende grandi e piccini, una selezione di fuochi artificiali per festeggiare la Repubblica francese nel giorno che ricorda il 14 luglio 1789, la presa della Bastiglia e l’inizio della rivoluzione, il passaggio dall’ancient regime all’era dei diritti individuali e collettivi al grido di Liberté, Egalité, Fraternité.

A Nizza molti hanno aperto gli occhi su una realtà che sembra difficile da interpretare e da definire se non come “guerra civile” in Francia. Come fa Enrico Letta, che sulle rive de La Senna ha avviato una stagione di insegnamento e di studio alla guida del prestigioso Jacques Delors Institut – NOTRE EUROPE, think tank fondato dall’ex Presidente della Commissione Europea Jacques Delors, con sede anche a Berlino. “Guerra civile”, un’immagine, ha scritto su Il sole-24 ore del 16 luglio Vittorio Emanuele Parsi, Professore di Relazioni Internazionali nella facoltà di Scienze Politiche e Sociali dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, ricorrente “in molti commenti ed evoca lo spettro che possa ridursi lo spazio della tolleranza reciproca all’interno delle nostre società”. Gli fa eco lo stesso giorno su Il Fatto quotidiano Jean-David Cattin, dirigente di Generation Identitarie, per il quale “l’immigrazione è la causa di tutto, fermiamola”. Perché l’integrazione “è una balla”. Parole forti, che vanno in senso opposto a quanto auspicato da molti in Italia. Cattin chiede di chiudere le moschee radicali che a Nizza, dice, “sono legate ai Fratelli musulmani, lo stesso movimento che in Egitto è fuorilegge”. Ed osserva, alla domanda del perché ad attaccare sono francesi di seconda o terza generazione, che “la situazioni della vecchia immigrazione è grave come per chi arriva ora. Non ci sono generazioni integrate né in Francia né in Europa. Anche chi è nato qui, pure di terza generazione, non si sente francese. Sono più legati ad altri paesi piuttosto che alla Francia. Non è una cosa nuova”. Né imprevedibile.

Del resto, ricorda Bernardo Valli su La Repubblica del 16 luglio, Patrick Calvar, Capo dei Servizi segreti interni (DGSI) ha dichiarato di recente dinanzi alla Commissione di inchiesta parlamentare sugli eventi del 13 novembre a Parigi (la strage del Bataclan), aveva previsto, dinanzi ad ulteriori attentati, “un confronto tra comunità”. A sua conoscenza, riferisce il giornale, “alcuni gruppi (di estrema destra) erano pronti a rispondere al terrorismo islamista con un’identica violenza rivolta verso la comunità musulmana”.

Lo abbiamo scritto anche noi più volte. Gli islamici mantengono la loro cultura e le loro tradizioni, sono legati alle loro radici che vivono con orgoglio all’interno di ambienti nei quali è difficile l’integrazione che probabilmente neppure cercano, convinti, come sono, della superiorità dell’insegnamento del Corano, della moralità delle loro donne, che non mostrano le chiome corvine che attirano gli uomini, che occultano i segni della femminilità che tanto, invece, ostentano le occidentali, espressione di una società corrotta, fatta di apparenze, in un tripudio di sesso, anche quando ad essere pubblicizzate sono le scarpe o un rossetto per le labbra.

Questo sentirsi puri in una società che li emargina rafforza negli immigrati e nei “nuovi” francesi l’orgoglio delle loro radici e genera ribellione fino all’estremo della partecipazione a progetti che possono esplodere in atti terroristici, giustificati se non stimolati dall’insegnamento di Iman fuori controllo che la cui predicazione infiamma i cuori ed obnubila le menti.

Era prevedibile che accadesse in Francia. È possibile che accada altrove in Europa, anche in Italia, in una società dal pensiero debole che ha da tempo allentato i legami con la propria storia e, conseguentemente, il senso della propria identità.

L’integrazione presuppone, come ha spiegato Giuseppe Valditara scrivendo dell’immigrazione nell’antica Roma, due regole essenziali, il rispetto delle regole della società che accoglie e, in qualche misura, la condivisione della sua storia e delle prospettive che essa pone a se stessa in coerenza con le proprie radici culturali. Integrarsi significa, in pratica, abdicare, almeno in parte, alle abitudini della società di provenienza per non rimanere isolati. E questo i musulmani non sono disposti a farlo, come dimostrano nei rapporti con le loro donne, costrette a sottostare ad usanze non compatibili con le libertà dell’Occidente, e con la religione cristiana della quale spesso offendono e distruggono i simboli. Infatti, rimangono ancorati alle loro credenze per cui, sempre più isolati, covano la ribellione contro l’Occidente ricco e corrotto. Una condizione nella quale è facile che maturino ribellioni, come quella che ha guidato chi era al volante del camion che ha fatto strage di pacifici turisti in gioiosa ammirazione dei fuochi artificiali sul lungomare di Nizza. Non basta dire “un folle”, né analizzare se affiliato e guidato dallo stato islamico in guerra con l’Occidente. È obiettivamente un nostro nemico che, solo, comandato o internet dipendente ha maturato l’idea di farci del male. Questo conta e questo deve indurci a prevenirlo e combatterlo. Né ci deve sfuggire che quel “combattente” è obiettivamente un soldato di un esercito che in proprio o per conto di poteri neppure tanto occulti sta conducendo una guerra che va definita senza mezzi termini “terza guerra mondiale”, una guerra combattuta non con eserciti contrapposti ma con azioni terroristiche che stanno destabilizzando gli amici dell’Occidente, gli Stati islamici che si sono allontanati dall’estremismo jhadista per cercare una dimensione democratica e civile nel contesto difficile di popoli per troppo tempo governati da satrapi violenti e rissosi in contesti economici che non hanno distribuito ricchezza, anche quando le condizioni locali avrebbero consentito migliori condizioni di vita. Queste masse diseredate sono facilmente preda della violenza, non riescono a concepire un rapporto con gli altri Stati e con l’Occidente che non sia di contrapposizione culturale.

Che sia una guerra fondata sulla contrapposizione di interessi economici lo dimostrano gli effetti sull’economia, in particolare turistica, dei paesi dove più crudele si è espressa l’azione terroristica, dalla Tunisia all’Egitto, alla Turchia, le cui economie tanto hanno dovuto negli anni scorsi alla presenza di vacanzieri. Chi visiterà quest’anno le belle spiagge di Sharm Ed Sheik, di Hammamet o di Antalya, i villaggi o gli splendidi hotel della compagnie internazionali?

Una guerra, dunque, fatta di ricatti e di attentati, una sorta di Spectre, che manovra immense risorse finanziarie, solo in parte provenienti dal petrolio venduto fuori dai circuiti legali.

19 luglio 2016

 

 

 

ASSOCIAZIONE MAGISTRATI

DELLA CORTE DEI CONTI

COMUNICATO STAMPA

 

L’Associazione Magistrati della Corte dei conti si unisce allo sdegno per la barbara rimozione di un ingentissimo numero di magistrati turchi, con arresti in corso.

Nel manifestare vicinanza e solidarietà nei confronti dei colleghi turchi, sollecita le autorità italiane e le istituzioni internazionali ad intervenire, con la massima urgenza, sulle autorità turche affinché siano ripristinati, quanto prima, lo stato di diritto ed i principi di legalità, di indipendenza dei giudici e del giusto processo.

Roma, 18 luglio 2016

 

 

 

 

In assenza di idee e di ideologie

torniamo alla storia, alla nostra identità

per guardare al futuro

di Salvatore Sfrecola

 

Dopo aver esaltato la fine delle ideologie ci siamo accorti che sono finite anche le idee, intese come linee guida dell’azione politica e sociale dei partiti e dei movimenti che hanno l’ambizione di agire nella società. Accade così che, a corto di idee, la politica sia vittima di interessi economici o personali, interni o internazionali, comunque di indicazioni che non sono contenute all’interno di una visione equilibrata e prospettica della società e dello Stato.

In questa condizione è sempre più necessario ricostruire un tessuto morale che faccia capo a valori nei quali la società italiana si è riconosciuta nel tempo attraverso l’azione di uomini politici e di cultura, di storici, filosofi, scienziati i quali hanno fatto grande il nostro Paese, ricordati ovunque nel mondo, spesso molto più che in Italia. Sono i valori che disegnano la nostra identità come popolo.

È necessario dunque, riandare alla nostra storia, al nostro passato perché, come ha scritto Andrea Carandini, archeologo e storico dell’arte greca e romana, “Il nuovo dell’Italia è nel passato” (Laterza, Bari, 2012), chiedendosi come si possa progettare un futuro, anche il più audace e tecnologicamente spregiudicato, se non si è consapevoli del passato che ci ha preceduto ma che tuttavia perdura in noi. I beni culturali sono, con l’istruzione e la ricerca non la ciliegina sulla torta, bensì la torta stessa dell’Italia futura. “Il nostro paesaggio – ha scritto - sono gli avi, siamo noi, e il futuro dei nostri figli. Soltanto 83 generazioni ci separano dalla fondazione di Roma: sono queste generazioni le simboliche autrici delle nostre campagne e città. Non possiamo annientarle distruggendo in poco tempo millenni di fatiche e di ingegno”.

Che senso hanno queste considerazioni oggi nel 2016 per i giovani dei quali questa Italia spesso è matrigna perché non consente loro di esprimere, attraverso il lavoro che costituisce l’espressione delle loro aspettative professionali maturate nei lunghi anni trascorsi sui banchi di scuola? La consapevolezza della nostra storia deve costituire un obiettivo concreto, alla base di una progettualità attuale nella gestione di questo immenso patrimonio fatto non soltanto di ruderi illustri, sia pure straordinaria evocazione di uomini e di fatti, di opere d’arte e della storia del Paese non è molto spesso nella conoscenza dei giovani ed anche dei meno giovani. E conseguentemente non c’è la consapevolezza della necessità di valorizzare e di rafforzare il legame fra loro, noi e il nostro territorio. Perché l’Italia se veramente è Il Bel Paese, come è stato riconosciuto lungo i secoli per le caratteristiche dell’ambiente naturale è anche di una bellezza variegata in relazione alle diverse condizioni climatiche delle varie aree geografiche, in conseguenza della specifica configurazione orografica, della vicinanza al mare, della presenza dei laghi e dei fiumi. Sicché ognuno di noi, pur nella consapevolezza della bellezza dell’intero territorio nazionale e della storia che l’ha caratterizzato è anche chiamato a riflettere ed a ripensare sulle storie e sulle bellezze del territorio nel quale vive. Di questa consapevolezza si notano, per la verità, alcuni esempi che ci sono dati da alcune realtà locali che, anche se a fini prevalentemente turistici, valorizzano antiche manifestazioni risalenti nel tempo, quali giostre di vario genere e di varia denominazione come le varie Quintane. Ma altre sono le iniziative che potrebbero essere assunte anche con riferimento agli episodi storico politici e militari oppure a ricorrenze collegate alla vita e all’opera di pittori, di poeti, di musicisti che ovunque hanno vissuto e operato.

L’invito dunque è alle giovani generazioni perché si impossessino della loro storia, della storia delle loro contrade che sono la ricchezza di questo Paese e ne assumano la consapevolezza in una proiezione futura, non soltanto di gestione e fruizione dei beni culturali e della storia a fini economici ma anche come base di una elaborazione di idee che consentano di migliorare il futuro d’Italia e degli italiani, soprattutto dei giovani dai quali ci si attende l’indicazione di prospettive di sviluppo per crescere e per essere presenti nel contesto delle nazioni con la consapevolezza della tipicità del nostro Paese. Questa consapevolezza arricchisce l’Europa perché le sue radici stanno nella storia dei singoli paesi, nella cultura greco romana, nell’elaborazione del pensiero che lungo i secoli ha prodotto opere di straordinaria importanza nell’affermazione dei diritti delle persone e delle formazioni sociali nelle quali, come afferma la nostra Costituzione, si svolge la personalità degli italiani.

È la sfida del nostro tempo, è la risposta civile al tentativo di confondere le storie dei popoli agevolata da una immigrazione incontrollata la quale non ha la consapevolezza della civiltà nella quale pure tenta di inserirsi esclusivamente per motivi di carattere economico e forse politico se, come taluno teme, dietro questo grande esodo dall’Africa e dall’Oriente, si può intravedere una strategia di penetrazione dell’Occidente che ha perduto la consapevolezza delle sue radici storiche. Lo stesso fatto che gli attentati in Francia o nel Belgio siano stati posti in essere da soggetti residenti, cittadini di seconda o terza generazione, dimostra la difficoltà della integrazione di culture diverse, talune orgogliose delle proprie radici altre, le nostre, che hanno svenduto la propria identità. Sicché l’Occidente corrotto stimola, soprattutto negli islamici, l’azione violenta in una ribellione che ha alla base il disprezzo per chi non è consapevole della propria storia.

16 luglio 2016

 

 

 

 

Revisione della Costituzione: le parole della campagna referendaria – 1

Per il SI: Una riforma attesa da molti anni

Per il NO: approvata da un Parlamento delegittimato

di Salvatore Sfrecola

 

Nel dibattito sulla revisione costituzionale che saremo chiamati a votare, secondo le ultime ipotesi, tra fine ottobre ed i primi di novembre, emergono alcune “parole chiave” che riassumono le posizioni del SI e del NO, parole e slogan destinati a convincere, offrendo una riassuntiva illustrazione di uno o più aspetti delle norme che sostituiranno una parte non trascurabile della Costituzione vigente, ben 45 articoli su 139.

Parole chiave, quelle che nel linguaggio della comunicazione usata dal Presidente del Consiglio riassumono esigenze, proposte, indicano obiettivi. Parole importanti, non solo per il loro autentico contenuto ma per quello che evocano. E difatti tornano nelle discussioni tra le persone, nei fondi degli opinionisti e nella cronaca delle tante discussioni aperte in Italia nelle più svariate sedi, politiche e scientifiche. Come nei conversari al bar o nei circoli.

Sono parole che la cui forza evocatrice è indubbia, anche quando espressione di un luogo comune, di un’opinione tramandata, ripetuta pedissequamente perché suona bene o semplicemente perché nella opinione della gente si è affermata la convinzione che sia così, come per le parole “risparmio”, “semplificazione”, “governabilità”.

Ecco, dunque, in primo luogo “riforma”, naturalmente “necessaria”, per di più “attesa da anni”, che realizza notevli risparmi, riforma, varata in Parlamento “con una larga maggioranza” (in realtà approvata da una maggioranza raccogliticcia e variabile; se fosse stata approvata con i 2/3 delle Camere non sarebbe stato necessario il referendum) per affrontare “efficacemente alcune fra le maggiori emergenze istituzionali del nostro Paese”. “Emergenze”, come le alluvioni che coinvolgono parti importanti del Paese non adeguatamente tutelato sotto il profilo idraulico. Emergenza, per indicare la necessità di superare il “bicameralismo paritario” ed assicurare la “governabilità”, in tandem con la legge elettorale entrata in vigore il 1° luglio 2016, l’Italicum, come sbrigativamente è stata battezzata nel dibattito politico-giornalistico. Invece si afferma che la Governabilità va individuata nel fatto che superato “l’anacronistico bicameralismo paritario indifferenziato” si prevede “un rapporto fiduciario esclusivo fra Camera dei deputati e Governo”. È inevitabile che fosse così. Una camera non elettiva non può votare la fiducia. Anche il Senato del Regno, di nomina regia, non votava la fiducia. Nessuno lo ha mai dubitato.

Una riforma, si sostiene, che “ci chiede l’Europa”, che il Presidente della Repubblica Napolitano ha posto come obiettivo dell’agenda del Governo, come ripetutamente affermato dal Ministro Boschi. Una indicazione che il Presidente, sappiamo, non poteva dare. L’indirizzo politico discende dalle indicazioni dell’elettorato (che non ne ha date) e dal voto delle Camere che approvano le dichiarazioni programmatiche del Governo. Per cui la lettura “presidenzialista” della Costituzione è fuori della Costituzione.

E, poi, ancora “semplificazione ed efficienza” e “competitività per il nostro Paese” in ragione del fatto che, a seguito della riforma del bicameralismo, le leggi “saranno approvate più velocemente” (affermazioni indimostrata; anzi i dati indicano il contrario, semmai è il Governo a rallentare l’adozione dei provvedimenti delegati di propria competenza). Inoltre “risparmi”, di miliardi, e ovviamente, “meno politici”, perché si ha l’“abolizione” del Senato (che poi diventa modifica delle sue competenze) “220 parlamentari in meno (i senatori sono anche consiglieri regionali o sindaci, per cui la loro indennità resta quella dell’ente che rappresentano)” e “delle province”, più esattamente con “la soppressione di qualsiasi riferimento alle province quali enti costitutivi della Repubblica”, meno spese per le regioni. Cioè le province vivono come enti intermedi non  previsti in Costituzione.

I conti del risparmio non tornano se si considera che, mentre gli Stati Uniti d’America, con oltre 380 milioni di abitanti, hanno 100 senatori e i deputati della Camera dei rappresentanti sono 435, la riforma Renzi mantiene 630 deputati. È presto detto. Se li avesse ridotti la revisione della Costituzione non sarebbe stata approvata.

In realtà, l’unico ad essere abolito sarà il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL)

Ripartiamo dalle parole da cui prende le mosse la narrazione dei fautori del SI, tra loro collegate: “riforma” e “ritardo”, nel senso di una riforma che interverrebbe a distanza di molto tempo da quando sarebbe emersa l’esigenza del cambiamento. La prima parola che ha accompagnato il dibattito sulla proposta di revisione costituzionale è, dunque, “riforma”. Sostantivo che indica la trasformazione di una situazione esistente, quindi naturalmente neutra, nel senso che trasformare, modificare significa solamente cambiare senza riferimento al merito e agli effetti di ciò che si riforma, che i promotori considereranno positiva, gli oppositori totalmente o parzialmente negativa. Lo conferma D’Alimonte, schierato per il SI “non esistono riforme perfette. Esiste invece lo status quo e esistono riforme che lo modificano in meglio o in peggio”. Nel linguaggio comune, tuttavia, come ne dà conto anche il Vocabolario della Lingua Italiana Dizionario della Enciclopedia “Treccani”, il sostantivo riforma ha una connotazione essenzialmente positiva. Nel senso di “trasformare dando forma diversa e migliore” (Vol. III**, 1431). Come “revisione”, “con esplicito rilievo dell’intento e dell’azione stessa di modificare quanto, a un riesame, risulta non più adeguato e rispondente alle nuove situazioni ed esigenze, spec. nel linguaggio giuridico: r. di una norma costituzionale” (Vol. III**,1389).

Accade così che i promotori della revisione della Costituzione, in primo luogo il Presidente del Consiglio e Segretario del Partito Democratico, si dicano orgogliosi di quello che hanno fatto, sostanzialmente negli stessi termini in cui esaltarono la riforma del Titolo II della Costituzione, varata in fretta e furia nel 2001, e da tempo ripudiata dagli stessi che la promossero dopo i disastri che ha provocato nei rapporti Stato – regioni. Riforma, dunque, perché migliorativa e perché “ce lo chiede l’Europa”, che ha sollecitato più volte riforme, ma non certo quelle costituzionali, ma quelle della pubblica amministrazione, della giustizia e del fisco che incidono pesantemente sulle attività economiche, dei cittadini e delle imprese. Queste riforme si fanno con leggi ordinarie. A meno che non si intenda fare riferimento a quel che compare nella famosa lettera del 5 agosto 2011, di Draghi e Trichet, il Governatore della Banca Centrale Europea entrante ed il cedente, che fu definita un dicktat allineato ad analoghi “documenti provenienti da “analisti” di banche d’affari internazionali, che chiede riforme istituzionali limitative degli spazi di partecipazione democratica, esecutivi forti e Parlamenti deboli, in perfetta consonanza con ciò che significano le “riforme” in corso nel nostro Paese” (Zagrebelsky).

Riforma, per di più, attesa da tempo. Da settant’anni ha detto ripetutamente Matteo Renzi che, poi, ha ridotto i presunti tempi dell’attesa quando gli è stato spiegato che, in realtà, la Costituzione non aveva ancora 70 anni per cui non sarebbe potuto essere auspicata una riforma di una legge ancora nel grembo, quanto meno dell’Assemblea costituente, votata nel 1947. Il premier è convinto, dunque, di aver promosso una decisione storica non essendo stato sfiorato dal dubbio che il presunto “ritardo” sia dovuto al fatto che, nonostante molteplici studi elaborati in sede scientifica e politica e le approfondite riflessioni emerse nell’ambito delle Commissioni parlamentari bicamerali, autorevolmente presiedute da Aldo Bozzi(1983-1985), Ciriaco De Mita – Nilde Iotti (1992-1994) Massimo D’Alema (1997-1998) non si sia trovata una maggioranza disposta a condividere un testo. Perché, va ricordato, che le Costituzioni, in quanto leggi fondamentali di uno Stato, che disciplinano diritti e doveri sempre definiti “fondamentali” ed il funzionamento della democrazia attraverso la individuazione delle attribuzioni delle istituzioni fondamentali, il Parlamento, il Governo, il Capo dello Stato, gli organi di garanzia, la Magistratura, sono destinate a durare nel tempo. E quando vengono emendate i ritocchi sono limitati, anche quando significativi. Infatti quando si sente dire nel dibattito politico della Costituzione degli Stati uniti d’America e degli “emendamenti” approvati nel tempo parliamo di ritocchi non alla forma di governo ma alla migliore definizione di diritti fondamentali.

Il fatto è che “l’esperienza insegna che una riforma costituzionale – ha scritto Enzo Cheli, costituzionalista, giudice della Corte costituzionale – resta un’impresa molto difficile (se non impossibile) quando manchi una necessità storica in grado di imporre e giustificare agli occhi dell’opinione pubblica le ragioni del mutamento. Né tale necessità può essere surrogata dalla presenza di motivi di opportunità, sia pure forti e pressanti, legati alle vicende della politica contingente. Se questo accade sarà lo stesso contesto degli interessi, delle tradizioni, degli equilibri consolidatisi nel tempo a reagine ed a mettere in scacco le forze che troppo improvvidamente abbiano cercato di utilizzare la leva della riforma come strumento per aumentare, nel contingente, la sfera della propria influenza”. Infatti il premier e quanti hanno promosso e condiviso la riforma costituzionale evocano ad ogni piè sospinto l’esigenza di assicurare la governabilità che, peraltro, è affidata palesemente non alle norme della Costituzione riformata ma alla legge elettorale, il cosiddetto Italicum, pensata a misura di un consenso elettorale ottenuto dal Partito Democratico in occasione delle elezioni europee, non riprodotto nelle più recenti consultazioni per l’elezione dei sindaci. Sicché oggi si vanno manifestando dubbi sulla opportunità di mantenere quell’impianto normativo che assegna un premio di maggioranza al partito che risultasse il più votato. Legge che, di contro, vuole mantenere il Movimento 5 Stelle che, cresciuto nei consensi, immagina di poter trarre vantaggio da quel sistema.

Il premier avrebbe dovuto, dunque, comprendere che, mancando una maggioranza qualificata ed ampia ed un consenso diffuso, la riforma non si poteva fare. E comunque non una che riguardi 45 articoli di una legge che ne conta 139. Infatti la nostra è una Costituzione lunga rispetto alle altre dei paesi che con il nostro possono confrontarsi quanto a storia, tradizioni, cultura istituzionale.

La Costituzione costituisce l'identità politica di un popolo che, guardando ad essa, si riconosce come comunità unita in un destino storico. La Costituzione è il punto di incontro tra le generazioni passate, presenti e future, ed è ad un tempo il frutto di una volontà di convivere e l'origine di una volontà di continuare ad esistere. Per questo essa vive di legittimazione: giuridica, politica e culturale. Così è stato per la Costituzione del 1948, approvata quasi all’unanimità e che per questo è stata la Costituzione di tutti.

La riforma costituzionale portata avanti dal Governo Renzi, approvata da una maggioranza limitata e occasionale è, secondo il Comitato per il NO una Costituzione che divide anziché unire, che lacera anziché cucire, che porta le cicatrici della violenza di una parte sull'altra, senza approntare lo spirito per rimarginare le ferite: questa riforma ha dunque già fallito.

La riforma di una maggioranza “sulla carta”, frutto di una legge elettorale illegittima non è idonea a cambiare la Costituzione. Il rispetto della costituzione formale non è quindi in questo caso sufficiente perché questa non è la riforma di una maggioranza che, seppur limitata, potrebbe ancora risultare accettabile; questa in realtà è la riforma di una minoranza che, grazie alla sovra rappresentazione parlamentare fornita da una legge elettorale dichiarata (anche per questo motivo) illegittima dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 1 del 13 gennaio 2014 (Presidente Silvestri, Relatore Tesauro). Il Giudice delle leggi ha ritenuto che quella legge elettorale abbia “rotto il rapporto di rappresentanza”. Una maggioranza solo sulla carta avendo la Consulta fatto salvo l'attuale Parlamento, malgrado esso fosse stato eletto con una legge incostituzionale. Non perché il Parlamento fosse legittimamente composto, ma perché di fronte alla costatazione drammatica del vizio delle elezioni, un valore superiore sarebbe dovuto prevalere: quello della continuità dello Stato. Questo Parlamento, insomma, è legittimato a funzionare solo in ragione dell'emergenza di salvaguardare la vita dello Stato. Ma se questa è la ragione, la legittimazione ad esistere del Parlamento attuale non è illimitata e piena. Il mandato parlamentare è dunque limitato a conservare lo Stato, e non può spingersi fino a cambiarne, con un violento colpo di mano di una minoranza che artificiosamente è divenuta maggioranza, i connotati mediante l'intervento costituzionale ai massimi livelli. Questo nei fatti si traduce in un tradimento del limitato mandato che, a seguito della sentenza della Corte, grava su questo parlamento zoppo.

Su questa realtà avrebbe dovuto vigilare il Capo dello Stato che dopo la dichiarazione di incostituzionalità della legge elettorale non avrebbe dovuto, come afferma ad ogni piè sospinto il Ministro Boschi, sollecitare la riforma costituzionale ma dare un tempo limitato alle Camere perché, votata una nuova legge elettorale, fossero sciolte. Così si fa nelle democrazie parlamentari. Anzi, nelle democrazie tout court. Una condizione che, cominciamo a capire, non è più del nostro Paese.

“La riforma del Titolo V della Costituzione ridefinisce i rapporti fra lo Stato e Regioni nel solco della giurisprudenza costituzionale successiva alla riforma del 2001, con conseguente incremento delle materie di competenza statale”. È una riduzione del regionalismo su cui incombe la “clausola di salvaguardia” che consente allo Stato centrale di riappropriarsi di qualsiasi competenza regionale. Può andare bene ma si deve capire.

“I poteri normativi del governo vengono riequilibrati, con una serie di più stringenti limiti alla decretazione d’urgenza introdotti direttamente nell’articolo 77 della Costituzione, per evitare l’impiego elevato che si è registrato nel corso degli ultimi anni e la garanzia, al contempo, di avere una risposta parlamentare in tempi certi alle principali iniziative governative tramite il riconoscimento di una corsia preferenziale e la fissazione di un periodo massimo di settanta giorni entro cui il procedimento deve concludersi”. Nulla di nuovo sotto il sole. La decretazione d’urgenza ha oggi limiti ben precisi che il Governo Renzi ha sistematicamente violato in sede di conversione utilizzando la tecnica espropriativa della funzione parlamentare mettendo la fiducia su maxiemendamenti che hanno strozzato il dibattito nelle assemblee e in commissione.

“Il sistema delle garanzie viene significativamente potenziato: il rilancio degli istituti di democrazia diretta, con l’iniziativa popolare delle leggi e il referendum abrogativo rafforzati, con l’introduzione di quello propositivo e d’indirizzo per la prima volta in Costituzione; il ricorso diretto alla Corte sulla legge elettorale, strumento che potrà essere utilizzato anche sulla nuova legge elettorale appena approvata; un quorum più alto per eleggere il Presidente della Repubblica. Del resto i contrappesi al binomio maggioranza-governo sono forti e solidi nel nostro paese: dal ruolo della magistratura, a quelli parimenti incisivi della Corte costituzionale e del capo dello Stato, a un mondo associativo attivo e dinamico, a un’informazione pluralista”. Parole al vento. Le leggi di iniziativa popolare sono comunque soggette alla volontà dei partiti che se sono tenuti a prenderle in esame non hanno ovviamente il dovere di approvarle, qualunque sia il numero dei proponenti.

La chiusura del documento del SÌ è pudicamente equivoco: “Il testo non è, né potrebbe essere, privo di difetti e discrasie, ma non ci sono scelte gravemente sbagliate”.

14 luglio 2016

 

 

 

 

Gli errori dei sondaggisti e la volontà autentica degli elettori

di Salvatore Sfrecola

 

Riordinando giornali e appunti, ho ritrovato alcuni articoli riguardanti la recente campagna elettorale per l’elezione dei sindaci, con indicazione delle percentuali rilevate nelle intenzioni di voto al primo turno dagli speciali istituti di ricerca. Viene da sorridere, con il senno del poi, ma devo dire che molti aspetti dei risultati erano stati percepiti a pelle, come si dice, in ordine al gradimento dei cittadini romani rispetto alle candidature.

Così la candidatura di Alfio Marchini, con tutti i suoi sponsor palesi ed occulti, valutata il 17 maggio al 18,4%, si è rivelata ottimistica per più della metà. Ugualmente la tenuta di Roberto Giachetti, valutata alla stessa data al 24,7% rispetto al 30,5 di Virginia Raggi dimostra che non è stata percepita nelle sue reali condizioni la disponibilità dei romani ad un cambiamento radicale, ad un rinnovamento profondo della classe dirigente capitolina.

Più attendibile la valutazione dell’attenzione dei cittadini per Giorgia Meloni stimata sempre alla stessa data del 21,1%.

Non è intenzione di chi scrive censurare i sondaggisti ed i loro metodi, ma è dimostrato a Roma, come a Torino, che la percezione che si ha del sentimento popolare è molto più interpretata dalla gente comune che da sondaggi che tengono conto di variabili le quali si basano su antiche valutazioni politiche. Ad esempio era chiarissima l’intenzione dei romani di centro destra di non condividere la candidatura di Bertolaso presentato da Silvio Berlusconi come il taumaturgo capace di risollevare la città di Roma dal suo degrado. A cominciare dalla polemica con Giorgia Meloni, da tutti ritenuta sgradevole, l’ex capo della Protezione civile si è mostrato arrogante e sprezzante nei confronti dei suoi concorrenti, al punto da riscuotere pochissimi suffragi. Un tratto personale che è stato negativo anche per Roberto Giachetti il quale ha tentato a volte di sorridere ma prevalentemente si presentava all’elettorato, almeno attraverso gli schermi televisivi, in tono sprezzante, come una sorta di predestinato alla vittoria perché supportato dal Presidente del Consiglio e Segretario del partito Matteo Renzi.

Queste brevi considerazioni inducono a ritenere che i sondaggisti debbono inserire nei meccanismi di accertamento della volontà popolare delle variabili che, a mio avviso, sono state trascurate. Come quella della simpatia personale che è un candidato è capace di esprimere e di raccogliere tra i suoi potenziali elettori. Ciò che ha giovato, ad esempio, a Giorgia Meloni che ha molto italianizzato il linguaggio romanesco in modo persuasivo condendolo con ironia e giovandosi anche del fatto che perseguiva il suo obiettivo politico in un momento particolare della sua vita a causa della gravidanza avanzata.

Nessuno poi si è soffermato a considerare il distacco tra previsioni e risultati ed a commentarli in modo non formale. In particolare nella fase del ballottaggio si è trascurato che, accanto a coloro i quali non avrebbero votato perché non avevano più il loro candidato, molti, come accade ovunque nel mondo, avrebbero espresso un voto contrario ad uno dei due protagonisti del ballottaggio. Secondo una regola antica della democrazia per la quale se non puoi votare il candidato preferito devi concorrere ad impedire che vinca quello che ti è più lontano. Ed è il sistema del collegio uninominale di stampo inglese che noi avevamo recepito con il cosiddetto Mattarellum, forse la più intelligente delle leggi elettorali proposte, se non fosse stata aggravata da una percentuale di voto proporzionale.

Concludendo va detto che l’elettorato dimostra sempre meno attaccamento ai partiti, dimostrando una mobilità misurata che comunque fa la differenza e che potrebbe riservare delle sorprese nelle prossime elezioni politiche, naturalmente se lo scenario che presenteranno loro i leader dei partiti sarà capace di stimolare libertà di aggregazioni e novità di idee.

12 luglio 2016

 

 

 

Il valore di un leader: da Cristiano Ronaldo a Matteo Renzi

di Salvatore Sfrecola

 

Chi ha assistito alla finale della Coppa d’Europa, tra Francia e Portogallo, avrà notato il ruolo di Cristiano Ronaldo, capitano dei lusitani, identificato dagli spettatori come leader assoluto della squadra non solamente per la consueta fascia al braccio. Avendo dovuto abbandonare il campo dopo appena mezz’ora per un grave infortunio che forse gli costerà la lontananza dai campi di calcio per qualche tempo, il capitano è rimasto ai bordi del rettangolo verde ad incitare i suoi giungendo, proprio nelle fasi finali dell’incontro, durante il secondo tempo supplementare, a costringere un giocatore infortunato a restare, letteralmente spingendolo in campo, ed a lottare ancora perché la squadra non perdesse un elemento importante nel suo equilibrio in un confronto decisivo, con i francesi alla disperata ricerca del pareggio.

“Ronaldo in campo”, riesumando il titolo di una fortunata commedia musicale di Garinei e Giovannini, dove il protagonista era “Rinaldo” una specie di Robin Hood siciliano, ha dimostrato ancora una volta che capi si nasce, che non basta un filetto d’oro sulla manica dell’uniforme o una stella sulla spallina perché l’autorità sia riconosciuta dai collaboratori e dai subordinati. Inoltre il capo non teme confronti, neppure con i più bravi fra i membri della squadra.

Rimanendo in Francia, e passando dal campo di gioco quello di battaglia, Napoleone non esitava a circondarsi dei migliori generali, convinto naturalmente che il suo valore fosse soprattutto quello di saper gestire comandanti di brigata e divisionari in una visione strategica degli obiettivi da raggiungere, chiedendo sempre, a chi glieli presentava, se fossero oltre che bravi anche fortunati.

Dai campi di calcio e di battaglia al governo di una Nazione le doti di un capo sono le stesse, come l’arte del comando, che ha riempito con migliaia di pagine i libri di storia militare e politica. E qui giunti va detto che Matteo Renzi, al comando del governo italiano, a differenza di Napoleone si è circondato di mezze figure, di una modestia inusitata, che non ha conosciuto né la prima né la seconda Repubblica, “personaggetti” per dirla con Crozza, lontani dalla competenza che il ruolo affidato loro avrebbe richiesto. Non dotati di grandi conoscenze tecniche, come quelle dei “professoroni”, disprezzati da Maria Elena Boschi, giovane di belle speranze ma di nessuna esperienza politica, arrogante, come capita spesso a coloro cui vengono affidati compiti nettamente superiori alle loro possibilità.

Con persone di questa levatura Matteo Renzi, senza alcuna esperienza di governo (Firenze, della quale è stato Sindaco, è più piccola del più piccolo municipio di Roma) si è avventurato in una impresa più grande di lui. Ricordano tutti il discorso di presentazione del governo in Senato, con la indicazione puntuale delle cose da fare, che prometteva di realizzare in 100 giorni, precisando cosa avrebbe fatto di mese in mese, la riforma della pubblica amministrazione, della giustizia, della scuola, del fisco, ecc.. Elencazione che, rispetto ai tempi indicati, una riforma al mese, doveva rendere immediatamente palese a tutti che parlava di cose a lui assolutamente sconosciute. Eppure si è udito forte e alto l’italico coro degli entusiasti, perché il giovane sembrava la persona giusta per fare ciò che da tempo si diceva si dovesse fare e non si faceva, pensando che “rottamare”, al di là della volgarità del termine usato per uomini e istituzioni, significasse un reale ridimensionamento della politica e dell’amministrazione. C’è voluto poco per capire che quella strategia di rinnovamento significava più pedissequamente “togliti di lì che ci metto i miei amici e gli amici dei miei amici”, quelli che lo avevano portato su nella fiducia di trarre vantaggi da un leader spregiudicato e disinvolto, tanto da affidare il Ministero dello sviluppo economico ad una giovane esponente dell’industria, già presidente dei giovani imprenditori, incurante che fosse in palese conflitto di interessi per essere figlia di un noto industriale che fornisce anche le pubbliche amministrazioni. Una questione di stile che evidentemente non rientra nella sensibilità del Presidente del Consiglio.

Contro tutto e contro tutti il giovane Presidente si è fatto solo nemici sì che i nodi sono venuti al pettine nel momento in cui una riforma della Costituzione, assolutamente indecente, non è sotto il tiro solamente dei “professoroni” ma anche della gente comune la quale si è resa conto che efficienza e risparmi sono solo degli slogan nel linguaggio del premier e che la legge elettorale, fatta a misura del successo ottenuto nelle elezioni europee non è replicabile, come hanno dimostrato i risultati delle elezioni comunali, in particolare a Roma e Torino. Nella capitale il suo candidato, per il quale tanto si è speso, Roberto Giachetti, è stato letteralmente doppiato dalla giovane avvocato Virginia Raggi, indicata dal Movimento5Stelle, mentre nel capoluogo piemontese è crollato il consenso verso un garbato signore, Pietro Fassino, passato con sabaudo aplomb dal Partito comunista al Partito democratico. Un risultato che ci consegna un Renzi frastornato, perché, essendo fino a ieri convinto di avere tutto, comincia a capire che la strada si fa impervia, per cui immagina modifiche all’Italicum, che non gli assicura più la vittoria e la conseguente espansione del potere grazie ad una riforma costituzionale costruita in combinato disposto, mentre è in vista un referendum nel quale vanno crescendo i NO. E, infatti, comincia ad immaginare impossibili spacchettamenti.

11 luglio 2016

 

 

 

Dice bene Davigo,

“i politici onesti non stiano con i corrotti”

di Salvatore Sfrecola

 

Non c’è giornale di questa mattina che non abbia ripreso la frase di Piercamillo Davigo, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, secondo la quale “i politici per bene non dovrebbero star seduti vicino ai corrotti”. Naturalmente i giornalisti hanno cercato di stuzzicare il magistrato che parlava ad Orvieto dalla tribuna dei Cattolici democratici. Nessun riferimento preciso, ovviamente. Davigo ha sempre detto di non occuparsi dei fatti oggetto di processi in corso ed ha aggiunto “a qualche politico ho chiesto se si rendeva conto che se continuava a sedersi vicino a un corrotto i cittadini sarebbero stati autorizzati a pensare che erano uguali”. La tesi del magistrato è che ove questo avvenga “chi commette reati tornerebbe a vergognarsene”. È lo sviluppo di un suo ragionamento che, all’indomani della sua elezione alla presidenza dell’ANM, irritò molti politici perché, facendo un confronto con il 1992, disse “allora erano molti che si vergognavano di essere stati sorpresi a rubare, oggi in molti continuano a rubare e non si vergognano più”. La polemica allora fu feroce anche perché il titolo di quella intervista di Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera semplificava la frase e faceva intendere che i politici rubano e non si vergognano. È bastato questo equivoco ingigantito dai politici per scatenare una guerra. Mentre Davigo aveva detto chiaramente che “quelli che rubano non si vergognano più”, così facendo intendere che ovviamente ci sono politici onesti e politici disonesti. Per cui oggi riprende quel concetto suggerendo agli onesti di non stare vicino ai corrotti.

Del resto anche Sergio Rizzo sul Corriere della Sera del 25 aprile 2016 “Quando i politici provavano vergogna (e facevano bene)” ricorda che c’è stato un tempo in Italia nel quale i politici tenevano alla loro immagine, perché non fosse macchiata da eventi disdicevoli, loro che ai sensi dell’articolo 54 della Costituzione devono svolgere le funzioni pubbliche ad essi affidate “con disciplina ed onore”. E non c’è bisogno di risalire nel tempo ai primordi dell’unità d’Italia quando i politici che la governarono per molti decenni ritenevano che il servizio prestato allo Stato fosse gratuito e naturalmente comportasse pesanti sacrifici personali, anche economici. Ho sentito giorni fa su RAI-Storia di Giovanni Lanza, per un biennio Primo Ministro del regno d’Italia, che viveva a Roma in una camera mobiliata e invitava la moglie a vendere una pecora per potersi permettere un nuovo vestito con il quale dignitosamente accompagnare il sovrano, Vittorio Emanuele II, nelle occasioni ufficiali.

Più di recente ricordo che un nobile siciliano, amico di famiglia, raccontava che il nonno parlamentare prima dell’avvento del fascismo ad ogni elezione vendeva un feudo per far fronte alle spese della campagna elettorale. Chi conosce la storia e l’economia di quella regione sa che un feudo è una ampia estensione di terreno coltivato e gestito con l’apporto di animali, quindi un’azienda agricola di rilevante valore economico.

È facile l’affermazione, che ripeto anche a costo di sembrare qualunquista, che molti politici oggi, quelli che, direbbe Davigo, non si vergognano, entrano in politica senza arte né parte e si arricchiscono mentre un tempo coloro i quali dedicavano parte della loro vita alla politica e alle istituzioni si impoverivano perché costretti ad abbandonare la professione od a limitarla fortemente, vendevano beni personali e familiari per affrontare le spese delle campagne elettorali e i costi della permanenza a Roma.

Con questo non intendo dire che l’esercizio della funzione pubblica debba essere assolutamente gratuito perché ritengo che un giusto rimborso spese debba essere assicurato a chi presta servizio in favore delle istituzioni della comunità ma è certo che rivestire una carica pubblica non può giustificare assolutamente l’arricchimento proprio e della famiglia. È anche una questione di stile, perché se è vero che il figlio o il parente di un parlamentare o di un ministro non può essere svantaggiato nell’esercizio di una professione o nell’aspirazione di un posto pubblico, è anche vero che questo posto non può essere che conquistato nelle forme proprie della legge che lo disciplina.

Dobbiamo tornare a sentire l’onore dell’esercizio di una funzione pubblica e comprenderne gli oneri che sono innanzitutto quelli del rispetto delle leggi, dell’onestà e della pari condizione con tutti gli altri, nelle professioni e nei posti di lavoro, perché nessuno ottenga immeritati vantaggi dall’illustre parentela con consulenze e pretende varie né ingresso in carriera o promozioni che non siano rigidamente ancorate ai propri, personali meriti.

10 luglio 2016

 

 

 

Considerazioni referendarie:

cosa insegna il referendum sull’uscita del Regno Unito dalla Unione Europea.

Un regalo per i novant’anni della Regina Elisabetta.

di Domenico Giglio

 

Chi ha votato per l’uscita della Gran Bretagna dalla Unione Europea ha pensato forse, inconsciamente, anche di rendere un omaggio alla sua Regina, ma, per la eterogenesi dei fini, ha forse innescato la dissoluzione del Regno Unito, come abbiamo visto quando Scozia ed Irlanda del Nord, hanno precisato che loro intendono rimanere giuridicamente nella Europa comunitaria e quindi staccarsi dal resto del Regno che diventerà non più “Unito”, cambiando necessariamente anche la bandiera per la quale avevano combattuto ed erano morti in centinaia di migliaia di soldati e marinai, anche scozzesi ed irlandesi.

Qualcuno ha poi notato che nell’arco di 400 anni si sta probabilmente compiendo, con l’attuale Regina Elisabetta II, un ciclo storico con il ritorno ad un Regno d’Inghilterra, quale era quello su cui regnava la prima Elisabetta ? Se così fosse non potevano fare regalo peggiore per i novant’anni della loro Sovrana!

Similitudini tra referendum.

L’esito del referendum circa la permanenza del Regno Unito nella Unione Europea ha visto una esplosione, da parte di analisti e commentatori, sui giornali italiani, di commenti negativi e disgustati per il risultato, ed insieme ad argomenti seri, specie di carattere economico, vi sono stati interessanti articoli sulla validità di questo voto, per la modesta differenza tra i “sì” ed i “no”, quando per eventi del genere, sarebbe stata necessaria, così hanno scritto, una maggioranza qualificata ed alcuni, tenendo conto che i votanti sono stati poco più del 72% del corpo elettorale, hanno sottolineato che quindi solo il 37% si è espresso a favore della uscita dalla UE. A distanza di 70 anni, questi articolisti , che dai loro nomi escludo abbiano simpatie monarchiche, con queste considerazioni mi hanno dato una autorevole conferma che il referendum istituzionale del 1946, lascia molti dubbi sulla effettiva vittoria repubblicana, il cui vantaggio di circa due milioni di voti, si sarebbe ridotto tenendo conto del milione e cinquecentomila voti annullati e minoritario rispetto al totale degli iscritti nelle liste elettorali, e che un evento di tale genere con le conseguenze che abbiamo visto e che viviamo, si sarebbe dovuto tenere quando a votare dovevano essere tutti i cittadini italiani, di tutte le provincie , comprese le centinaia di migliaia di ex prigionieri , ancora non rientrati in patria.

Anglofobia ed anglomania.

Sempre con questo referendum sono tornati a galla sentimenti per lo più anglofobi, fino a riesumare il termine della perfida “Albione”, dovuto a Vincenzo Monti, certamente poeta famoso, ma non certo esempio di coerenza politica, ma anche sentimenti di amore ed ammirazione per istituzioni, tradizioni, usi e costumi degli “angeli”, non “angli”, come li aveva definiti un antico Pontefice. È possibile che non si possa ragionare e valutare avvenimenti e popoli, con equilibrio e serenità, tirando invece fuori luoghi comuni, se non addirittura barzellette, e questo dopo 71 anni dalla fine della seconda guerra mondiale quando le ferite dovrebbero essere storicizzate e non più eventi sui quali ancora basarsi nei rapporti reciproci tra le nazioni europee. La scena evangelica dell’adultera e la frase di Gesù Cristo, che chi era senza peccato scagliasse la “prima pietra”, ha una validità universale, per cui lasciamo agli storici, quelli veri e non ideologicizzati che scrivono per dimostrare una tesi precostituita, di definire i rapporti avuti dall’Italia con la Gran Bretagna ed altre nazioni europee, dal momento che è l’Europa tutta ad essere oggi sotto attacco.

30 giugno 2016

 

 

Sullo sfondo della Brexit

Lo “splendido isolamento”

di Domenico Giglio

 

Quante volte abbiamo ripetuto la frase del Foscolo, “Italiani vi esorto alla storia”. Ma questa frase è valida per tutti le nazioni che hanno una storia, e nella vecchia Europa gli stati affondano le loro radici in secoli e secoli per cui l’invito era valido anche per la Gran Bretagna, che dell’Europa fa parte, almeno dall’epoca di Giulio Cesare, dovendo affrontare un “referendum” sulla uscita dalla attuale Unione Europea, di cui possiamo essere insoddisfatti, ma che aveva posto fine a quelle guerre, che in un secolo dal 1914 al 2016, l’avevano fatta retrocedere dal continente guida e “signore” del mondo da tutti i punti di vista dalla politica, alla cultura alla economia, alla finanza, ed a tutti gli altri settori della vita civile, ad un continente ormai minoritario come popolazione, con ricorrenti crisi economiche, in crisi di identità spirituale e di quei valori morali, che lo avevano reso grande. Ed accerchiato da nazioni emergenti, oltre tutto di religione differente, molte delle quali, a loro volta , in crisi, di carattere politico ed istituzionale, anche con guerre civili di inaudita violenza, che hanno reso endemico un fenomeno, quello della emigrazione, che esisteva da tempo, ma che non aveva assunto le dimensioni attuali.

Ebbene in tutto questo scenario brevemente tratteggiato gli elettori britannici, accorsi massicciamente alle urne, hanno deciso, con una modesta maggioranza, che oggi molti contestano, di abbandonare l’Unione europea, senza minimamente pensare alle conseguenze anche interne, vedi Scozia ed Irlanda del Nord, che minacciano secessioni, avendo votato per il mantenimento dell’adesione all’Europa, inseguendo un sogno antistorico di splendido isolamento, sul quale c’è molto da discutere. Senza andare infatti troppo lontano nel tempo, ma partendo da quel 1700, che vide anche ufficialmente l’unione della Scozia, all’Inghilterra, il Regno Unito , ha partecipato a tutte le dispute e le guerre che si svolsero nel continente, toccando il loro culmine nelle guerre napoleoniche, alle quali proprio l’esercito britannico pose fine nella giornata di Waterloo, e solo da allora, fino al 1914, si estraniarono, almeno ufficialmente dalle vicende europee, anche considerando quella strana guerra contro l’impero russo, in Crimea , insieme con la Francia ed il Regno di Sardegna, lungimiranti Cavour e Vittorio Emanuele II, dedicandosi invece ad ingrandire e rafforzare il suo impero, con guerre coloniali, vedi repressioni delle rivolte in India o nel Sudafrica, contro i boeri, impero che così raggiunse una dimensione mondiale, mai vista fino ad allora, ed oggi irripetibile.

Quanto al periodo successivo al 1914 ed alle due guerre mondiali la partecipazione alle stesse del Regno, Unito, anche come protagonista, in entrambi i casi alleato con la Francia, è storia recente che dimostra il suo stretto legame con l’Europa, la prima volta mosso in soccorso del Belgio e la seconda volta per la Polonia, entrambi Stati Europei, purtroppo aggrediti da un altro paese europeo, eventi questi che l’unione dovrebbe avere esorcizzato.

Quali siano state perciò le argomentazioni portate invece a favore dell’uscita, abbiamo letto e constatato la loro povertà in termini ideali e pratici, quando il governo Cameron aveva già ottenuto condizioni invidiabili ed eccezionali, per cui un voto positivo per il mantenimento della adesione, anche e proprio con una forte minoranza favorevole all’uscita, sarebbe risuonato egualmente alto e forte come monito ai burosauri di Bruxelles, ed avrebbe spinto le altre nazioni europee ad una radicale revisione della politica comunitaria, in quei settori in cui è sotto accusa in vari altri paesi europei, ed invece spinto al rafforzamento della politica estera comune, oggi quasi inesistente, e degli organismi militari ed antiterroristici che rispondano alle attuali esigenze, anche se, fortunatamente esiste, ma nessuno lo ha ricordato, pur sempre la NATO, di cui il Regno Unito, è stato ed è parte non secondaria.

27 giugno 2016

 

 

 

 

Cosa insegna il referendum del Regno Unito

di Salvatore Sfrecola

 

Ancora una volta la democrazia sulle rive del Tamigi c’insegna qualcosa. Stavolta in tema di referendum, i cui risultati, analizzati come stanno facendo i tecnici della politica e della comunicazione, dimostrano molte cose che hanno un significato politico importante: un contrasto culturale e generazionale, i laureati ed i giovani votano prevalentemente per restare in Europa, come gli abitanti della Scozia e dell’Irlanda del nord, mentre gli anziani e gli abitanti delle piccole città e delle campagne hanno dato voti alla Brexit. Si dice che siano i nostalgici dell’Impero.

Il referendum, tuttavia, insegna altre cose alla democrazia. In primo luogo che il quesito referendario deve essere chiaro e facilmente percepibile dall’elettorato anche nelle sue conseguenze immediate ed in prospettiva. Altrimenti la chiamata referendaria è una truffa perché il popolo vota come indica chi propone il messaggio più accattivante indipendentemente dalla realtà delle cose. In sostanza se il messaggio non dà conto della realtà della scelta che propone il SI il NO vengono sottoscritti senza consapevolezza della scelta. E questo non è democrazia.

Si spiega, dunque, perché la Costituzione vigente, dopo aver previsto al primo comma dell’art. 75 la possibilità che sia indetto un referendum popolare “per deliberare l’abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge”, al comma successivo lo esclude “per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali”. Le ragioni dell’esclusione delle leggi tributarie è evidente, sarebbero abrogate tutte. Le leggi di bilancio, “alle quali sono necessariamente connesse quelle in materia finanziaria” (Mortati), costituiscono il documento fondamentale sul quale si basa il funzionamento dello Stato. Inoltre il bilancio è “legge formale”, non ha carattere innovativo, limitandosi a recepire le prescrizioni contenute nelle leggi di spesa. Quanto all’amnistia e all’indulto si tratta di scelte politiche che attengono all’esercizio del potere punitivo dello Stato, essenziale al mantenimento dell’ordine pubblico. Ugualmente si comprende l’esclusione delle leggi che autorizzano la ratifica di trattati internazionali, documenti complessi, di elevato contenuto politico, che comportano scelte spesso oggetto di lunghe e complesse trattative che incidono su situazioni di carattere economico e commerciale e di sicurezza internazionale. Abrogare un testo complesso come un trattato internazionale, intorno al quale si articola tutto il sistema dei rapporti con gli altri stati è materia che appare incompatibile con una risposta secca, come prevista in un quesito referendario. Inoltre un trattato disciplina situazioni diverse. Un pacchetto che può essere in parte accettato, in parte respinto. S’intende che non è materia da rimettere alle decisioni del popolo che, come insegna la Confederazione Svizzera dove i referendum sono molto frequenti, deve essere chiamato ad una scelta non equivoca.

Concludendo, neppure in un referendum consultivo, come quello del 23 giugno nel Regno Unito, appare utile sperimentare il ricorso al voto popolare che nella stragrande maggioranza non è sorretto da una conoscenza compiuta del trattato e delle sue conseguenze. Il Regno Unito ne è la dimostrazione plastica. Non ha aderito alla moneta unica ed ha, proprio di recente, ottenuto da Bruxelles delle significative deroghe che hanno soddisfatto la sua antica volontà di stare a margine dell’Unione. In sostanza aveva ottenuto di godere dei vantaggi e di minimizzare i condizionamenti dovuti al mercato unico.

Questo non vuol dire che non sia autentico il disagio dei sudditi di Sua Maestà in un’Europa che stenta a realizzare quell’unione che le darebbe un ruolo determinante nelle politiche economiche e della sicurezza a fronte della globalizzazione dei mercati e delle crisi che insanguinano il mondo. L’Europa è una grande realtà, storica, culturale, economica, ma ha paura di esserlo e lascia ai governi nazionali, che si riuniscono nel Consiglio dei ministri, decisioni timide e più spesso contraddittorie per cui segna il passo.

È probabile che la brexit, che ritengo non si realizzerà, sia l’occasione per rivedere trattati e politiche, un campanello d’allarme che non sarebbe stato necessario se la classe dirigente europea fosse all’altezza del ruolo e di quanti la vollero a cominciare dal dopoguerra, da De Gasperi a Schuman, da Monnet ad Adenauer. I quali ebbero un sogno che non vogliamo sia interrotto.

26 giugno 2016

 

CIRCOLO DELLE VITTORIE

Presidente: Antonio Fugazzotto

V. Presidente: Domenico Fittipaldi

Tesoriera: Tiziana Ansoldi

Segretaria: Maria Bosco

Cons. Paolo Falsi

Cons. Luigi Rizzo

Cons. Licia Ugo

***********

Giovedì 23 giugno 2016 dalle ore 18:00

RIFORME COSTITUZIONALI:

VERSO IL REFERENDUM

 

INTERVENGONO

L’on. Giuseppe Gargani

Ex Sottosegretario alla Giustizia

Presidente del “Comitato Popolare per il NO

al referendum sulle Modifiche della Costituzione”

 

Il dott. Salvatore Sfrecola

Presidente di Sezione della Corte dei conti

 

Il Prof. Filippo Vari

Docente di Diritto costituzionale

Università Europea di Roma

 

Il Sen. Maurizio Gasparri

Vicepresidente del Senato

 

Introduce e modera

Antonio Fugazzotto

Parrocchia di Santa Lucia (Sala Teatro)+Via di Santa Lucia 5

Roma pressi di Piazzale Clodio

 

Prove tecniche di democrazia

Quando l’elettore vota “contro”

di Salvatore Sfrecola

 

Detto tra noi, a parte i risultati di Roma e di Napoli, ampiamente previsti, nessuno avrebbe scommesso sul crollo della sinistra a Torino, storica roccaforte del PCI, PDS, PD, dove Piero Fassino, un gentiluomo moderato che ha rivestito importanti incarichi di partito e di governo, è stato scalzato dalla poltrona di primo cittadino da una giovane del Movimento Cinque Stelle, Chiara Appendino, certamente con tratti professionali significativi, la laurea alla Bocconi ed una attività nel settore imprenditoriale, ma senza esperienza politica. Il voto, tra l’altro, ma è accaduto anche a Roma ha premiato un Movimento che ha dimostrato di saper cogliere il malessere dei ceti più modesti, come dimostra il successo conquistato nelle periferie, nelle aree più disagiate, dove la povertà condiziona la vita della gente in un contesto di  trasporti inefficienti, strade dissestate, mancanza di pulizia, l’assenza di ogni decoro urbano.

Il partito democratico prende voti soltanto nei quartieri centrali nella Roma bene e nella Torino dei salotti e crolla laddove il disagio è più grande a dimostrazione dello scollamento del partito della sinistra rispetto alle classi popolari, interpretate meglio dal Movimento Cinque Stelle e, a Roma, da Fratelli d’Italia.

Un fatto nuovo sui quali si arrabattano, in difficoltà per non aver individuato questa tendenza, politologi e giornalisti adusi ad interpretare i fatti della politica avendo l’occhio al partito di riferimento, alla proprietà del giornale sul quale scrivono, senza avere la capacità di esprimere in autonomia valutazioni approfondite. È la sconfitta dei partiti che non sono capaci di interpretare le esigenze della gente, e la sconfitta degli osservatori politici sempre sul generico. È la sconfitta di Matteo Renzi che ha ritenuto di caratterizzare la sua presenza politica con slogan e parole d’ordine che sembrano tratte da un fumetto, come ha detto un commentatore durante la lunga maratona televisiva di Enrico Mentana su  La7.

È la sconfitta di un partito lontano dalla gente governato da Roma con sms e Twitter, mentre la classe politica locale dimostra i suoi limiti per essere legata a interessi dei potentati dell’industria e del commercio. È la sconfitta di chi non ha saputo affrontare i temi della crisi economica avviando un programma di investimenti pubblici capaci di coinvolgere iniziative private che ben impegnerebbero risorse significative a fronte di progetti identificati come validi e utili al Paese. Un Paese che si allaga al primo acquazzone, che non è capace di gestire i rifiuti tossici seguendo la filiera degli adempimenti prescritti dalla produzione allo smaltimento. Un Paese che ha un sistema idraulico forestale assolutamente precario, un sistema di infrastrutture viarie inadeguate all’esigenza dello sviluppo dei commerci e del turismo, una ricchezza sempre evocata a parole ma mai perseguita nella realtà, quella che deriva dall’immenso patrimonio storico-artistico in un contesto ambientale meraviglioso. Un Paese dove gli acquedotti perdono la metà della loro portata, dove le infrastrutture elettroniche non sono all’altezza di una economia che vuole crescere.

Chiacchiere, solo chiacchiere da parte del Governo. Milioni e miliardi distribuiti a destra manca, più esattamente promessi, spesso richiamando stanziamenti già disposti, altre volte inventandone di nuovi, che rimangono sulla carta. Come rimane fumosa la riforma della pubblica amministrazione, che dovrebbe essere in realtà la prima preoccupazione di un governo perché solo con gli uomini della pubblica amministrazione, con le leggi che essi applicano e con le procedure delle quali si servono, è possibile perseguire gli obiettivi contenuti nel programma di governo.

Chi non ricorda il premier nel suo primo discorso al Senato indicare con cadenza mensile le riforme da fare? Della pubblica amministrazione, del fisco, della scuola, della giustizia, del lavoro, dell’economia, una elencazione che costretta nello spazio di un mese con una cadenza incalzante dava dimostrazione di una non conoscenza dei problemi, di una improvvisazione pericolosa, come la rottamazione di magistrati e dirigenti, oltre che di politici della vecchia scuola che ha rallentato anche laddove si poteva più celermente procedere. Ricorda un po’ quel che accadde all’inizio della rivoluzione spagnola quando i marinari di alcune navi, baldanzosi per l’insediamento della Repubblica, gettarono a mare gli ufficiali, sì che le navi senza comando rimasero ferme nei porti non essendoci nessuno che fosse in condizioni di governarle. A dimostrazione che le professionalità non si inventano, che se necessario, come era necessario, cambiare nella classe dirigente burocratica e di supporto degli organi di governo, fare tabula rasa significa privarsi di ogni supporto quando sarebbe stato necessario selezionare tra i grand commis quelli che avrebbero potuto collaborare col nuovo governo al servizio delle istituzioni e non compromessi con precedenti esperienze ritenute non meritevoli di essere mantenute.

Sono alcuni degli errori di Matteo Renzi, un politico ambizioso, certo con qualche merito, ma con poca esperienza e zero attenzione alle proposte che non venissero dalla sua fantasia e da quella dei suoi più stretti collaboratori fiorentini. Se il giovane di Rignano sull’Arno avesse arricchito la sua preparazione oltre che con le regole dei boyscout e le furbizie che aiutano nella partecipazione ai quiz televisivi con qualche buona lettura di storia politica e delle istituzioni, probabilmente si sarebbe potuto circondare di persone utili alla sua causa ed a quella dell’Italia, perché nessun uomo di Stato, meritevole di questa definizione, distingue i propri interessi politici e personali da quelli della nazione nelle sue varie articolazioni.

In questo contesto la risposta dell’elettorato è stata sintomatica. Fassino, intervistato subito dopo la debacle ha detto “la destra si è schierata con l’Appendino”. Accade così ovunque in democrazia. Negli scontri a due se l’elettore non ha il suo candidato vota per chi è meno lontano da lui od è portatori di valori che comunque condivide. Non si tiene lontano dal seggio. È evidente che la destra che ha votato senza accordi per i candidati del Movimento Cinque Stelle assume un credito ma soprattutto si prepara a riprendere l’iniziativa avendo maturato un’esperienza importante. Rimanere fuori, orgogliosi di uno splendido isolamento è incapacità politica, assoluta.

20 giugno 2016

 

A proposito del finanziamento governativo

al progetto “Città della salute” a Torino

Lo stile di un ministro,

il degrado della democrazia

di Salvatore Sfrecola

 

Non c’è dubbio che il Ministro Boschi abbia ragione: se l’amministrazione comunale di Torino rinuncerà ad un progetto finanziato in parte dal governo, quello che va sotto il nome di “La città della salute”, perderà quei fondi. Se, invece, la dichiarazione del ministro è quella riportata da Il fatto quotidiano, “se vince l’Appendino, Torino perde 250 milioni stanziati dal governo per il Parco della Salute. Di questo mi preoccuperei”, vuol dire che la Boschi è entrata a gamba tesa in una fase delicata delle elezioni a Torino, quella del ballottaggio, per danneggiare il candidato del Movimento5Stelle che avrebbe manifestato l’intenzione di cambiare programma per motivi vari, in particolare evitando il concorso di finanziamenti privati. Un assist a Fassino che, in quei termini, il ministro non si sarebbe dovuta permettere.

Sotto questo profilo il suo intervento a Sky è di una scorrettezza gravissima, inaudita, assolutamente incompatibile con il ruolo di rappresentante del governo della Repubblica. In qualunque paese occidentale non sarebbe tollerabile una simile interferenza e il ministro sarebbe stato invitato a dimettersi immediatamente. In qualunque democrazia occidentale, non in Italia, dove la questione sarà certamente archiviata con la scusa che la giovane, chiamata da Renzi a svolgere funzioni di governo, certamente superiori alle sue capacità professionali e politiche, non ha esperienza. Pertanto rimarrà sicuramente al suo posto, così contribuendo al degrado ulteriore della nostra vita politica.

Cosa ci si poteva aspettare da un ministro che difende ad ogni piè sospinto una riforma costituzionale approvata da una maggioranza, tra l’altro molto limitata, in un Parlamento i cui componenti sono stati eletti sulla base di una legge annullata dalla Corte costituzionale che, con la sentenza n. 1 del 2014, ha ritenuto, tra l’altro, che il difetto fosse proprio in quel premio di maggioranza che ha consentito al Governo Renzi di esistere? Un dato non formale, al quale nel dibattito sul referendum sento molti indifferenti, a riprova della scarsa sensibilità istituzionale diffusa in vari strati della popolazione. Senza considerare che le regole della democrazia sono fondamentali e la loro violazione, specie se reiterata, mina alla base la convivenza di un popolo. Ed è evidente che se a violare le regole della democrazia è il governo dello Stato vuol dire che il degrado del costume politico ha raggiunto un livello assolutamente intollerabile.

13 giugno 2016

 

 

 

Si pretende che gli italiani possano leggere,

capire gli effetti della riforma

e decidere in piena consapevolezza

Referendum, una autentica truffa

di Salvatore Sfrecola

 

Nel dibattito sulla riforma costituzionale, in larga misura condizionato dalla narrazione del Presidente del consiglio e segretario del Partito Democratico che attribuisce alle modifiche apportate alla Carta fondamentale effetti positivi sui costi della politica e maggiore efficienza delle istituzioni pubbliche, in particolare con riferimento alla riduzione delle competenze del Senato, si trascurano il più delle volte alcuni aspetti che sono fondamentali in una democrazia. In primo luogo, quello che la riforma costituzionale è stata votata da un Parlamento eletto sulla base di una legge elettorale (il famigerato Porcellum) dichiarata incostituzionale. Non è un fatto formale ma di correttezza istituzionale. Questo Parlamento, preso atto della pronuncia della Corte costituzionale, avrebbe dovuto votare nel più breve tempo possibile una nuova legge elettorale. Ed un minuto dopo il Capo dello Stato avrebbe dovuto sciogliere le Camere. È un fatto di una gravità eccezionale. Non sarebbe accaduto in nessuna democrazia occidentale.

Invece questo Parlamento si è arrogato il compito di modificare in larga misura una parte significativa della legge fondamentale dello Stato approvandola con una maggioranza limitata che è variata nel corso delle molteplici votazioni previste dall’art. 138 Cost. così venendo meno ad un principio fondamentale secondo il quale le costituzioni, nelle quali si riconosce la identità civile di una nazione, debbono contenere norme largamente condivise e, pertanto approvate, sulla base di un’ampia maggioranza. Come è stato nel 1947, quando è stata approvata, con il concorso delle principali forze politiche, la liberale, la cattolica e la socialcomunista, la Costituzione vigente che sarebbe entrata in vigore l’anno successivo.

Anche il richiamo a questa regola, non è un dato formale, ma dimostra la scarsa sensibilità democratica di questa maggioranza che già nel 2001 aveva votato, con quattro voti di maggioranza, una pessima riforma del Titolo Quinto che ha dato, fin dall’inizio, problemi gravissimi allo Stato e alle Regioni. Quella riforma è stata, alla prova dei fatti, deleteria intasando, tra l’altro, la Corte costituzionale con un contenzioso pesantissimo fra Stato e regioni. Se ne sono resi conto gli stessi promotori, gli stessi, ripetesi, che oggi presentano la nuova Costituzione “riformata”.

Ma per chi volesse ritenere formale, e non lo è, il fatto che un Parlamento delegittimato abbia addirittura modificato la legge fondamentale dello Stato, e l’abbia votata con pochi voti di maggioranza, c’è da dire che il referendum si presenta come una vera e propria truffa ai danni degli italiani. Si sente, infatti, ripetere dal Presidente del Consiglio e da altri esponenti della maggioranza, sui giornali e in tutti i dibattiti televisivi, che il referendum è espressione di democrazia partecipata perché gli italiani decideranno avendo letto e valutato il testo della legge. Ora non c’è dubbio che questa affermazione costituisca una gravissima presa in giro, perché il testo è complesso e di non facile interpretazione per i tecnici che si sono espressi, come abbiamo letto anche sui giornali, con modalità diverse, per cui è inconcepibile ritenere che cittadini comuni, in particolare quelli con scarsa cultura non solo giuridica, possano, con piena consapevolezza della scelta, votare SÌ o NO quando ad ottobre saremo chiamati a votare. Se ne è parlato ieri pomeriggio in un interessante seminario di studio promosso dal “Centro Studi Rosario Livatino” all’Università Europea di Roma, presenti Riccardo Chieppa, Presidente emerito della Corte costituzionale, i professori Felice Ancora, ordinario di Istituzioni di diritto pubblico a Cagliari, e Filippo Vari, orinario di diritto costituzionale all’Università Europea di Roma, moderatore Alfredo Mantovano, Consigliere di Corte d’appello, nel corso del quale sono emerse tutte le problematicità della riforma date anche dalla scarsa precisione di alcune leggi.

Questo della difficoltà di comprensione del testo ai fini del decidere se approvarlo o meno non è un dato formale, è l’essenza stessa della democrazia che in un referendum popolare deve mettere i cittadini in condizione di sapere di cosa si tratta per assumere le conseguenti decisioni. Inoltre, mentre sarebbe stato possibile articolare il quesito referendario in relazione a vari aspetti della riforma, tenuto conto che l’elettore potrebbe essere favorevole ad alcuni e contrario ad altri, si è fatto un pacchetto unico, tipo prendere o lasciare, proprio della mentalità del premier.

Inoltre si è inserito nel dibattito prepotentemente il riferimento alla legge elettorale, l’italicum, che certamente ha effetti sulla funzionalità di alcuni aspetti della riforma costituzionale, ad esempio sulla elezione del Capo dello Stato, dei giudici costituzionali e dei membri laici del Consiglio Superiore della Magistratura. Ma se questi riferimenti possono guidare la decisione sul voto in realtà la legge elettorale è un provvedimento autonomo che non è in discussione in sede di referendum di ottobre. Una data scelta ad hoc dal Premier che teme la decisione della Corte costituzionale che di lì a poco dovrà pronunciarsi. Infatti molti dei difetti di costituzionalità che hanno motivato la decisione della Consulta a proposito del Porcellum si ritrovano nell’Italicum che è un porcellum al quadrato.

Per chi ha sensibilità democratica e senso delle istituzioni le due considerazioni svolte nel corso di questo breve articolo, la circostanza che l’attuale Parlamento sia stato eletto sulla base di una legge dichiarata incostituzionale e tuttavia abbia modificato la Costituzione e l’altra che si pretende di ritenere corretto che una riforma così complessa possa essere presentata agli italiani nell’intesa che essi la leggano e dalla lettura traggano elementi certi per giudicare se votare SÌ o votare NO è una autentica truffa ai danni degli italiani.

11 giugno 2016

 

 

 

La destra ai 5Stelle:

l’ipotesi di un assist sussurrato

di Salvatore Sfrecola

 

In origine fu Berlusconi, nel 1993, durante la campagna elettorale per il sindaco di Roma a fare un assist a Fini, impegnato nel ballottaggio con Rutelli. “Se votassi a Roma – disse l’allora Cavaliere intervistato nel corso dell’inaugurazione di un supermercato - voterei Fini”. Ugualmente Matteo Salvini, più volte all’indomani del primo turno delle elezioni comunali: “a Roma voterei Raggi, a Torino Appendino”. Netto. Tanto è vero che giornali e televisioni sono tornati ripetutamente sull’argomento e ancora ieri, quando sono uscite le smentite a vari livelli. “Il Movimento 5 Stelle non fa accordi, né palesi né occulti” hanno detto un po’ tutti, da Di Maio a Di Battista, che oggi tracciano la linea del Movimento. Non c’era dubbio che sarebbe stato così. Il Movimento, che si è qualificato come nuovo, diverso e distante dai partiti tradizionali, quelli che prendono i contributi statali e piazzano i loro uomini nelle imprese pubbliche e negli enti di Stato, non può fare accordi con coloro dai quali tiene a distinguersi. Il M5S non chiede e non accetta una promessa di aiuto.

Un simile accordo avrebbe smentito il ruolo del Movimento, come è stato concepito da Grillo e Casaleggio, la sua storia. Tuttavia è evidente che una parte della destra ha guardato fin dall’inizio con interesse e direi anche con simpatia l’entrata in campo di questi giovani “duri e puri”, intenzionati a scalzare i vecchi partiti per rinnovare una classe politica dalla quale gli italiani si sentono sempre più distanti, perché la “casta” ha dato pessima prova di sé, tanto che pochi ritengono possa rinnovarsi dal suo interno. Così la destra liberale, che sempre più cerca di ritrovare le sue radici storiche in quel pensiero liberale che ha dato all’Italia statisti sommi, da Cavour a Giolitti, si è trovata spesso nell’azione parlamentare a votare con i “grillini”. Una coincidenza certamente che, tuttavia, è stata interpretata spesso maliziosamente come una sorta di corteggiamento di Salvini a Grillo, sottolineato dal tono basso delle polemiche che in alcuni casi hanno contraddistinto il dibattito tra partito e movimento.

Non richiesti e né offerti, dunque, i voti potrebbero arrivare ai candidati del Movimento Cinque Stelle a Roma come a Torino attraverso indicazioni generiche ma non equivoche di esponenti della destra i quali, rivolgendosi ai loro elettori, potranno evocare l’esigenza del rinnovamento della politica anche a livello di enti locali, nel segno della legalità e della trasparenza. Considerato che Giachetti non è certamente il nuovo e che nella gestione del Comune la trasparenza è stata molto scarsa se non inesistente è evidente l’assist a Virginia Raggi. Ugualmente si potrebbe dire a Torino dove Piero Fassino se la vede con la giovane Chiara Appendino.

D’altra parte sarebbe assurdo che coloro i quali hanno votato centrodestra al primo turno si astenessero nel secondo. In democrazia si vota a favore o contro e in un ballottaggio non c’è dubbio che chi non ha più il candidato è portato a dare il suo voto all’altro che gli più vicino per esorcizzare la possibilità che vinca l’altro, quello più distante.

È una regola antica, quando la scelta è tra due. Invece si sentono indicazioni di non voto, segno di scarsa sensibilità politica, una indicazione a dispetto che nasconde l’incapacità di guardare lontano, di immaginare una strategia di più lungo periodo. Anche perché è evidente che chi avrà aiutato il candidato che risulterà vincitore si troverà nella condizione di attuare una sinergia nell’assemblea comunale con la maggioranza che regge il sindaco.

10 giugno 2016

 

 

 

Maurizio De Giorgi,

Il giudizio di ottemperanza

(Key editore, 2016)

del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci

 

È stato recentemente pubblicato il succinto lavoro - pur se non manca di spunti interessanti - di Maurizio De Giorgi, Avvocato, dedicato al giudizio di ottemperanza, istituto particolarmente arduo cui il codice del processo amministrativo avrebbe potuto e dovuto riservare una più meditata attenzione.

L’autore, nella soggetta materia, dà prova di sapersi destreggiare tra le norme del codice e le più accreditate pronunce dell’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, giustamente incurante di taluni sconcertanti interventi giurisprudenziali (tra questi, quello concernente il termine per la proposizione dell’appello avverso la decisione di primo grado, stranamente ritenuto dimidiato nonostante la inequivoca disposizione dell’art. 114, comma 9, contenuto nel libro IV, titolo I, del c.p.a., il quale prescrive che i termini per la proposizione dell’impugnazione sono quelli previsti nel libro III).

L’Avv. De Giorgi, che dimostra di avere familiarità con le aule della giustizia amministrativa, ha trattato la materia dell’ottemperanza in quattro capitoli e l’aggiunta di un formulario, con linguaggio chiaro e scorrevole.

Il primo capitolo riguarda il giudizio di ottemperanza alla luce del nuovo codice; il secondo i titoli esecutivi; il terzo il giudice dell’ottemperanza ed il quarto il procedimento.

Il dichiarato taglio pratico - operativo dell’opera e il formulario conclusivo rispondono al meglio alle esigenze specie dei più giovani che intendano cimentarsi con il processo amministrativo.

 

 

 

Verso il ballottaggio

Cambia vento? A Roma e non solo

di Salvatore Sfrecola

 

All’indomani del primo turno delle elezioni comunali chi, nel Partito Democratico, nei ballottaggi rincorre i candidati del Movimento Cinque Stelle, come a Roma, Giachetti, o è inseguito, come a Torino, Fassino, denuncia negli avversari populismo, protesta per la protesta e genericità dei programmi. Giachetti ha ripetutamente sfidato Virginia Raggi, attestatasi al 35% dei voti, a confrontarsi con lui, con i programmi sui percorsi della metropolitana e su questa o quella linea di tram e via discorrendo. Un confronto che, denuncia il candidato del PD, prima non c’è stato, anzi sarebbe stato evitato dalla candidata del M5S.

Quel confronto forse non ci sarà. In primo luogo perché chi è in testa solitamente non accetta confronti con chi lo insegue. Inoltre sfugge a Giachetti che il confronto tra lui e Virginia Raggi non è sui programmi ma sulla sua personale credibilità come candidato e sul partito che lo esprime in relazione alla sua storia a Roma. Insomma Giachetti è, nel bene e nel male, l’erede dell’area politica che ha governato Roma negli ultimi venti anni.

“È cambiato il vento”, ha detto in apertura della sua conferenza stampa la giovane Avvocato Raggi, un vento che ha premiato, al di là delle più rosee aspettative, la novità, l’immagine della novità, forse anche solo la speranza della novità, magari non bene identificata ma che, in ogni caso, si alimenta della speranza dei cittadini romani letteralmente disgustati da anni di sprechi e ruberie che fanno la cifra dell’inefficienza dei servizi comunali e della invivibilità della città più bella del mondo, in una parola della inadeguatezza dei partiti e delle loro classi dirigenti.

Tutte queste cose la Raggi non le dice ma le fa capire, perché ha compreso che l’ipotesi del cambiamento che ha mosso la sua candidatura è stata accolta dai romani in cerca del nuovo per quel sorriso accattivante, per il tono gentile della voce che dà un’idea della fermezza e della determinazione che la sorregge. In tanti hanno condiviso l’aspettativa del nuovo. Poco conta, quindi, che non abbia indicato quanti kilometri di metropolitana vorrà costruire, se e quali linee prolungare e fino a dove. I quiriti le hanno creduto sulla parola, ispirati da quel volto sereno e sorridente che spiegava con estrema semplicità che la novità è fatta di due parole di straordinaria importanza, legalità e trasparenza, senza mai alzare la voce, neppure per sottolineare un qualche aspetto della sua offerta politica, lei abituata a modulare parole e concetti quando, di fronte ai giudici più esigenti cerca di far valere le ragioni del suo assistito. Quel giudice che si chiama cittadino romano, che in politica è certamente ben più esigente di quello in toga, si è fatto convincere immediatamente è l’ha premiata. Troppo e troppo pressante il desiderio di cambiamento, quello che, già nelle elezioni politiche, era stato condiviso da un quarto dell’elettorato.

Giachetti, c’è da esserne certi, insisterà nel richiedere un confronto ritenendo di essere il più abile con la sua consumata esperienza all’interno del Partito Democratico romano, laddove si decide come gestire le risorse del Comune, tra indennità al personale, premi di produttività (quale?), consulenze, appalti di lavori, di servizi e forniture. È lì, nelle pieghe del bilancio, che si sono spesso annidati gli sprechi, magari all’insaputa di sindaci e assessori circondati da clientes ai quali il più delle volte non è possibile dire di no. Non che siano sempre illeciti, ma i romani hanno deciso di cambiare pagina di cogliere quel vento che è la novità di questa fase storica nella quale, come ha scritto Peter Mair, irlandese, uno dei principali protagonisti della scienza contemporanea, i maggiori partiti registrano un calo di iscritti e di partecipazione ed anche coloro che rimangono fedeli militanti sono sfiancati nel loro entusiasmo.

Si è aperta la fase del ballottaggio. Le due settimane che ci dividono dal secondo e definitivo voto saranno anche il tempo della sperimentazione dell’approccio nuovo che la realtà suggerisce ai cittadini ed ai partiti. Questi ultimi, a sentire le parole dei loro dirigenti, non sembra abbiano capito che è finito il partito che organizza non il consenso, sulla base di idee, ma la gestione delle risorse che fanno gola alle lobby grandi e piccole degli affari. Su questo si misura il rapporto con un movimento, come quello di Virginia Raggi che si alimenta di una protesta che per troppo tempo ha covato nell’animo degli uomini i quali hanno visto sperperi e corruzione passare impuniti attraverso gli anni, spesso protetti da norme di favore. Demonizzare la protesta è sbagliato e sciocco. I fenomeni vanno compresi ed è solamente l’arroganza della “casta” a negar loro cittadinanza.

Vedremo come si atteggeranno alcuni partiti che predicano legalità e trasparenza. Daranno qualche indicazione? Offriranno l’aiuto alla candidata Cinque Stelle, anche se lei non la chiederà? Roma diventa così un grande laboratorio di idee, sospinte da quel vento che “è cambiato”, in favore della giovane che non teme le difficoltà che dovrà affrontare se siederà sullo scranno più alto del Campidoglio. Un primo segnale lo ha dato Matteo Salvini con la solita formula: “se votassi a Roma voterei Raggi”.

8 giugno 2016

 

 

 

Non  disertare il voto

Alle urne, alle urne!

di Salvatore Sfrecola

 

Un mio amico ha scritto su Facebook che non ascolterà più nessuno che intenda lamentarsi di qualcosa che non va nella gestione della città se non gli avrà preventivamente dato assicurazione di aver votato. La Costituzione all’articolo 48, comma 2, definisce l’esercizio del voto “dovere civico”. Non un dovere giuridico, dunque, obbligatorio, cosa che fu esclusa nel corso dei lavori dell’Assemblea costituente, ma un dovere del cittadino come tale e in quanto partecipe di una comunità.

Un dovere che si connette ad un diritto, espressione prima delle società organizzate anche quando non assurgeva a icona del costituzionalismo moderno, che è quello di contribuire alla vita della società concorrendo alla scelta dei propri rappresentanti da individuare sulla base di un indirizzo politico enunciato nel corso della campagna elettorale, con riferimento a linee politiche ideali ed a programmi di azione amministrativa e di gestione dei servizi pubblici, come avviene essenzialmente nelle elezioni per i sindaci nelle quali si dibatte di mobilità, pulizia, ambiente, servizi amministrativi e alla persona, illuminazione delle strade e sicurezza, tanto per semplificare.

Sono temi che interessano tutti, ricchi e poveri. Nessuno può disinteressarsene. Ovvero, quando se ne disinteressa all’atto del voto, come dice il mio amico, non ha più motivo di lamentarsi se le cose non vanno come sperava.

Un voto può poco? Il disinteresse, l’assenteismo può molto. In negativo perché di fatto genera quel “non governo” del quale poi ci lamentiamo. Ecco perché da sempre richiamo l’attenzione su quel “dovere civico” che molti, troppi, italiani da tempo non esercitano. Anche nelle interviste televisive raccolte per strada si sente dire “non mi interessa”, “non so”, “non m’intendo”, “tanto con cambia niente”. Una disattenzione che è disaffezione per il proprio ruolo di cittadino che tuttavia sarebbe ingiusto addebitare solamente alla gente, ad una certa ignavia o rassegnazione e non si tenesse conto del fatto che la classe politica ha progressivamente perduto credibilità agli occhi della gente, sempre più convinta che la rappresentanza del popolo sia un concetto vuoto, che, in realtà, quello del politico sia un mestiere, anche ben retribuito, che la “casta” sia altro da noi comuni cittadini.

Questo tuttavia non giustifica il non voto. Perché proprio gli errori della politica dovrebbero spingere i cittadini a ribellarsi con l’arma potente di una scelta di alto valore civico perché non è vero che “tanto non cambia niente” perché la storia, anche di questa Italia di individualisti e sfiduciati, dimostra che agli italiani, quando hanno saputo scegliere, venuti risultati, come quando ci ribellammo a chi ci voleva mandare al mare anziché a votare.

D’altra parte chi tace ha sempre torto.

Oggi siamo chiamati a votare per eleggere sindaci e consiglieri comunali. È vero che i programmi presentati dai candidati nelle scorse settimane si somigliano un po’ tutti e non potrebbe che essere così. Le buche nelle strade, la viabilità e la pulizia delle città sono necessariamente temi di tutti. Ma c’è una possibilità di leggere quei programmi al di là degli slogan. Guardando alle persone, alla loro esperienza, a quanto hanno o non hanno fatto nel tempo, insomma alla loro affidabilità.

Si può sbagliare, ovviamente. Come quando si assicura amicizia ad una persona fidando su come si presenta. Ma è più sbagliato non scegliere, rimanere a casa o andare al mare o ai monti. Anche per rispondere a chi ha tentato di sminuire il senso della scelta dei sindaci piazzando la data delle elezioni al termine di un lungo ponte che ha portato molti italiani ad allontanarsi dalla loro città.

Il “rischio delle urne deserte” di cui ha scritto Aldo Cazzullo il 31 maggio sul Corriere della Sera è certamente reale ma voglio allontanarlo, fidando nei miei concittadini, nel loro senso civico nella speranza che quel “dovere” che evoca la Costituzione sia un invito sentito, un po’ come nella esortazione mazziniana, quasi a compensazione del ricorrente, ossessivo richiamo ai diritti. Che non possono essere tenuti lontani dai doveri, che non identificano neppure una contrapposizione, ma sono espressione dell’essere cittadino, che chiede perché, all’occorrenza, sa che deve dare.

Le elezioni amministrative di oggi e del 19, in caso di ballottaggio, ci chiedono di indicare un sindaco “l’unica figura – scrive ancora Cazzullo - che sino a poco fa aveva resistito al declino delle istituzioni e al degrado della rappresentanza”. Lo è ancora, anche se nella maggior parte dei casi non ha risorse adeguate alle esigenze dei servizi che è chiamato a rendere. Ma può liberare i bilanci dal peso degli sprechi e della corruzione. Gli uni spesso funzionali all’altra.

Si vota nelle grandi città, nella capitale dove mai era stato registrato un degrado così mortificante, a Milano, Napoli, Torino, Bologna. Ovunque con le sue specificità. I partiti le temono perché, ad onta dei tentativi di esorcizzarne il significato, sanno che il senso di appartenenza ancora conta e se lo zoccolo duro del Partito Democratico e di Forza Italia può tenere in alcune aree, in altre potrebbe trasformarsi in un esodo biblico in direzione del Movimento 5 Stelle, da un lato, e della Lega e di Fratelli d’Italia dall’altro, con pensionamento anticipato dei vecchi e giovani leader.

Il laboratorio più significativo potrebbe essere Roma dove il centrodestra appare diviso in un ramo con aspirazioni di fruttificare (Fratelli d’Italia e NoiconSalvini) e in uno, Marchini, contaminato da reduci di battaglie perdute, come i valori che continuano stancamente a richiamare. Mentre il PD, tra cattiva gestione e scandali, rischia una clamorosa retrocessione, nonostante l’impegno del segretario del partito Presidente del consiglio.

In testa ai sondaggi, pare, il Movimento 5 Stelle al quale molti guardano come ad una speranza di rinnovamento. La giovane Virginia Raggi riscuote molto interesse. La insegue un’altra giovane, Giorgia Meloni con impegno e determinazione.

Cosa diranno le urne? Oggi e soprattutto il 19 nell’inevitabile ballottaggio?

5 giugno 2016

 

A margine delle celebrazioni del 2 giugno

Qualche puntino sulle “i” tra politica e storia,

da Sabino Cassese a Corrado Augias

a cura di Salvatore Sfrecola e Domenico Giglio

 

Capisco e comprendo l’esigenza delle autorità pubbliche di ricordare il 70° del referendum istituzionale e l’enfasi che l’ha accompagnata, ma ritengo che buon gusto e rispetto della verità storica avrebbero imposto parole più sobrie, almeno nelle parole, soprattutto rivolte al futuro del nostro Paese. Invece molti, troppi, hanno scelto la strada della rievocazione delle vicende politiche precedenti il 1946 travisando o ignorando fatti, spesso in modo cialtronesco, denigrando in tono non di rado volgare personaggi della storia italiana probabilmente nell’intento di costruire una narrazione edulcorata che facesse risultare ineluttabile il risultato referendario e pertanto sorretto consapevolmente dalla maggioranza degli italiani. Nonostante i tanti “dubbi” e le molte certezze ed a tacere del clima di intimidazione e di violenza che in alcune aree del Paese impedirono l’espressione del voto a persone notoriamente di fede monarchica. Da pochi giorni è nelle librerie il contributo documentatissimo dello storico Aldo A. Mola (“Il referendum Monarchia-Repubblica del 2-3 giugno 1956 – Come andò davvero?”, BastogiLibri) che segnala brogli, sbagli, pasticci. Ricorda anche che tre milioni di italiani non hanno avuto la possibilità di  votare.

È accaduto altre volte nella storia che il “vincitore” abbia voluto incoronare il proprio successo enfatizzando talune circostanze, minimizzandone altre, spesso denigrando chi aveva perduto, trascurando si considerare che svilire l’“avversario” inevitabilmente riduce anche il senso della vittoria. Nel nostro caso, trattandosi di una consultazione dagli esiti contestati, e che comunque hanno spaccato l’Italia in due, sarebbe stato politicamente più civile guardare soprattutto al dopo con senso di responsabilità nei confronti della società uscita da una guerra devastante e coinvolgere tutti in una prospettiva di superamento della crisi economica e sociale che ne era seguita.

È così che abbiamo garbatamente fatto presente al Capo dello Stato su questo giornale che la sua intervista al Corriere della Sera del 2 recava talune imprecisioni storiche che sarebbe stato bene evitare.

Ugualmente il Professore Sabino Cassese, già giudice costituzionale, l’unico che, nella storia della Consulta, contravvenendo ad uno stile sempre serbato da chi aveva svolto quell’alta funzione, ha consegnato ad un testo (“Dentro la Corte – Diario di un Giudice costituzionale”, Il Mulino, 2015) critiche all’attività dell’alto consesso nel quale ha operato per nove anni, ripresa la libertà di scrivere ha voluto svolgere, ancora sul Corriere del 2 giugno (Le stelle sono ancora molto lontane?), considerazioni varie sulle prospettive che si erano prefissi, a suo dire, coloro che avevano propugnato la scelta repubblicana. Inizia chiedendosi se “sono state soddisfatte le attese e le promesse fatte settant’anni fa, quando gli italiani votarono e scelsero la Repubblica?”, quando, “disfatto lo Stato monarchico e fascista … il popolo fece sentire la propria voce scegliendo la Repubblica”. Aggiungendo che “per vent’anni non erano state consentite libertà di parola e di associazione … Per cent’anni, la scuola era rimasta classista, con corsi separati per i figli della borghesia, e per quelli degli operai e contadini, e all’assistenza sanitaria avevano avuto diritto gli iscritti alle «mutue». Nel 1962 fu introdotta una scuola media unica e nel 1978 fu istituito il Servizio sanitario nazionale, aperto egualmente a tutti”.

Mi limito ad alcune considerazioni generali, lasciando all’amico Ing. Domenico Giglio, che da alcuni anni arricchisce questo giornale con proprie considerazioni di carattere storico politico, alcune puntualizzazioni sulla scuola.

Il Professore Cassese, che è persona colta nel diritto pubblico e segnatamente nell’amministrativo, non può confondere lo stato monarchico con quello fascista né assegnare a gloria della Repubblica, come se l’Italia venisse dal nulla, talune riforme di carattere economico e sociale, come la riforma sanitaria, che tutti oggi sono convinti sia stato un errore attribuire alla competenza delle regioni con tutto il seguito di disfunzioni, sprechi e corruzione che giornalmente ci segnalano i mezzi d’informazione. Perché gli è ben noto che l’Italia, nel decennio giolittiano, aveva già sperimentato importanti riforme sociali che l’avevano collocata all’avanguardia tra i paesi continentali.

Ciò mentre i “forti divari” che “L’Italia unificata aveva accettato … al suo interno” vanno contestualizzati, come ogni storico degno di questo nome sa che va fatto per non apparire fazioso (uomo di fazione). Mentre al giurista, com’è il Professore Cassese, non può sfuggire re melius perpensa, come scrivono coloro che hanno letto le Pandette, che è certamente azzardato affermare che “Internet è divenuto un formidabile strumento per assicurare la trasparenza della gestione pubblica”. Magari usando un condizionale (potrebbe diventare) avrebbe preso meglio le misure in una materia nella quale l’Italia è fortemente deficitaria, tanto da collocarsi molto indietro nella graduatoria, redatta da Transparency International, dei paesi dove la corruzione percepita è più alta. E meno sentita l’etica pubblica.

Così denuncia disfunzioni politiche ed amministrative, la “lentissima attuazione” della Costituzione, quanto alla Corte costituzionale che cominciò la sua attività solo nel 1956, alla elezione dei consigli regionali avvenuta nel 1970. E, poi, “le degenerazioni del parlamentarismo”. Ma se abbiamo avuto 63 governi – l’argomento di Renzi a sostegno dell’Italicum e “il Parlamento fa troppe leggi e rinuncia ad esercitare la sua funzione di controllo del governo”, questo non è forse responsabilità dei partiti e dei loro gruppi parlamentari? E non si chiede, lui che apertamente propende per il SI, se, con una legge elettorale che assegna al partito di maggioranza, che è comunque una minoranza nel Paese, il dominio della Camera, quel controllo sul governo che evidentemente auspica sarà ancora possibile.

 

Lascio la parola a Domenico Giglio, in una lettera all’Ambasciatore Sergio Romano, che cura la rubrica le lettere sul Corriere, per poi riprenderla a proposito di quel che ha scritto Corrado Augias.

“Io ed il Prof. Cassese

Egregio dr. Romano, ho letto con interesse l’articolo di fondo, del 2 giugno del prof. Cassese e mi sembra di aver vissuto, qui a Roma, forse diversa dalla terra natale del professore, una vita dissimile da quella descritta nell’articolo, con la scuola divisa per ricchi e poveri, quando ricordo invece figli di portieri che studiavano insieme con i figli dei padroni di casa, e se poi la scuola media unica risale al 1962, cosa era quella scuola media che ho frequentato dal 1942 al 1945? E se i Sindaci erano soggetti al controllo statale e non liberi, vorrei mi fosse spiegato come mai Roma avesse avuto un Sindaco di nome Nathan, massone, e Milano, Caldara, socialista, che operarono liberamente ed ancora oggi sono ricordati e portati ad esempio per le realizzazioni compiute durante il loro mandato ?

In Italia libertà e democrazia non sono nate nel 1945, come affermò Parri al quale ben rispose Benedetto Croce, demolendo questa tesi, ma se furono obnubilate per diciotto anni, dal 1925 al 25 luglio 1943, ormai sappiamo bene di chi furono le vere responsabilità, dai popolari ai socialisti, i primi perché impedirono il ritorno al governo di Giolitti, per poi entrare nel governo Mussolini, e gli altri per il loro massimalismo, ed il rifiuto della strada riformista, auspicata dallo stesso Sovrano.

Distinti saluti

(un semplice e modesto) dr. ing. Domenico Giglio”

 

E veniamo a Corrado Augias

Su La Repubblica, 1 giugno 2016 (Ciò che vidi il 2 giugno, a pagina 28) risponde ad un anonimo lettore (“lettera firmata”, una formula che spesso nasconde lo stesso autore della risposta che confeziona a proprio uso un argomento che magari nessuno gli ha segnalato) che scrive: “Di una cosa non sono mai stato certo: quanto gli italiani, la maggioranza degli italiani, abbiano imparato ad apprezzare l’idea di essere cittadini di una repubblica che vuol dire la cosa pubblica cioè la cosa di tutti. Alle volte mi chiedo se qualcuno o molti non preferirebbero ancora oggi che in quel 2 giugno di settant’anni fa avesse vinto la monarchia”.

Augias esordisce rassicurando il lettore (o se stesso). Egli, infatti, ritiene che “siano trascurabile minoranza gli italiani che preferirebbero vivere oggi sotto una monarchia per almeno un paio di ragioni, una di buona lega, l’altra un po’ meno. La prima è che gli ultimi eredi Savoia hanno dato una così mediocre prova di sé da far ritenere di gran lunga preferibile il più modesto o molesto degli uomini politici; nessuno di loro è lì per ragioni ereditarie quindi prima o poi torna a casa mentre un cattivo re siede sul trono a vita”. Argomenti già in uso, stantii, che non mette conto commentare.

Ma dove il Nostro raggiunge l’apice della sua arroganza e ignoranza storica è quando così prosegue: “ci vollero la sconfitta e la fuga per far abdicare un re come Vittorio Emanuele III, pessimo fin dall’inizio, sgradevole d’aspetto e di cattivo carattere”. E qui mi fermo perché il resto è un tripudio, neppure troppo convinto, della scelta repubblicana, considerato, come scrive, che “non siamo stati capaci di mettere l’idea al centro della nostra identità nazionale”. Una frase buttata lì come fosse poca cosa non sentire collegata identità e forma di stato.

Ma veniamo alle banalità su Vittorio Emanuele III. Quelle parole confermano la supponenza del giornalista-scrittore che tutti hanno potuto verificare specialmente nelle più recenti apparizioni televisive. Di qualunque cosa discetta e insegna, anche di costituzione, che pure in un recente intervento a DiMartedì confessava di non aver ancora letto.

E veniamo all’accusa della “fuga”, un’ossessione che unisce dall’8 settembre 1943 sinistri e repubblichini, una colossale balla storica. Di recente in un convegno ho sentito dire che, durante la Seconda Guerra Mondiale, mentre molti re e presidenti di repubbliche erano fuggiti in Inghilterra all’atto dell’occupazione tedesca dei propri stati, Vittorio Emanuele III era “fuggito in Italia”, cioè aveva portato la Corona nell’unica parte del territorio nazionale libera dai tedeschi e non ancora occupata dagli Alleati anglo americani. Un atto necessario, responsabile perché solo lui aveva la legittimazione a trattare con gli alleati ed a rappresentare lo Stato. Aveva lasciato Roma, indifendibile sul piano militare, anche per evitare che la più bella città del mondo, là dove il diritto e le istituzioni della politica hanno preso forma diventasse un cumulo di macerie. Montecassino insegna. Inoltre la stessa Santa Sede aveva fatto discretamente pressioni perché il sovrano lasciasse la capitale, ad evitare che divenisse un campo di battaglia per tedeschi e alleati. Scrive Antonio Spinosa (Vittorio Emanuele III – L’astuzia di un Re”, Arnoldo Mondadori, 1990) che “come Pompeo inseguito da Cesare, così lui, tallonato dagli eserciti di Hitler, aveva portato altrove le insegne dello Stato legittimo per sottrarle al nemico”.

E con questo ci auguriamo che coloro che sono in buona fede, anche se repubblicani arrabbiati, abbandonino questo argomento polemico ripetuto pedissequamente senza alcuna ulteriore, seria riflessione.

Re pessimo “fin dall’inizio” scrive Augias. Dovrebbe dirlo a Mario Missiroli (“Monarchia socialista”, un testo che come osserva Francesco Perfetti nell’introduzione alla più recente edizione (Le lettere) che “ha avuto una influenza non secondaria nella discussione sulle caratteristiche del Risorgimento, in particolare nella linea che da Gobetti giunge fino allo Spadolini di ‘Il papato socialista’”). E dovrebbe contestare quanti hanno nel tempo lodato un sovrano che, all’indomani dell’uccisione del padre, il re Umberto I, chiuse la bocca a coloro che auspicavano vendette e repressioni ed avviò la stagione delle riforme sociali con Giovanni Giolitti, riforme a tutti note, un esempio nell’Europa del tempo. Appena insediato disse a Saracco che desiderava esaminare le carte prima di firmarle (non si era mai fatto) aggiungendo che “d’ora in poi il re firmerà soltanto i propri errori, non quelli degli altri”. Il vecchio Presidente del Consiglio si sentì offeso e manifestò l’intento di dimettersi. Il Re lo convinse a rimanere con un discorso “di metodo”.

All’atto di assumere le funzioni di Re scrisse di suo pugno il suo discorso agli italiani. Sapeva maneggiare la penna. Disse, in una delle prime occasioni, che “monarchia e parlamento avrebbero proceduto solidali nella rigorosa applicazione delle leggi”. Consigliò al governo di aprire ai sindacati. E fu Giolitti, lo sviluppo economico e sociale, il pareggio del bilancio, l’introduzione del suffragio universale maschile e l’istituzione del monopolio statale delle assicurazioni sulla vita.

Durante la Prima Guerra Mondiale fu costantemente al fronte e, dopo Caporetto, a Peschiera, nel corso di un incontro con gli stati maggiori degli eserciti alleati, difese con successo l’onore del soldato italiano contrastando le tesi pessimistiche del primo ministro inglese Lloyd George e del Maresciallo francese Ferdinand Foch spiegando loro, in inglese e francese, quale fosse la strategia che avrebbe consentito all’Esercito di riprendere l’iniziativa contro gli austro-tedeschi. Ed è proprio Lloyd George a dirci che era stato colpito “dalla calma e dalla forza” del Re. Aggiungendo che “non tradì alcun segno di timore e di depressione. Pareva ansioso solamente di cancellare in noi l’impressione che il suo esercito fosse fuggito, e trovava mille scuse e giustificazioni per quella ritirata”. Fu il protagonista di quella giornata, come riferisce Vittorio Emanuele Orlando, Presidente del Consiglio, al quale aveva detto, entrando nella sala dove si svolse la conferenza, una squallida scuola elementare, sede d’un comando di battaglione: “sulla situazione militare desidero esporre e discutere io solo”  E fu sempre a Peschiera che, quando Orlando sottopose alla sua firma il testo di un messaggio da inviare alla Nazione in quel tragico frangente ne modificò l’incipit catastrofico (“Un’immensa sciagura ha straziato il mio cuore di Italiano e di Re”). Preferì scrivere “il nemico, favorito da uno straordinario concorso di circostanze… “ per concludere con un appello: “si risponda con una sola coscienza, con una voce sola: tutti siam pronti a dar tutto per la vittoria e per l’onore dell’Italia”.

Che fosse “sgradevole d’aspetto” non spetta a me giudicare, come del suo carattere. Ma era certamente un capo di stato geloso custode della legge, a volte formalista. Molti avrebbero voluto che mettese in atto un colpo di Stato e non dare l’incarico di formare un governo a Benito Mussolini. Sono gli stessi che respinsero l’ipotesi di un governo Giolitti, liberali, cattolici, socialisti, incapaci di assumersi delle responsabilità. Ma nel governo Mussolini entrarono. Mai diedero al Re quel “fatto costituzionale” che il Sovrano sollecitava. E quando il Re il 25 luglio congedò Mussolini tornarono a parlare di colpo di stato. L’incapacità dei politici che prima e dopo il fascismo hanno lasciato solo il Re costituzionale evoca presunti errori del Re per nascondere la propria irresponsabilità.

Fu un uomo affezionato alla famiglia, un esempio per gli italiani. Studioso di numismatica ha lasciato un’opera che tutti ammirano, il Corpus Nummorum Italicorum, di monete diligentemente descritte di suo pugno. Le ha donate allo Stato all’atto della propria abdicazione con una breve lettera a De Gasperi. A quello Stato che ha avocato a se tutti i suoi beni personali del Re e quelli dei discendenti maschi (XIII disposizione transitoria della Costituzione), un gesto miserevole nei confronti dell’erede di una famiglia che ha unificato l’Italia il cui ultimo Re, Umberto II, dopo il referendum, ha lasciato Roma evitando che l’Italia cadesse in una guerra civile. Nessuno gli è stato grato. Sarebbe stato un gesto signorile, almeno a distanza di 70 anni. Ma Signori si nasce, diceva Totò.

La verità storica non è monarchica o repubblicana, è solamente verità e chi la riconosce dà dimostrazione di intelligenza e di onestà intellettuale.

5 giugno 2016

 

In margine all’intervista di Marzio Breda del 2 giugno

Presidente Mattarella,

mi consenta qualche precisazione

di Salvatore Sfrecola

 

Signor Presidente, con la stima che Le porto e la simpatia che in tempi non sospetti mi hanno indotto a dialogare proficuamente con Lei su temi istituzionali, mi consenta qualche piccola chiosa alla Sua intervista a Marzio Breda sul Corriere della Sera del 2 giugno, a proposito di alcune sue affermazioni che io ritengo, sul piano storico, quanto meno estremamente dubbie. In apertura dell’intervista Lei sostiene che “dopo il duro ventennio fascista e la sciagura della guerra, l’Italia entrava a far parte del novero delle nazioni libere e democratiche”. Avrei scritto “tornava a far parte” – poche righe dopo Lei parla di “ritrovata libertà” - perché non è dubbio che il Regno d’Italia, prima dell’avvento del regime fascista, evento prodotto dalla incapacità della classe politica all’indomani della Grande Guerra di affrontare i temi difficili economici e sociali del Paese e avendo lasciato solo il Re che a liberali, cattolici e socialisti aveva invano chiesto di dar vita ad un governo forte, fosse uno stato democratico e liberale. Anzi, certamente tra i più democratici dell’Europa continentale. Tra l’altro il suffragio universale esteso a tutti i cittadini maschi fu voluto da Giolitti e patrocinato dal re Vittorio Emanuele III proprio negli anni del primo cinquantenario dello Stato unitario, mentre il voto alle donne, ricordato ampiamente in questi giorni, è dovuto ad un decreto che reca la firma del re Umberto II, ben prima che fosse definita la data del referendum istituzionale.

Con queste premesse mi sembra azzardata la sua affermazione secondo la quale l’entrare “a far parte a pieno titolo del novero delle nazioni libere e democratiche” sia accaduto “non soltanto perché la forma repubblicana prevalse su quella del monarchica, ma perché, per la prima volta nella storia della nazione, ritrovata alla libertà, la partecipazione al voto di tutti, uomini e donne realizzava una piena democrazia”. E se posso condividere la coda della frase l’affermazione che il rientro tra le nazioni libere e democratiche sia da collegare alla soccombenza della forma monarchica è assolutamente azzardata e indimostrata. Anche perché in Europa gli Stati ad ordinamento monarchico sono sicuramente tra i più democratici, basti fare quale nome: il Regno Unito, il Regno di Danimarca, di Svezia, di Norvegia, questi ultimi anche in testa agli stati virtuosi secondo la classifica annualmente redatta da Transparency International. Mentre la Repubblica italiana nella ventunesima edizione del CPI (2015) si classifica al 61° posto nel mondo e, pur scalando di 8 posizioni il ranking globale rispetto all’anno precedente (69°) rimane ancora in fondo alla classifica europea, seguita solamente dalla Bulgaria e dietro altri Paesi generalmente considerati molto corrotti come Romania e Grecia, entrambi in 58° posizione. Vogliamo affermare che la corruzione è dovuta alla “soccombenza della forma monarchica”? Assurdo. Basti pensare alle denunce di Giolitti se non altro quanto alle spese di guerra ed ai lavori della Commissione parlamentare d’inchiesta (1920-1923).

Lei giustamente dice, l’ho ricordato innanzi, di “ritrovata libertà”. E per la contraddizion che nol consente se l’ha ritrovata vuol dire che l’aveva.

Il suo intervistatore prosegue chiedendole che “è un dato di fatto che la data del 2 giugno non sembra coinvolgere gli italiani con la stessa intensità con cui altri popoli europei, penso alla Francia o all’Inghilterra, vivono le loro feste nazionali”. Ma Lei non ne trae le conseguenze che la storia ci indica. Noi abbiamo nella nostra cultura storica, come punti di riferimento alcune date: il 17 marzo 1861, costituzione del regno d’Italia, lo Stato unitario che gli italiani auspicavano da secoli e che fu dovuto a quello che Domenico Fisichella definisce “il miracolo del Risorgimento”, quando i repubblicani Giuseppe Garibaldi e Giuseppe Mazzini preferirono l’iniziativa politico militare di Casa Savoia al perdurare dell’occupazione straniera di grandi parti della penisola. Lei parla di “unità nazionale raggiunta nel Risorgimento”, dovrebbe essere quella la data della festa nazionale. Poi il 4 novembre 1918, fine della Prima Guerra Mondiale, ritenuta, non a torto, conclusiva del Risorgimento per la annessione di Trento e Trieste, e il 2 giugno 1946 quando si svolse un referendum i cui esiti sono stati contestati ancora di recente per vari motivi, a cominciare dalla esclusione dal voto di alcune aree del paese e di molti italiani ancora prigionieri del nemico. Per non dire del numero dei voti scrutinati: 23 milioni, su 21 milioni di aventi diritto. Un dato singolare. E poi il clima infuocato che in alcune aree del paese ha condizionato perfino la possibilità di votare. In quelle circostanze fu l’equilibrio e il senso dello Stato e della storia di un Re che lasciò l’Italia perché non cadesse in una nuova guerra civile dopo quella che in molte regioni del Paese era stata scatenata all’indomani del 25 aprile 1945. Forse a quel Re doveva essere reso omaggio. Non averlo fatto dimostra che comunque la si voglia considerare il 2 giugno è una festa divisiva. A 70 anni si poteva andare oltre. Gli altri paesi di cui fa cenno il suo intervistatore, quelli che Lei richiama nella risposta, compresa la Spagna, festeggiano date riferite alla fondazione dello Stato, non alla prevalenza di un gruppo su un altro, che è un fatto storico importante e innegabile ma che dovrebbe cedere di fronte all’esigenza di individuare una data non contestata e non contestabile per tutti. Quindi il 17 marzo o il 4 novembre. Tanto è vero, come Lei dice, che “la scelta del 2 giugno… è rimasta meno avvertita di altre”. È un timido riconoscimento dell’assenza di una consapevole identità nazionale, che è sentimento diverso dal nazionalismo cui Lei giustamente rimprovera di essere stato in qualche momento della storia italiana fonte di gravi anomalie sul piano interno ed internazionale. Ma è certo che in quei paesi nei quali si festeggia convintamente la storia nazionale vi è consapevolezza della identità che è necessaria per confrontarsi con gli altri, per avvicinarsi agli altri e per comprenderli.

Dietro l’affermazione della consacrazione di “valori universali affermati nel contrasto alla barbarie del nazifascismo”, valori condivisi da tutti gli uomini liberi, c’è anche un concetto universalistico proprio della religione cattolica che, non va trascurato, ha indotto molti in politica a sottovalutare il ruolo dello Stato nazionale e i valori che esso incarna. Che sono comunque valori universali di libertà nella legalità. Pur essendoci esempi illustri di cattolici impegnati in politica con alto senso dello Stato è indubbio che la concezione universalistica del cattolicesimo abbia indotto molti a non sentire i valori nazionali incarnati nella storia e delle tradizioni del popolo italiano. E dobbiamo ricordare, per rispetto alla storia ed a noi stessi, che l’attaccamento al potere temporale della Chiesa ha impedito nei secoli la formazione dello Stato unitario nazionale e successivamente a causa del non expedit di papa Pio IX ha escluso i cattolici italiani, che pure avevano una presenza significativa sul piano economico e sociale nell’intero territorio nazionale, dalla fase delicata di formazione dello Stato italiano per molte decine di anni.

Ecco, caro Presidente, alcune precisazioni, chiose e considerazione che, da persona intelligente e uomo di diritto, non vorrà respingere.

3 giugno 2016

 

Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia *

di Cristina Siccardi

 

Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), con queste allarmanti parole, che presagivano il nostro presente: «Domani stesso i cittadini di due grandi nazioni accorreranno in folle compatte alle urne elettorali.

Di che cosa in fondo si tratta? Si tratta di sapere se l’una e l’altra di queste due nazioni, di queste due sorelle latine, di ultramillenaria civiltà cristiana, continueranno ad appoggiarsi sulla salda rocca del cristianesimo, sul riconoscimento di un Dio personale, sulla credenza nella dignità spirituale e nell’eterno destino dell’uomo, o se invece vorranno rimettere le sorti del loro avvenire all’impassibile onnipotenza di uno Stato materialista, senza ideale ultraterreno, senza religione e senza Dio. Di questi due casi si avvererà l’uno o l’altro, secondo che dalle urne usciranno vittoriosi i nomi dei campioni ovvero dei distruttori della civiltà cristiana. La risposta è nelle mani degli elettori; essi ne portano l’augusta, ma pur quanto grave responsabilità!».

I distruttori della civiltà cristiana, attraverso il referendum istituzionale, vinsero, ma non il 2 giugno nelle urne, bensì diversi giorni dopo, con gli inganni. La notte fra il 12 e 13 giugno, nel corso della riunione del Consiglio dei ministri, il presidente Alcide De Gasperi assunse le funzioni di Capo provvisorio dello Stato repubblicano.

Per Umberto II fu un vero e proprio colpo di Stato e lasciò volontariamente il Paese il 13 giugno, indirizzando agli italiani un proclama, senza attendere la definizione dei risultati e la pronuncia sui ricorsi, che saranno respinti dalla Corte di Cassazione il 18 giugno.

La monarchia in Italia era una minaccia per i rivoluzionari, così come lo era stata per i giacobini: occorreva tagliare la testa al Re. Se il cattolico Luigi XVI era stato ghigliottinato il 21 gennaio 1793, in Italia con il cattolico Re Umberto si decapitò la Monarchia per volontà dei Comunisti, dei Socialisti, di molti democristiani, fra cui lo stesso Alcide De Gasperi in comune accordo con le aspirazioni repubblicane degli Stati Uniti.

Interessante quanto riporta un documento redatto a Roma il 21 marzo 1946 dall’Ambasciatore argentino in Italia, Carlos Brebbia, e indirizzato al Ministro degli esteri dell’Argentina Juan J. Cooke: «Una repubblica turbolenta con maggioranza socialista e comunista, realizzandosi in Roma, costituirebbe una minaccia costante per la cristianità rappresentata dalla autorità spirituale del Papa. L’appoggio del Vaticano a favore della monarchia è ostensibile ed evidente affinché i cattolici sappiano a favore di chi dovranno votare. I vescovi hanno ordinato l’apertura dei conventi di clausura affinché le monache partecipino alle elezioni e durante l’ultimo Concistoro tutti i cardinali presenti a Roma accolsero l’invito del luogotenente  (il Principe Umberto, che diverrà Re dal 9 maggio al 2 giugno 1946) per presenziare a un ricevimento dato in onore dei nuovi porporati nei salotti del Palazzo del Quirinale, al quale assistette il Corpo Diplomatico e l’alta società romana (…). Alcuni si chiedono se le elezioni si terranno veramente il 2 giugno. Si può rispondere affermativamente a meno che ciò non venga impedito da cause esclusivamente interne (…) È da osservare che anche quando la differenza tra monarchici e repubblicani fosse di poca importanza, il fatto che alcune centinaia di migliaia di italiani non abbiano potuto partecipare alla votazione, potrebbe indurre la parte perdente a reclamare l’invalidità dei risultati».

Parlare di Monarchia è ancora un tabù. Il Comunismo in Italia, come altrove, ha lavorato sulla diffamazione, sull’odio e sull’oblio, metodi efficacissimi per depennare le scomodità e le coscienze, così da poter creare rivoluzionari modelli e arrivare a mettere addirittura sul trono dell’opinione pubblica odierna un Marco Pannella, un’incoronazione che ha trovato la sua legittimazione persino nella Santa Sede.

Affermava Palmiro Togliatti nel 1944 a proposito del futuro della monarchia in Italia: «Accantoniamo questo problema, dichiariamo solennemente tutti uniti che questo problema lo risolveremo quando tutta l’Italia sarà stata liberata e il popolo potrà essere consultato, allora vi sarà un plebiscito, vi sarà un’Assemblea Costituente, decideremo allora del modo di liberarsi dall’istituto monarchico, se il popolo vuole liberarsi, di proclamare un regime repubblicano come era nelle nostre aspirazioni».

Le loro intenzioni si sono concretizzate e la mentalità italiana si è trasformata, secolarizzandosi a grandi falcate. Se anche gli italiani in maggioranza erano monarchici, che importava? Se anche le votazioni non si potevano svolgere in Alto Adige (sotto amministrazione alleata), in Venezia Giulia (sotto amministrazione alleata e jugoslava), che importava? Se mancavano all’appello gli abitanti delle province di Zara, Istria, Trieste, Gorizia, Bolzano, che importava? Se mancavano alle urne migliaia e migliaia di militari ancora prigionieri all’estero e gli internati civili, che importava? Era il Regime a decidere, secondo le sue aspirazioni, non il popolo.

Agli elettori furono consegnate sia la scheda del referendum per la scelta fra Monarchia e Repubblica, sia quella per l’elezione dei 556 deputati dell’Assemblea Costituente, cui sarebbe stato affidato il compito di redigere la nuova Carta costituzionale. I votanti furono 24.946.878, pari all’89,08% degli aventi diritto al voto. Questi i risultati ufficiali del referendum: Repubblica 12.718.641 voti, pari al 54,27%; Monarchia 10.718.502 voti, pari al 45,73%; le schede nulle furono 1.509.735 (Fonte: Ministero dell’Interno – Archivio storico delle elezioni). La Monarchia è un nervo scoperto perché fa paura poiché l’Italia era cattolica e monarchica, per essenza.

Tuttavia La Grande Storia di Rai3 oggi non può più negare, come è accaduto nella trasmissione andata in onda il 27 maggio u.s.: 2 giugno 1946 – 70 anni dalla Repubblica (http://www.lagrandestoria.rai.it/dl/portali/site/page/Page-7f9d45d4-8c78-461e-9787-601bf8c90a52.html). Così, mentre si snocciolano documenti che sottendono incongruenze, manomissioni, sottrazioni di voti, nonché grandi manovre orchestrate da Togliatti, da Alcide De Gasperi, dall’allora Ministro degli Interni Giuseppe Romita, allo stesso tempo Paolo Mieli getta acqua sul fuoco e si affretta a dire che non è il caso di guardare ai complotti… ma i toni antisabaudi oggi si sono chetati, perché la vera Storia può essere imbavagliata, ma non uccisa: ormai ci sono troppe documentazioni e testimonianze che attestano ciò che avvenne 70 anni fa.

I seggi si chiusero alle 14.00 del 3 giugno. Lo spoglio non iniziò con le schede della scelta istituzionale, bensì con quelle dei deputati all’Assemblea Costituente e 35% dei suffragi andò alla Democrazia Cristiana. Le operazioni referendarie furono gestite da tre ministri di sinistra del primo gabinetto De Gasperi: il ministro per la Costituente, il socialista Pietro Nenni, per l’Interno Romita e per la Grazia e Giustizia Togliatti. Presero a dipanarsi ore elettrizzanti. Dopo un accentuato ritardo nell’afflusso dei verbali da parte del Ministero della Giustizia, nelle prime ore del 4 giugno la percentuale repubblicana si collocava fra il 30 e il 40 %.

Dirà Romita: «… le cifre erano lì, col loro linguaggio inequivocabile! (…) Non era possibile eppure era vero, verissimo, paurosamente vero: la monarchia si presentava in netto vantaggio. Mi accasciai nella poltrona (…) Il telefono squillò più volte (…) La monarchia sta vincendo, mormorai… Che cosa avrei detto a Nenni, a Togliatti, a tutti gli altri che non volevano l’avventura del referendum?» (M. Caprara, L’ombra di Togliatti sulla nascita della repubblica. Le pressioni del Guardasigilli sulla Corte di Cassazione, in Nuova Storia Contemporanea, 6 (novembre-dicembre 2002), p. 135).

Il Sud era per la maggioranza monarchico, il Nord repubblicano. C’era stata fretta nell’indire il referendum per due ragioni: mancavano moltissimi all’appello, come si è detto, inoltre non si voleva dare l’opportunità a Umberto II, molto amato dal popolo, di dargli tempo per una campagna elettorale a proprio favore. Il Re, infatti, ebbe soltanto 40 giorni appena, ma non si risparmiò e riempì le piazze. Umberto II, che aveva un’immagine pubblica diversa e affabile rispetto a quella del padre, era incapace di finzioni a causa della sua profonda rettitudine morale, della sua signorilità ovunque e comunque, ma anche della sua profonda fede cattolica.

Sarebbe bastato un suo ordine per scatenare una nuova guerra civile, tutta l’Arma dei Carabinieri sarebbe stata al suo fianco, così come le truppe del generale polacco Władysław Anders. Ma rifiutò a priori di versare altro sangue sulla patria. La coscienza innanzi a tutto. Pio XII dimostrò la sua benevolenza: al Re, espropriato dallo Stato italiano di tutti i suoi beni, donò una somma di denaro per i primi duri tempi dell’esilio in Portogallo.

Papa Pacelli, quel 1° giugno, aveva ancora dichiarato: «Da una parte (…) è lo spirito di dominazione, l’assolutismo di Stato che pretende di tenere nelle sue mani tutte le “leve di comando” della macchina politica, sociale, economica, di cui gli uomini, queste creature viventi, fatte ad immagine di Dio e partecipi per adozione della vita stessa di Dio, non sarebbero che ruote inanimate. Da parte sua, invece, la Chiesa si erge serena e calma, ma risoluta e pronta a respingere ogni attacco. Essa, madre buona, tenera e caritatevole, non cerca, no! la lotta; ma appunto, perché madre, è più ferma, indomita, irremovibile, con le sole forze morali del suo amore, che non tutte le forze materiali, quando si tratta di difendere la dignità, l’integrità, la vita, la libertà, l’onore, la salute eterna dei suoi figli. (…) Noi proviamo, anche più sensibilmente che d’ordinario, un immenso dolore nel mirare la società umana più che mai allontanatasi da Cristo, e al tempo stesso una indicibile compassione allo spettacolo delle calamità senza precedenti, con cui essa è afflitta a cagione della sua apostasia. Perciò Ci sentiamo mossi ad elevare di nuovo la Nostra voce per ricordare ai Nostri figli e alle Nostre figlie del mondo cattolico l’ammonimento che il Salvatore divino non ha cessato di inculcare attraverso i secoli nelle sue rivelazioni ad anime privilegiate che si è degnato di scegliere per sue messaggiere: Disarmate la giustizia punitrice del Signore con una crociata di espiazione nel mondo intero; opponete alla schiera di coloro, che bestemmiano il nome di Dio e trasgrediscono la sua legge, una lega mondiale di tutti quelli che Gli rendono l’onore dovuto e offrono alla sua Maestà offesa il tributo di omaggio, di sacrificio e di riparazione, che tanti altri Gli negano».

Nello Statuto Albertino, in vigore fino al 1948, stava scritto all’Art. 1: «La Religione Cattolica, Apostolica e Romana è la sola Religione dello Stato. Gli altri culti ora esistenti sono tollerati conformemente alle leggi». Mentre con l’Art. 1 della Costituzione venne stabilito che: «L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione». L’«impassibile onnipotenza di uno Stato materialista», come aveva paventato il Sommo Pontefice, «senza ideale ultraterreno, senza religione e senza Dio», era stata ufficialmente sancita.

 

* Da Corrispondenza Romana n. 1442 del 1 giugno 2016

 

 

Artisti e letterati ed il loro rapporto con l’identità nazionale*

di Domenico Giglio

 

La nascita ed il consolidamento dell’identità nazionale di un popolo può durare secoli e deve essere favorita da una unità statale o meglio, come è accaduto in Europa e particolarmente in Francia da una monarchia e nonostante ciò non sempre mette radici profonde, per cui dopo secoli possono esserci fenomeni di rigetto, come vediamo oggi in Catalogna, in Scozia e nelle Fiandre. Ora, in Italia, prima della proclamazione del Regno, il 17 marzo 1861, non è possibile trovare una identità nazionale se non in poeti, letterati e scienziati, cominciando da Dante, che, facendo incontrare nel Purgatorio i due mantovani, Virgilio e Sordello, prorompe nell’invettiva sulla “Serva Italia”, e sulle divisioni cittadine “vieni a veder Montecchi e Cappelleti”, e sempre all’Alighieri si deve la descrizione dei confini orientali dell’ Italia, “sì come a Pola, presso del Carnaro, che Italia chiude e suoi termini bagna”. Poco dopo segue l’altro massimo poeta, il Petrarca che sferza “I Signori d’Italia” ed indirizza una canzone, che è una invocazione all’Italia , “…latin sangue gentile..” e speranza”…che l’antico valore- negli italici cor non è ancor morto…”, e dopo anche l’ Ariosto, nello “Orlando Furioso”, trova modo di incitare gli italiani, “…dormi Italia imbriaca”, fattasi “ancella”. Niccolò Machiavelli, auspica “…che Dio le mandi qualcuno (all’Italia ), che la redima, un capo che provveda la pratica di armi proprie, con la virtù italica…”, per poi giungere a Leopardi, che invoca sì l’ Italia, “O Patria mia, vedo le mura e gli archi…ma la gloria non vedo…” e depreca che italiani abbiano combattuto fuori d’ Italia, riferendosi alle campagne militari napoleoniche, entrando in contrasto con il Foscolo, che proprio nelle truppe del Regno Italico, aveva visto rinascere l’antico spirito combattivo e dato prova di indubbio valore.

Questo filo italico che collega, attraverso cinque secoli di storia e di vita, non si limita a questi grandi poeti e pensatori, ma ne coinvolge numerosi altri, che forse è ingiusto definire minori, provenienti da ogni parte dell’ Italia, che pure denunciano e deprecano le risse, le divisioni, le rivalità interne, che portarono alle invasioni straniere ed al loro successivo governo in tante nostre regioni, auspicando invece l’ indipendenza dallo straniero, l’unificazione della penisola, dedicando all’Italia poesie, canzoni, lettere ed appelli., il tutto come scrive il grande critico Francesco Flora, nella sua “ Storia della letteratura italiana”: “soltanto nella lingua e nella poesia e nelle arti della luce e della pietra…i figliuoli dell’Italia riconobbero…una patria comune”.

Sono nomi, probabilmente oggi dimenticati, e dalla scuola e dalla società, che vanno dal Sassoferrato, “…piangi Italia, giardino del mondo…”, a Pietro Bembo, letterato e Cardinale, a Baldassarre Castiglioni, che descriveva la miseria dell’ Italia, con toni gravi e mesti, al Guicciardini, con la sua “Storia d’Italia”, a Gabriello Chiabrera, forse il maggior poeta del XVII secolo, al Filicaia, “…deh (Italia), fossi tu men bella, o almen più forte…”, ad un Tassoni, che non scrive solo “La secchia rapita”, che è anch’essa una critica, sia pure scherzosa” alle rivalità provinciali, ma anche le “filippiche”, contro gli spagnoli ,denunciando “…veramente quegli (italiani) infelici, che hanno l’animo tanto servile, che godono o almeno non curano d’essere dominati da stranieri, (per cui) non sono degni del nome d’italiani…”, ed è interessante notare che alcuni di questi autori non piemontesi, si rivolgano a Casa Savoia, particolarmente a Carlo Emanuele I, figlio del grande Emanuele Filiberto, come il ferrarese Fulvio Testi che lo definisce “ Carlo, quel generoso invitto core ,da cui spera soccorso Italia oppressa”, e a Vittorio Amedeo II, come Eustachio Manfredi, bolognese, che per la nascita del suo primo figlio scrive “Italia, Italia, il tuo soccorso è nato…” e come Felice Zappi, di Imola, che dedica un’ode “Al serenissimo principe Eugenio” dove è questo bellissimo verso “..dovunque vai Tu, va la vittoria..”.

Questi poeti e pensatori hanno dei valori comuni, compreso quello dell’eredità di Roma, che in molti di essi non è solo rimpianto, ma sprone per risollevare l’Italia dalle divisioni e dalla servitù e così bastarono pochi uomini, di secolo in secolo, a serbare la memoria della libertà e della dignità italiana ed a mantenere viva la fiamma dell’ identità nazionale, che, con il sorgere del XIX secolo, l’ascesa ed il declino dell’astro napoleonico, il sia pur breve Regno Italico, purtroppo limitato all’Italia settentrionale, il tentativo sfortunato di Gioacchino Murat, con il suo “Proclama di Rimini”, acquista luce e calore dando inizio a quello che sarà poi definito Risorgimento. Sia pure limitata quindi ad una ristretta cerchia di intellettuali, ai quali si aggiungono gli scienziati, con i loro congressi nella prima metà dell’Ottocento, tenuti nelle capitali dei vari stati preunitari, tanto che alcuni governi di questi stati, quasi si pentirono di aver dato spazio ai congressi stessi, questa identità si rafforza, anche se vi è un abisso con la maggioranza della popolazione, specie delle campagne, e per il predominante analfabetismo, e per una diffusa identità limitata solo al proprio comune e alla propria provincia, rara se non inesistente invece l’identità regionale, eccetto la Sicilia, ed anche qui con profonde divisioni, eredità di guelfi e ghibellini, e con la differenza tra Nord e Sud d’ Italia, separati ed impediti a conoscersi e comprendersi, dalla illogica e negativa presenza dello stato pontificio che ha diviso per un millennio l’Italia..

La ripresa e l’ espandersi di questa fiamma nazionale, vede nuovamente in prima linea letterati, poeti, pensatori, ed anche pittori e musicisti, ed abbiamo così Vittorio Alfieri, con il “Misogallo” e “Italia, Italia, egli gridava a’ dissueti dissueti orecchi, a i pigri cuori, a gli animi giacenti : Italia, Italia – rispondeano le urne d’ Arquà e Ravenna”, e particolarmente Cesare Balbo, con le sue “Speranze d’Italia”, e Vincenzo Gioberti con il famoso “Primato morale e civile degli italiani” e con il successivo “Rinnovamento civile d’Italia”, che dettero una base storica e dottrinale alla richiesta di riscatto, e poi Luigi Settembrini con la denuncia “Protesta del popolo delle Due Sicilie”, Giuseppe Mazzini con i “Doveri dell’uomo”, ed Antonio Rosmini, con “Delle cinque piaghe della Santa Chiesa”, Silvio Pellico con “Le mie prigioni”, il racconto della sua prigionia allo Spielberg, e poi un Alessandro Manzoni, sia con “I promessi sposi”, sciacquati nell’Arno e con “Marzo 1821”, ricordando l’ Italia “una d’ arme, di lingua, d’altare, di memorie, di sangue e di cor.” e ancora Ippolito Nievo, garibaldino, mancato a soli trent’anni, con le “Confessioni di un italiano” ed i già ricordati Giacomo Leopardi ed Ugo Foscolo di cui non possiamo dimenticare l’altissima poesia dei “Sepolcri”, dove parlando della Chiesa di Santa Croce, a Firenze :”…beata che in un tempio accolte, - serbi l’itale glorie, uniche forse - da che….l’alterna onnipotenza delle umane sorti – armi e sostanze t’invadeano ed are – e patria e, tranne la memoria, tutto.- Che ove speme di gloria agli animosi intelletti rifulga ed all’Italia,-quindi trarrem gli auspici..”. A questi maggiori via via si uniscono tante altre voci, che diventano un vero e proprio coro, e così si raggiungono altri strati della popolazione culturalmente più avanzati e si approfondiscono i motivi autenticamente italiani della riscossa nazionale, e quindi della identità nazionale..

Il milanese Giovanni Berchet (1783- 1851), tra i fondatori de “Il conciliatore”, prende spunto dalla rievocazione del giuramento di Pontida, per incitare alla riscossa, un altro milanese, Giovanni Torti (1774-1851), scrive un inno, dedicato alle cinque giornate del 1848, l’abruzzese Gabriele Rosseti ( 1783-1854), canta “L’amor di Patria”, Angelo Brofferio, (1802-1866), piemontese, ed anche uomo politico, scrive un inno :”Viva il Re, dall’Alpi al mar – il Baiardo di Savoia – Re Vittorio l’ha giurato – che giammai non spergiurò”. Da Napoli, Alessandro Poerio (1802-1848) va a combattere e morire nel 1848, nella difesa di Venezia, e prima aveva scritto “Il Risorgimento” con “O patria, fiorente, possente, d’un solo linguaggio”, mentre il toscano Giuseppe Giusti (1809-1850), risponde al poeta francese Lamartine, con “La terra dei morti”, ed un giovanissimo poeta genovese, Goffredo Mameli ( 1827-1849), caduto nella difesa di Roma contro i francesi, scrive un primo “ Inno di guerra”, con “Viva l’Italia, era in sette spartita, le sue membra divulse”, ed un secondo ben più famoso, anche se vi è qualche dubbio sulla sua paternità, “Fratelli d’Italia”, musicato da Michele Novaro. All’inno di Mameli, si aggiunge un “Inno popolare di guerra” di Giovan Battista Niccolini ,( 1782-1861), toscano, più noto come drammaturgo, con i versi “Giuste leggi e non cieca licenza- libertade ad un tempo e potenza,- non servile ma forte unità”, ed il marchigiano, Luigi Mercantini (1821-1872), con i versi “l’ardente destriero, Vittorio spronò, a dir viva l’Italia, va il Re in Campidoglio” e la “Canzone italiana”, meglio conosciuta come “Inno di Garibaldi”, musicato da Alessio Olivieri, che ha un tono quasi religioso “Si scopron le tombe, si levano i morti, i martiri nostri son tutti risorti”. Sempre tra i poeti, anche se più noto per altre opere, fra le quali il grande “Dizionario della lingua italiana”, il dalmata, Niccolò Tommaseo (1802-1974), scrive una poesia “All’Italia”, nel 1834, incitando alla rinascita, ed un trentino, Giovanni Prati, (1814 – 1884), fedelissimo alla Casa Sabauda, ricordando i giovani universitari di Curtatone ,scrive “Viva la bella Italia! – orniam di fior la testa ;-o vincitori o martiri ,- bello è per lei cader”: A tale proposito è bene sottolineare che fino al 1849 i canti o gli inni non si rivolgevano solo a Casa Savoia, perché vi erano anche autori di fede mazziniana, ma fin da allora si deve notare una tendenza da parte di questi patrioti non monarchici di voler discriminare coloro che la pensavano diversamente, come nel caso di Prati, che per aver scritto un inno a Carlo Alberto si vide voltare le spalle dai repubblicani che lo additarono con avversione crescente per la sua intimità con la corte sabauda.

Oltre alla poesia una parte non trascurabile, forse anche più diffusa, di incitazioni patriottiche è dovuta ad opere teatrali ed ai romanzi storici, perché, anche se riferentisi ad eventi e personaggi del passato, gli autori, tutti patrioti, trovavano il modo di inserirvi elementi che facessero pensare ad eventi contemporanei o facendone i protagonisti, campioni d’ italianità, e di questo il caso più tipico e conosciuto è “Ettore Fieramosca” del piemontese Massimo Taparelli d’Azeglio, (1798-1866) rievocante la disfida di Barletta, tra cavalieri italiani e francesi, fra i quali si annida il rinnegato Gano che osava dire: “ho in tasca gli italiani, l’Italia e chi le vuol bene; servo chi mi paga, io . Non sapete …che per noi soldati dov’è pane è la patria”. Anche nella “Margherita Pusterla” del lombardo Cesare Cantù (1804-1895) grandeggia il motivo del Risorgimento sotto lo schermo di una storia lontana, e nella “Battaglia di Benevento”, del toscano Francesco Domenico Guerrazzi (1804 -1873), l’inizio del romanzo è un inno all’ Italia, “L’ Italia, che sedeva, regina del mondo”.

E così si giunge, il 17 marzo 1861, a conclusione di quello che un moderno studioso, Domenico Fisichella, ha definito “Il miracolo del Risorgimento”, alla proclamazione di Vittorio Emanuele II a Re d’Italia, e Cavour, nel suo genio multiforme, vuole onorare anche artisti e letterati, per cui chiede e quasi impone a Giuseppe Verdi, il grande, massimo musicista italiano, il cui nome preceduto da “Viva”, aveva anche significato “Viva V (ittorio) E (manuele) R (e) DI(talia), a presentarsi candidato per il primo parlamento del Regno, e pure fa appello all’altro grande Alessandro Manzoni. Dunque hanno vinto anche i poeti, i letterati ed altri artisti ,ma ora bisogna consolidare l’opera ed anche i pittori prima e poi gli scultori debbono ricordare le vicende del Risorgimento ed i suoi protagonisti, per allargare ulteriormente le conoscenze delle stesse e favorire l’identità nazionale.

Aveva iniziato il veneto Francesco Hayez (1791- 1882) con i suoi grandi quadri storici ed il famoso “Bacio”, poi un suo scolaro Domenico Induno (1815-1878) ed il fratello Gerolamo (1827-1890), con i soggetti militari, di cui ricorderemo “La battaglia di Magenta”, “La battaglia della Cernaia”, “La partenza da Quarto”, “Garibaldi al Volturno”, ( tutte esposte al Museo del Risorgimento di Milano), “Garibaldi in divisa di generale dell’esercito Sardo” ed il “Racconto del garibaldino”. I grandi quadri storici al Palazzo Madama, in Roma, sede del Senato, ed a Siena, nel palazzo comunale ,tra i quali “La consegna dei risultati del plebiscito di Roma a Vittorio Emanuele II”, sono opera del senese Cesare Maccari, (1840-1919) e sempre riguardanti il ciclo di affreschi di Siena, vi sono due lavori di un altro toscano, Amos Cassioli (1832 -1891) uno raffigurante “La battaglia di Palestro”, l’altro “La battaglia di San Martino” ed infine, il grossetano, Pietro Aldi (1852-1888), dipinge “L’armistizio di Vignale”. ”Garibaldi a Digione”, (esposto al Museo del Risorgimento di Milano), è del milanese Sebastiano De Albertis (1828 -1897), garibaldino, che dipinge pure “La carica dei Cavalleggeri di Monferrato a Montebello”, mentre sempre a Siena vi è il famoso “Incontro di Teano”, opera di Carlo Ademollo (1823 – 1911), fiorentino, autore anche della “Battaglia di San Martino (esposto al Museo del Risorgimento di Firenze), nonché della “Breccia di Porta Pia”, mentre Clemente Origo (1855-1921), romano, dipinge la carica della cavalleria alla Bicocca del 1849, e Gustavo Dorè (1832 – 1883) al quale dobbiamo le meravigliose tavole della “Divina Commedia”, disegna gli episodi principali dell’impresa garibaldina del 1860, e Carlo Alberto a Novara è ricordato da Gaetano Previati (1852 -1920), ferrarese, che dipinge anche il popolano milanese, Amatore Sciesa, condotto, nel 1851, alla fucilazione dagli austriaci, mentre pronuncia la celebre frase “tiremm innanz”. Vengono poi i “macchiaiuoli” toscani e fra questi Telemaco Signorini (1835 -1901), con il quadro degli “Zuavi francesi ed artiglieri italiani” (esposto al Museo del Risorgimento di Firenze), ed il loro maggiore esponente, Giovanni Fattori (1825-1909), che ai paesaggi maremmani seppe unire la rappresentazione dei nostri soldati in due momenti particolari, uno felice “Il campo di battaglia italiano dopo (la vittoriosa battaglia di) Magenta”, l’altro relativo alla sfortunata “Battaglia di Custoza” (esposti entrambi alla Galleria d’arte moderna di Firenze). Tutti dipinti che se al momento furono visti da una ristretta cerchia di persone, sarebbero successivamente divenuti le illustrazioni di libri di scuola e di storia e quindi conosciute da una più vasta platea, che così riviveva tanti principali episodi del Risorgimento, ed a questi pittori, dobbiamo doverosamente aggiungere Achille Beltrame, che sul settimanale “La Domenica del Corriere”, in edicola dall’8 gennaio 1899, disegnava delle bellissime tavole a colori, sui principali avvenimenti della settimana accaduti in Italia e nel Mondo, compresi quelli riguardanti i nostri Reali, che, data la tiratura del giornale che già dopo pochi anni aveva raggiunto le 600.000 copie, per superare poi il milione, arrivava in tante famiglie, anche di modeste condizioni economiche.

Dal punto di vista non solo artistico, ma della identità nazionale, fu senza dubbio la scultura, divenuta civile e patriottica, maggiormente atta a serbare le memorie, con le statue ed i monumenti, particolarmente di Vittorio Emanuele II e di Giuseppe Garibaldi, e di altri artefici del Risorgimento, a coinvolgere anche la massa della popolazione, essendo per lo più situate nelle piazze principali di quasi tutte le città e nei Municipi. Pensiamo al ticinese, Vincenzo Vela (1820 – 1891), ai torinesi Carlo Marocchetti (1805 – 1867), con la statua equestre di Emanuele Filiberto nella piazza San Carlo, e Davide Calandra ( 1856 – 1915 ), con altra statua equestre di Amedeo di Savoia, ed il marchigiano, Ercole Rosa (1846-1898), a cui si deve il monumento equestre di Vittorio Emanuele II a Milano, nella piazza del Duomo, e sempre dedicati al Re, sono i monumenti a Venezia di Ettore Ferrari, e a Palermo di Benedetto Civitelli, mentre ad Enrico Chiaradia (1851- 1901), friulano, spetta la grande statua equestre del grande Re, nel “Vittoriano”, mirabile sintesi di architettura e scultura. Infatti questa opera monumentale, progettata dall’architetto bresciano Giuseppe Sacconi (1854- 1905), vincitore di un concorso nazionale indetto per erigere a Roma un monumento celebrativo della raggiunta Unità e del primo Re d’Italia, inaugurata dal nipote, il Re Vittorio Emanuele III, nel 1911, in occasione del cinquantenario del Regno, presenti i Sindaci di tutta Italia, nonché i rappresentanti di tutti i Reggimenti del Regio Esercito, che riempivano l’intera Piazza Venezia, rappresenta il maggiore contributo che l’architettura abbia dato all’affermazione dell’identità nazionale, per cui è anche chiamato “Altare della Patria”. Ritornando alla scultura ricordiamo che al senese Giovanni Duprè (1817 – 1882) si deve uno dei pochi monumenti del conte di Cavour, ed ai fiorentini, Cesare Zocchi, (1851 -1922) ed Emilio Gallori (1846 -1924), si devono rispettivamente, il grande monumento a Dante, inaugurato nel 1896, nella ancora asburgica Trento, a riaffermare l’italianità del trentino, e la statua equestre di Garibaldi sul Gianicolo, entrambe opere di notevolissimo valore artistico, sia scultoreo che architettonico, per terminare con il bresciano Angelo Zanelli ,(1879 -193.), vincitore del concorso per il grande fregio decorativo dell’Altare della Patria, e per la statua della Dea Roma, che sovrasta il sacello del Milite Ignoto.

Il ruolo dei letterati, dei poeti e degli scrittori non cessa, ma anzi si fa più costante e metodico per rafforzare i valori dell’unità ed indipendenza raggiunti, ed il campione di questa azione è il toscano Giosuè Carducci (1835- 1907), che con le sue poesie riguardanti storia e glorie passate, eventi, regioni, personaggi, avvicina tra loro le genti italiche, ne rafforza la coscienza nazionale, come pure con i suoi superbi discorsi celebrativi e commemorativi, tra i quali quello pronunciato il 7 gennaio 1897 a Reggio Emilia, per il centenario del tricolore, dove celebra il natale della Patria, ed esalta “la bella, la pura, la santa bandiera dei tre colori”, quasi come un sacerdote della religione della patria, che il suo erede, nella cattedra universitaria, il romagnolo Giovanni Pascoli (1855- 1912), avrebbe continuato ad officiare nei suoi discorsi, in occasione del cinquantenario della proclamazione del Regno, parlando all’Università di Bologna il 9 gennaio 1911, che chiamò “anno santo” della Patria e, poi il successivo 9 novembre all’Accademia Navale di Livorno ed infine il 26 dello stesso mese, a Barga, “La grande proletaria si è mossa.”, in occasione della guerra di Libia. Carducci con “Piemonte”, celebra la regione e lo stato sabaudo che dette inizio alla prima guerra d’indipendenza, e Carlo Alberto, “Re per tant’anni bestemmiato e pianto, che via passasti con la spada in pugno…”, con “Cadore”, celebra i montanari che si opposero agli austriaci, ed il loro comandante, “anima eroica, Pietro Calvi”, con il “Canto dell’amore” ricorda i perugini che si batterono per la libertà, e non ultima, anzi cronologicamente prima, con la canzone “Alla Croce di Savoia”, che è una mirabile sintesi risorgimentale della Toscana e di Firenze, con il Piemonte e la casa Savoia, di cui ricorda la storia italiana, con la rievocazione dei grandi italiani dei secoli bui, canzone che non esaurisce il suo valore storico e poetico, nella strofa più conosciuta “Dio ti salvi, o cara insegna, nostro amore e nostra gioia! Bianca Croce di Savoia, Dio ti salvi e salvi il Re”. Carducci capiva infatti che l’identità nazionale aveva bisogno di un punto di riferimento che non fosse solo un uomo, sia pure in molti casi necessario, se non indispensabile, come Garibaldi, al quale pure dedicò discorsi e poesie, ma una dinastia, un istituto che continua nel tempo, quale la Monarchia, artefice dell’unità, di cui scrisse “la Monarchia fu ed è un gran fatto storico e rimane per molta gente una idealità realizzata..” concludendo che “il capo della famiglia di Savoia, rappresenta l’Italia e lo Stato”, ed è così che si spiegano le sue liriche “Alla Regina d’Italia”, del 20 novembre 1878, “quali a noi secoli-si mite e bella ti tramandarono..” e la successiva “Il liuto e la lira”, entrambe dedicate alla prima Regina d’Italia, Margherita, “..figlia e regina del sacro- rinnovato popolo italiano.”, nelle quali parla dell’eterno femminino regale, e che Margherita lo incarnasse, rafforzando l’identità nazionale, lo conferma dopo oltre un secolo, uno storico contemporaneo, Giuseppe Galasso, che l’ha definita in un suo scritto: “Icona dell’Italia unita.”

E come Carducci a Bologna, dall’Università di Napoli, contribuiva alla creazione di questa coscienza unitaria, l’irpino Francesco De Santis (1817- 1883), patriota, carcerato dal governo borbonico ed uomo politico e ministro della Pubblica Istruzione nel primo governo del Regno d’Italia, con Cavour, ed anche in successivi governi, con la sua “Storia della letteratura Italiana”, da lui inserita nella storia della nostra civiltà, così che dall’unità politica veniva a poco a poco nascendo una identità di cultura, opera sulla quale, successivamente, hanno studiato tante generazioni di studenti, e poi professori.

Su di un piano diverso, ma non meno importante, è la figura del ligure Edmondo De Amicis (1846 – 1908), militare, combattente nel 1866, viaggiatore, giornalista, scrittore, particolarmente con una sua opera “Cuore”, stampata per la prima volta nel 1886, la cui immediata fortuna e diffusione, protrattasi nel tempo, ha favorevolmente influito sulla coscienza nazionale, superando pregiudizi regionalistici e classisti, sia con il suo testo base, ambientato in una scuola elementare, vedi l’arrivo dell’allievo calabrese e la morte del “muratorino”, ma soprattutto e volutamente con i “racconti mensili”, dove De Amicis, sa trovare il modo di esaltare il comportamento di giovani di ogni parte dell’ Italia, dal “Piccolo patriota padovano”, alla “Piccola vedetta lombarda”, al “Piccolo scrivano fiorentino”, al “Tamburino sardo”, al “Sangue romagnolo”, a “L’infermiere di Tata”, al “Valore civile”, al giovane viaggiatore “dagli Appennini alle Ande”, ed infine al “Naufragio” . Ed effettivamente la scuola dette pure un importantissimo contributo all’identità nazionale con i suoi maestri e maestre, come la maestra descritta da Guareschi e così pure l’esercito, sia con l’istruzione civile, militare ed anche tecnica, nonché agricola, sia con le prime campagne nell’Africa Orientale, sia pure sfortunate e tragiche, dai cinquecento morti di Dogali, con il colonnello De Cristofori, e poi Macallè con Galliano, l’Amba Alagi con Toselli ed infine Adua, con ben due generali caduti sul campo ,Giuseppe Arimondi e Vittorio Dabormida, dove, ovunque risaltò il valore dei soldati italiani, quasi tutti contadini delle regioni italiane, per cui, Giovanni Pascoli, ad esempio, dedicò una sua poesia, inserita nella raccolta “Odi ed Inni”, “Alle Batterie Siciliane”, comandate dal capitano Masotto, medaglia d’oro al valor militare, per l’eroico comportamento tenuto ad Adua, dove aveva difeso con i suoi soldati siciliani, i cannoni fino alla morte.

Perciò nel 1911 poteva dirsi abbastanza diffuso il concetto d’identità nazionale, collegato alla diminuzione sensibile dell’analfabetismo ed al generale progresso economico e sociale, e sia le grandi celebrazioni del cinquantenario, sia la contemporanea conquista della Libia ne furono autorevoli testimonianze, anche se le nuove generazioni di letterati operanti nelle numerose riviste sorte nel primo decennio del novecento erano abbastanza critiche nei confronti dell’Italia, chiamata “Italietta”, per la quale auspicavano più alti destini e la stessa monarchia, così “borghese”, con il nuovo Re, non sembrava loro abbastanza autorevole e rappresentativa . Se leggiamo ad esempio Trilussa (Carlo Alberto Salustri – 1871-1950), nelle sue poesie romanesche più volte, in forma indiretta, critica la “democraticità” di un ipotetico Re, molto simile a Vittorio Emanuele. Letterati che poi si, però, si riscattarono nel maggio del 1915, partecipando alla guerra, che avevano chiesto, pagando un doloroso e sanguinoso prezzo! Ben diverso invece l’atteggiamento costruttivo, nei loro scritti, dei grandi storici da Benedetto Croce (1866-1952), a Gioacchino Volpe (1876-1971), entrambi abruzzesi, a Pietro Silva (1887-1954), parmense, ed a Niccolò Rodolico (1873 -1969), di Trapani, sui cui testi hanno studiato generazioni di studenti liceali, fin quasi agli anni ’50 del secolo scorso, nel valutare positivamente l’esperienza unitaria, specie se commisurata ai punti di partenza in tutti i settori. Un discorso a parte va dedicato a Gabriele d’Annunzio (1863- 1938), perché se aveva salutato l’avvento al trono di Vittorio Emanuele III, “…miri Tu lontano ?...Giovine, che assunto dalla morte –fosti Re nel mare”, negli anni successivi, anche lui era tra i meno entusiasti del governo dell’Italia, quella “…Italia, Italia – sacra alla nuova Aurora – con l’aratro e la prora!”, per cui si riavvicinò solo con la guerra di Libia, per la quale scrisse le “Canzoni delle gesta d’oltremare”, pubblicate integralmente, a tutta pagina, dal “Corriere della Sera”, salvo una dove aveva chiamato Francesco Giuseppe,”…l’angelicato impiccatore, l’angelo dalla forca sempiterna”, per poi essere tra i maggiori fautori del nostro intervento in guerra nel 1915 e dedicare al Re, un altra poesia, dove lo vede in panni bigi, vicino ai suoi soldati. A fronte di questa opera per l’identità nazionale, rifacentesi al Risorgimento, ai suoi artefici, tipica la riunione in stampe e dipinti di Cavour, Mazzini, Garibaldi e Vittorio Emanuele II, vi era una costante propaganda repubblicana, spesso con toni abbastanza abbastanza volgari e virulenti, tipico il giornale “L’Asino”, di Podrecca, sia proveniente dai repubblicani storici, che ritenevano la monarchia traditrice degli ideali risorgimentali in tema di irredentismo, arrivando a dire nel 1915 “O guerra o repubblica!”, sia dai socialisti, che erano per principio contro spese e campagne militari, che ritenevano dovute alla monarchia, di cui non vedevano o non volevano vedere l’azione di elevazione e pacificazione sociale ed il grande esempio di senso del dovere del Re e della sobrietà di vita e di costume dato della famiglia reale, concentrando questa loro opposizione proprio sulla Casa Savoia. “I Savoia” detto con tono di disprezzo, oppure “maledetti Savoia”, dinastia di cui ignoravano la storia e che, invece, con suoi esponenti, come il Conte di Torino, che aveva respinto sul terreno le ingiurie di un principe francese nei confronti dei soldati italiani che avevano combattuto ad Adua, ed il Duca degli Abruzzi, scalatore delle più importanti vette dall’America, all’Africa ed all’Asia, imprese che in tutto il mondo erano state seguite con interesse ed ammirazione, non ultima quella di raggiungere il Polo Nord, che non fu raggiunto, ma per l’epoca fu la spedizione che vi era giunta più vicino, avevano innalzato il nome ed il prestigio dell’Italia e degli italiani, specie quelli che erano emigrati all’estero, tranne i gruppi anarchici a cui era dovuta la progettazione e l’esecuzione dell’ assassinio del Re Umberto.

E questo senso dell’ identità nazionale, diffuso, ma ancora parziale, ci consentì di affrontare la guerra, e di condurla per quasi quarantadue mesi, dal 24 maggio del 1915 al 4 novembre 1918, e durante questi lunghi mesi, crebbe, sia pure ad un carissimo prezzo, sì che alla sua conclusione vittoriosa, potevasi dire che la guerra stessa, “Fu lo strumento, grazie al quale si rafforzò l’identità nazionale, la diretta conoscenza del RE, che moltissimi soldati avevano conosciuto, fino ad allora, solo sulle monete e sui francobolli, e si sviluppò il senso di una comune appartenenza allo Stato unitario, costruito attraverso tanti sacrifici e tante lotte”, come ha scritto Francesco Perfetti, in quanto fu la prima grande, difficile ed anche dolorosa esperienza collettiva di tutti gli italiani, e di questa identità fu, due anni dopo, testimonianza la moltitudine degli italiani che si assiepò lungo tutti i binari ad attendere ed onorare il passaggio del treno che da Aquileia trasportava a Roma, dove era ad attenderla il Re, la salma del Milite Ignoto, per essere deposta all’Altare della Patria, all’ombra della statua del grande Re, Vittorio Emanuele II, simbolo, ancor oggi, della nostra identità nazionale.

31   aggio 2016

*Relazione tenuta il 28 maggio al Convegno di studi promosso dall'Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore alle Tombe Reali del Pantheon

 

Verso il referendum sulla riforma costituzionale

Il SI delle bugie

di Salvatore Sfrecola

Ancora un premier che racconta balle. Berlusconi si diceva il miglior presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni dall’unità d’Italia, ignorando che avevano ricoperto quella carica Cavour, Giolitti e De Gasperi, per fare solo qualche nome, Renzi ne dice una al giorno sulla “riforma” costituzionale, raccontando di risparmi ed “efficientamento” della produzione legislativa. Aggiungendo che, se prevalessero i NO si tornerebbe agli inciuci che, a suo dire, sarebbero esclusi dall’Italicum, la legge elettorale che prevede un premio al partito che raggiunge il 40% dell’elettorato, tetto fissato secondo l’illusione ottica provocata dall’esito delle elezioni europee. E sempre ricordando a noi stessi, come dicono gli avvocati, che il 40% dei voti espressi è intorno al 20% del corpo elettorale. Bisognerebbe ricordarlo ai reduci del comunismo degli anni ’54 ed ai loro emuli del Partito Democratico che definirono “truffa” la legge elettorale che dava un premio di maggioranza al partito che avesse ottenuto il 50% più 1 dei voti, cioè a chi aveva già la maggioranza assoluta.

Nella campagna referendaria che Renzi ha iniziato forse troppo presto, con ampio dispiegamento di giornali, televisioni e giuristi vari, che qualche giorno fa erano 100, poi sono diventati 184, in previsione (di Renzi) che arriveranno a 1000, in origine costituzionalisti, poi definiti, più prudentemente, giuristi, non meglio aggettivati, il premier esibisce il documento per il SI, un testo sbiadito sottoscritto per evidente dovere di appartenenza, senza entusiasmo.

Di bugia in bugia Renzi ne dice alcune di immediata percezione. Non è necessario essere dei costituzionalisti per capirlo. Basta un po’ di buon senso.

La prima bugia è quella secondo la quale la riforma costituzionale, modificando le competenze del Senato e riducendo il numero dei senatori, determinerà un risparmio. In effetti i senatori passano da 315 a 100, e va benissimo (è lo stesso numero dei senatori degli Stati Uniti d’America, un paese con oltre 281 milioni di abitanti, uno ogni 2 milioni e 800 cittadini) ma i deputati rimangono 630, un numero certamente eccessivo. Non averne prevista la riduzione dimostra l’intento di non incidere realmente sui numeri della casta, cioè sulle aspettative dei politici, quelli che hanno come unico mestiere e come unica lauta fonte di reddito la politica.

Ancora in tema di risparmio mi chiedo se qualcuno può ragionevolmente credere che i senatori, consiglieri regionali e sindaci verranno a Roma a proprie spese. Impensabile, ovviamente. Si dovrà pagare loro trasporto vitto e alloggio (in albergo a 4 stelle immagino!). Avranno ben diritto ad una segreteria che li assista degli impegni dell’attività legislativa e comunque nelle incombenze in aula e nelle commissioni. Nel frattempo nelle regioni e nelle città i consiglieri regionali ed i sindaci, divenuti senatori, non lavoreranno nell’esercizio delle loro funzioni non essendo previsto per loro il requisito dell’ubiquità.

C’è poi un’altra considerazione da fare. Solamente Renzi può pensare che le istituzioni dello Stato debbano essere valutate per quanto costano e non per quanto rendono in relazione alle attribuzioni sono proprie.

Tuttavia quello del risparmio, cioè del presunto risparmio, è un argomento che fa presa sulla gente che da sempre odia la casta, considerata luogo di privilegi che si riversano non solo sui politici ma su famiglie e clientes. È evidente che il taglio dei costi poteva essere perseguito più e meglio con scelte diverse.

Proseguiamo con le bugie. La presenza di due Camere che svolgono le stesse funzioni, quella condizione che chiamiamo di bicameralismo perfetto o paritario o piùcheperfetto, per dirla con Pitruzzella, secondo la vulgata renziana rallenterebbe i tempi della produzione legislativa. Lo si dice perché molte volte è stato necessaria la cosiddetta “navetta” (quando un provvedimento va avanti e indietro tra le Camere) ma si trascura di considerare che questo è avvenuto solamente quando sul testo non era stato raggiunto l’accordo nell’ambito della maggioranza. In presenza di accordi, le leggi sono state approvate rapidamente, anche nel giro di pochi giorni. E comunque si trascura di considerare che molti errori nella normativa in fieri sono stati corretti immediatamente dall’altra Camera. Senza andare molto lontano di recente, in televisione, il relatore al Senato sulla riforma della scuola a chi gli faceva osservare che vi erano degli errori di formulazione di alcune norme, ha risposto tranquillamente “li correggiamo alla Camera”.

Non è vero in ogni caso che il bicameralismo sia stato eliminato. La maggioranza non ha ritenuto di forzare la mano nella direzione del monocameralismo, da sempre caro alla sinistra comunista ignoto agli ordinamenti democratici. E così ha creato un sistema normativo complesso nel quale si intrecciano varie forme di legislazione con attribuzione al Senato delle materie delle autonomie e delle disposizioni di attuazione della normativa europea, sempre più pervasiva. Inoltre il Senato potrà chiedere di esaminare una legge di competenza della Camera che peraltro deciderà in ultima istanza. Un autentico pasticcio..

In questa prospettiva appare assurdo che i senatori non siano eletti dal popolo ma reclutati in relazione alla titolarità di un diverso mandato politico, con lesione del principio “della rappresentanza politica e gli equilibri del sistema istituzionale”, come osservato nel documento del Comitato per il NO. Che mette in risalto come “l’intento dichiarato di costruire una più efficiente Repubblica delle autonomie (è) smentito dal complesso e farraginoso procedimento legislativo, e da un rapporto Stato-Regioni che solo in piccola parte realizza quegli obiettivi di razionalizzazione e semplificazione che pure erano necessari, determinando, senza valorizzare per nulla il principio di responsabilità, per contro fortissimi rischi di inefficiente e costoso neo-centralismo”. Evidente, del resto, nel trasferimento di poteri già delle regioni allo Stato centrale.

Per non dire del pasticcio della soppressione delle province, l’autentica realtà storica, ambientale, culturale ed economica dei territori. Semmai si dovevano abolire le regioni, enti inutili e costosi, che gestiscono, come sappiamo, quasi esclusivamente i fondi del Servizio Sanitario Nazionale, sostanzialmente vincolati. Che senso ha avere un ente che decide solo sul 5-10% dei propri bilanci?

Preoccupa soprattutto il cambiamento surrettizio della forma di governo che si avvia a costituire una sorta di “Premierato assoluto” fondato su una legge l’Italicum che, con il premio di maggioranza di cui si è visto, consentirà al partito egemone di decidere in merito a tutte o quasi tutte le cariche istituzionali, dal Presidente della Repubblica ai giudici costituzionali, ai componenti laici del Consiglio Superiore della Magistratura.

Nello spazio funzionale alla testata che pubblica queste riflessioni non c’è spazio per specifici approfondimenti che riserviamo a singoli contributi. Ma non può non rilevarsi che questo voluto da Renzi è stato il peggior modo di riscrivere la carta di tutti, attraverso molteplici forzature di prassi e regolamentari che hanno determinato nelle Aule di Camera e Senato spaccature insanabili tra le forze politiche, giungendo al voto finale con una maggioranza racimolata e occasionale. Un Parlamento eletto sulla base di una legge dichiarata incostituzionale che ha “osato”, diranno gli storici del diritto, cambiare nientemeno che la Carta fondamentale dello Stato, un Parlamento che in quasi tre anni ha visto ben 244 membri (130 deputati e 114 senatori) cambiare Gruppo principalmente per sostenere all’occorrenza la maggioranza (in linguaggio politico si chiama inciucio), utilizzando gli strumenti parlamentari acceleratori più estremi, delineando un vero e proprio sopruso nei confronti delle garanzie e delle prerogative riconosciute in un ordinamento democratico alle minoranze.

Ed è grave che la Costituzione del 48, che certamente necessitava di essere riformata, venga alterata nella parte migliore della nostra tradizione costituzionale. Ne sono consapevoli anche i fautori del SI i quali scrivono che “il testo non è, né potrebbe essere, privo di difetti e discrasie”, come se si trattasse di una legge ordinaria che è possibile modificare ed integrare con un semplice codicillo. Basti questo per segnalare la gravità di quello che si propone agli italiani dicendo fra l’altro, con straordinaria ipocrisia, che potranno approfondire il testo e così decidere come votare . Una presa in giro. Chi è in condizioni di approfondire un testo complesso e pasticciato come questo per poi decidere? Anche sotto questo profilo è innegabilmente leso il diritto politico degli italiani.

25 maggio 2016

Non è così in Italia

In Svezia “trasparenza totale” per battere la corruzione

di Salvatore Sfrecola 

“Trasparenza totale” è la ricetta adottata nel Regno di Svezia per battere la corruzione. Lo ha riferito Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), che, intervenendo ad un Convegno sui “Valori morali ed etica pubblica: presupposti per il perseguimento del bene pubblico in una società solidale” organizzato dal Gruppo di Presenza Cattolica della Corte dei conti, in un dialogo con il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio per la cultura, ha richiamato quanto gli aveva detto di recente il ministro della funzione pubblica di quello stato lassù, in cima all’Europa, in testa ai paesi più virtuosi secondo Transparency International, l’Istituto che rileva la percezione della corruzione, una realtà molto lontana da quella che relega l’Italia in coda alla medesima statistica.

Chissà che effetto avrà fatto quella regola svedese risuonata nell’Aula delle Sezioni Riunite della Corte dei conti, laddove i magistrati contabili ripetutamente denunciano l’opacità delle pubbliche amministrazioni, vizio antico del potere arrogante, ostile ad assoggettarsi al controllo di legalità. Anche in tema di accesso agli atti sempre riguardato dal destinatario della relativa istanza come un atto di lesa maestà, cui si aderisce spesso con fastidio, cercando di ritardare il più possibile la consegna degli atti, perché intuitivamente destinati all’esercizio della tutela giurisdizionale in presenza di un provvedimento ritenuto lesivo di diritti.

Anche da noi, infatti, la legge n. 190 del 2012 prevede la trasparenza amministrativa quale strumento di prevenzione della corruzione, come attesta sui siti delle amministrazioni e degli enti la pagina “amministrazione trasparente” dove spesso si rilevano significative omissioni.

“Trasparenza vo cercando”, si potrebbe dire a leggere oggi Il Fatto Quotidiano che si sofferma, in uno scritto di Thomas Mackinson, sul testo dell’ultimo decreto sulla trasparenza, firmato Madia, nel quale l’attento giornalista rileva un neo non di poco conto, che esenta dalla pubblicazione gli atti relativi agli incarichi conferiti dalle pubbliche amministrazioni a titolo gratuito, “ivi inclusi quelli conferiti discrezionalmente dall’organo di indirizzo politico senza procedure pubbliche di selezione”. Letta superficialmente, come il potere vorrebbe che facessero gli italiani, la norma sembra neutrale, quasi logica. Il consulente scelto “discrezionalmente”, cioè senza riferimento a requisiti di professionalità (titolo di studio, esperienze pregresse), non è pagato a carico del bilancio dello Stato, quindi perché preoccuparsi del suo curriculum professionale e personale? Sennonché altro è l’interesse pubblico. In primo luogo il consulente che assiste e consiglia il politico di fatto si inserisce in procedimenti amministrativi diretti all’adozione di scelte dell’Amministrazione per cui ha un ruolo è rilevante in ragione del quale, in assenza della pubblicazione dei dati personali, potrebbe non rilevarsi una sua situazione di incompatibilità o di conflitto di interessi per attività pregresse o coesistenti. Inoltre è poco credibile che un professionista si impegni in un lavoro senza retribuzione. È evidente che, proprio in ragione della sua collaborazione gratuita con un “organo di indirizzo politico”, sarà compensato, come insegna l’esperienza di chi conosce la storia delle pubbliche amministrazioni, con “altra utilità” (un’espressione che significativamente il legislatore identifica all’art. 318, c.p. quale compenso per la corruzione) con altri incarichi per i quali la consulenza “gratuita” farà premio su possibili concorrenti in un continuum politica-amministrazione che è la negazione stessa della trasparenza. In quanto, come scrive Il Fatto Quotidiano la nuova normativa “fa calare un velo proprio sugli incarichi che, in assenza di un compenso in denaro, meglio si prestano a contropartite poco chiare”.

Del resto la storia del potere in Italia espone un catalogo ricchissimo di utilità conseguite all’ombra del potere. Ma anche di comportamenti virtuosi. Ancora una volta ricordo in proposito la lettera di Quintino Sella, in procinto di diventare Ministro delle finanze del Governo Rattazzi, il quale scrive al nonno per segnalargli che dal giorno del suo giuramento “le imprese di famiglia dovranno ritirarsi dagli appalti pubblici”. Altri tempi, altro stile!

21 maggio 2016

In un appello a Mattarella la denuncia di Zagrebelsky

Indebite pressioni del Governo per il SI al referendum

di Salvatore Sfrecola

L’appello, autorevolissimo, è diretto al Capo dello Stato. Lo fa Gustavo Zagrebelsky, Presidente emerito della Corte costituzionale, uno dei massimi costituzionalisti italiani, da sempre orientato a sinistra. Il quale, in occasione della presentazione a Torino, al Salone del Libro, del volume di Salvatore Settis, Costituzione! Perché attuarla è meglio che cambiarla, si rivolge, “con rispetto” al Presidente Mattarella affinché dica “al presidente del Consiglio che chi governa non può legare la sua sorte all’esito del referendum costituzionale”. Così attuando una forma di pressione indebita che fa comprendere quale sia il modo di intendere la democrazia da parte di Matteo Renzi.

Le ragioni dell’appello al Presidente della Repubblica sono fondatissime e muovono dalla considerazione che il referendum è “del popolo” e non “del governo”, così come del Parlamento e non del governo doveva essere la riforma costituzionale, ancorché a promuoverla fosse il partito del premier. Ed è facile tornare all’esperienza della Assemblea Costituente quando il dibattito in aula vedeva il banco del governo sistematicamente vuoto, convinti com’erano i padri costituenti e l’esecutivo che la costituzione fosse un atto proprio dell’assemblea. È accaduto il contrario con il governo Renzi, nel corso delle letture, che l’articolo 138 della Costituzione impone ad ogni modifica della Carta fondamentale, che il Premier ed il ministro delle riforme Maria Elena Boschi siano stati attori in prima linea della riforma costituzionale. Così facendo intendere che ad essa legavano le sorti del governo e della maggioranza che, sulla base del combinato disposto, come si usa dire, della riforma e della nuova legge elettorale, l’Italicum, consente al partito che vince le elezioni  di conquistare quell’ampio potere, per certi versi assoluto, che discende dal premio di maggioranza con la possibilità di eleggere, senza il concorso di altre forze politiche, il Presidente della Repubblica, i giudici costituzionali e i membri laici del Consiglio Superiore della Magistratura.

Quell’impegno improprio in sede di dibattito parlamentare oggi si ripropone nella campagna referendaria, nella quale il Presidente del Consiglio si spende in favore del SÌ, non come qualunque altro politico ma facendo intendere agli italiani che il voto negativo sulla riforma costituirebbe una bocciatura del governo con conseguenti sue dimissioni. Ed anche se, sul piano giuridico, questo collegamento è privo di qualunque fondamento costituzionale non c’è dubbio che l’essersi impegnato in prima persona nella riforma della Costituzione costringe oggi Renzi a prospettare in quel modo l’eventuale esito negativo della consultazione di ottobre per galvanizzare i suoi seguaci e confondere le idee degli italiani che quella riforma poco conoscono, essendo stato loro prospettato, tra l’altro, quasi solo un risparmio di spesa che all’evidenza è, in ogni caso, modesto essendo sufficiente considerare che, avendo ridotto i senatori da 315 a 100, un numero assolutamente congruo (si pensi soltanto che gli Stati Uniti d’America, con una popolazione di molto superiore alla nostra,  hanno un identico numero di senatori), ha mantenuto 630 deputati, certamente eccessivi. E senza considerare che le istituzioni della Repubblica non possono essere valutate per quanto costano ma per quanto la loro presenza giova al buon andamento della democrazia. Ciò che non è assolutamente dimostrato leggendo la pasticciata riforma che ci viene proposta.

“Ci va di mezzo la democrazia”, dice infatti Zagrebelsky, spiegando come le pressioni del governo e del premier si accompagnino alla previsione di  scenari drammatici in caso di sconfitta in un referendum che segue ad una campagna elettorale per il rinnovo di sindaci e consigli comunali che vede il partito democratico in forte affanno sicché, sull’onda di quei risultati, è prevedibile che l’ampio schieramento di quanti propongono di votare NO possa riservare al governo ed alla maggioranza brutte sorprese. Nonostante l’impegno di Renzi che non ha esitato, come in altri casi, a dare alla sua polemica il tratto sgradevole dell’offesa personale, come quando ha apostrofato i giuristi favorevoli al NO “archeologi travestiti da costituzionalisti”, rivolta agli stessi, tra cui proprio Gustavo Zagrebelsky, che Maria Elena Boschi, all’inizio del percorso parlamentare della riforma, aveva definito “professoroni” con evidente disprezzo, un atteggiamento che non si confà a chi riveste incarichi di governo, non dico a statisti, perché parliamo di persone modeste e di pochi studi la cui cultura giuridica è attestata in modo inequivoco dalla lettura della Gazzetta Ufficiale dove si leggono provvedimenti legislativi e amministrativi nei quali oltre al diritto assai spesso anche l’italiano è una variabile indipendente.

Tornando all’appello al Capo dello Stato non è dubbio che esso sia indirizzato a chi ha il dovere di assicurare un corretto esercizio dei diritti tra i quali indubbiamente vi è quello di esprimere il voto sulla riforma costituzionale in piena serenità e consapevolezza della scelta, senza pressioni indebite che costituiscono un vero e proprio ricatto nei confronti dei cittadini. Per cui l’appello contro “l’ideologia della rassegnazione”, come ha scritto Zagrebelsky nell’epilogo del suo bel libro “Moscacieca”, nonostante si debba constatare che oggi “negli organi di governo, nelle posizioni-chiave, siedono ormai solo uomini di fiducia dell’oligarchia finanziaria globalizzata”.

16 maggio 2016

Se l’università non prepara per la professione:

a colloquio con un giovane laureato in giurisprudenza

di Salvatore Sfrecola

Un colloquio di alcuni giorni fa con un giovane laureato in giurisprudenza in cerca di lavoro mi ha confermato una valutazione negativa del rapporto università-professione del quale sono consapevole da tempo, prima come studente, più di recente, come docente. Il giovane in cerca di lavoro, una brillante laurea, un master importante, la partecipazione ad attività didattiche, mi ha rappresentato la difficoltà di trovare un posto di lavoro in realtà privatistiche perché alla domanda, che gli viene sistematicamente rivolta sulla sua esperienza non può esibire altro che quella maturata nei corsi e nei master che ha effettuato. Poco, troppo poco in assenza di una esperienza professionale maturata presso uffici pubblici o privati.

Naturalmente formulata così, la domanda di chi conduce la selezione, compito non facile che comporta la capacità di intuire le attitudini e le potenzialità del candidato al di là del freddo linguaggio di un curriculum, non corrisponde alle aspettative reali di chi intende reclutare un venticinquenne. È evidente, infatti, che il giovane laureato non ha e non può avere una significativa esperienza lavorativa. Anche uno stage non è un vero e proprio lavoro, è meno di un apprendistato, assicura certamente una esperienza ma indubitabilmente limitata e comunque non significativa. Solamente una collocazione che prevede un impegno e delle responsabilità, sia pure circoscritte, assicurano che la formazione richiesta abbia la necessaria consistenza. Eppure non c’è dubbio che, rimanendo alla Facoltà di giurisprudenza, si rilevano gravi carenze sotto il profilo della preparazione dello studente all’impatto con il mondo del lavoro. Le lezioni ed i seminari, che danno una preparazione teorica significativa agli studenti trascurano alcuni aspetti che sono essenziali nella formazione del giovane nel momento in cui cercherà un impiego. In primo luogo, tranne casi rarissimi, nessuno studente è chiamato ad effettuare elaborazioni scritte se si esclude la compilazione della tesi di laurea. Alla quale arriva avendo in precedenza scritto l’ultima volta al liceo quando era chiamato a svolgere temi di critica letteraria, storia della letteratura, arte, storia. Il giovane che si appresta a redigere la sua tesi di laurea non ha mai scritto su temi di diritto e quindi, pur avendo letto molto trova sicuramente gravi difficoltà nella stesura del documento, tanto da rimanere sulle prime smarrito. Il linguaggio giuridico ha sue peculiarità che vanno affinate col tempo perché una sentenza o una memoria di costituzione non è necessariamente un orrore linguistico fatto di ripetizioni, assonanze e orribili neologismi forensi. Inoltre quello studente, nella maggior parte dei casi, non è stato educato a fare delle ricerche, a consultare le banche dati di dottrina e giurisprudenza e il più delle volte non ha neppure sfogliato una rivista giuridica della quale non conosce neppure il titolo, non ha visto, non dico letto, una sentenza né un’ordinanza e neppure un atto amministrativo, una istanza di accesso agli atti, una domanda di autorizzazione né un provvedimento adottato dall’autorità amministrativa e soggetto ad impugnazione davanti al giudice amministrativo. Nessuno avrà messo davanti a lui gli atti di una procedura concorsuale diretta alla stipula di un contratto di appalto di lavori o di fornitura di beni e servizi, l’attività più consistente delle pubbliche amministrazioni, quella che impegna una parte significativa delle risorse dei bilanci pubblici. Una materia che impegna quotidianamente i giudici civili, amministrativi e contabili e, di recente, sempre più spesso quelli penali.

Questa carenza informativa generalizzata fa sì che il giovane laureato, che non avrà certamente una preparazione pratica come quella che deriva dalla frequentazione di uno studio legale, di una segreteria giudiziaria o di un ufficio comunale o statale, sarà privo anche di quella preparazione teorica che attiene all’impatto quotidiano con la realtà delle leggi, delle sentenze degli atti dell’amministrazione. Con la conseguenza che si vedrà eccepita la mancanza di esperienza da un soggetto privato ma avrà anche una difficoltà di accedere ad uno studio legale perché, alla prima richiesta di come si fa una ricerca giurisprudenziale o di come si redige una memoria di costituzione in giudizio, probabilmente avrà non poche difficoltà.

Questa carenza dell’Università, che è antica, diviene tanto più grave nel momento in cui la ricerca di un posto di lavoro diventa sempre più difficile per un giovane in una realtà occupazionale complessa, dove i posti di lavoro sono pochi, remunerati pochissimo, più spesso quasi gratuiti e dove la richiesta di un’esperienza pregressa, che comunque è sempre difficile per un giovane appena laureato, si unisce alla richiesta di conoscenza della lingua straniera, normalmente l’inglese, non facile da maneggiare perché anche su questo la scuola italiana ha gravi carenze. La lingua di Sua Maestà Elisabetta II, facile nella grammatica, è in realtà difficile nella pronuncia. Devo dire, ad esempio, che nella mia esperienza, nei contatti con autorità diplomatiche italiane e straniere, ho notato che è difficile trovare chi abbia la capacità di dialogare in modo fluente. Inadeguata la preparazione delle scuole medie superiori, leggermente migliore quella delle università che spesso hanno docenti di madrelingua. Comunque nel complesso chi non ha la possibilità di soggiorni prolungati sulle rive del Tamigi e dintorni è difficile possa superare un colloquio in lingua inglese che spesso avviene, in una seconda fase della selezione, anche telefonicamente, prova assai più ardua e più selettiva.

Le considerazioni che nascono dall’esperienza e che sono state stimolate dal colloquio con il giovane laureato in cerca di lavoro dimostrano che, al di là degli slogan e delle dichiarazioni di principio di autorità pubbliche la scuola in generale e specialmente l’università ha bisogno di una riflessione profonda e di un adeguamento alle esigenze di una didattica che sia anche protesa verso la pratica verso quegli elementi di preparazione che consentono di avvicinarsi con maggiore sicurezza al mondo del lavoro. È vero che molti docenti hanno scelto la strada delle visite a Tribunali ed a Corti, ma questo non è sufficiente per sviluppare una conoscenza utile a fini professionali. Sono stati anche previsti degli stage. Ne ho promossi presso la Corte dei conti quando insegnavo Diritto amministrativo europeo alla LUMSA. Ho fatto conoscere alle persone che mi sono state assegnate biblioteca, archivi, segreterie in modo che avessero la possibilità di rendersi conto anche visivamente di come si lavora in un ufficio giudiziario tra l’altro con importanti attribuzioni di controllo su enti di diverse dimensioni e ruoli. È qualcosa, certamente, ma non è sufficiente. È necessario che i docenti, utilizzando anche i loro collaboratori di cattedra, assistenti e ricercatori, introducano realmente con delle simulazioni di attività giudiziarie o amministrative i loro studenti sulla via della professione, facendo sì che quel che hanno imparato sui libri, dove la dottrina insegue le leggi e sentenze, diventi viva conoscenza di come si lavora attraverso la guida di persone con esperienza, considerato che nella maggior parte dei casi i ricercatori, gli assistenti, i tutor svolgono anche attività professionale nei Tribunali, nelle Corti o nelle Amministrazioni.

Si tratta di iniziative tutto sommato semplici, facili da organizzare, idonee a perseguire quello scopo che dovrebbe essere proprio dell’Università, cioè assicurare agli studenti una preparazione, scientifica e pratica, adeguata alle esigenze professionali alle quali saranno chiamati nel mondo del lavoro.

Non potrei chiudere queste riflessioni originate dal colloquio con il giovane laureato se non facessi cenno, insieme alle carenze denunciate, da me individuate già al tempo dei miei studi universitari, anche un’ulteriore accusa che egli muove al nostro sistema scolastico, quella che la cultura della quale la scuola media superiore fornisce i nostri studenti attraverso lo studio della lingua e della letteratura italiana, del latino e del greco, della filosofia, della storia e delle materie scientifiche, sia in gran parte inutile per le prospettive di lavoro. Non è vero. Non è assolutamente vero, come insegna l’esperienza. La cultura, intesa come formazione a tutto campo attraverso l’acquisizione di conoscenze varie, soprattutto di quelle pertinenti alla nostra tradizione, in un quadro di solida formazione, costituisce la base sulla quale costruire la specializzazione universitaria. Ho, infatti, constatato nel corso degli anni come la padronanza della lingua italiana e la formazione classica siano fondamentali nello scritto come nei rapporti con le persone, collaboratori e superiori e interlocutori in genere. Costituiscono un valore aggiungo che in un colloquio diretto all’assunzione fa la differenza.

Quella base culturale è stata sempre la forza della nostra scuola. Del resto nelle scuole estere importanti la formazione di base è affidata a un percorso scolastico che ha le caratteristiche proprie della nostra formazione classica, ovunque negli istituti di maggiore rilievo.

Ricordo, al riguardo, una intervista televisiva fi alcuni anni fa a Furio Colombo, all’epoca corrispondente de La Stampa dagli Stati Uniti che lì viveva e lì studiavano le sue figlie. Alla domanda dell’intervistatore sulle scuole che frequentavano rispose “una scuola classica”. Ed alla domanda dell’intervistatore su cosa significasse quell’espressione nel paese della tecnologia più avanzata Colombo rispose: “Una scuola classica, studiano latino e greco”.

Forse quel brillante laureato in giurisprudenza mio interlocutore non si è reso conto del patrimonio che la scuola gli ha fornito e che forse non ha saputo valorizzare nei colloqui (un po’ di umiltà è indice di intelligenza) ed, amareggiato per non aver ancora trovato lavoro, lo addebita all’impegno della scuola media superiore nell’insegnamento di Dante e di Petrarca, di Giotto e di Michelangelo. Per concludere semplicisticamente “non serve”. Probabilmente altro è il problema.

16 maggio 2016

Renzi confuso tra Costituzione e Vangelo

di Salvatore Sfrecola

“Ho giurato sulla Costituzione, non sul Vangelo”. A parte l’intrinseca volgarità della frase, il Presidente del Consiglio Segretario del Partito Democratico dimostra una inammissibile ignoranza per chi ricopre una elevata funzione istituzionale ed una colpevole semplificazione. Quella di ritenere che le questioni attinenti alla famiglia, al suo  ruolo nella società e, pertanto, ai suoi diritti, sia un problema religioso, in specie cattolico, come dimostra l’improprio riferimento al Vangelo. Visione distorta della realtà ma, purtroppo, diffusa nella classe politica, spesso frenata nella determinazione di misure di sostegno alle famiglie, specie a quelle numerose, nella convinzione che in tal modo si faccia un piacere alla Chiesa, anzi, per molti, “al Vaticano”.

Il Presidente del Consiglio, che sul documento ha giurato, dovrebbe ben conoscere la Costituzione che alla famiglia dedica norme importanti, le quali costituiscono un riferimento essenziale per il legislatore ordinario, quello, appunto, che ha votato la legge sulle cosiddette “unioni civili”, ignorando, è la tesi di chi si prepara a raccogliere le firme per un referendum abrogativo, i parametri di riferimento essenziali scritti nella Carta fondamentale dello Stato. Precisò, infatti, l’On. Tupini, in Assemblea Costituente, a nome della Commissione per la Costituzione, che il progetto constava “di due elementi fondamentali: uno di carattere normativo assoluto, l’altro di direttive al futuro legislatore perché vi si conformi e vi si adegui…”.

Ed ecco l’impianto. Cominciamo con l’art. 29, che apre il Titolo II dedicato ai “rapporti sociali”, dove si legge che “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio” che, precisa il secondo comma, “è ordinato all’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare”. Regole innovative che avrebbero dovuto, come precisato dall’on. Mortati e come è avvenuto, modificare il codice civile che all’epoca quella eguaglianza non assicurava in toto.

Qualificando la famiglia come “società naturale”, della quale lo Stato “riconosce” i diritti, il Costituente ha inteso prendere atto che essa, come ebbe a precisare l’on. Moro, “ha una sua sfera di ordinamento autonomo nei confronti dello Stato”, “un ordinamento di diritto naturale”, disse l’on. La Pira, al cui insegnamento Renzi afferma spesso di ispirarsi, un ordinamento che preesiste allo Stato, alla sua costituzione ed alle norme che lo disciplinano. Un dato storico, come insegnano quanti si sono occupati di ricostruire le vicende degli insediamenti umani ovunque sul pianeta, individuando modalità di formazione delle famiglie e delle regole che le riguardano individualmente ed in rapporto alle altre famiglie con le quali nel tempo si forma quell’“ordinamento generale” che più tardi si chiamerà stato.

Ma la Costituzione non ha soltanto le norme assolute, come abbiamo visto ricordare dall’on. Tupini, dà anche direttive al legislatore in forma che delineano chiaramente il ruolo della famiglia. Infatti nell’art. 30 si legge che “è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio”, ai quali “la legge assicura… ogni tutela giuridica e sociale compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima”. Se ne deduce che la famiglia è ordinata in via prioritaria alla procreazione, all’istruzione e alla educazione dei figli che sono i futuri cittadini italiani, i futuri lavoratori, il cui ruolo nella società la Costituzione individua e intende tutelare. Infatti all’art. 31 “La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose”, precisando, al secondo comma, che “protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù favorendo gli istituti necessari a tale scopo.

Un bel pacchetto di indicazioni al legislatore molte delle quali, la gran parte delle quali, ignorate, come dimostra la legislazione fiscale che in nessun modo agevola le famiglie, così contravvenendo palesemente alla disposizione che impone l’adozione di misure dirette alla “formazione della famiglia” e all’adempimento dei compiti connessi. Ciò che è stato fatto e viene fatto in altri ordinamenti che, proprio per effetto delle agevolazioni assicurate ai nuclei familiari, hanno visto un consistente incremento delle nascite che in Italia invece, purtroppo, sono da tempo in calo.

Tutti sanno, perché se ne parla spesso, che altri paesi, i quali hanno a cuore il mantenimento della società con le sue caratteristiche culturali e storiche, dalla Francia alla Svezia alla Norvegia, per citare solo i più noti e con tradizioni diverse, in vario modo agevolano nuove famiglie escludendo dall’imposizione fiscale le spese per il mantenimento dei figli, assicurando una scuola gratuita (compresi i libri di testo) e capace di formare i futuri professionisti. Con agevolazioni economiche ai giovani fino all’ingresso nel mondo del lavoro.

Tutto questo non è, all’evidenza, un problema religioso, come il nostro premier vorrebbe far intendere, tanto è vero che in Assemblea Costituente, che si apprestava a votare articoli successivi a quelli che richiamano i Patti Lateranensi, fu respinta la proposta di affermare l’indissolubilità del matrimonio ritenendo quell’istituto più pertinente al profilo religioso, anche se l’on. Iotti (PCI, antenato del PD) affermò di non essere contraria “a fissare tale principio nella legge ordinaria”.

Il Premier ignora comunque che la stragrande maggioranza degli italiani, al di là del credo religioso, si riconosce nelle norme della Costituzione, nei suoi principi e nelle sue direttive. Gli italiani certamente vorrebbero fare più figli se lo Stato fosse consapevole del ruolo della famiglia, assicurando a tutti quelle agevolazioni che la Costituzione prevede, convinti che l’istruzione e l’educazione dei figli sia un dovere primario dello Stato rispetto alla società.

Ancora una volta con una buona dose di arroganza, che sempre si accompagna alla scarsa conoscenza di ciò di cui si parla, il Presidente del consiglio divide gli italiani in modo artificioso per guadagnarsi un pugno di voti trascurando che altri, molti, ne perderà a breve, anche per questo suo atteggiamento, e quando sarà posta ai voti popolari quella riforma della Costituzione che così palesemente dimostra di non conoscere o di voler ignorare.

13 maggio 2016

Mostra i muscoli per compattare una maggioranza incerta

Renzi e la mozione di fiducia: debolezza e arroganza di un leader

di Salvatore Sfrecola

Straordinaria vignetta di Giannelli oggi sul Corriere della Sera dal titolo Peccati Democratici con Renzi che confessa ad un sacerdote, che ha le sembianze di Mattarella, “non ho resistito alla tentazione di chiedere la fiducia”. Il Presidente-confessore lo interroga: “quante volte figliolo? Quante volte?”. Tante, viene da dire a noi osservatori, troppe in una democrazia parlamentare nella quale il Governo resta in carica fino a quando gode della fiducia delle Camere. Fiducia nel programma di Governo “che ha già avuto una investitura elettorale” (Manzella). Bastano queste poche parole di uno dei massimi studiosi del Parlamento per rendere evidente che  siamo fuori dalle regole costituzionali. Infatti il provvedimento oggetto della mozione di fiducia non faceva parte del programma del governo sul quale a suo tempo si sono espresse le Camere e il Governo non ha avuto sul punto una investitura elettorale.

Si comprende, dunque, la vivace polemica delle opposizioni ed i “mal di pancia” di parti significative della maggioranza in quanto l’anomalia, gravissima, di un voto di fiducia su un provvedimento che non è di iniziativa del governo, altera il ruolo dello strumento usato, attraverso il quale i governi ricompattano la loro maggioranza attraverso un voto su un provvedimento qualificante del programma che ha lo scopo di verificare che permanga il consenso che ne giustifica l’esistenza.

Con il ricorso improprio alla mozione di fiducia il Presidente del Consiglio ha voluto forzare la mano dei parlamentari della sua maggioranza, nonostante questa sia numerosissima e quindi capace di affrontare il voto anche senza bisogno della pressione del voto di fiducia. Che, in realtà, dà dimostrazione della “sfiducia” del Premier Segretario del Partito Democratico nella sua maggioranza, un segnale di debolezza considerato anche che Renzi aveva promesso di liberare i suoi parlamentari dal vincolo di partito trattandosi, nella specie, del voto su un provvedimento eticamente rilevante e significativo.

L’uso della forza, come insegna la storia, non solamente parlamentare, quando non necessaria è quasi sempre dimostrazione di debolezza. Chi ha la forza dei numeri, come in questo caso, non dovrebbe ricorrere ad uno strumento che ha come unico effetto quello di strozzare il dibattito parlamentare, evitando qualunque confronto di idee. Una scelta pensata per un esecutivo che teme di non godere più del consenso necessario per continuare a governare. Accade invece che da alcuni anni si sia abusato del ricorso al voto di fiducia, abuso al quale ha fatto ampio ricorso l’attuale Presidente del consiglio. In questo modo si delinea una trasformazione della Repubblica parlamentare incentrandosi di fatto ogni iniziativa legislativa rilevante nel governo anche quando la proposta nasce da un parlamentare. È una grave lesione del principio (art. 70 Cost.) secondo il quale la “funzione legislativa” è esercitata dalle Camere, tanto più grave quando viene esercitata in presenza di una maggioranza rilevante come in questo momento alla Camera a favore del governo Renzi. Al voto di fiducia si sono affidati anche governi precedenti, ma in casi più contenuti e sempre per provvedimenti d’iniziativa governativa. Anche il governo Berlusconi era stato criticato per il ricorso alla mozione di fiducia, avendo quel governo la più ampia maggioranza parlamentare della storia repubblicana. Ma quella maggioranza, di nominati e scelti senza attenzione all’esperienza ed al merito, era a tratti inaffidabile. Ed è quello che accade oggi. Per cui il premier mostra i muscoli. E se si considera che questo comportamento è posto in essere da chi si è fatto promotore della riforma costituzionale che di fatto concentra direttamente o indirettamente nel governo, anche quale effetto dell’Italicum, un porcellum elettorale riveduto e corretto, ampi poteri di legislazione e di gestione c’è da temere per la democrazia parlamentare che può piacere o no ma è senza dubbio la sola che assicura una adeguata rappresentanza al popolo.

Al riguardo sono state particolarmente puntuali alcune considerazioni di Monsignor Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti e Vasto, il quale, in una intervista al Corriere della Sera di oggi, a proposito del voto di fiducia sulla legge sulle unioni civili, ha affermato esplicitamente che “la democrazia è tale se su tutte le questioni - ma specialmente su quelle che hanno uno spessore etico e ricadute sociali e culturali - c’è la possibilità di portare e discutere tutti gli argomenti, pro e contro, e valutarli in un dibattito libero e aperto”. E alla osservazione di Gian Guido Vecchi, che lo ha intervistato, secondo il quale “se ne discuteva da anni”, il prelato risponde “vero, ma è proprio nel momento in cui si arriva al voto che tutti hanno il sacrosanto diritto di esprimersi. Mi pare scorretto, tanto più in questo caso: sui temi etici le posizioni sono trasversali rispetto agli schieramenti. Se si vuole ricompattare con un sì o con un no, si fa un danno a tutti”.

E trasversali erano le opinioni dei parlamentari sulla riforma costituzionale, essendo in discussione ipotesi diverse, tratte dalla dottrina costituzionalista e dall’esperienza di altri paesi. Esempi sempre da tenere presenti sia pure considerate le diversità storiche e antropologiche dei vari popoli. Non si è voluto discutere e chi si è opposto non ha avuto risposte ma spesso solamente insulti, dall’epiteto di “professoroni” affibbiate da Maria Elena Boschi ai vari Zagrebelsky, Rodotà, Gallo e Azzariti, alla qualificazione di “archeologi” dallo stesso Renzi attribuita loro in quanto presunti fedeli del Codice di Hammurabi. Certo lui non lo ha letto. Ma è già un fatto positivo che ne abbia sentito parlare.

12 maggio 2016

Ben più della scelta dei sindaci

Le elezioni del 5 giugno sono un test sulla politica del Governo

di Salvatore Sfrecola 

Ha un bel dire Matteo Renzi che il 5 giugno alcuni milioni di italiani saranno chiamati a scegliere soltanto Sindaci e Presidenti di Municipi per amministrare città e quartieri. Per cui il test elettorale nulla avrebbe a che fare con il suo governo. Lo ha smentito in modo chiarissimo Stefano Fassina questa mattina ad OmnibusLa7 ricordando come i problemi dei comuni, quelli con i quali gli amministratori hanno a che fare quotidianamente, dalle buche al trasporto locale, dalla raccolta dei rifiuti al decoro urbano, sono significativamente aggravati dal fatto che Governo e Parlamento nel corso degli anni hanno progressivamente fatto scontare a comuni e province le difficoltà finanziarie dello Stato centrale. Ciò ai fini del rispetto del patto di stabilità interno e degli impegni assunti in sede europea, senza che sia stata avviata una riforma dell’amministrazione e della finanza degli enti locali, tra l’altro gravati da adempimenti che costituiscono voci di costo pesanti per i rispettivi bilanci.

Naturalmente non tutte le difficoltà dei comuni vanno addebitate ad errori od omissioni dello Stato. Buona parte dell’inefficienza dei comuni sono conseguenza delle cattive amministrazioni locali che non hanno saputo passare dai rimborsi statali sostanzialmente a piè di lista ad un regime di responsabilità finanziaria idoneo ad offrire servizi nell’ambito delle risorse disponibili, risparmiando dove possibile e gestendo in modo corretto ed economicamente proficuo ad esempio il patrimonio immobiliare, spesso dato in locazione a canoni assolutamente fuori mercato. Il caso di Roma, dove l’Amministrazione capitolina non sa quanti appartamenti ha, quanto e se pagano gli inquilini tenuti a canoni vecchi di decenni, non è solamente della capitale. Un autentico scandalo che fa immaginare intese fraudolente con funzionari ed amministratori quando non colpevoli omissioni, casi accertati un po’ dovunque in Italia, spesso oggetto di indagini da parte delle Procure regionali della Corte dei conti. Che hanno portato a condanne nei confronti degli amministratori disattenti o dei funzionari complici.

La finanza locale, dunque, va riformata come parte essenziale della finanza pubblica e nel quadro dell’unità economica della Repubblica. Una sfida importante che non si affronta con le misure spot alle quali ci ha abituati il premier a fini di consenso elettorale e per distrarre l’attenzione degli italiani dalle difficoltà che giorno dopo giorno assillano un numero sempre più vasto di cittadini. Mentre s’intravedono all’orizzonte nuove stangate per i pensionati, in primo luogo.

Per questo le elezioni comunali sono inevitabilmente un test sul governo e sulla sua maggioranza che ha dato pessima prova di se, non solo per gli scandali che qua e là per l’Italia hanno messo sotto accusa amministratori assolutamente inadeguati ma sempre proni agli interessi dei settori economici di riferimento, ma soprattutto per l’incapacità di immaginare, al di là delle frasi ad effetto, che questo è effettivamente il Paese più bello del mondo che va in malora per una lunga serie di governanti incapaci di guardare al futuro, governi tra i quali spicca l’attuale che, a differenza degli altri che non facevano neppure finta di volere, cerca di confondere le idee agli italiani illudendoli che sia “la volta buona”. Auspicabile se il risultato delle elezioni dirà loro in modo inequivocabile che è ora vadano a casa.

8 maggio 2016

Dirigenti, generali, magistrati

Conflitti di interessi e illecite contiguità

di Salvatore Sfrecola

Con l’espressione conflitto di interessi l’opinione pubblica identifica normalmente situazioni diverse, di interferenza tra interessi pubblici e privati solo parzialmente corrispondenti a quelle previste dalle leggi che tutelano il corretto esercizio di funzioni pubbliche. La gente, infatti, si preoccupa che non si verifichino situazioni anche solo potenzialmente capaci di determinare influenze negative sulla gestione delle pubbliche amministrazioni con conseguente deviazione dalle finalità istituzionali e dispendio di denaro pubblico. E si sofferma sulle vicende professionali di alcuni alti esponenti delle pubbliche Amministrazioni che destano perplessità.

Vediamo qualche esempio. Accade da molto tempo che personalità che hanno operato con funzioni di vertice nelle amministrazioni pubbliche, alti dirigenti dello Stato, delle regioni e degli enti locali, gradi elevati delle Forze Armate ed anche magistrati con importanti funzioni requirenti o giudicanti, all’atto del pensionamento, quando non si avviano verso qualche libera professione, vengano impiegati in imprese, pubbliche o private, quali amministratori o consulenti, in ragione dell’esperienza a lungo maturata negli uffici pubblici. Naturalmente ci riferiamo ad attività che vengono prestate, con funzioni di consulenza o di gestione, in strutture che operano nel settore degli appalti di opere pubbliche o di forniture di beni e servizi alle pubbliche amministrazioni. Accade anche per alti gradi delle Forze Armate che hanno maturato importanti esperienze nell’approvvigionamento di materiali di carattere strategico, dagli armamenti alle infrastrutture tecnico scientifiche, i quali, dismessa l’uniforme, passino ad amministrare industrie che lavorano anche per l’Esercito, la Marina e l’Aeronautica. Ovviamente in linea di principio non c’è nulla di male nel fatto che imprese del genere si avvalgano della collaborazione di esperti, particolarmente qualificati, che ben conoscono le esigenze delle Forze Armate. Il dubbio, che costituisce per il cittadino motivo di giusta preoccupazione, è che la utilizzazione di queste professionalità derivi da una contiguità con l’attività già svolta in servizio. È evidente, infatti, che se ci fosse stato un condizionamento delle amministrazioni nella scelta delle forniture attraverso una persona di riferimento nella struttura pubblica si determinerebbe una situazione di conflitto che potrebbe aver determinato scelte distorte, effettuate nell’interesse non dello Stato ma dell’impresa. Per cui il successivo passaggio al privato, come dirigente o consulente, sarebbe il frutto di un non corretto esercizio di un ruolo istituzionale, che abbia assicurato vantaggi non dovuti all’impresa dal dipendente infedele. Ciò quando non si configurasse una vera e propria ipotesi delittuosa qualificabile come corruzione.

Ugualmente per i magistrati, i quali hanno svolto attività requirente o giudicante in una certa area geografica, sarebbe assolutamente inopportuno assumere un incarico di consulenza in favore di un’autorità politica o amministrativa i cui atti potrebbero essere stati oggetto di valutazione sotto il profilo della liceità/legittimità nella veste di pubblico ministero o di giudice. Situazione imbarazzante ove si trattasse, di un magistrato di una Procura della Repubblica al quale fossero state segnalate o denunciate irregolarità di un amministratore locale dal quale poi fosse chiamato a collaborare. Ma anche di un magistrato amministrativo che abbia deciso su questioni importanti di interesse per l’ente o per un appaltatore. Lo stesso può dirsi di chi ha svolto funzioni di revisore dei conti in rappresentanza di una pubblica amministrazione vigilante il quale andasse, all’indomani del collocamento a riposo, a fare il consulente presso l’ente già vigilato.

Naturalmente queste ipotesi possono essere solamente inopportune e non necessariamente illecite. L’utilizzazione dell’ex dirigente, dell’ex generale o dell’ex magistrato può avvenire senza che ci sia stata in passato alcuna sua complicità nei confronti dell’ente o dell’impresa con la quale, da pensionato, va a collaborare

La materia è molto delicata e attiene alla libertà di esercizio di una funzione professionale che non si può negare ad un dipendente pubblico a riposo, a meno che pretenda di svolgerla presso l’amministrazione appena lasciata. Ma questa ipotesi è stata disciplinata dalla legge e precisata da una circolare del Ministro Madia.

Le legittime aspettative dell’opinione pubblica alla chiarezza ed alla trasparenza, inducono ancora una volta a tornare alla storia, ad un esempio che sovente richiamo per essere espressione di un comportamento che indica straordinaria correttezza morale e istituzionale, quello del ministro delle finanze del 1862, Quintino Sella. Chiamato all’incarico governativo ed in vista del giuramento di fedeltà al Re, Sella, si rivolge al nonno, il patriarca della famiglia, per segnalargli l’esigenza inderogabile che, da quel giorno, le imprese di famiglia si sarebbero dovute ritirare dagli appalti pubblici. Siamo in un periodo storico che costituisce il nerbo morale e politico dell’Italia risorgimentale, quando nella costituzione del nuovo Stato si impegnano personalità della politica e della cultura di elevatissimi valori morali. Quell’Italia e quegli uomini e le idee che hanno portato avanti negli anni sono espressione della cultura liberale che è l’unico patrimonio politico del nostro Paese, sopravvissuto al Fascismo e che ha permeato la primissima fase della Repubblica, rapidamente scivolata verso Tangentopoli. Oggi quelle idee, quei comportamenti sembrano lontanissimi e fanno quasi sorridere. Mentre dilaga la corruzione, della quale, come ha detto Piercamillo Davigo, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, oggi non si vergogna più nessuno, il nostro Paese sembra aver perso ogni riferimento morale, il senso della dignità della funzione che altrove è richiesta inderogabilmente per chi esercita un ruolo pubblico. Anche la nostra Costituzione richiama l’esigenza di comportamenti virtuosi, quando afferma, all’articolo 54, che “i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempiere con disciplina ed onore”. Tuttavia la sensibilità dei partiti e dei cittadini non è certamente uguale a quella che si registra in alcuni paesi, in Germania, ad esempio, dove non molto tempo fa il ministro della difesa, astro nascente del partito di maggioranza, ha sentito il dovere di dimettersi perché gli era stato contestato di aver copiato qualche pagina della sua tesi di laurea una ventina di anni prima. Immagino che a quella notizia, enfatizzata dalla stampa internazionale, molti politici di casa nostra abbiano sorriso. Chissà quanto hanno copiato, a cominciare dai banchi di scuola, laddove si dovrebbe insegnare e imparare ad essere dei cittadini rispettosi delle leggi. O come il parlamentare inglese dimessosi per aver addebitato alla moglie una contravvenzione stradale che invece atteneva ad una sua infrazione.

Con Quintino Sella siamo lontani nel tempo, giusto 154 anni dall’unità d’Italia, con gli esempi tedesco ed inglese siamo ai giorni nostri, a dimostrazione del fatto che la moralità pubblica non ha tempo. Ma in casa nostra la politica sembra non saper selezionare i migliori, quanto a professionalità ed a rigore morale. Forse perché a scuola non si insegna a diventare italiani. Lo diceva già Massimo d’Azeglio all’indomani della proclamazione del Regno d’Italia: “pur troppo s'è fatta l'Italia, ma non si fanno gl'Italiani”. All’epoca poteva essere una constatazione prematura. Oggi è una realtà.

3 maggio 2016

Legalità e controlli

Come si favoriscono sprechi e corruzione

di Salvatore Sfrecola

Nicola Gratteri, Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, è stato perentorio. Intervenuto qualche sera fa ad Otto e Mezzo, la trasmissione de La7 condotta da Lilli Gruber, ha addebitato alla soppressione dei Co.Re.Co., i Comitati regionali di controllo sugli atti degli enti locali, avvenuta nel 2001, il dilagare della illegalità e degli sprechi di pubblico denaro. Infatti, in assenza di controlli è difficile individuare tempestivamente l’atto o la condotta fonte dell’illecito e del danno.

Previsti dalla legge 10 febbraio 1953, n. 62 (cosiddetta Legge Scelba) in attuazione dell’art. 130 della Costituzione, anche se hanno iniziato ad operare solo nel 1971, a seguito dell’attuazione dell’ordinamento regionale, i Comitati esercitavano un controllo preventivo di legittimità su tutte le deliberazioni dei consigli e delle giunte (art. 59) ai quali, all’epoca, era attribuita la competenza ad adottare la maggior parte degli atti amministrativi degli enti locali, così garantendo la legalità dell’azione amministrativa. Inoltre, quando rilevavano fatti i quali potevano costituire un pregiudizio finanziario o patrimoniale per l’ente, ne riferivano alla Corte dei conti. Alla quale, dalla loro soppressione, le denunce arrivano col contagocce (per non dire che sono pari a zero). Infatti, in presenza dei Co.Re.Co., sindaci e presidenti delle province non volevano correre il rischio di essere imputati di omissione di denuncia e quindi di essere coinvolti nella responsabilità amministrativa. Sapevano che il Comitato, individuata una ipotesi di danno erariale, lo avrebbe immediatamente denunciato. E si mettevano al riparo.

La legge 833/1978 (Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale) ha esteso i controlli dei Co.Re.Co. alle deliberazioni delle unità sanitarie locali (art. 49) e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (art. 42). Controlli poi soppressi dall’art. 4, comma 8, della legge 412/1991.

Nel frattempo la legge 142/1990 aveva ridotto gli atti sottoposti a controllo di legittimità, rendendolo obbligatorio solo per le deliberazioni riservate alla competenza dei Consigli (art. 45). Passano pochi anni e nel 1997 arriva un’altra sforbiciata: gli atti sottoposti a controllo sono ulteriormente ridotti dall’art. 17, comma 33, della legge 15 maggio 1997, n. 127 (cosiddetta legge Bassanini-bis), poi recepito dall’art. 126 del d.lgs 18 agosto 2000, n. 267 (T.U delle leggi sull’ordinamento degli enti locali), che lo limita a statuti, regolamenti di competenza del consiglio, bilanci e rendiconti. Insomma solamente ad atti generali, con esclusione, dunque, degli atti di gestione, laddove si annidano spreco e corruzione.

Non bastava ai fautori delle “mani libere” (nonostante non fosse poi tanto lontana l’esperienza di “mani pulite”). E così i controlli vengono aboliti per effetto dell’emanazione della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, di riforma del Titolo V della Costituzione e dell’abrogazione dell’art. 130 Cost. che ne aveva previsto l’istituzione. I Co.Re.Co. potevano essere mantenuti in vita, come era previsto, con funzioni consultive. Anche i pareri, evidentemente sono invisi. Mettono in evidenza errori ed omissioni. Così tutte le regioni hanno scelto di sopprimere i Comitati.

“Quello che nel bene e nel male era stato un sistema che aveva assicurato il buon funzionamento degli enti locali e l’oculato utilizzo delle risorse pubbliche – ha scritto l’Avv. Alfredo Lonoce www.studiolonoce.it - è apparso all’improvviso in contrasto con il sistema costituzionale delle autonomie locali”. Aggiungendo che “con l’attuazione del federalismo si è introdotto il concetto della "pari soggettività" o "pari dignità" costituzionale fra Stato, Regioni, Comuni, Province e Città Metropolitane, enti autonomi tutti costituenti l'organizzazione dei pubblici poteri, per cui l’assetto della repubblica non è più piramidale ma orizzontale. Secondo questa singolare visione di federalismo il controllo di legittimità sugli atti, esercitato da un organo che emana da un'altra amministrazione (statale o regionale), comporterebbe una subordinazione dell’ente destinatario del controllo. Eppure nel resto d’Europa, anche negli stati federali, esistono controlli successivi che riguardano la legittimità degli atti, la loro efficacia, economicità e la regolarità dei bilanci. In Spagna e Germania, caratterizzati da forti autonomie, i controlli sono su base regionale, mentre nella realtà anglosassone sono di competenza  dello stato centrale. Addirittura in Irlanda e Svizzera agli organi regionali di controllo sono conferiti veri e propri poteri giurisdizionali. Obiettivamente non crediamo che le regioni autonome spagnole o quelle tedesche si sentano subordinate o menomate nella loro autonomia per il fatto di essere soggette a controlli esterni. Ecco quindi che non viene minimamente lesa l'autonomia degli Enti locali ex art. 114 della Costituzione”.

È la conferma che la verifica della legittimità degli atti non è nel dna dei nostri politici che, a confronto dei colleghi di altri, importanti stati europei di antica tradizione amministrativa, appaiono disattenti rispetto ad elementari principi del buon andamento e della imparzialità dell’amministrazione, che è regola costituzionale (art. 97) espressione del principio di legalità troppo spesso trascurato.

2 maggio 2016

 

Berlusconi sceglie Marchini: per dare una mano a Giachetti e non farsi contare - di Salvatore Sfrecola

Berlusconi ricompatterà il Centrodestra partendo da Roma, in vista dell’Italicum? - di Senator

In un’intervista a La Repubblica. Renzi stempera la polemica con l’ANM che lui stesso aveva iniziato - di Salvatore Sfrecola

 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

 


© 2007 UnSognoItaliano.it